Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

11. Gran Premio dell'Eifel 2020 | Nurburgring


Recommended Posts

91!!! Get in there.

Quando Michael raggiunse questo incredibile traguardo ero convinto che sarebbero passati almeno venti/trenta anni prima che qualcuno potesse arrivare ad eguagliarlo e invece no, Lewis ce l'ha fatta e ne arriveranno altre. 

Michael lo diceva sempre: "I record sono fatti per essere battuti". Arrivò un bel messaggio dalla famiglia Schumacher quando eguagliò il numero di pole, vediamo se c'è qualche comunicazione ora.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

  • Replies 290
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

ma stai zitto Vanzini. Vergognati.

Caro Ale un autogol del genere da te non me lo aspettavo... Che cazzo di foto metti quando abbiamo visto questo Sono passati quasi 20 anni e ancora non capisco che cazzo gli è passato per

GP Germania '68 sul Nurburgring "vero" (22,5 km). Jack Brabham prova ad avventurarsi sulle colline e le foreste dell'Eifel. Forse l'elicotterista ci vedeva bene.  

Posted Images

1°    Lewis Hamilton        Mercedes    230    pts.
2°    Valtteri Bottas        Mercedes    161    pts.
3°    Max Verstappen        Red Bull    147    pts.
4°    Daniel Ricciardo        Renault    77    pts.
5°    Sergio Pérez        Racing Point    68    pts.
6°    Lando Norris        McLaren     65    pts.
7°    Alexander Albon        Red Bull    64    pts.
8°    Charles Leclerc        Ferrari    63    pts.
9°    Lance Stroll        Racing Point    57    pts.
10°    Pierre Gasly        AlphaTauri    53    pts.
11°    Carlos Sainz        McLaren     51    pts.
12°    Esteban Ocon        Renault    36    pts.
13°    Sebastian Vettel        Ferrari    17    pts.
14°    Daniil Kvyat        AlphaTauri    14    pts.
15°    Nico Hulkenberg        Racing Point    10    pts.
16°    Antonio Giovinazzi        Alfa Romeo    3    pts.
17°    Kimi Raikkonen        Alfa Romeo    2    pts.
18°    Romain Grosjean        Haas    2    pts.
19°    Kevin Magnussen        Haas    1    pt.

 

1°    Mercedes        391    pts.
2°    Red Bull Honda        211    pts.
3°    Racing Point BWT Mercedes        120    pts.*
4°    McLaren Renault        116    pts.
5°    Renault        113    pts.
6°    Ferrari        80    pts.
7°    AlphaTauri Honda        67    pts.
8°    Alfa Romeo Ferrari        5    pts.
9°    Haas Ferrari        3    pt.

 

 

Classifiche MESSE OK.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

La faccia preoccupata di Abiteboul non ha prezzo...

 

6 minuti fa, Nameless Hero ha scritto:

1°    Lewis Hamilton        Mercedes    230    pts.
2°    Valtteri Bottas        Mercedes    161    pts.
3°    Max Verstappen        Red Bull    147    pts.
4°    Daniel Ricciardo        Renault    77    pts.
5°    Sergio Pérez        Racing Point    68    pts.
6°    Lando Norris        McLaren     65    pts.
7°    Alexander Albon        Red Bull    64    pts.
8°    Charles Leclerc        Ferrari    63    pts.
9°    Lance Stroll        Racing Point    57    pts.
10°    Pierre Gasly        AlphaTauri    53    pts.
11°    Carlos Sainz        McLaren     51    pts.
12°    Esteban Ocon        Renault    36    pts.
13°    Sebastian Vettel        Ferrari    17    pts.
14°    Daniil Kvyat        AlphaTauri    14    pts.
15°    Nico Hulkenberg        Racing Point    10    pts.
16°    Antonio Giovinazzi        Alfa Romeo    3    pts.
17°    Kimi Raikkonen        Alfa Romeo    2    pts.
18°    Romain Grosjean        Haas    2    pts.
19°    Kevin Magnussen        Haas    1    pt.

 

1°    Mercedes        391    pts.
2°    Red Bull Honda        211    pts.
3°    Racing Point BWT Mercedes        120    pts.*
4°    McLaren Renault        116    pts.
5°    Renault        113    pts.
6°    Ferrari        80    pts.
7°    AlphaTauri Honda        67    pts.
8°    Alfa Romeo Ferrari        5    pts.
9°    Haas Ferrari        3    pt.

 

 

Classifiche MESSE OK.

Campionato chiuso a doppia mandata per Lewis, giochi riaperti per il 2° posto... 

Link to post
Share on other sites
27 minuti fa, Nameless Hero ha scritto:

Traduttore non fare l'ignorabbile, Hamilton ha detto "quando giocavo a GP2" non "quando giocavo ai videogiochi".

GP2 effettivamente è un gioco :asd: 

15 minuti fa, FenixFavaretto ha scritto:

Ammetto che quando ho scoperto che la prima auto di Lewis era radiocomandata, è stato un bel momento

Anche le ultime :P 

  • Lol 1
Link to post
Share on other sites

Confesso candidamente che dopo GP4 non ho più giocato assiduamente a nessun videogioco di corse. Installai F1 2010 per la novità ma tempo una settimana e lo tolsi. Da allora più niente.

Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, djbill ha scritto:

GP2 effettivamente è un gioco :asd: 

Anche le ultime :P 

Vuoi per caso sottolineare quanto le Formula 1 di oggi siano comandate dal team? 

 

No, perché una cosa è un auto radiocomandata ed una cosa è un auto di Formula 1, per quanto possano esserci delle cose in comune....

Link to post
Share on other sites
In questo momento, FenixFavaretto ha scritto:

Vuoi per caso sottolineare quanto le Formula 1 di oggi siano comandate dal team? 

Tranquillo, ero ironico.

Meglio esplicitare prima che qualche fan di Hamilton la interpreti male ;) 

  • Lol 1
Link to post
Share on other sites

Onore ad Hamilton per questo grande risultato, aiutato certo dall'avere una scuderia 2 spanne superiori al resto del lotto, ma anche per Schumacher è valido questo discorso... ora il prossimo record che cadrà sarà quello dei 7 titoli mondiali e nel 2021 verranno eguagliati anche il numero di mondiali vinti di seguito (5)

Oramai che la Ferrari arriva 7 (con Bottas, Albon e Norris ritirati :sbonk:) non fa piu' notizia, e la cosa peggiore e che si è consapevoli che il risultato si ripeterà ancora per una ventina abbondante di gran premi :(

P.S: Finalmente podio per Ricciardo :D!

Link to post
Share on other sites
Il 9/10/2020 at 16:18 , sundance76 ha scritto:

 

Una volta che Bottas caccia gli attributi e tiene col coltello tra o denti alla prima curva gli si scassa la macchina. Livello tenerezza sempre più Barrichello

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Antonio ha scritto:

Onore ad Hamilton per questo grande risultato, aiutato certo dall'avere una scuderia 2 spanne superiori al resto del lotto, ma anche per Schumacher è valido questo discorso...

Fino ad un certo punto. Ai tempi ci furono 2002 e 2004 come anni di dominio puro. Nel 2001 ha fatto il doppio dei punti di DC ma Barrichello è finito dietro David e davanti a Ralf di sette punti grazie a quattro ritiri in meno.

Qui abbiamo 2014, 2015, 2016, 2019, 2020. Per quanto mi riguarda anche nel 2017 e 2018 era pari alla Ferrari e nella seconda parte di stagione è stata meglio.

E il 74% di vittorie in sette anni contro il 67% in 5 è un altro dato abbastanza lampante.

Link to post
Share on other sites

Copio e incollo quanto ho scritto su Facebook.

<Non nutro grandi simpatie per il personaggio/pilota Lewis Hamilton (anche se apprezzo e condivido alcune sue prese di posizione socio-culturali su aspetti molto sensibili. Oltre, ovviamente, ad apprezzarne in maniera oggettiva il grande valore al volante) ma, senza dubbio, è il pilota che maggiormente meritava di eguagliare (e, a breve, superare) i numeri di Michael Schumacher. E questo al netto di tutti i discorsi sul valore assoluto dei numeri (che, specialmente in questo sport, contano relativamente) e senza scadere in inutili paragoni che, come sempre, lasciano il tempo che trovano.
In ogni caso, stiamo comunque parlando (e non da oggi) di uno dei migliori piloti di sempre e una delle più brillanti Stelle dello sport in generale. Su questo penso non ci sia nessun dubbio...>

I numeri, come detto, contano relativamente. O meglio, contano relativamente se paragonati ad altri, per le ovvie differenze di epoca, mezzi situazioni e tutto il resto. Contano invece, e molto, se riferiti alla stessa persona che li ottiene. La grandezza di Schumacher, come scrissi a suo tempo, non era tanto nei numeri assoluti quanto, piuttosto, nella fame e nella continuità che ha messo per ottenerli. Anni e anni sempre al top, sempre mantenendo viva la competitività assoluta che lo portava a giocarsi l'ennesimo mondiale, l'ennesimo Gran Premio, come se fosse stato il primo. Ecco, per Hamilton si può tranquillamente fare lo stesso discorso. Tanti anni di carriera sempre al top, sempre con la ricerca del successo senza soluzione di continuità e, cosa molto importante (e per niente scontata), mantenendo sempre altissima la motivazione. E questo è un aspetto che può scindersi benissimo dal fatto di disporre della vettura migliore da anni e anni, o da tutto il resto. L'appagamento può arrivare in qualsiasi momento (l'abbiamo visto succedere altre volte) e riuscire ad "eluderlo" è e resta un gran merito. 

Direi che c'è ben poco altro da dire. 

 

PS qualcosina da dire ce l'avrei. Ecco, io avrei scelto un casco dell'epoca ferrarista, uno di quelli "simbolo" dell'epopea del Kaiser. Forse la scelta del casco Mercedes è anche "figlia" di una certa specie di marketing... Ma, tutto sommato, anche a Montreal gli venne consegnato il casco di Senna dei tempi della Lotus e non della McLaren come una certa "logica" avrebbe suggerito. Ma era sempre il casco di Senna, così come quello di oggi è un casco di Schumacher. Quindi, in definitiva, va bene comunque così... 

Edited by Davide Hill
  • Like 2
  • Love 1
Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, Davide Hill ha scritto:

Copio e incollo quanto ho scritto su Facebook.

<Non nutro grandi simpatie per il personaggio/pilota Lewis Hamilton (anche se apprezzo e condivido alcune sue prese di posizione socio-culturali su aspetti molto sensibili. Oltre, ovviamente, ad apprezzarne in maniera oggettiva il grande valore al volante) ma, senza dubbio, è il pilota che maggiormente meritava di eguagliare (e, a breve, superare) i numeri di Michael Schumacher. E questo al netto di tutti i discorsi sul valore assoluto dei numeri (che, specialmente in questo sport, contano relativamente) e senza scadere in inutili paragoni che, come sempre, lasciano il tempo che trovano.
In ogni caso, stiamo comunque parlando (e non da oggi) di uno dei migliori piloti di sempre e una delle più brillanti Stelle dello sport in generale. Su questo penso non ci sia nessun dubbio...>

I numeri, come detto, contano relativamente. O meglio, contano relativamente se paragonati ad altri, per le ovvie differenze di epoca, mezzi situazioni e tutto il resto. Contano invece, e molto, se riferiti alla stessa persona che li ottiene. La grandezza di Schumacher, come scrissi a suo tempo, non era tanto nei numeri assoluti quanto, piuttosto, nella fame e nella continuità che ha messo per ottenerli. Anni e anni sempre al top, sempre mantenendo viva la competitività assoluta che lo portava a giocarsi l'ennesimo mondiale, l'ennesimo Gran Premio, come se fosse stato il primo. Ecco, per Hamilton si può tranquillamente fare lo stesso discorso. Tanti anni di carriera sempre al top, sempre con la ricerca del successo senza soluzione di continuità e, cosa molto importante (e per niente scontata), mantenendo sempre altissima la motivazione. E questo è un aspetto che può scindersi benissimo dal fatto di disporre della vettura migliore da anni e anni, o da tutto il resto. L'appagamento può arrivare in qualsiasi momento (l'abbiamo visto succedere altre volte) e riuscire ad "eluderlo" è e resta un gran merito. 

Direi che c'è ben poco altro da dire. 

 

PS qualcosina da dire ce l'avrei. Ecco, io avrei scelto un casco dell'epoca ferrarista, uno di quelli "simbolo" dell'epopea del Kaiser. Forse la scelta del casco Mercedes è anche "figlia" di una certa specie di marketing... Ma, tutto sommato, anche a Montreal gli venne consegnato il casco di Senna dei tempi della Lotus e non della McLaren come una certa "logica" avrebbe suggerito. Ma era sempre il casco di Senna, così come quello di oggi è un casco di Schumacher. Quindi, in definitiva, va bene comunque così... 

Quoto tutto, anche gli spazi. E aggiungo che io ricordo perfettamente che gli stessi identici discorsi sul "peso" dei numeri di Hamilton a suo tempo si fecero quando Schumacher eguagliò il numero di vittorie di Prost o il numero di mondiali di Fangio, e c'era Stewart che disse di Schumacher le stesse identiche cose che ha detto di Hamilton. Per cui alla fine ogni pilota è figlio della sua epoca e i numeri, come ha ben detto Davide, contano fino a un certo punto. Non sono certo quelli che fanno la grandezza di un pilota, altrimenti dovrei dire che tra Schumacher e Senna ci sono 4 mondiali di differenza, assurdo.

Link to post
Share on other sites
5 ore fa, alessandrosecchi ha scritto:

 

Anche al netto dei compagni di squadra e dei loro relativi contratti? 

No perchè si potrebbe benissimo dire che certi numeri sono stati agevolati dall' avere compagni con contratti da seconde guide

Magari il pilota, ad oggi, con maggior numero di titoli mondiali vinti avrebbe anche potuto battere i compagni senza che questi avessero dovuto perdere il confronto da contratto 

Ecco, questa situazione Hamilton non l' ha mai avuta, quindi quando si vogliono fare questi paragoni, si dovrebbe tener conto anche delle cose che, forse, non vanno tanto a favore della propria causa 

E tralasciamo il peso dei nomi dei compagni dell' uno è dell' altro...

È troppo semplice guardare solo la metà della luna che si vuole vedere (auto dominante) e non vedere come uno ha avuto TUTTO il team a sua disposizione mentre l' altro ha dovuto lottare veramente contro i compagni (e molte volte ci si ricorda solo di Kovalainen e Bottas e non dei vari Rosberg, Button ed Alonso) 

Ma cmq, ognuno la vedrà sempre come vuole, infatti certi discorsi poi diventano anche noiosi

Baci...non 24000 come cantava Celentano, ma per restare in tema facciamo 91 ;)

Edited by Kitt
  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



  • Upcoming Events

    No upcoming events found
  • Similar Content

    • By sundance76
      Il titolo sembra provocatorio, ma non lo è, a beneficio dei più giovani (e curiosi).
      Probabilmente non tutti sanno che l'attuale Campionato di F1 inizia proprio nel 1981, anno in cui fu istituito il "FIA F1 World Championship" che mette in palio due titoli mondiali: il "Mondiale Piloti F1" e il "Mondiale Costruttori F1" (attenzione alla dicitura "F1").

      Dal 1950 al 1980 si chiamava solo "World Championship for Drivers" cioè "Mondiale Piloti" (o Con-d-u-ttori, cioè corridori) e non prevedeva il nome "F1" nella dicitura ufficiale, perchè in tutto l'intero automobilismo era l'unico Titolo Mondiale riservato ai Piloti, e poteva essere assegnato anche tramite macchine diverse dalle F1.
      Infatti nel 1952 e 1953 il Mondiale Piloti fu assegnato per mezzo di macchine di F2, e per 11 anni anche la Indy 500 concorreva al punteggio, nonostante i suoi regolamenti tecnici differenti, rispondenti alla F. USAC, e fino ai primi anni '70 gli organizzatori, se mancava il numero minimo di macchine, potevano ammettere sulla griglia anche le F2.
      Inoltre dal 1958 al 1980 il riconoscimento per i team era solo una "Coppa Internazionale Costruttori", non un Mondiale (il vero Mondiale Marche fino al 1980 era assegnato con le biposto del Campionato Sport-Prototipi, che a sua volta non prevedeva un titolo piloti). Non esistevano ancora i Mondiali Rally, Turismo, ecc. ecc.

      Nel 1980 la FIA-FISA, dopo una tregua durante la guerra con la FOCA (squadre inglesi), affermò ufficialmente che il torneo iniziato nel 1950 chiamato "Mondiale Conduttori (cioè Piloti)" e la "Coppa Internazionale Costruttori" erano letteralmente "suppressed", e nasceva il "FIA F1 World Championship" che metteva in palio appunto due nuovi titoli, il "Mondiale F1 Piloti" e il "Mondiale F1 Costruttori" divenuto vero titolo Mondiale e non più una semplice Coppa Internazionale come era prima...

      Dal "libro giallo" della FIA 1981:

      GENERAL REGULATIONS 

      1 -- In application of the decisions taken during the FIA Rio Congress of 15th April 1980, the FISA is organising the new FIA Formula 1 World Championship from 1st January 1981. As a result, the old World Championship for Drivers is suppressed. 

      2 -- The new Formula 1 World Championship, which is the property of the FIA, will have 2 World Championship titles, one for Drivers and one for Constructors." 



      Capite? Dal 1981 la dizione "F1" entra obbligatoriamente nella titolazione, assieme a "FIA", per rimarcare che dal 1981 la proprietà del Campionato è della FIA.

      Ovviamente la FIA mantenne un solidissimo legame col precedente "Mondiale Piloti" durato fino al 1980, così si continuò a correre con gli stessi regolamenti, le stesse auto, le stesse piste, e i bonus acquisiti nell'80 valevano anche per l'81. E anche sulla Coppa di Campione a fine stagione c'erano ancora tutti i nomi degli iridati precedenti al 1981.

      E' un pò come accadde tra il 1949 e il 1950: venne istituito il "Mondiale Piloti" (senza la dicitura ufficiale "F1" che designava solo il regolamento tecnico delle monoposto della categoria massima in circuito) ma si continuò a correre con le stesse macchine, piste e regolamenti che c'erano nel 1949, anzi, quasi gli stessi del 1938-39, visto che l'Alfetta campione nel 50-51 era la stessa che nel '38 correva nella categoria cadetta.

      Implicazioni pratiche ce ne sono poche, ma teoricamente ci possiamo sbizzarrire:

      - Ascari è sì il primo "Campione del Mondo Piloti" della Ferrari, ma non è "campione iridato di F1" perchè nel 52-53 correva con le F2.

      - Fangio potrebbe essere il primo Campione del Mondo con vetture di F1 della Ferrari, ma ci sono dispute perchè la sua D50 era in realtà una Lancia modificata.

      - Allora potrebbero esserlo Hawthorn nel '58 e tutti gli altri fino a Scheckter nel '79: sì, ma come detto, il loro titolo mondiale non aveva la dicitura ufficiale "F1" nella titolazione. Essi erano semplicemente "Campioni del Mondo Piloti", seppur eletti con macchine di F1.

      - Quindi Piquet nell'81 è il primo "Campione del Mondo Piloti F1 della FIA" così come la Williams è la prima marca "Campione del Mondo Costruttori F1 della FIA".

      - Schumacher diviene così il primo esplicito "Campione del Mondo Piloti F1 della FIA" con la Ferrari.

      - i veri Campionati MONDIALI Costruttori si contano dal 1981, quindi ad esempio la Ferrari ne assomma 10, più altre 6 Coppe Costruttori dal 1958 al 1980... 

      - Niki Lauda diviene quindi l'unico ad aver vinto sia il vecchio "Mondiale Conduttori", sia il nuovo "Mondiale F1 della FIA".

      Divertente, no?
    • By massimo66
      DATI GENERALI
      Scuderia: Team Riviera
      Anno di produzione: 1980
      Motore:  Ford Cosworth DFV V8 2993cc.
      Telaio: Monoscocca in alluminio
      Carburante e lubrificanti:
      Pneumatici:  Goodyear
      Luogo di Produzione:  Giussano (ITA)
      Progettista:  Giorgio Valentini
      Impiegata nel:  mai 
      Piloti:  Alberto Colombo
       
       
       
    • By leopnd
      Japanese Super Formula Championship Rd. 7



      www.fsw.tv
    • By leopnd
      E io che pensavo che la stagione fosse finita...
       
    • By leopnd
      Formula 1 Etihad Airways Abu Dhabi Grand Prix 2020



      www.yasmarinacircuit.com
  • Popular Contributors

×
×
  • Create New...