Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts


  • Replies 569
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Io posso portare un paio di esempi risalenti ai primi anni 2000, quando Gresini gestiva le loro moto ufficiali.   Mi disse che con loro non puoi permetterti il lusso di parlare con modi di dire tipo

Anyway....prima di sentirci superiori....   Tokyo 1945     Tokyo 2015  

I toni dei commenti vengono dettati dalle linee editorialiInteressi),dal pubblico che si vuole acchiappare ed,in minima parte, dalla onesta' intellettuale dei commentatori.   A mio parere le cronach

Posted Images

"Confesso, sono un giornalista che adora Rossi. Ma su Valencia dico che..."

Pubblichiamo l'opinione di Mat Oxley su quanto accaduto domenica nel decisivo GP della stagione. Ex pilota e biografo di Valentino, il collega inglese di motorsportmagazine.com racconta della sua passione per il pilota italiano ma non si schiera con lui sul "biscottone"


ARTICOLO PRECEDENTE
ARTICOLO SUCCESSIVO
ï„Š
  • 2325
  • 
  • ï…·
  •  
  • 
  • 
  • 
  • 2325
  • 
  • ï…·
  • 
  • 
  • 
  • 
11 novembre 2015 - Milano
Il GP di Valencia ha lasciato dietro di sé una scia di polemiche che la MotoGP si porterà inevitabilmente dietro a lungo. Ha ragione Valentino Rossi a dire che è stato un "biscottone" tra Marc Marquez e Jorge Lorenzo? Offriamo ai lettori un'opinione terza, non italiana e né spagnola. Arriva dall'Inghilterra ed è a firma di Mat Oxley, che ha vinto come pilota il Tourist Trophy, scrive di moto dal 1980, conosce Valentino Rossi dagli inizi nel Motomondiale, tanto che ne ha redatto un'acclamata biografia. Ecco i passaggi più significativi del suo pezzo dedicato a quanto accaduto a Valencia domenica e pubblicato su motorsportmagazine.com, dove si può leggere la versione integrale.
 
(Si ringrazia per il permesso www.motorsportmagazine.com)
 
 
di Mat Oxley
"Non l'ho mai fatto, ma credo che il momento giusto sia arrivato. È l'ora di dirlo: sono un tifoso di Valentino Rossi. I Social media nelle ultime settimane sono stati avvelenati da fanatici di Rossi che mi hanno giudicato colpevole almeno un migliaio di volte per il crimine di aver cercato di essere obiettivo di fronte ai fatti. Ma non sono il solo. Molti giornalisti di MotoGP, rispettati negli anni dai loro lettori, hanno subìto lo stesso trattamento per il crimine di aver cercato di scoprire la verità. Rossi mi è piaciuto sin dall'estate del 1996, quando ha iniziato a presenziare nelle serate in sala stampa la domenica, ridendo e scherzando coi giornalisti, in generale divertendosi come mai nessun altro pilota. Un paio d'anni più tardi iniziammo a lavorare insieme e iniziai a scrivere interventi di moto in sua vece, incontrandoci nelle serate per parlare delle corse.
[...]
Una di queste serate si concluse a Rio de Janeiro a bordo di una piscina, con Rossi pieno di birra e champagne, appena dopo la conquista del Mondiale della 250, mentre i suoi amici e i membri del team festeggiavano in acqua. Valentino è sempre stato divertente, dall'entusiasmo effervescente, per le corse e per la vita stessa.
[...]
Un paio d'anno dopo Valentino ha accettato che scrivessi la sua biografia, cosa che ha comportato il trascorrere di tante ore nel suo appartamento in St James Square, a Londra.
Gp Valencia: i fischi a Marquez sul podio
 
[...]
Scrivere la sua biografia mi ha anche portato in Italia, dove ho passato tanto tempo in compagnia del suo splendido papà (uno dei miei eroi motociclistici d'infanzia) e della sua cordiale e luminosa mamma. La sua mamma mi ha raccontato molte storie del suo ragazzo, ma quelle che più mi colpivano erano i racconti che lui le faceva quando tornava dalla pista di minimoto, così pieni di adrenalina. La mamma mi disse che Valentino non amava solo le corse, ma tutta la vita del paddock. Amava tutto, e questa è certamente la principale ragione della sua clamorosa longevità sportiva. Rossi mi piace perché mi piace il suo modo di correre, è quello di un guerriero. E mi piace anche di più come persona: brillante, divertente, liberale, come i suoi genitori. Ho solo un piccolo dubbio se si possa definire buono: è qualcosa che non si può sempre affermare di tanti agonisti che vogliono artigliare il vertice di uno sport crudele e pericoloso. Rossi è stato grande in 250, sublime in 500 e imbattibile con la Honda in MotoGP.
[...]
Come giornalista il nostro lavoro è essere disinteressati, imparziali, mai schierati, ma Rossi è stato così vincente e piacevole che è stato impossibile scrivere di lui qualcosa di negativo. Anche quando la competizione si è fatta più dura e la sua spietatezza ha iniziato a trapelare, non ci ho mai dato peso. Non ho mai pensato a lui come a un mite, un gentile. È un pilota, il protagonista di uno dei più veloci e mortali sport al mondo. Se l'occasione lo impone non si può essere i re della classe regina senza essere un po' meschini, autoreferenziali, egoisti e cattivi. Non far caso ai sorrisi e ai gesti amichevoli. Sono i sorrisi amichevoli dell'assassino.
[...]
Rossi: il tributo di tutti i piloti, tranne due... / video on board
 
E poi è arrivato Marc Marquez. In definitiva il rivale a immagine e somiglianza di Rossi. Marquez ha seguito e adorato Rossi fin da quando era bambino e quindi non sorprende si sia rivelato un assassino col sorriso, proprio come il suo eroe. In Catalogna, nel 2008, quando Marc era un promettente pilota, pregò un giornalista e un fotografo spagnoli di presentargli il suo eroe. "Ah - disse Rossi - tu sei il coraggioso Marc". Si dice che non si debba mai incontrare i propri eroi e forse è vero. Rossi è stato il pilota più spietato in pista fino all'arrivo di Marquez. Tutte le volte che si è arrivati al combattimento corpo a corpo col rivale di turno, Rossi ha sempre primeggiato. Biaggi, Gibernau e Stoner hanno tutti sperimentato il suo istinto killer. Stavolta si è trovato davanti a un giovanotto disposto a morire per fare lo stesso.
Io non ho evidenze che Marquez abbia aiutato Lorenzo a Phillip Island. È invece chiarissimo che lo ha fatto a Sepang, ma non era il suo obiettivo primario, che era creare fastidio a Rossi, reo di averlo pubblicamente insultato in pubblico qualche giorno prima. Il furioso assalto di Marquez a Sepang è stato questo: tu credi che io in Australia ti abbia ostacolato? Va bene, ora ti farò realmente vedere cosa significa correre per ostacolarti. Rossi, comprensibilmente, ha perso il controllo. E così è stato spedito in fondo allo schieramento a Valencia, una penalità che ha effettivamente cancellato ogni possibilità di vincere il titolo.
[...]
Valentino ha perso il Mondiale quel giovedì pomeriggio a Sepang in conferenza stampa. Sono ancora un fan di Rossi. E amo anche la storia. Se Rossi avesse vinto il titolo domenica sarebbe stato un momento storico: la vittoria di 10 titoli, 19 anni dopo il primo, in uno sport selvaggio e spietato. Quasi il doppio di quello che è riuscito a fare Michael Schumacher, coi suoi 11 anni tra il suo primo e ultimo titolo. Sarebbe stato un risultato da superuomo, non solo nel mondo dei motori, ma di tutti gli sport.
 
Valentino Rossi a Ezpeleta: "Cosa ti ho detto giovedì? Che schifo..."
 
E questo ci porta alla domanda da 10 milioni di dollari su quanto accaduto domenica a valencia.
[...]
Forse Marquez stava scortando Lorenzo. Ma se fosse vero, perché è rimasto nella scia della M1 per tutta la gara, con un modo di correre che ci diceva che stava costruendo un attacco all'ultimo giro, probabilmente al tornatino finale, che non avrebbe dato repliche a Lorenzo? E se fosse vero perché non ha fatto correre Lorenzo più agevolmente, seguendolo a una distanza rassicurante, invece che creargli problemi giro dopo giro? Tutti hanno la propria risposta. Il fatto è che la M1 di Lorenzo aveva una migliore accelerazione, Marquez non avrebbe mai avuto quello che gli serviva per passare all'ultima curva. Valencia è una pista ostica per i sorpassi.
[...]
In cinque delle ultime 9 gare di MotoGP corse sull'asciutto su questa pista non c'è stato un solo sorpasso a chi era al comando. Non uno.
 
Lunedì ho cercato nel paddock di scoprire la verità, consultando osservatori rispettati e disinteressati che vivono di GP da anni. Ho chiesto a ingegneri, team mangaer, ex piloti, piloti di oggi, meccanici, evitando persone di Honda e Yamaha. Ho dato loro una scheda per votare: se erano d'accordo con Rossi votando con una croce nella colonna di Rossi, se erano convinti che Marquez non avesse aiutato Lorenzo, mettendo una croce nella colonna di Marquez. Il risultato è stato un pareggio, in diversi non sapevano rispondere, alcuni si sono astenuti, la maggior parte dei piloti si sono allontanati quando ho posto loro la domanda diretta. Questo conferma che anche gli stessi addetti ai lavori non sono certi di quello che sia avvenuto.
 
La disperata, e inutile, rimonta di Rossi: 21 sorpassi in 13 giri
 
Un altro fatto è che Lorenzo ha vinto il Mondiale con 7 vittorie dalla partenza all'arrivo, un risultato che testimonia quanto sia difficile sorpassarlo quando ha pista libera e passa in modalità "pilota automatico".
[...]
Rossi ha compiuto un solo errore, iniziare una guerra di parole con Marquez nella conferenza stampa del giovedì a Sepang. Se non lo avesse fatto la gara avrebbe probabilmente avuto uno svolgimento normale e avremmo visto la resa dei conti a Valencia.
[...]
Resto un fan di Rossi. Ma sono anche un fan di Marquez perché ha lo stesso spirito guerriero che mi colpì in Valentino".
 
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Grande Oxley, il suo libro ce l'ho ed è quello che per primo mi ha fatto "conoscere" meglio Rossi. Era l'estate del 2003, mi sembra...

Però io avrò sempre la convinzione che Márquez a Sepang avrebbe corso così ugualmente, e a Valencia con le parole del giovedì lo ha lasciato trasparire un minimo.

Link to post
Share on other sites

un po' di chiarezza.

L'accordo fra VR46 e Marquez per il merchandising era già in scadenza e MM93 si stava muovendo da solo. Lo sapeva anche il cucco. Come al solito raccontano cazzate.

Lorenzo ustionato da una R1 durante i festeggiamenti per il Mondiale. Meglio un'ustione al piede che un bruciore al culo.

Link to post
Share on other sites

Grande Oxley, il suo libro ce l'ho ed è quello che per primo mi ha fatto "conoscere" meglio Rossi. Era l'estate del 2003, mi sembra...

Però io avrò sempre la convinzione che Márquez a Sepang avrebbe corso così ugualmente, e a Valencia con le parole del giovedì lo ha lasciato trasparire un minimo.

E io avrò sempre la convinzione che a fine gara Marquez avrebbe potuto superare Lorenzo ad occhi chiusi. 

Invece per il resto sono d'accordo con Oxley, per me senza le sparate di Vale in conferenza stampa, Marquez non avrebbe agito così spudoratamente. Valentino ha attaccato uno che come lui stesso ha detto, se ne sbatte i c*****i di tutto. 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Beh sì l'errore di Rossi in conferenza rimane, è ovvio. Però con l'evolversi della situazione ho nutrito anche nuovi dubbi su Márquez, non del tutto infondati penso.

Link to post
Share on other sites

Marquez è stato accusato per una corsa che aveva corso in totale onesta a Phillip Island. Marquez non ha mai infranto alcuna regola nemmeno dopo. Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

Edited by Muresan80
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

43e91a9941202c96721f9d8bf2c2f13f.jpg

 

Vice direttore di motociclismo .

 

 

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk e scritto dalle mie dita.

Dalle pagelle di Motosprint :

MM : voto 4 per che' ha scortato Lorenzo 

Petrucci : voto 8 perche' si è catapultato fuori pista al passaggio di VR...

 

Questi vergognosi lecchini (Meda in primis),a mio parere, sono i principali responsabili dell'imbarbarimento del tifo motociclistico.

 

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Dalle pagelle di Motosprint :

MM : voto 4 per che' ha scortato Lorenzo 

Petrucci : voto 8 perche' si è catapultato fuori pista al passaggio di VR...

 

Questi vergognosi lecchini (Meda in primis),a mio parere, sono i principali responsabili dell'imbarbarimento del tifo motociclistico.

 

Per fortuna il mondiale è andato a chi doveva andare. Ovviamente le teorie dei leccaculi sono indimostrabili e sbugiardate ampiamente, ma va bene lo stesso.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Dalle pagelle di Motosprint :

MM : voto 4 per che' ha scortato Lorenzo 

Petrucci : voto 8 perche' si è catapultato fuori pista al passaggio di VR...

 

Questi vergognosi lecchini (Meda in primis),a mio parere, sono i principali responsabili dell'imbarbarimento del tifo motociclistico.

 

Purtroppo lo sappiamo. In Italia funziona così per qualsiasi sport: appena c'è qualcuno che combina qualcosa di buono viene subito messo su un piedistallo e tutti gli altri non esistono.

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Dalle pagelle di Motosprint :

MM : voto 4 per che' ha scortato Lorenzo 

Petrucci : voto 8 perche' si è catapultato fuori pista al passaggio di VR...

 

Questi vergognosi lecchini (Meda in primis),a mio parere, sono i principali responsabili dell'imbarbarimento del tifo motociclistico.

 

Un attimo, però, perchè va bene tutti gli altri giornalisti, ma su Meda vorrei fare un appunto.
Lui iniziò a commentare in questo modo perchè glielo chiese (ordinò) Mediaset. Lui provò, vide che la cosa funzionava in termini di ascolti, e ha continuato con questo stile fino ad ora. Dobbiamo ringraziare anche e soprattutto lui (insieme a Rossi) se il Motomondiale ha riacquistato tutta questa popolarità in Italia. Poi, non è mica colpa sua se mentre lui commentava, Rossi dominava. Credo che l'esaltazione del 46 sia stata involontaria (al di là di una spontanea amicizia che lega i due), nel senso che, se nei primi anni 2000 ci fosse stato qualcun altro al posto di Rossi, lo stile di Meda non sarebbe cambiato affatto, anzi.

Link to post
Share on other sites
  • R18 changed the title to Motomondiale 2015
  • alessandrosecchi locked and unpinned this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.



×
×
  • Create New...