Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

  • Replies 283
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Per chi  la storia la vuol conoscere, propongo la piacevolissima lettura dell'incredibile e avvincente cronaca di corsa del rally della Costa d'Avorio 1982 (quasi cinquemila km di corsa), gara decisiv

Montecarlo 1989, diretta tv della PS1 (Rai):     ... spero non si noti troppo il fatto che non vedo l'ora di gennaio 

Posted Images

  • 4 weeks later...

Sto riguardando sul canale ufficiale YouTube del WRC i recap dei campionati di inizio anni 2000. Sono arrivato a Sanremo 2001 e ho visto che si parlava di uno "scontro" tra Panizzi e Delecour risalente all'anno prima: cosa successe? A naso direi che potrebbe essere stata una delle cause scatenanti dell'abbandono del team Peugeot da parte del secondo.

Poi davvero non capisco cosa spinse Mitsubishi a portare al debutto la Lancer WRC a campionato in corso, con Mäkinen in piena lotta iridata. Il vecchio modello (che se non erro era ancora la Gruppo A, o comunque uno stretto derivato) mi sembrava tutt'altro che da buttare via.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
27 minutes ago, R18 said:

Sono arrivato a Sanremo 2001 e ho visto che si parlava di uno "scontro" tra Panizzi e Delecour risalente all'anno prima: cosa successe?

 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, R18 ha scritto:

 

Poi davvero non capisco cosa spinse Mitsubishi a portare al debutto la Lancer WRC a campionato in corso, con Mäkinen in piena lotta iridata. Il vecchio modello (che se non erro era ancora la Gruppo A, o comunque uno stretto derivato) mi sembrava tutt'altro che da buttare via.

Tutte le squadre avrebbero dovuto schierare solo modelli WRC (il regolamento entrato in vigore nel 1997), ma la Mitsubishi ottenne una proroga, e mi pare che il patto con la Federazione prevedeva proprio che al massimo entro metà 2001 la squadra avrebbe dovuto eliminare la vettura di Gruppo A e gareggiare con la versione WRC.

Purtroppo la WRC era un chiodo, e Makinen se non erro fece solo un punto dall'estate fino al termine del Campionato.

 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Esattamente. Un solo punto dalla vittoria del Safari (ultima di Mitsubishi nel WRC) alla fine. 

Grazie per la risposta. Quantomeno c'era un motivo definito, altrimenti sarebbe stata una semplice follia.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
Il 12/8/2018 at 21:39 , sundance76 ha scritto:

Tutte le squadre avrebbero dovuto schierare solo modelli WRC (il regolamento entrato in vigore nel 1997), ma la Mitsubishi ottenne una proroga, e mi pare che il patto con la Federazione prevedeva proprio che al massimo entro metà 2001 la squadra avrebbe dovuto eliminare la vettura di Gruppo A e gareggiare con la versione WRC.

Purtroppo la WRC era un chiodo, e Makinen se non erro fece solo un punto dall'estate fino al termine del Campionato.

 

Mi avete incuriosito :zizi: Ricordi anche il perchè di quella proroga?

Mitsubishi comunque ha sempre fatto un gran casino :zizi:  Già solo il fatto che iscrivessero le due macchine del team ufficiale con nomi diversi (Lancer e Carisma) confonde... Poi la Lancer WRC non era derivata dalla Lancer stradale ma da un'altra vettura. Insomma, ricostruire il percorso tecnico dei giapponesi in quei 5-6 anni è un macello :asd:

Edited by giovanesaggio
Link to post
Share on other sites
10 ore fa, giovanesaggio ha scritto:

Mi avete incuriosito :zizi: Ricordi anche il perchè di quella proroga?

 

Proverò a cercare, ma mi pare di ricordare che fu un gentlemen agreement perché la Mitsubishi non era ancora pronta con la WRC.

Fu un mondiale strano, pieno di errori e capovolgimenti di fronte, una media punti molto bassa. Ricordo che persino Sainz, senza nessuna vittoria, poteva ancora matematicamente vincere il titolo all'ultima gara.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
44 minuti fa, sundance76 ha scritto:

Fu un mondiale strano, pieno di errori e capovolgimenti di fronte, una media punti molto bassa. Ricordo che persino Sainz, senza nessuna vittoria, poteva ancora matematicamente vincere il titolo all'ultima gara.

Leggendo solo la classifica finale "strano" è dire poco. Anche Gronholm che arriva quarto dopo essersi ritirato in 7 delle prime 8 gare e Rovanpera che arriva quinto alla pari con Marcus pur avendo corso due rally in meno non è male. Ed entrambi hanno finito a soli 8 punti da Burns.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Il mondiale 2001, ora che l'ho rivisto tutto, fu davvero uno dei più incredibili della storia. Nessuno disputò il campionato perfetto, tutti sbagliarono tanto. Pur col 10-6-4, Burns vinse con meno di vittorie rispetto a Mäkinen e McRae perché a tutti gli effetti sbagliò un poco meno, gli unici errori pesanti furono in Svezia e a Sanremo. Colin era il solito Colin, Tommi commise per la prima volta sbagli grossolani (in Svezia sarebbe arrivato secondo, in Finlandia uscì clamorosamente dopo due curve) e poi venne definitivamente condizionato da quel cetriolo della Lancer WRC e dall'incidente in Corsica, in cui "perse" il suo navigatore e si ruppe pure una vertebra. Grönholm fu molto sfortunato, ma tre anni dopo scoprì che ci sarebbe potuto essere anche di peggio :asd: da tifoso di Sainz quello fu un mondiale da rosik perché Carlos arrivò sì sesto, ma con la vittoria greca che ormai era in tasca (la rimonta su Colin era praticamente completa e Sainz correva su un fondo migliore) e il motore che cedette nuovamente nel Safari quegli 11 punti che mancarono rispetto a Burns si potevano fare eccome. Rovanperä fece un mondiale clamoroso, in Peugeot non se lo aspettavano e dovettero trovargli fuori un'altra 206 per Sanremo e Corsica, visto che in quelle due occasioni avrebbe dovuto cedere il volante a Panizzi ma essendo in corsa per il mondiale faceva brutto lasciarlo a casa, anche se su asfalto era scarsino.

Chi mancò davvero in quel mondiale, al netto dei problemi che furono comunque tanti, fu Auriol, a cui però ho l'impressione che Peugeot non diede mai troppa fiducia.

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Non dirlo a me, ero tifoso di Auriol ed ero convinto che  con la Peugeot avrebbe vinto di più. Purtroppo la vittoria in Spagna fu la ventesima e ultima.

Ricordo che nel '99, già 41enne, a tre gare dalla fine era in testa al Campionato, ma poi rovinò tutto in Australia.

Devo però dire che il Mondiale dopo il '96 non mi piaceva troppo, le gare vennero sensibilmente accorciate, davvero troppo, e le tappe notturne praticamente eliminate. AS cominciò a eliminare la cronaca delle gare, perché non serviva più, ancor prima che Internet distruggesse la carta stampata.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Se non altro ai tempi c'era un giro pomeridiano anche nella terza tappa, cosa che da tempo non esiste più. Comunque qualche PS notturna ancora la facevano, il Turini nel 2002 venne affrontato anche di notte.

Purtroppo con le macchine di adesso credo che vedere rally più lunghi sia impossibile. Le WRC+ non mi sembrano adatte ad itinerari lunghi come quelli pre-1997.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Fermo restando che condivido tutto quello che avete detto (ne abbiamo parlato già tante volte della lunghezza di queste gare, purtroppo ormai è un dato di fatto che gare di 5-600km non si vedranno più:(), non mi piace l'idea di "Internet che ha distrutto la carta stampata". Sarà che sono di un'altra generazione, ma tra una gara di 300km che posso seguire più o meno in diretta (e negli ultimi anni sta diventando sempre più "più") e una di 600 di cui leggerò un resoconto il mercoledì... Beh, io scelgo la prima:zizi: Il motorsport, e proprio lo sport in generale, è emozione non cronaca.

@R18 riesci a mettere i link dei recap da qualche parte?  A tempo perso mi piacerebbe approfondire un po' e arricchire questa sezione del forum :up: Ho già trovato dei resoconti video gara per gara di alcuni anni, abbiamo un sacco di perle di Sun sparse qua e là, sarebbe bello avere tutto più o meno organizzato :)

Edited by giovanesaggio
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ah su YouTube ci sono tutti gli highlights dal 2001 in poi. Basta che cerchi un rally qualunque e ti esce subito. Purtroppo non riesco a ritrovare il link delle playlist esatte. Sono video molto completi comunque, se si mastica un po' di inglese si capisce perfettamente.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, R18 ha scritto:

Ah su YouTube ci sono tutti gli highlights dal 2001 in poi. Basta che cerchi un rally qualunque e ti esce subito. Purtroppo non riesco a ritrovare il link delle playlist esatte. Sono video molto completi comunque, se si mastica un po' di inglese si capisce perfettamente.

Trovati, grazie :up:

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Non è la sezione giusta, lo so, ma questa perla di Gigi Galli non deve andare persa :asd: Perchè tutti ci ricordiamo della famosa "incazzatura" con Guido d'Amore, ma sotto sotto Gigi è anche una persona calma e pacata, come dimostra il video qui sotto:

 

  • Love 2
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



  • Upcoming Events

  • Similar Content

    • By leopnd
      Dopo la chiusura del programma in Formula E al termine dell’attuale stagione, l’impegno della casa dei quattro anelli nel mondo delle zero emissioni nel motorsport proseguirà debuttando nella Dakar nella prossima stagione, con un veicolo dotato di propulsione elettrica. «Con il progetto Dakar – ha spiegato Julius Seebach, amministratore delegato di Audi Sport GmbH nonché responsabile di tutte le attività motorsportive del marchio tedesco – noi di Audi restiamo fedeli alla nostra filosofia di utilizzare per la prima volta nuove tecnologie nel motorsport che sono rivoluzionarie per le future auto stradali. Nella nostra storia nei rally, ad esempio, è stato il caso delle quattro ruote motrici [con l’Audi Quattro nelle competizioni rallistiche negli anni Ottanta, ndr], e ora testeremo i componenti delle powertrain di domani in condizioni estreme alla Dakar. Allo stesso tempo, offriremo esperienze entusiasmanti a clienti e fan».


      Il progetto della vettura Audi per l’edizione 2022 del rally raid, gestito dal già capo del programma DTM di Audi Sport Andreas Roos, sta andando perciò avanti, con il concept quasi ultimato e i test già fissati per metà 2021. «Il progetto Dakar è una sfida enorme per l’intero team. Abbiamo un programma serrato per implementare il nostro concept innovativo. Siamo la prima casa automobilistica ad affrontare la Dakar con un gruppo motopropulsore elettrico. L’intero team sta lavorando a tutto campo in modo da poter essere pronti per partire in tempo per la Dakar 2022», ha spiegato Roos, esponendo poi i dettagli tecnici della vettura, che monterà tre powertrain che arrivano dall’esperienza in Formula E: «Avremo una MGU sull’asse anteriore e uno sull’asse posteriore. Una terza MGU funge da generatore per caricare la batteria ad alta tensione durante la guida. Certo – puntualizza -, dobbiamo apportare modifiche, perché il deserto ha sfide diverse rispetto alle città in cui stiamo correndo attualmente in Formula E: salti, sabbia, le tappe molto lunghe. Ma fondamentalmente possiamo sfruttare l’esperienza della Formula E e anche dei nostri prototipi di Le Mans con la e-tron Quattro».

      La batteria del veicolo per la Dakar sarà sviluppata in proprio da Audi e verrà caricata grazie all’energia trasmessa dal motore termico turbo-benzina TFSI mutuato dal DTM, che Roos assicura essere «incredibilmente efficiente e all’avanguardia in termini di peso e consumi», ma «utilizzato solo per caricare le batterie nelle prove speciali», mentre nelle tappe di trasferimento la vettura dovrebbe correre in pieno regime elettrico, secondo i piani di Audi. «La batteria deve essere caricata durante la guida, poiché attualmente non ci sono altre opzioni per farlo nel deserto», ha concluso Roos. In pratica non si tratterà di una vettura 100% elettrica, anche perché per rally raid come la Dakar bisogna ancora trovare la quadra per garantire mezzi a zero emissioni con una autonomia tale da resistere per centinaia di chilometri, senza necessità di ricarica.
    • By leopnd
      89. Rallye Automobile de Monte-Carlo

       

      www.wrc.com
    • By sundance76
      Nonostante fosse lontanissimo dalla filosofia dei rally "all'europea", il Safari da moltissimi era considerato il più duro, il più imprevedibile, il più difficile dei rallyes.
      Non so se riusciranno a farlo disputare nel 2021, e non so nemmeno in quale formato, ma l'epopea di questo rally è una delle cose più entusiasmanti della mia passione automobilistica:
       
    • By Mauro Serafin
      Perché uno sport così spettacolare senza DRS e Kers vari non se lo fila nessuno?
      Il WRC perde pezzi ogni anno, le tappe diminuiscono, i piloti se ne vanno e gli sponsor pure. Eppure la gente che lo segue c'è, possono dire che è pericoloso, ma una gara di moto lo è molto di più a pensarci bene...
      Dite la vostra, sempre se ne avete voglia...
    • By leopnd
      ACI Rally Monza



      www.wrc.com
  • Popular Contributors

×
×
  • Create New...