Jump to content

Recommended Posts

Non farei tragedie, alla fine sistemando la vettura Vettel o Leclerc per equiparare Hamilton devono vincere solo tre gare, per le restanti se più o meno fanno simile il mondiale può essere giocato. Io sinceramente aspetterei ancora un attimo con certi bilanci, però bisogna che scelgano in fretta se Binotto è Ds o Team principal perché entrambe le cose non le può fare, il buon Egon.

Share this post


Link to post
Share on other sites

42 minuti fa, AmanteMercedes ha scritto:

.... il buon Egon.

 Ma come ti è venuta in mente? :asd:

  • Love 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, KingOfSpa ha scritto:

Questa è classica visione da italiano della Ferrari. Al mondo se chiedi una vettura sportiva Ferrari non è sempre il primo nome.  Anche se va detto che ormai che conoscenze stradali servono a nulla per essere al top in formula1    

Poi considera che contro hai un colosso che risponde al nome di Mercedes che certamente anche prima di arrivare come team ufficiale non doveva dimostrare a nessuno le proprie potenzialità. Ricordandoci che di fatto in f1 é da tantissimi anni. ( all’apice del suo rapporto con McLaren era da considerare quasi un team ufficiale)

Non è un post che arriva dalla pancia di un fan boy Ferrari o di un leone da tastiera. Ho sempre premesso che di questo sport non sono un esperto ma cerco sempre di ragionare più da  "azienda". Quello che dico è che un brand come Ferrari non può per dieci anni non riuscire a stare al passo con le altre anche se cambiano le regole del gioco. A mio avviso se in dieci anni non siamo riusciti ad avere una macchina competitiva credo che il problema parta da monte e non dall'Arrivabene, Binotto o Vettel di turno. 

Mercedes è stata più brava, ha lavorato di più e bisogna solo applaudire, ma le loro vittorie arrivano dall'alto; quindi ed era questa la mia domanda, dove abbiamo sbagliato? e come potremmo riprenderci? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Lo ha detto Binotto, probabilmente il concetto di auto é sbagliato. Troppo sbilanciato verso il drag reduction, e poco carico all'anteriore. L'esatto opposto della sf70 che aveva segnato la svolta. Quest'anno ci si é spinti troppo oltre evidentemente

Edited by wastegate

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, wastegate ha scritto:

Lo ha detto Binotto, probabilmente il concetto di auto é sbagliato. Troppo sbilanciato verso il drag reduction, e poco carico all'anteriore. L'esatto opposto della sf70 che aveva segnato la svolta. Quest'anno ci si é spinti troppo oltre evidentemente

Sin dall'inizio si era parlato di una macchina "fuori categoria". Evidentemente al momento non riusciamo a capirla 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Kingsman ha scritto:

Non è un post che arriva dalla pancia di un fan boy Ferrari o di un leone da tastiera. Ho sempre premesso che di questo sport non sono un esperto ma cerco sempre di ragionare più da  "azienda". Quello che dico è che un brand come Ferrari non può per dieci anni non riuscire a stare al passo con le altre anche se cambiano le regole del gioco. A mio avviso se in dieci anni non siamo riusciti ad avere una macchina competitiva credo che il problema parta da monte e non dall'Arrivabene, Binotto o Vettel di turno. 

Mercedes è stata più brava, ha lavorato di più e bisogna solo applaudire, ma le loro vittorie arrivano dall'alto; quindi ed era questa la mia domanda, dove abbiamo sbagliato? e come potremmo riprenderci? 

I vertici sono cambiati tante volte. 

Inoltre non siamo ancora nel periodo più lungo di assistenza dal mondiale della Ferrari nella sua storia. 

 

Da Mercedes se dovessi rubare un  dipendete questo non sarebbe Hamilton, ma Toto Wolf. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Toto Wolff non è un tecnico, è un manager. Alla Ferrari servono tecnici di livello (e ultimamente i tecnici Ferrari hanno dimostrato di non essere all'altezza di quelli Mercedes) e piloti che sbaglano poco o niente (e Vettel, che in teoria doveva essere l'erede di Schumacher, inanella errori a ripetizione).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dall'era ibrida questo discorso vale un po' per tutti. L'unica vera occasione è stata l'anno scorso ma è mancato clamorosamente Vettel. Bisogna vedere cosa cambia nel 2021, se sarà una rivoluzione o solo aggiustamenti di facciata.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attenzione che non è stato solo Vettel a mancare l'anno scorso. È vero, ha compiuto errori a ripetizione, ma l'unico davvero ingiustificato è stato quello al Paul Ricard, oddio forse anche Baku. Gli altri, probabilmente, li ha commessi per cercare di recuperare una situazione velocistica che, dopo Monza, vedeva la Ferrari di nuovo dietro alla Mercedes. Come la spiattellata di ieri in partenza.
Con questo non voglio giustificarlo, ma neanche mi sembra giusto imputare tutto a lui.

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, Scarlett ha scritto:

Bisogna vedere cosa cambia nel 2021, se sarà una rivoluzione o solo aggiustamenti di facciata.

E soprattutto quanto i team vogliono cambiare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembra che state parlando della Ferrari come se fosse una squadra totalmente allo sbando, con risultati negativi. Forse le dichiarazioni roboanti pre-stagionali hanno creato una miriade di aspettative, ma al momento, la scuderia è la seconda forza del campionato (anche a dispetto del mancato podio di ieri). Cosa dovrebbero dire i tifosi di altre scuderie che sono realmente dietro?

In queste analisi mi sembra manchi il giusto riconoscimento alla Mercedes.

Share this post


Link to post
Share on other sites
49 minuti fa, Carlomm73 ha scritto:

Mi sembra che state parlando della Ferrari come se fosse una squadra totalmente allo sbando, con risultati negativi. Forse le dichiarazioni roboanti pre-stagionali hanno creato una miriade di aspettative, ma al momento, la scuderia è la seconda forza del campionato (anche a dispetto del mancato podio di ieri). Cosa dovrebbero dire i tifosi di altre scuderie che sono realmente dietro?

In queste analisi mi sembra manchi il giusto riconoscimento alla Mercedes.

I meriti della Mercedes nessuno li mette in dubbio, ma non è un team esente da errori. Nel 2017 e nel 2018 penso che il mondiale sia stato tranquillamente alla portata della Ferrari nonostante un mezzo globalmente inferiore e in quelle due annate è stato Vettel a venire meno nei momenti decisivi.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lui si e' divertito...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Osrevinu ha scritto:

Toto Wolff non è un tecnico, è un manager. Alla Ferrari servono tecnici di livello (e ultimamente i tecnici Ferrari hanno dimostrato di non essere all'altezza di quelli Mercedes) e piloti che sbaglano poco o niente (e Vettel, che in teoria doveva essere l'erede di Schumacher, inanella errori a ripetizione).

Pienamente d'accordo, scaglio una lancia in favore di Vettel però: il pilota è nervoso e fa errori anche perché non ha una macchina competitiva. Se Hamilton avesse in mano la Ferrari non ci giurerei , con il carattere che ha l'inglese, che non sia incline ad errori.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Domanda... Cosa farebbe Mercedes con team principal Aldo Costa o Allison?

Secondo me ogni figura si deve occupare di un'area di sua competenza... É illogico passare dal gruppo di lavoro orizzontale all'accertamento nel giro di meno di un anno.

A meno che Ferrari stia lavorando su concetti ostici (come l'ala anteriore diversa) che quando esploderanno daranno un vantaggio clamoroso ... E la totale autoreferenzialità un enorme bonus ... Cosa che peraltro sospetto vedendo come sono calmi .. 

Edited by AmanteMercedes
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, Kingsman ha scritto:

Pienamente d'accordo, scaglio una lancia in favore di Vettel però: il pilota è nervoso e fa errori anche perché non ha una macchina competitiva. Se Hamilton avesse in mano la Ferrari non ci giurerei , con il carattere che ha l'inglese, che non sia incline ad errori.  

Ahia... :look:

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, Kingsman ha scritto:

Pienamente d'accordo, scaglio una lancia in favore di Vettel però: il pilota è nervoso e fa errori anche perché non ha una macchina competitiva. Se Hamilton avesse in mano la Ferrari non ci giurerei , con il carattere che ha l'inglese, che non sia incline ad errori.  

Hamilton ha già avuto la sua "Ferrari": erano le McLaren del periodo 2007-2012, pari o leggermente inferiori a chi vinceva i mondiali allora ma, al tempo stesso, molto meno affidabili di un Ferrari. Hamilton ha imparato a gestire e accontentarsi quando serve per puntare al mondiale, ed a guidare al limite perchè il mezzo non è dominante proprio in quel periodo.

Vettel,  prima dei mondiali con la RB dominante, è stato solo in TR, dove qualunque cosa facesse era un fenomeno, dato che non si giocava nulla. E' la prima volta che si trova a lottare con un mezzi pari o di poco inferiore per un mondiale.

 

PS: mi fa impressione di come si parla di Ferrari, come se fossimo di fronte ad una debacle assoluta. Si tratta comunque di un team che, mal che vada, a fine anno è sempre 2*in campionato e porta a casa anche vittorie. Non oso immaginare cosa accadrebbe con una stagione veramente disastrosa. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fai 2010/2012, che a leggere McLaren 2008 meno affidabile della Ferrari 2008 mi sale il Ramsay Bolton. :asd:

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Osrevinu ha scritto:

I meriti della Mercedes nessuno li mette in dubbio, ma non è un team esente da errori. Nel 2017 e nel 2018 penso che il mondiale sia stato tranquillamente alla portata della Ferrari nonostante un mezzo globalmente inferiore e in quelle due annate è stato Vettel a venire meno nei momenti decisivi.

 

Per certi versi si ed è innegabile. Mi vengono in mente soprattutto 3 episodi: la partenza di Singapore nel 2017, il lungo di Vettel a Hockenheim e la partenza di Monza nel 2018. Ma è innegabile pure che la Mercedes sia stata ben più "affilata" nello sviluppo, in entrambe le stagioni, e quindi al pari degli errori avversari, bisogna mettere il punto anche sui meriti della Mercedes e, ovviamente, del suo pilota di punta. Nel 2017 la carambola di Singapore ha avuto il suo peso specifico, ma nel complesso sarebbe stato comunque difficile tenere il passo della Mercedes e di Hamilton nelle ultime gare. Non si sa cosa sarebbe successo se le due Ferrari fossero sfilate alla prima curva di Singapore invece di toccarsi, ma resta il fatto che la mia impressione era di una Mercedes con un abbrivio superiore. Singapore è stata davvero l'ultima corsa in cui la Ferrari sembrava superiore. Poteva forse esserlo ancora in Malesia, ma nelle ultime 5 gare non ci sarebbe stata storia comunque. Forse la Ferrari poteva giocarsela fino all'ultima gara, e non perdere matematicamente in Messico. Ma la Mercedes era comunque avanti e sono convinto che avrebbe vinto lo stesso... 

Idem nel 2018. La Mercedes nella seconda parte di stagione è parsa più in forma. La Ferrari ha vinto a Spa e ha fatto prima fila a Monza. Poteva forse giocarsela meglio senza l'errore di Vettel in Germania e con una partenza più accorta a Monza. Ma anche lo scorso anno l'impressione generale era di una macchina che, nel finale di stagione, era complessivamente superiore e non di poco. Hamilton e la Mercedes avrebbero vinto comunque.

Vettel e la Ferrari hanno commesso degli errori, ma più che focalizzarsi su quelli sarebbe meglio dare i meriti ad Hamilton e, soprattutto, alla Mercedes che durante l'hanno ha trasformato una monoposto nata con qualche problema in una macchina da guerra che, grazie anche alla classe di Hamilton, è diventata praticamente imbattibile...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, Nameless Hero ha scritto:

Fai 2010/2012, che a leggere McLaren 2008 meno affidabile della Ferrari 2008 mi sale il Ramsay Bolton. :asd:

Ammetto che al momento il caso specifico affidabilità 2008 non me lo ricordo, a parte la clamorosa rottura di Massa in Ungheria (ma a Lewis si bucò la gomma).

Però, dal 2007 al 2012 penso si possa con sicurezza affermare che la Ferrari è stata mediamente molto, ma molto più affidabile di McLaren.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Volevo dire due cose sul discorso cambio regolamentare. La Mercedes ha azzeccato la power unit nel 2014, però sotto questo punto di vista il vantaggio rispetto la Ferrari lo ha perso. Dal punto di vista aerodinamico c’è stata una rivoluzione nel 2017 e un aggiustamento quest’anno. La Ferrari si è dimostrata poco abile a capire le nuove regole però si è dimostrata capace di recuperare anche se non del tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Kingsman ha scritto:

Pienamente d'accordo, scaglio una lancia in favore di Vettel però: il pilota è nervoso e fa errori anche perché non ha una macchina competitiva. Se Hamilton avesse in mano la Ferrari non ci giurerei , con il carattere che ha l'inglese, che non sia incline ad errori.  

La controprova ovviamente non ce l'avremo mai, ma a sentire Briatore (e mi pare che a un certo punto lo disse pure Turrini in una puntata di Race Anatomy), Hamilton avrebbe vinto il titolo con quella Ferrari, non ricordo se era l'anno scorso o se parlavano del 2017.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Osrevinu ha scritto:

La controprova ovviamente non ce l'avremo mai, ma a sentire Briatore (e mi pare che a un certo punto lo disse pure Turrini in una puntata di Race Anatomy), Hamilton avrebbe vinto il titolo con quella Ferrari, non ricordo se era l'anno scorso o se parlavano del 2017.

L'anno scorso secondo me si LH avrebbe vinto il mondiale ma con i se e con i ma andiamo poco avanti. :D

Share this post


Link to post
Share on other sites



×