Jump to content
Advertisement
GLI ULTIMI ARTICOLI
Advertisement

Radio Paddock 2017


Ferrari F1
 Share

Recommended Posts

12 minutes ago, giovanesaggio said:

Mi chiedo seriamente come mai nessuno si sia accorto di un errore così grossolano... É come per il serbatoio dell'olio, son veramente allo sbando:rolleyes: 

Direi che i problemi di comunicazione sono evidentissimi :asd: 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, sundance76 ha scritto:

Autosprint n.11 è doppio.

Innanzitutto c'è la tradizionale guida al Campionato Mondiale di F.1, con i testi dedicati a tutti i piloti dell'imminente Mondiale F1 scritti dal nostro Boss @alessandrosecchi, come ben sapete (vero?). E questo sarebbe già il motivo del tutto sufficiente per non mancare in edicola.

Ma in certo senso AS è triplo, visto che, a parte, è in vendita anche un sensazione fascicolo per i 70 anni della Ferrari di ben 130 pagine.

Ma vado con ordine.
Sull'AS "normale" ci sono i consueti resoconti di gara (Indy, Mondiale Rally, GT), ma anche altro:

- il punto su macchine, squadre e piloti dopo la fine dei test
- intervista a Riccardo Patrese di Beppe Donazzan                                                                                                                                               - intervista a Luca di Montezemolo di Andrea Cordovani
- ricordo di Big John Surtees (ben 6 pagine) di Mario Donnini, coi retroscena del divorzio da Ferrari e testimonianze dirette del pilota
- Cuore da Corsa dedicato alle "pinne" aerodinamiche dagli anni '20 a oggi
- auto di serie: il ritorno dell'Alpine A110

Il fascicolo speciale su Ferrari e il 70° della fabbrica è spettacolare:

- tutti gli articoli scritti da Enzo Ferrari nella rubrica "il Tunnel" negli anni '60
- interviste a Lauda, Audetto, Merzario, Montezemolo, Forghieri, e poi interventi pieni di aneddoti degli ex direttori di AS Gianni Cancellieri, Carlo Cavicchi, Italo Cucci, e la testimonianza dell'ultimo autista del Drake, Dino Tagliazucchi, recentemente scomparso.

hvq8eo.jpg

Vediamo se almeno oggi mi arriva :asd:

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, sundance76 ha scritto:

Stefano Modena, nel 1994 dopo la doppia tragedia di Ratzenberger e Senna, era forse un po' troppo ottimista sulla "competenza" del pubblico: "Scusate, ma se le macchine vanno più piano, la gente se ne accorge? No, perché il pubblico non guarda la velocità. Ho sentito molte sciocchezze in questi giorni contro le corse, quasi un attacco filosofico. L' automobilismo non è velocità, è il dominio che io pilota so realizzare sul mezzo, l' automobilismo è la curva nella quale brilla la mia capacità di dominare il sistema macchina-strada, di guadagnare tempo. Conta la tecnica di guida. La gente lo sa, il nostro pubblico è competente". (Da "Repubblica" del 9 maggio '94)

E  su Autosprint di questa settimana, Riccardo Patrese dichiara:

"Diciamo la verità: le monoposto oggi hanno impianti frenanti così evoluti e potenti che permettono staccate in spazi brevissimi, con il risultato di rendere i sorpassi praticamente impossibili. Una volta a 300 km all'ora ti fermavi in 200 metri e in quello spazio il sorpasso ci stava. Adesso tutto è ridotto a qualche decina di metri e tentare di superare è vicino allo zero. Per lo spettatore il sorpasso è il gesto che vale il biglietto d'ingresso pagato. Fateci caso: negli ultimi tempi i sorpassi, la gran parte, sono avvenuti in rettilineo perché l'ala mobile dava il vantaggio, ed è successo anche che il pilota rimandasse il tentativo alla "finestra" che si apriva nei pit-stop. Per chi guarda questo non è un vero sorpasso. E' solo un cambio di posizione".

[Per completezza metto anche i tipici punti di vista contrari: "Che noia 'sto Patrese; vorrei vederlo in macchina; inutile criticare; la F1 è la categoria regina; l'importante è la velocità; se un missile aeronautico è più veloce allora quella è la F1 che vogliamo; se non gli piace perché guarda le gare; se vuole vedere automobili guardasse le gare-turismo; è sempre stato così; la F1 dove guidava lui era noiosa"].

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, sundance76 ha scritto:

Autosprint n.11 è doppio.

Innanzitutto c'è la tradizionale guida al Campionato Mondiale di F.1, con i testi dedicati a tutti i piloti dell'imminente Mondiale F1 scritti dal nostro Boss @alessandrosecchi, come ben sapete (vero?). E questo sarebbe già il motivo del tutto sufficiente per non mancare in edicola.

Ma in certo senso AS è triplo, visto che, a parte, è in vendita anche un sensazione fascicolo per i 70 anni della Ferrari di ben 130 pagine.

Ma vado con ordine.
Sull'AS "normale" ci sono i consueti resoconti di gara (Indy, Mondiale Rally, GT), ma anche altro:

- il punto su macchine, squadre e piloti dopo la fine dei test
- intervista a Riccardo Patrese di Beppe Donazzan                                                                                                                                               - intervista a Luca di Montezemolo di Andrea Cordovani
- ricordo di Big John Surtees (ben 6 pagine) di Mario Donnini, coi retroscena del divorzio da Ferrari e testimonianze dirette del pilota
- Cuore da Corsa dedicato alle "pinne" aerodinamiche dagli anni '20 a oggi
- auto di serie: il ritorno dell'Alpine A110

Il fascicolo speciale su Ferrari e il 70° della fabbrica è spettacolare:

- tutti gli articoli scritti da Enzo Ferrari nella rubrica "il Tunnel" negli anni '60
- interviste a Lauda, Audetto, Merzario, Montezemolo, Forghieri, e poi interventi pieni di aneddoti degli ex direttori di AS Gianni Cancellieri, Carlo Cavicchi, Italo Cucci, e la testimonianza dell'ultimo autista del Drake, Dino Tagliazucchi, recentemente scomparso.

hvq8eo.jpg

Erano circa 10 anni che non lo compravo. Complimenti per la presentazione, ottima pubblicità e...-uscito ora da edicola-un lettore in più!

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites

riguardo autosprint, di solito lo speciale sulla stagione entrante lo davano la settimana del primo gp. per fortuna che ho letto qui!!!!

e oggi ho girato 3 edicole ( considerando anche che le 2 abituali negli ultimi mesi hanno abbassato la serranda),  prima di trovare una copia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, TexasTerror ha scritto:

Ma non si era fatto il discorso che da clienti non si vince neanche a piangere? :asd: 

Credo che, nel caso, sia una soluzione assolutamente provvisoria. Se davvero si dovesse realizzare, con il conseguente ritiro di Honda, il 2017 diverrebbe un anno decisivo per il futuro di McLaren in Formula 1. Dovrebbero trovare un nuovo motorista, cosa molto difficile, o addirittura sviluppare un motore proprio. Non vedo la McLaren a proseguire da cliente per più di un anno.

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...