Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Davide Hill

Appassionati
  • Posts

    3813
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    73

Davide Hill last won the day on June 26

Davide Hill had the most liked content!

4 Followers

Informazioni di Profilo

  • From
    Civitavecchia
  • Following F1 since
    1988
  • Driver
    Vettel
  • Former Driver
    Mansell - Hill
  • Team
    Toro Rosso - Williams
  • Track
    Silverstone
  • Best Race
    Monza 2008

Recent Profile Visitors

5329 profile views

Davide Hill's Achievements

Rookie

Rookie (2/14)

  • Very Popular Rare
  • Reacting Well Rare
  • Dedicated Rare
  • First Post Rare
  • Collaborator Rare

Recent Badges

11.2k

Reputation

  1. A parte che i veri "conti sulla benzina" vanno ancora stabiliti con certezza, ma poi, anche nell'eventualità di conti sbagliati, dubito che il social media manager dell'Aston Martin si occupi della quantità di carburante da mettere dentro le AMR21. Lui ha eseguito il suo lavoro (come detto mettendo i coglioni in testa al suo "collega" della Ferrari) facendo semplicemente notare che quel "second place finisher" ha un nome, tra l'altro lo stesso che era in bella vista su una delle due rosse appena qualche mese fa...
  2. Nella risposta, il social media manager dell'Aston Martin ha delicatamente tirato fuori i testicoli e li ha appoggiati in testa a quello della Ferrari...
  3. Mi rodeva il culo perché questa era una grande occasione per Vettel. Sinceramente pensavo che, prima o poi, sarebbe riuscito a passare Ocon. Ma il francese è stato perfetto per tutta la gara e sorpassare non era facile nemmeno col DRS. Comunque vittoria strameritata per Ocon, da dividere in parti uguali con Alonso perché senza la sua divina difesa che ha tenuto a bada Hamilton per qualche giro, Lewis penso avrebbe raggiunto e sorpassato facilmente i due davanti. Diciamo che questa squalifica (che a rigor di regolamento ci sta, il carburante minimo deve essere quello punto e basta. E se non riescono a dimostrare che l'ammanco è dipeso da altro - e onestamente non so proprio come potrebbero - direi che in appello non avranno comunque chance) mitiga un po' la rosura di culo. Un'eventuale vittoria cancellata per squalifica sarebbe stata una mazzata, quindi meglio così. A livello di risultato e punti, per l'Aston Martin una mazzata la è comunque, ma perdere una vittoria è tutt'altra cosa. Meglio così... Direi che il deluso di giornata è proprio Hamilton. OK, la squalifica di Vettel lo ricolloca al secondo posto ottenendo punti pesantissimi e quindi ha di che sorridere, considerando che ha di nuovo ribaltato il campionato a suo favore. Ma la maniera con la quale il team Mercedes ha incredibilmente perso un GP dove probabilmente avrebbe dato un giro a tutti, è abbastanza clamorosa... In ogni caso, pur nell'errore strategico del team, ad Hamilton è filato tutto liscio. Molto fortunato... Deluso sicuramente anche Verstappen che nell'arco di due gare si è visto evaporare tutto il vantaggio faticosamente accumulato. Adesso è sotto, e riprendere la testa della classifica sarà dura. Stavolta completamente incolpevole, ha chiuso una gara a punti ma senza mezza macchina. Non sarà facile, di qui in avanti. L'inerzia pare cambiata, staremo a vedere...
  4. Felicissimo di aver rivisto in pista quella meraviglia di 191, e senza dubbio per Mick Schumacher deve essere stata una grande esperienza. Molti giornali hanno scritto <ecco Mick sulla macchina del padre>. Tecnicamente, però, quella è la macchina che fu di Andrea De Cesaris...
  5. Guarda, posso dirti in assoluta tranquillità che se Verstappen ha avuto una difesa un filino troppo eccessiva, Leclerc a mio avviso è stato troppo morbido. Ok, le situazioni erano differenti e a Leclerc non conveniva nemmeno rischiare un contatto e perdere un podio che per la Ferrari era oro, e diciamo che ha fatto benissimo a non cercare oltremodo una strenua resistenza. Ma, specialmente nella seconda parte della manovra, quando Hamilton entra all'interno, Leclerc praticamente non si oppone. Ed è questa la grande differenza con l'apisodio di Verstappen che, chiaramente, ha cercato una difesa aggressiva fin dall'uscita della Woodcote (Woodcock era il giudice di Vallettopoli... ) ma all'ingresso della Copse Red Bull e Ferrari erano, da qualsiasi punto la si voglia guardare, più o meno nella stessa posizione. Quella che cambia è la posizione di Hamilton che, anche in virtù dell'approccio difensivo di Verstappen, doveva tenerne conto durante la manovra di attacco. Verstappen l'ha chiuso prima verso il muro, poi si è allargato ed è tornato verso il punto di corda, ma Hamilton ha voluto comunque forzare il passaggio. Ci stava, a quel punto della gara, perché o lo passavi subito o poi sarebbe stata dura. Gli è andata di gran lusso perché ha ottenuto il massimo risultato possibile (avversario a muro, lui penalizzato ma comunque vincitore). Ma la cosa poteva chiudersi tranquillamente con la Mercedes a fare compagnia alla Red Bull contro le barriere. E oggi Hamilton sarebbe stato messo in croce praticamente da tutti. Questione di fortuna e qualche centimetro, per l'appunto. Il famoso centimetro di Al Pacino in "Ogni Maledetta Domenica", quello che fa la differenza tra la vittoria e la disfatta...
  6. E' quello che ho detto e che intendevo. Molto spesso contatti simili si concludono con uno strabismo fatale alle ruote anteriori, e alla Roggia si era a velocità decisamente inferiore rispetto alla Copse. Diciamo che delle volte la fortuna, o la fisica dell'impatto, aiuta. Aiutò Vettel quando venne centrato in pieno da Bruno Senna a Interlagos e ha aiutato Hamilton ad uscire indenne da un contatto che 9 volte su 10 implica l'eliminazione di entrambi i contendenti....
  7. Comunque c'è gente che sta facendo paragoni che definire improbabili è fargli un complimento. E' partito Vanzini ieri, con un paragone con Suzuka che già solo a pensarlo meriterebbe che gli togliessero il microfono per sempre (se non altro perché, a prescindere dalla dinamica, dietro il crash di Suzuka '90 c'è un universo intero di fattori che vanno ben oltre la pista). Poi oggi hanno proseguito altri citandomi addirittura Adelaide '94 o, in certi casi, tirando in ballo persino Jerez '97. Cioè, episodi presi a casaccio. Qui siamo a livello dei meme sulle somiglianze incredibili di Damiano dei Maneskin...
  8. Ha giocato l'all in, ma t'immagini le critiche che avrebbe ricevuto se fosse andato a schiantarsi assieme a Verstappen nelle barriere alla Copse? Quando parlo di Caporetto, io mi riferisco a quello. Poi ovvio, perso per perso meglio provarci e io, a prescindere dalle valutazioni di sorta sull'incidente, ho comunque apprezzato il fatto che piuttosto che restare dietro e abdicare passivamente, abbia comunque voluto far valere il suo status di 7 volte Campione del Mondo andando a sfidare il suo rivale su un terreno, quello dell'aggressività estrema, che forse è l'unico elemento dove Verstappen gli è davvero superiore... Alla fine gli è andata bene, e tanto di cappello per questo. Ma, come ho detto, spesso il confine tra eroe e pirla è talmente sottile che bastano pochi centimetri (alcune volte, addirittura millimetri) per ritrovarti dalla gloria alla merda.... Quanto ai due episodi, onestamente da quel che ho visto a me pare che Verstappen e Leclerc fossero, più o meno, entrambi nello stesso punto della pista. La vera differenza (oltre ad una difesa meno estrema da parte di Leclerc) la fa la posizione di Hamlton, decisamente molto più in corda a due giri dalla fine rispetto al primo giro. Il che ha permesso di chiudere la manovra in modo molto più pulito (per quanto, come detto, Leclerc si sia dovuto allargare molto, in uscita, per evitare l'incrocio pericoloso. Cosa che non ha fatto Verstappen, che ha optato per una difesa più estrema) e probabilmente, se fosse accaduta la stessa cosa anche al primo giro, sarebbe forse riuscito ad infilarsi comunque ma senza colpire l'avversario.
  9. Più che a parti invertite, sarebbe stato interessante leggere i pareri in caso incidente identico ma con ritiro anche di Hamilton (ipotesi tutt'altro che remota... A quella velocità, tale da aver fatto stallonare la gomma di Verstappen, molto spesso come minimo parte il tirante dello sterzo trasformando le gomme anteriori negli occhi di Marotta). Per chi è superpartes, sarebbe certamente stato molto divertente... Diciamo che ad Hamilton è andata di gran lusso. Ha tentato il tutto e per tutto e gli ha detto bene. Il confine tra genio e coglione molto spesso è questione di pochi cm. Per lui poteva trasformarsi in una vera Caporetto, la gara di ieri, se le cose fossero andate come spesso vanno in situazioni simili. Invece è rimasto in pista, si è preso una penalità tutto sommato limitata e alla fine ha pure vinto la gara, superando un altro avversario con una manovra simile ma certamente più pulita (Hamilton con Leclerc era molto più all'interno e molto più in corda, e nonostante questo il pilota della Ferrari ha comunque dovuto allargare molto, finendo in via di fuga, per non incrociare la traiettoria con la Mercedes e riproporre la ripetizione di quanto successo al primo giro) e recuperando moltissimi punti... Comunque, è andata come è andata. Ma se conosco un po' i miei polli, nel finale di stagione mi aspetto di vederne davvero delle belle...
  10. Questo è il risultato finale di anni e anni di politica in cui l'unico obiettivo era venire incontro a tutti i costi alle esigenze dello stramaledetto e dannatissimo spettatore occasionale demmerda. Quello che non capisce un cazzo di motorsport, si rompe i coglioni a vedere un'ora e mezza/due di gara e vuole vedere i ZorPhazSZSIIIiii!!!111 in ogni fottuta curva di ogni fottuto giro. Risultato? Di occasionali manco l'ombra o quasi, perché tanto si rompono i coglioni lo stesso. E, al contempo, hanno perso per strada parecchi "puristi". Un successone, direi...
  11. Come dissi tempo addietro, la sua relazione con Nina Moric deve avergli trasmesso, per osmosi, un bel po' di silicone nel cervello...
  12. Bene. Riuscire a far rimpiangere le qualifiche a tempo di Melbourne 2016 sembrava impresa impossibile, e invece ci sono riusciti...
  13. Per l'appunto. Ecco il motivo più che valido per destinare un po' di risorse in più in questo campionato che non doveva esistere (ma che esiste) e cercare di vincerlo. Ben consapevoli che riuscire a farlo nei prossimi anni, soprattutto a causa dell'addio Honda e della costruzione in proprio di una power unit che non è proprio una passeggiatina di salute, potrebbe essere assai complesso. Inutile tirar fuori subito un aereo di vettura per i nuovi regolamenti (ma che magari già c'è, questo non possiamo certo escluderlo... suppongo che dall'avvento del covid, che ha scombussolato le carte in tavola, il progetto della vettura per il nuovo regolamento fosse già stato abbondantemente avviato) e poi metterci dentro un motore autoprodotto ancora in via di sviluppo. Meglio vincere questo campionato piovuto dal cielo, interrompere (momentaneamente) l'imbattibilità "ibrida" Mercedes, piazzare il numero 1 (che mi auguro di tutto cuore... Se vince il titolo, non voglio scherzi da Verstappen...) sul muso il prossimo anno e, ultimo ma non meno importante, saziare almeno temporaneamente la fame del proprio pilota di punta. Cme già più volte ripetuto, non ci vedo nulla di sbagliato nella scelta Red Bull di fare all in per quanto riguarda questa stagione. Poi può anche darsi che alla Mercedes fossero troppo convinti che l'enorme vantaggio di cui disponevano nel 2020 fosse più che sufficiente anche per portare a casa nuovamente il titolo, e magari non hanno curato troppo l'evoluzione della vettura per questa stagione. Ci credo poco, non sono fessi, ma può anche darsi. O, quantomeno, questo può essersi andato a sommare alla scelta Red Bull, portando complessivamente (e per il momento) ad un ribaltamento dei valori in campo...
  14. <still all clear behind> Questa la comunicazione dell'ingegnere a Vettel, pochi attimi prima che Alonso comparisse da dietro curva 9. E i piloti in quelle situazioni si affidano completamente a quello che gli dicono dal muretto. Vettel andava a passeggio esattamente come ci andavano i 7 davanti a lui, Bottas in primis che è colui che si è leteralmente piantato immezzo alla pista e ha causato tutto il pastrocchio. O si fermava totalmente (e magari se gli avessero detto che arrivava Alonso, magari l'avrebbe pure fatto) o, visto che gli hanno detto che da dietro non c'erano problemi, ha impostato velocità e traiettoria per fare il giro. Poi è arrivato Alonso, ma ormai i giochi erano fatti Alla fine la penalità ci sta tutta, perché un altro pilota ha subito un danno e il muretto Aston Martin ha la piena responsabilità di aver dato a Vettel comunicazioni sbagliate. Ma appioppare la sola esponsabilità a Vettel mi sembra un tantino esagerato. Lotus, ostinarsi a portare avanti la propria tesi basata sul nulla (anche postando un inutile screeshot di curva 10 quando ormai l'episodio si era abbondantemente sviluppato) non porta a niente...
×
×
  • Create New...