Jump to content
Advertisement
GLI ULTIMI ARTICOLI
Advertisement

Pirelli


Andrea Gardenal
 Share

Recommended Posts

Vi ricordate il range di temperatura di utilizzo delle varie mescole?

Alla presentazione delle gomme ricordo che due mescole avevano un range di temperatura ristretto, mentre le altre due avevano un range ampio... ma non ricordo quali.

Edited by AleMans
Link to comment
Share on other sites

Ironia della sorte: durante i millemila pit-stop che tanto cerca Ecclestone per fare "spettacolo", la gomma vagante (e veloce) tra decine di meccanici fuori in quel momento va a colpire proprio un uomo della FOM di Ecclestone...

Ecclestone indirettamente é stato colpito dalla sua stessa creatura.

Link to comment
Share on other sites

Ironia della sorte: durante i millemila pit-stop che tanto cerca Ecclestone per fare "spettacolo", la gomma vagante (e veloce) tra decine di meccanici fuori in quel momento va a colpire proprio un uomo della FOM di Ecclestone...

Ecclestone indirettamente é stato colpito dalla sua stessa creatura.

Non so quanto importi a Ecclestone di questo.

 

Comunque il problema di ieri si aggiunge alla lunga lista di incidenti avvenuti da inizio anno a causa delle gomme

Link to comment
Share on other sites

Beh però l'incidente di ieri non è colpa delle gomme. E' colpa degli uomini della Red Bull che hanno sbagliato il pit stop.

Se poi vogliamo forzare il concetto, è chiaro che se non ci fossero i pit stop non sarebbe accaduto nulla.

Link to comment
Share on other sites

 

Orgoglioso di far parte di un'azienda italiana che ha reagito ad un problema in due giorni! Un po' dispiaciuto di aver visto tanti italiani che aspettavano solo un nostro passo falso per "spararci" addosso! Forse altrove non sarebbe capitato... Lezione di vita!

 

 

Azz, che coraggio a rigirare la frittata....

 

Anzichè dire che avevano fallato la costruzione delle nuove gomme facendo una figura barbina davanti al mondo e per giunta mettendo a repentaglio la sicurezza di molte persone, e che per rimediare sono dovuti tornare alla vecchia soluzione, si mette a dire che è orgoglioso che anzichè fare passi avanti si fanno passi indietro perchè quelli in avanti sono tutti sbagliati... Contento lui...

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

L'esasperazione dei tempi del pit stop ha prodotto questi risultati. Se ci fate caso da quando hanno abolito i rifornimenti sono aumentati i casini in pit lane. Prima essendoci i rifornimenti c'era tutto il tempo per cambiare le gomme con calma, ora no e succedono i patatrack.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Beh però l'incidente di ieri non è colpa delle gomme. E' colpa degli uomini della Red Bull che hanno sbagliato il pit stop.

Se poi vogliamo forzare il concetto, è chiaro che se non ci fossero i pit stop non sarebbe accaduto nulla.

E' colpa delle gomme nel senso che, visto che obbligano i piloti ad effettuare due-tre pit stop per gara, le possibilità  che avvenga un incidente aumentano drammaticamente.

Link to comment
Share on other sites

Basterebbe introdurre un tempo minimo di sosta o di percorrenza della pit-lane. I box e le soste per il cambio gomme dovrebbero essere solo fasi "di servizio", non di gara. La gara dovrebbe svolgersi esclusivamente in pista.

Minimo 30 secondi "da riga a riga" della pit lane o 10/15 secondi da quando la macchina si ferma a quando riparte e il gioco è fatto. Il tempo è lo stesso per tutti, i meccanici possono lavorare con più calma e si evitano problemi come quelli di ieri. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

E' colpa delle gomme nel senso che, visto che obbligano i piloti ad effettuare due-tre pit stop per gara, le possibilità  che avvenga un incidente aumentano drammaticamente.

Più che altro bisognerebbe aggiungerci anche la foga dei meccanici nel fare i pit stop. C'è davvero tanta gente intorno alla vettura e quindi è anche più probabile che non siano tutti perfettamente sincronizzati

Link to comment
Share on other sites

 
 

 

L'esasperazione dei tempi del pit stop ha prodotto questi risultati. Se ci fate caso da quando hanno abolito i rifornimenti sono aumentati i casini in pit lane. Prima essendoci i rifornimenti c'era tutto il tempo per cambiare le gomme con calma, ora no e succedono i patatrack.

 

Io ricordo tanti tubi portati a spasso perché si bloccava e il pilota partiva senza avere la certezza che l'operazione fosse avuta con successo.

 

Trova le differenze:

 

donna-e-carburante1.jpg

 

f122_16550721.jpg

 

Link to comment
Share on other sites

Questo non dipende nè dal rifornimento, nè dal fatto di fare presto, ma da un errore dell'addetto al semaforo o leccalecca che diede il via libera prima ancora che l'addetto al rifornimetto togliesse il bocchettone...

Link to comment
Share on other sites

 
 

 

Questo non dipende nè dal rifornimento, nè dal fatto di fare presto, ma da un errore dell'addetto al semaforo o leccalecca.

 

Rientra sempre nella logica del far presto. Perché quando un pilota si affida ad una lucina del semaforo piuttosto che allo specchietto e alla sua vista vuol dire che non vedi l'ora di ripartire a tutti i costi a scapito della sicurezza. I pit stop per loro logica più corti sono e meglio è per utto il team. Ed è sempre stato così in Formula 1 da quando sono stati introdotti.

 

Poi inutile lamentarsi se le gomme sono predominanti: obbligo di utilizzo di due mescole in gara, solo cambio gomme al pit, se ti fermi oltre i 3 secondi sei una pippa o hai avuto problemi ai box, studio di dadi per rendere il più veloce possibile il tutto... Dal prossimo anno velocità  ridotta della percorrenza della pit lane, di conseguenza ogni decimo guadagnato peserà  molto di più. Mettiamo in conto pure che se il pit dura mezzo secondo in più ti ritrovi sorpassato da chi ti succedeva... Dire che il pit-stop non è nella logica del far presto mi pare alquanto azzardato.

Link to comment
Share on other sites

Ma per me dallo specchietto non ci vede niente, ne nel caso di Singapore 2008 ne nel caso di ieri.

 

Nel caso di ieri no, nel caso di singapore il tubo non era proprio invisibile... Poi io su una vettura da F1 non ci sono mai salito, quindi non posso che fare delle supposizioni...

Link to comment
Share on other sites

Basterebbe introdurre un tempo minimo di sosta o di percorrenza della pit-lane. I box e le soste per il cambio gomme dovrebbero essere solo fasi "di servizio", non di gara. La gara dovrebbe svolgersi esclusivamente in pista.

Minimo 30 secondi "da riga a riga" della pit lane o 10/15 secondi da quando la macchina si ferma a quando riparte e il gioco è fatto. Il tempo è lo stesso per tutti, i meccanici possono lavorare con più calma e si evitano problemi come quelli di ieri. 

 

Oppure anche impiegare un solo meccanico per ruota (come si fa in altre categorie, GP2 inclusa) non sarebbe una cattiva idea :zizi:

Link to comment
Share on other sites

Oppure anche impiegare un solo meccanico per ruota (come si fa in altre categorie, GP2 inclusa) non sarebbe una cattiva idea :zizi:

 

Poi come minimo voglio il campionato dei meccanici più veloci...

Link to comment
Share on other sites

A proposito del caos-gomme di Silverstone, Autosprint ha pubblicato la lettera speditagli dal "nostro" Andrea Ettori, pubblicata anche sul nostro sito

 

questa risposta è il pensiero che condivido :up:

 

 
Griforosso 5 luglio 2013 at 12:04

NO, NO non è né può essere colpa nostra. E’ vero che ci sono state gare noiose senza sorpassi e nemmeno la possibilità  di farli. MA le soluzioni trovate non le abbiamo suggerite né deliberate noi. ANZI alcuni hanno anche ipotizzato delle soluzioni che erano ben diverse da quelle poi studiate e deliberate dagli accoliti di Todt ed Ecclestone. Le Scuderie, poi, se si fai vedere una manciata di dollari si vendono come delle prostitute. Non importa se siano delle briciole. Non a caso, negli anni, hanno permesso ad uno come Ecclestone di IMPADRONIRSI della Formula 1 facendosi scippare sotto il naso una montagna di dollari. E sono quelle persone che vorrebbero dire a noi come vivere perché loro conoscono la Finanza, la Tecnica e tutto quanto è la F1. Case come Mercedes, Fiat, Renault, Honda, Toyota, Porche non hanno saputo o voluto prendersi la F1 lasciandola ad uno come Ecclestone che ora, grazie al potere che si è ritagliato negli anni, è il PADRONE della F1 e detta legge come e quando vuole ed è diventato l’uomo più ricco della GB secondo alcune notizie di stampa. Questa accolita di personaggi hanno deliberato regole piene di pieghe in cui nascondersi addirittura lasciando ad uno come Brawn di fare il regolamento che poi gli ha permesso di vincere il mondiale alla sua prima annata di Nuova Scuderia. Ed è colpa anche nostra ? Quante proposte sono giunte da noi appassionati ? Pur nella nostra ingenuità  e pochezza tecnica da appassionati avevamo suggerito soluzioni che avrebbero ottenuto, sicuramente, il ritorno allo spettacolo senza le cavolate di oggi. Perché un campionato deve essere deciso dalle gomme? Perché un campionato deve essere condizionato dalle furbate di alcuni che giocano ai limiti del regolamento sfruttando le pieghe prima dette? Con una FIA che non si sà  più che fine abbia fatto. Perché non restituire ai piloti la facoltà  di dimostrare il loro valore con macchine che a 300 Kmh non possano più iniziare a frenare a 60/80 mt dalla curva perché i freni e l’aerodinamica permettono loro di fare curve in tranquillità  molto maggiore di vetture con caratteristiche ben diverse? No, per Ecclestone e Todt (e prima Mosley) erano meglio i rifornimenti, le gomme che durano mezz’ora e poi se non le cambi perdi un GP che avresti meritato al 100%? E vediamo che i sorpassi, nonostante DRS e Kers avvengono, e sono i più belli, anche senza il loro contributo. Certo ci siamo lamentati delle gare noiose ma la soluzione che ci attendevamo non erano cose da teatrino di fiera ma regole che salvaguardassero al massimo le diverse qualità  dei Piloti e delle Scuderie, oltre che la sicurezza. Ditemi cosa di tutto questo c’è nel’attuale F1. Un saluto a tutti gli Appassionati e sempre, VIVA FERRARI, fausto bura

Edited by Muresan80
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Hembery: "We're bringing along five sets tyres with the Hard and Medium compound, three of the Hard and two of the Medium, of the 2012 structure which is the tyre we're going to be using going forward this season, plus we've got a prototype compound as well, Hard compound, we're taking there. So we've set out a schedule for teams to run and hopefully that's what they're going to do."

 

Sono io che ho capito male o hembery ha detto che per il resto dell'anno verrano utilizzate le mescole medium e hard?

Link to comment
Share on other sites

  • leopnd changed the title to Pirelli

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...