Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

The F1 countdown


Recommended Posts

Ovviamente non valeva certo le McLaren, però non valevano neanche poco quanto mostrano le classifiche (a parte casi come il 1986 dove era pure lenta).

Beh, quelle del '92 e '93 forse valevano anche meno di quanto mostrano le classifiche...

Link to post
Share on other sites
  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Perdonatemi se è già  stata postata...non mi pare   IL GP Monaco 1966 segna il debutto di Bruce McLaren come costruttore, con la M2B     Decimo in qualifica, in gara si ritirerà  presto per una

The F1 countdown - Speciale Jacquot 1976, Ligier JS5-Matra (regolamento 1975), 3 GP Interlagos 1976, Ligier JS5-Matra (nuovo regolamento), 13 GP Montecarlo

Niki Lauda, Ferrari, GP Germania 1976     Sembrava fatta ormai per il secondo titolo mondiale di fila... e invece..

Posted Images

Altre 2 gare, una per anno, di Mister28, per completare la sua personalissima raccolta di campionati corsi con quel numero

ferrari20f93a20202.jpg

GP Monaco 1993 - Gerhard Berger - Ferrari F93A - Scuderia Ferrari - Qualificatosi in 7^ posizione, a 1.837" da Prost (102.280%) e a meno di mezzo secondo da Alesi, quinto, Berger parte bene al via, riuscendo a guadagnare una posizione su Michael Andretti, partito malissimo (cit. Schittone :asd: ), e al 12° giro sale al quinto posto, grazie allo stop&go di Prost, e ai suoi problemi nella ripartenza. Berger tallona da vicino Alesi, che a sua volta riesce ad avvicinarsi a Damon Hill, salvo poi perdere 6-7 secondi nel doppiaggio di Zanardi (memorabili le urla di De Adamich :zizi: ). Berger effettua il cambio gomme senza perdere posizioni, grazie al vantaggio accumulato su Patrese, e con le gomme nuove ricomincia ad avvicinarsi ad Alesi; nel frattempo si ritira Schumacher. Al 64° giro Berger riesce a passare Alesi, ormai in crisi di gomme, e si mette alla caccia di Damon Hill. Al 71° giro il patatrac: in un disperato tentativo d'attacco a Hill al tornante del Loews, Berger si tocca con l'inglese, piega la sospensione anteriore destra ed è costretto al ritiro; l'inglese riuscirà  invece a ripartire e a mantenere la seconda posizione, davanti ad Alesi (che nel frattempo aveva cambiato le gomme). Davanti a loro vince Senna, per la sesta e ultima volta a Montecarlo, con quasi un minuto di vantaggio su Hill

Link to post
Share on other sites

Che brutto quel dì a Monza...

tumblrm3swrwbauh1rod8is.jpg

GP Italia 1995 - Gerhard Berger - Ferrari 412T2 - Scuderia Ferrari - Berger parte in seconda fila, dietro a Coulthard e Schumacher, con un distacco di 9 decimi dallo scozzese, e davanti a Hill e Alesi. Al secondo via (la prima partenza era stata abortita) Gerhard riesce a portarsi in seconda posizione, alle spalle di Coulthard, scavalcando Schumacher; al 14° giro riesce addirittura a portarsi al comando, in seguito al secondo testacoda della giornata di Coulthard, mentre dietro a sè ha Schumacher, Hill e Alesi. Al 24° giro il tedesco e l'inglese si toccano, eliminandosi a vicenda, e il giro successivo Berger rientra ai box per il rifornimento, con 7 secondi di vantaggio su Alesi. Nel giro di uscita, però, l'austriaco è molto lento, sia per via delle gomme nuove che per il notevole carico di benzina a bordo, e viene passato da Irvine e da Blundell; al 26° giro si ferma anche Alesi, che grazie ad una sosta più rapida (13 secondi contro 15) e al tempo perso dal compagno nel giro di uscita dai box, riparte virtualmente al comando (anche se dietro a Hakkinen, Herbert e Irvine, che non si erano ancora fermati). Berger è quindi in seconda posizione, dietro al compagno Alesi, con un buon vantaggio su Herbert, ma al 33° giro accade l'incredibile: la telecamerina montata sulla vettura di Alesi, mal fissata, si stacca dalla Ferrari e va a colpire in pieno la sospensione della vettura gemella, una manciata di secondi dietro, costringendola ad un clamoroso ritiro. A 8 giri dalla fine il secondo incredibile colpo di scena: sulla 412T2 di Alesi cede un cuscinetto; anche lui è costretto al ritiro. Vince Herbert, davanti ad Hakkinen e a Frentzen.

Link to post
Share on other sites

si nel 1989, il fatto di non arrivare quasi mai ha falsato i valori in campo nella classifica finale

Non direi proprio.

Se non arrivi al traguardo perche' non fai una macchina affidabile non falsi proprio niente.

Link to post
Share on other sites

Io mi discosto un attimo dal Rosso :asd:

5503739020_766e91b42e_z.jpg

Emerson Fittipaldi, Fittipaldi FD04-Ford, GP Monaco 1977, in qualifica è 18° a 3"53 da Watson, mentre la sua gara termina dopo 37 passaggi per la rottura del V8 Cosworth.

Link to post
Share on other sites

Watson_1976_Germany.jpg

John Watson, Penske PC4-Ford, GP Germania 1976, nella gara funestata dal rogo di Lauda, John (che due anni dopo sarà  compagno di squadra dell'austriaco alla Brabham) si qualifica 19° (a 17" da Hunt), concludendo 9° a più di 2'30" dal futuro campione del Mondo. Questa gara rappresenta un "intermezzo" tra tre podi ottenuti dal nordirlandese quell'anno.

Link to post
Share on other sites

Non direi proprio.

Se non arrivi al traguardo perche' non fai una macchina affidabile non falsi proprio niente.

E' vero, ma se pensi che la Williams '89, onesta vettura, sia finita davanti alla Ferrari, io mi sento di dire che è una gerarchia che non rispecchia del tutto l'andamento della stagione per Ferrari e Williams. La Ferrari lottava con la McLaren molto ma molto di più di quanto abbia fatto la Williams.

Patrese con 40 punti e zero vittorie finì davanti a Mansell con 38 punti e 2 vittorie. Ecco i casi in cui penso alla proposta-Ickx...

Link to post
Share on other sites

villoresifarina.png

Luigi Villoresi, Ferrari 500, GP Svizzera 1953, in qualifica è sesto a 4"5 da Fangio, in gara riconferma la sua posizione, classificandosi a tre giri dall'argentino.

Nella foto, alle sue spalle, c'è Nino Farina.

Link to post
Share on other sites

rosier.png

Louis Rosier, Maserati 250F, Ecurie Rosier, GP Belgio 1955, gara non particolarmente esaltante per il francese (come tutto il 1955 del resto) che si qualifica 12° (beccandosi 37" da Castellotti) e in gara è 9° (ultimo) a tre giri dal vincitore, Fangio.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Penske PC3: guidata da John Watson, corse nella prima parte della stagione 1976

5230779905_82e3bbb7a6.jpg

Quello è un collezionista in una rievocazione storica (credo a Laguna Seca)

Questo è Wattie a Interlagos 76

7628braswatsonau7.jpg

Link to post
Share on other sites

Clay Regazzoni, Williamsw FW07, Silverstone 1979

La prima delle 114 vittorie della scuderia di Sir Frank. L'ultima per Clay.

Quello con la giacca scura e la cartellina in mano è Neil Oatley.

7928willams793wy4.jpg

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

9-0223.jpg?w=590

Paul Frère, Gordini T16, GP Francia 1954, 19° in qualifica (+44"6 da Fangio) e ritirato ad 11 giri dalla fine per un problema alla trasmissione (era settimo, ma prima dell'inconveniente era addirittura quinto). Vincerà  la Le Mans del 1960, e successivamente gli sarà  intitolata una curva di Spa-Francorchamps.

Edited by Fede
Link to post
Share on other sites

Che brutto quel dì a Monza...

tumblrm3swrwbauh1rod8is.jpg

GP Italia 1995 - Gerhard Berger - Ferrari 412T2 - Scuderia Ferrari - Berger parte in seconda fila, dietro a Coulthard e Schumacher, con un distacco di 9 decimi dallo scozzese, e davanti a Hill e Alesi. Al secondo via (la prima partenza era stata abortita) Gerhard riesce a portarsi in seconda posizione, alle spalle di Coulthard, scavalcando Schumacher; al 14° giro riesce addirittura a portarsi al comando, in seguito al secondo testacoda della giornata di Coulthard, mentre dietro a sè ha Schumacher, Hill e Alesi. Al 24° giro il tedesco e l'inglese si toccano, eliminandosi a vicenda, e il giro successivo Berger rientra ai box per il rifornimento, con 7 secondi di vantaggio su Alesi. Nel giro di uscita, però, l'austriaco è molto lento, sia per via delle gomme nuove che per il notevole carico di benzina a bordo, e viene passato da Irvine e da Blundell; al 26° giro si ferma anche Alesi, che grazie ad una sosta più rapida (13 secondi contro 15) e al tempo perso dal compagno nel giro di uscita dai box, riparte virtualmente al comando (anche se dietro a Hakkinen, Herbert e Irvine, che non si erano ancora fermati). Berger è quindi in seconda posizione, dietro al compagno Alesi, con un buon vantaggio su Herbert, ma al 33° giro accade l'incredibile: la telecamerina montata sulla vettura di Alesi, mal fissata, si stacca dalla Ferrari e va a colpire in pieno la sospensione della vettura gemella, una manciata di secondi dietro, costringendola ad un clamoroso ritiro. A 8 giri dalla fine il secondo incredibile colpo di scena: sulla 412T2 di Alesi cede un cuscinetto; anche lui è costretto al ritiro. Vince Herbert, davanti ad Hakkinen e a Frentzen.

E' un delicato eufemismo.

Nel maldestro tentativo di doppiaggio di Inoue Hill,alla Roggia,combina il patatrac centrando Schumacher,che non la prese esattamente bene...

Link to post
Share on other sites

e perchè ? ha pur sempre vinto una Ferrari -cit-

Gio,aspetto uno dei "tuoi" post in merito... ;)

Non ho mai amato cosi' pazzamente una coppia di piloti come Gilles e Cicciobello.....

Link to post
Share on other sites

Circuito della Mellaha. Gran Premio di Tripoli 1937. Nuvolari su Alfa 12C (4100 cc, 12 cilindri) all'uscita della curva di Tagiura. Ottavo in prova, ritirato per rottura del motore al 6° giro (su 40).

if38ts.jpg

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...