Jump to content
  • Sono in questa pagina   0 members

    • No registered users viewing this page.

leopnd

Recommended Posts

Il più rapido nella decima tappa è stato Barreda Bort, tornatocompetitivo dopo i problemi degli ultimi due giorni. Seconda posizione per Coma che continua ad andare forte, seguito da Faria. Quarto Price, quinto Goncalves che perde un paio di minuti da Coma. Seguono Svitko, Rodrigues e Quintanilla. 16° Pain, 17° Ceci, 45° Toia, 46° Brioschi, 48° Casuccio (tutti autori di una buona tappa). Da registrare il ritiro di Walkner.
Nella generale allunga un po’ Coma che ora può contare su 7 minuti di vantaggio su Goncalves. Terzo rimane Quintanilla a 31 minuti, ma si è avvicinato Price a 32 minuti dalla vetta, e a meno di un minuto dal cileno che lo precede. Quinto Svitko a 45 minuti, seguono Casteu e Faria a un’ora e 41 minuti, la Sanz, Jakes e Pain. 14° Ceci, 47° Brioschi, 60° Toia, 61° Casuccio.
 
Tappa importante, invece, per i quad: la vittoria è andata al paraguaiano Sanabria Galeano (già  vincitore della settima tappa), davanti all’argentino Gonzaez Ferioli e al boliviano Nosiglia. 4° Sonik, mentre fuori dai giochi sia Lafuente che Casale per problemi tecnici ai due mezzi. 19° (e ultimo) Carignani, cha ha avuto dei problemi a metà  tappa.
Nella generale ora Sonik vanta un vantaggio di 2 ore e 51 minuti su Gonzalez Ferioli, 3 ore e 44 su Nosiglia, 4 ore e 19 su Sanabria Galeano, e 5 ore e 36 su Gallegos Lozic. 13° Carignani.
 
Fra la auto vittoria per Al-Attiyah, davanti all’altra Mini di Terranova, poi le quattro Toyota di Alrajhi, Poulter, De Villiers e Ten Brinke. 9° Peterhansel. 22° Despres. 50° Coronel (fatta eccezione per la prima breve tappa dove si era classificato 49°, è il suo miglior risultato). àˆ durato poco, invece, il riscatto di Roma: lo spagnolo, che ha distrutto la propria Mini cappottandosi su un dosso, è stato costretto al ritiro. Così come dovrebbe essere fuori dai giochi pure Dumas.
Nella generale allunga ancora Al-Attiyah portandosi a 28 minuti di vantaggio su De Villiers. Terzo Alrajhi a 43 minuti, quarto Holowczyc a un’ora e 23, quinto van Loon a due ore e 51. 14° Peterhansel a oltre 5 ore, 19° Terranova a oltre 7, 36° Despres a oltre 15. 66° Coronel.
 
Fra i camion tanto per cambiare doppietta Kamaz con Nikolaev 49 secondi più rapido di Mardeev. Quindi Viazovich, Loprais, De Rooy e Stacey. Solo 18° il quarto Kamaz di Sotnikov.
Nella generale è sempre Mardeev a guidare la classifica, ora con 13 minuti di vantaggio su Nikolaev e 42 su Karginov. 4° Loprais a 1 ora e 22 minuti, 5° Sotnikov a 2 ore e 19, 6° Stacey a 2 ore e 37, 7° Kolomy a 4 ore e 05, 8° van Vliet a 4 ore e 22, 9° Vasilevski a 6 ore e 42, 10° De Rooy a 7 ore e 10.

 

Quando mancano tre tappe alla fine sono ancora in gara 82 moto su 161 partite una settimana e mezza fa da Buenos Aires, 71 auto su 137 partite, 19 quad su 45 partiti, e 52 camion su 63 partiti.

 

dakar-dakar-2015-marc-coma.jpg

 

dakar-dakar-2015-26-ktm-toby-price.jpg

 

dakar-dakar-2015-pablo-quintanilla.jpg

 

dakar-dakar-2015-305-mini-orlando-terran

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Nuova vittoria per Barreda Bort fra le moto, questa volta per aprire una doppietta Honda. Dietro di lui, infatti, si è classificato Goncalves. I due, tuttavia, sono stati penalizzati rispettivamente di 45 e 15 minuti. La vittoria di tappa va quindi a Jakes, seguito da Faria e Price. 4° Coma che grazie alla penalizzazione di Goncalves guadagna altro tempo sul portoghese, ma che senza penalizzazione avrebbe perso tre minuti di vantaggio. Completano i primi dieci Quintanilla, Rodrigues e Svitko. 17° Ceci, 43° Brioschi, 44° Toia, 58° Casuccio.
Nella generale, dunque, il vantaggio di Coma su Goncalves sale a 21 minuti. Terzo, a 31 minuti, Price (alla sua prima Dakar), che ha scavalcato Quintanilla, ora quarto a 33 minuti. Segue Svitko a 48 minuti, poi più staccati Faria, Casteu, la Sanz, Jakes e Pain. 18° Barreda Bort. 14° Ceci, 44° Brioschi, 57° Toia, 59° Casuccio.
 
Fra i quad vittoria del francese Declerck, davanti a Sanabria Galeano e Nosiglia. 6° Sonik che ormai per portarsi a casa la vittoria deve solo più cercare di completare le tappe senza problemi. 14° Carignani. Da segnalare il ritiro di Gallegos Lozic.
Nella generale Sonik mantiene un vantaggio di 2 ore e 50 minuti su Gonzalez Ferioli, e 3 ore e 42 su Nosiglia. Sempre 13° Carignani.
 
Fra le auto altra vittoria di Al-Attiyah, che si è tenuto dietro (tutti in un minuto) Terranova, De Villiers e Vanagas (lituano su Toyota). Quinto Vasilyev, sesto Ten Brinke, settimo Peterhansel, ottavo Sousa con la Mitsubishi. 24° Despres, 64° Coronel. Gara finita per Alrajhi a causa di problemi meccanici sulla sua Toyota. Distacchi minimi vista la brevità  della tappa riservata ad auto e camion di appena 194 km.
Nella generale Al-Attiyah ha ora un vantaggio di 29 minuti su De Villiers. Terzo Holowczyc a un’ora e 28, poi van Loon, Lavieille, Vasilyev, Ten Brinke, Sousa, il kazako Rakhimbayev, il francese Chabote, e, 11°, Peterhansel, staccato di 5 ore e 16 dalla vetta. 18° Terranova a oltre 7 ore, 35° Despres, 67° Coronel.
 
Fra i camion sembrano essersi acquietati i Kamaz, vista la doppietta Iveco, con Stacey davanti a De Rooy. Terzo ha invece chiuso Nikolaev, davanti a Viazovich e van Vliet. 7° Loprais, 9° Mardeev che vede così ridursi il suo vantaggio su Nikolaev. Più indietro Karginov (15°) e Sotnikov (16°).
Nella generale Mardeev ha 11 minuti di vantaggio su Nikolaev. Un po’ più staccato Karginov che paga 47 minuti. Quarto è sempre Loprais a un’ora e 21 minuti, quindi Sotnikov a 2 ore e 24 minuti e Stacey a 2 ore e 33. Sempre 10° De Rooy. 26° il Ginaf di Bellina/Minelli/Massimo, 39° e 40° i Mercedes rispettivamente di Cabini/Verzelletti/Cabini e di Rizzardi/Calubini/Calabria.
 
Stanotte il bivacco è stato allestito nell’autodromo di Termas de Rio Hondo, dove corrono WTCC  e MotoGp.
 
dakar-dakar-2015-260-yamaha-christophe-d
 
dakar-dakar-2015-307-mini-krzysztof-holo
 
dakar-dakar-2015-501-iveco-gerard-de-roo
 
 
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Fra le moto prima vittoria per l’australiano Price, 2 minuti più rapido di Barreda Bort, che si deve accontentare della seconda posizione davanti a Goncalves, Jakes e Svitko. 6° Coma che perde tre minuti di vantaggio su Goncalves nella generale. 7° Rodrigues, 8° Quintanilla, poi l’olandese Verhoeven su Yamaha e la Sanz. 19° Ceci, 51° Casuccio, 57° Brioschi, 60° Toia.
Nella generale, a una tappa dal termine, Coma ha un vantaggio di 17 minuti su Goncalves e di 25 su Price. Quarto Quintanilla a 36 minuti, quinto Svitko a 46. Faria, sesto, ha un ritardo di un’ora e 50, Casteu, settimo, di un’ora e 55. Oltre le due di ritardo la Sanz e Jakes. Pain, 10°, paga 3 ore e 4 minuti. 14° Ceci (a quasi 5 ore), 44° Brioschi, 57° Toia, 59° Casuccio.
 
Fra i quad ci ha preso gusto Declerck che vince la sua seconda tappa consecutiva. Dietro di lui, esattamente come ieri, Sanabria Galeano e Nosiglia. 4° Sonik. 10° Carignani, poi penalizzato di 15 minuti, è scivolato 13°.
Nella generale Sonik ha 2 ore e 52 minuti di vantaggio su Gonzalez Ferioli, 3 ore e 41 su Nosiglia, 4 ore e 13 su Sanabria Galeano, 5 ore e 56 su Declerck. Decisamente più staccati gli altri. 13° Carignani.
 
Terranova fa sua la penultima tappa fra le auto, trenta secondi più rapido di Vasilyev. Terzo l’argentino Spataro su Renault Duster (da noi sarebbe Dacia), quindi Al-Attiyah, Ten Brinke e Sousa. I primi sei sono racchiusi in meno di due minuti. Settimo Peterhansel davanti a Holowczyc, Gordon e Rakhimbayev. Solo 12° De Villiers, sette minuti più lento di Al-Attiyah. 20° Despres. 54° Coronel, 1 ora e 5 minuti più lento di Terranova.
Nella generale Al-Attiyah può vantare 35 minuti di vantaggio su De Viliers e un’ora e 31 minuti di Holowczyc. 4° van Loon a 3 ore e 1 minuto, 5° Vasilyev a 3 ore e 12, 6° Lavieille a  3 ore e 15, tutti molto vicini. E ancora: 7° Ten Brinke a 3 ore e 41, 8° Sousa a 3 ore e 44, 9° Rakhimbayev a 4 ore e 7. 10° è Chabot a 4 ore e 41, 11° Peterhansel a 5 ore e 18. 18° Terranova a 7 ore e 7 minuti, 34° Despres a 15 ore e 36, 67° Coronel a 119 ore 29 minuti, di cui 17 ore e 13 di penalizzazione.
 
Seconda vittoria consecutiva anche per Stacey, stavolta seguito dal Man di van Vliet. Terzo, a 28 secondi dal compagno di squadra, De Rooy. Seguono i Kamaz di Sotnikov, Mardeev e Karginov. 7° Kolomy con il suo Tatra, quindi il quarto Kamaz di Nikolaev, davanti al terzo mezzo Iveco di Vila. Tappa sfortunata per Loprais che chiude 22°.
Nella generale il vantaggio di Mardeev su Nikolaev cresce di 92 secondi, quindi ora i due sono divisi 13 minuti. Terzo Karginov a 48 minuti, quarto Loprais a 1 ora e 45, quinto Sotnikov a 2 ore e 24, sesto Stacey a 2 ore e 31. Seguono Kolomy a 4 ore 5 minuti e van Vliet a 4 e 20. 9° Vasilevski con il Maz a 7 ore e 3 minuti, 10° De Rooy a 7 ore e 6 minuti. 26° il Ginaf di Bellina/Minelli/Massimo, 39° e 40° i Mercedes rispettivamente di Rizzardi/Calubini/Calabria e di Cabini/Verzelletti/Cabini (invertiti rispetto a ieri).
 
Nessun ritirato in nessuna delle quattro categorie in questa penultima tappa. Oggi c’è l’atto finale, 174km di speciale per fare ritorno a Buenos Aires, da dove erano partiti un po’ più numerosi quasi due settimane fa. Cercheranno di non arrendersi all’ultima prova 79 moto, 18 quad, 68 auto e 51 camion.
 
dakar-dakar-2015-giniel-de-villiers.jpg
 
dakar-dakar-2015-cyril-despres.jpg
 
dakar-dakar-2015-bernhard-ten-brinke.jpg
 
dakar-dakar-2015-nasser-al-attiyah.jpg
 
dakar-dakar-2015-302-peugeot-st-phane-pe
 

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

primi verdetti della Dakar 2015

 

Marc Coma vince la sua 5^ Dakar, vittoria di tappa (accorciata per la pioggia) a Jakes su Svitko e Price, 4° Gonà§alves, 5° Coma

 

Classifica finale Moto
1. Marc Coma - KTM - 46.03'49"
2. Paulo Goncalves - Honda - +16'53"
3. Toby Price - KTM - +23'14"
4. Pablo Quintanilla - KTM - +38'38"
5. Stefan Svitko - KTM - +44'17"
6. Ruben Faria - KTM - +1.57'50"
7. David Casteu - KTM - +2.00'14"
8. Ivan Jakes - KTM - +2.18'18"
9. Laia Sanz - Honda - +2.24'21"
10. Olivier Pain - Yamaha - +3.09'09"

14. Paolo Ceci - KTM - +4.58'14"

 

mentre Rafal Sonik si aggiudica il titolo tra i Quad, vittoria di tappa a Saaijam su Declerck e Domaszewski, 4° il nostro Juan Carlos Carignani, 8° Sonik

 

Classifica finale Quad
1. Rafal Sonik - Yamaha - 57.18'39"
2. Jeremias Gonzales Ferioli - Yamaha - +2.54'50"
3. Walter Nosiglia - Honda - +3.42'56"
4. Nelson Augusto Sanabria Galeano - Yamaha - +4.08'57"
5. Christophe Declerck - Yamaha - +5.48'40"
6. Daniel Domaszewski - Honda - +8.36'10"
7. Sebastian Palma - Can-Am - +10.30'14"
8. Santiago Hansen - Honda - +13.24'30"
9. Willem Saaijman - Yamaha - +13.28'38"
10. Andre Suguita - Can-Am - +22.21'14"

13. Juan Carlos Carignani - Yamaha - +31.26'43"

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

terminata anche la Dakar di Auto e Truck

 

Nelle auto trionfo per il principe del Qatar Nasser Al-Attiyha, vittoria di tappa (cortissima di 34 km causa allagamenti) per Gordon/Campbell su Poultier/Howie e Spataro/Lozada, De Villiers 5°, Al-Attiyha 6°

 

Classifica generale auto
1. Al-Attiyah/Baumel – Mini – in 40.32’25â€
2. De Villiers/Von Zitzewitz – Toyota - +35’34â€
3. Holowczyc/Panseri – Mini - +1.32’01â€
4. Van Loon/Rosegaar – Mini – +3.01’52â€
5. Vasilyev/Zhiltsov – Mini – +3.12’41â€
6. Lavielle/Maimon – Toyota – +3.15’58â€
7. Ten Brinke/Colsoul – Toyota – +3.42’02â€
8. Sousa/Fiuza – Mitsubishi – +3.44’59â€
9. Rakhimbayev/Nikolaev – Mini - +4’08’44â€
10. Chabot/Pillot – SMG - +4’42’36â€
11. Peterhansel – Cottret – Peugeot - +5.19’15â€

 

nei Truck si impone Mardeev, vittoria di tappa (anche questa accorciata) per l'IVECO con Stacey su Van Viliet e lo stesso Mardeev, 5° Nikolaev, 7° De Rooy

 

Classifica generale Camion
1. Mardeev/Belyaev/Svistunov – Kamaz – in 42.22’01â€
2. Nikolaev/Yakovlev/Akhmadeev – Kamaz – +13'52"
3. Karginov/Mokeev/Leonov – Kamaz - +51'00"
4. Loprais/Marco Alcayna/Van Der Vaet – Man – +1.56'37"
5. Sotnikov/Devyatkin/Aferin – Kamaz - +2.24'32"
6. Stacey/Bruynkens/Der Kinderen – Iveco – +2.29'29"
7. Kolomy/Kilian/Kilian - Tatra - +4.07'29â€
8. Van Vliet/Pronk/Klein – Man - +4.19'41"
9. De Rooy/Damen/Rodewald – Iveco - +7.08’41â€
10. Vasilevski/Kazlouski/Zaparoshchanka – Maz - +7.08’59â€

26. Bellina/Minelli/Massimo - Ginaf - +25.09'23"

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

La tappa finale (già  breve di suo, è stata anche accorciata per le condizioni meteo) è andata nelle mani di Jakes 45 secondi più rapido di Svitko. Terzo Price, davanti a Goncalves e Coma. Quindi i due olandesi Vogels e Verhoeven. 8° Quintanilla, 9° il francese de Soultrait, 10° la Sanz. Seguono Pain e Casteu. Indietro, 64°,  Barreda Bort. 15° Ceci, 50° Brioschi, 52° Toia, 68° Casuccio
 
Fra i quad vittoria per il sudafricano Saaijmann. Seconda posizione, sei secondi più lento, per Declerck, terza per l’argentino Domaszewski. 4° Carignani, 8° Sonik.
 
Fra le auto il più rapido è stato Gordon, seguito da Poulter (su Toyota), Spataro, Terranova, De Villiers, Al-Attiyah, Ten Brinke, Holowczyc e van Loon, tutti in meno di un minuto. Quindi Vasilyev, Sousa, Peterhansel, Lavieille, Rakhimbayev e Chabot. 21° Despres, due minuti più lento di Gordon, 58°  Coronel.
 
Fra i camion vittoria per Stacey, davanti a van Vliet e ai tre Kamaz di Mardeev, Sotnikov e Nikolaev. 6° Kolomy, poi De Rooy e Karginov. 14° Loprais.
 
 
Le classifiche finali dicono che Marc Coma ha vinto fra le moto, davanti a Goncalves e Price. Quindi completano la top ten: Quintanilla, Svitko, Faria, Casteu, Jakes, Sanz e Pain. Fra gli altri, 11° Vogels, 12° Rodrigues, 14° Ceci, 15° Verhoeven, 17° Barreda Bort, 36° l’indiano Chunchunguppe Shivashankar (mi piace il nome..), 46° Brioschi, 57° Toia, 60° Casuccio
 
dakar-dakar-2015-bike-category-podium-wi
 
 
Rafal Sonik si è imposto fra i quad davanti a Gonzalez Ferioli e Nosiglia. Completano la top ten (cioè più di metà  di quelli che sono arrivati alla fine): Sanabria Galeano, Declerck, Domaszewski, Palma, Hansen, Saaijman e Suguita. Fra gli altri, 13° Carignani
 
dakar-dakar-2015-quad-category-podium-wi
 
 
Nasser Al-Attiyah (con Matthieu Baumel) ha vinto fra le auto, davanti a De Villiers e Holowczyc. Completano la top ten: van Loon, Vasilyev, Lavieille, Ten Brinke, Sousa, Rakhimbayev e Chabot. Fra gli altri, 11° Peterhansel, 16° Poulter, 18° Terranova, 19° Gordon, 21° Spataro, 24° Vanagas, 34° Despres, 45° Chicherit. Coronel è stato escluso al termine della tappa, ma ha fatto ricorso, quindi non si sa ancora se verrà  classificato o meno.
 
dakar-dakar-2015-car-category-podium-win
 
 
Airat Mardeev (con Balyaev e Svistunov) ha trionfato fra i camion davanti a Nikolaev e Karginov. Completano la top ten: Loprais, Sotnikov, Stacey, Kolomy, van Vliet, De Rooy e Vasilevski. Fra gli altri, 13° Vila, 26° Bellina, 39° Rizzardi, 40° Cabini
 
dakar-dakar-2015-truck-category-podium-w
 

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

 un Grazie  particolare a Stefano e Giuseppe per le puntuali cronache ed aggiornamenti...

e chiedo; il percorso è uguale per tutti i mezzi? perchè in questo caso il Kamaz è arrivato 4° assoluto :huh:

e per la Peugeot mi sembra si possa dire sia stata una disfatta...

 

Alla Peugeot poteva andare meglio in effetti..

Problemi gravi (da doversi ritirare) non ne hanno avuti, ma tanti altri inconvenienti che fanno perdere tempo si. Despres non ha fatto nulla di eccezionale, ma in fondo era il suo primo anno, su una macchina all'esordio, quindi è difficile dire che abbia fatto male. Ovviamente Sainz e Peterhansel si sono comportati meglio; lo spagnolo non stava andando male, ma un incidente può sempre capitare, mentre il francese, soprattutto all'inizio ha patito qualche piccolo problema alla vettura. Comunque credo che parlare di disfatta sia eccessivo; disfatta sarebbe stato ritirarsi con tutte e tre le macchine già  a metà  gara, o dimostrare, nelle singole tappe, di non riuscire mai a stare con i primi. E disfatta sarebbe, ovviamente, se l'anno prossimo non riuscissero a fare meglio di quest'anno. Di sicuro la loro Dakar è andata male (non sono nemmeno nella top ten finale), ma secondo me si vedrà  meglio l'anno prossimo se il progetto è stato un fallimento oppure no.

 

L'ultima tappa prevedeva percorso uguale per tutti, ma è stata interrotta prima della fine e i camion partivano per ultimi, mentre nell'arco delle 13 tappe i percorsi sono stati differenti per le varie categorie.. però sinceramente non ha capito la domanda  :D  :)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Anche Honda tra le moto ha faticato tantissimo all'inizio, quest'anno senza l'incidente di Barreda avrebbero vinto abbastanza comodamente. Anche perché lo spagnolo è davvero forte, e non lo avrei mai creduto perché quando era crossista era pilota da metà  classifica.

 

Peugeot già  l'anno prossimo sarà  molto più competitiva, del resto è l'unica Casa al di fuori del gruppo Volkswagen ad avere vinto a Le Mans dall'inizio del millennio, sicuramente di auto forti ne sanno costruire.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

un Grazie  particolare a Stefano e Giuseppe per le puntuali cronache ed aggiornamenti...

e chiedo; il percorso è uguale per tutti i mezzi? perchè in questo caso il Kamaz è arrivato 4° assoluto :huh:

e per la Peugeot mi sembra si possa dire sia stata una disfatta...

Quad e moto hanno lo stesso percorso, auto e camion hanno quasi sempre lo stesso percorso che è quasi sempre diverso da quello di moto e quad. Solo 2 tappe (oltre l'ultima) avevano lo stesso percorso per tutti. Per esempio i camion non sono andati in Bolivia ma hanno fatto due tappe nei dintorni di Iquique mentre gli altri andavano e tornavano da Uyuni. Sul sito della Dakar ci sono tutti i percorsi di tutte le tappe con profilo altimetrico e si possono vedere le differenze

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Ragazzi complimenti per la cronaca di questa Dakar ;)

Che corsa di Al-Attyha non me lo sarei mai aspettato, pensavo che Sainz potesse fate molto bene peccato per l'incidente

per me era tra i favoriti insieme a Terranova, mi sarei aspettato qualcosa anche dagli altri (Roma, Peterhansel e Sainz) che purtroppo sono stati sfortunati

Link to comment
Share on other sites

Una serie di video ripresi tutti nello stesso punto per vedere le traiettorie (con relative indecisioni) che ogni camion segue
 
 
Victor Versteinen sul Daf #542
 
Ton van Genugten sul Daf #532
 
Adwin Hoondert sul Daf #537 e Jordy Juvanteny sul Man #530
 
Aart Schones sul Daf #531
 
Ales Loprais sul Man #503
 
Wulfert van Ginkel sul Ginaf #511
 
Pascal De Baar sul Renault #519
 
Marcel van Vliet sul Man #508
 
Aliaksandr Palishchuk sul Maz #560
 
Eimbert Timmermans sul Daf #529
 
Steven Rotsaert sul Man #523
 
Teruhito Sagawara sul Hino #516
 
Pep Vila sull’Iveco #509 e Frits van Eerd sul Daf #514
 
Peter van den Bosch sul Daf #527
 
 
Da un’altra prospettiva invece il passaggio di Stacey e del Mercedes #555 di Rizzardi/Calubini/Calabria
 
 
 
 
Qui invece si vede la polvere che alza un camion, e come, se ci sei dietro, non vedi nulla
 

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • 10 months later...

mi sembra il caso di aprire il 3d sulla Dakar che quest'anno vedrà la partenza sempre in Argentina, il passaggio in Bolivia per poi ritornare nuovamente in Argentina

parcours-carte-v3.jpg 

Il percorso sarà di  oltre 9000 chilometri qualunque sia la categoria, e il record quest'anno spetta nuovamente alle auto che percorreranno, almeno sulla carta, 9583 chilometri complessivi, fra trasferimenti e speciali, contro i 9319 delle moto e i 9385 dei camion. Una tappa marathon per auto e camion, due per le moto e i quad. La gara si aprirà in maniera totalmente diversa rispetto alle sette precedenti edizioni della Dakar in Sud America, che vedrà già il 2 gennaio una  prologo di 11 chilometri che avrà come unico scopo quello di definire la griglia di partenza della prima tappa, quella del 3 gennaio. La notte bivacco "light" a Rosario e questa prologo è stata studiata proprio per evitare a tutti, piloti, assistenze e persone al seguito, di sorbirsi oltre 900 chilometri già il primo giorno di gara. Così se il 2 si percorreranno in tutto 350 chilometri, il giorno dopo ne resteranno solo 650 per arrivare a Villa Carlos Paz e al primo vero bivacco. Il 6 gennaio si avrà la tappa marathon ad anello, di oltre 600 chilometri di cui 429 di prova speciale per tutti, meno che per i camion che ne copriranno 418. La sera dell'Epifania, una volta rientrati al bivacco, tutti i mezzi verranno sistemati in un parco chiuso cosa che su una Dakar non avveniva più dal 1998.Il 7 gennaio, mentre le assistenze raggiungeranno la Bolivia i piloti ripartiranno per Uyuni con una unica tappa di 642 chilometri, di cui 327 di speciale, uguali per tutti, che alla sera porterà anche loro al bivacco boliviano. il 15 gennaio ci sarà la tappa più lunga e massacrante di 931 chilometri di cui 481 di prova speciale per tutti, fatta eccezione per i camion che ne copriranno solo 267 sotto controllo cronometrico

Le Tappe:

03/01: Buenos Aires - Villa Carlos Paz
04/01: Villa Carlos Paz - Termas de Río Hondo
05/01: Termas de Río Hondo - Jujuy
06/01: Jujuy - Jujuy
07/01: Jujuy - Uyuni
08/01: Uyuni - Uyuni
09/01: Uyuni - Salta
10/01: RIPOSO 
11/01: Salta - Belén
12/01: Belén - Belén
13/01: Belén - La Rioja
14/01: La Rioja - San Juan
15/01: San Juan - Villa Carlos Paz
16/01: Villa Carlos Paz - Rosario

tra i piloti auto ci saranno 2 intro eccellenti come si sa già Loeb sarà in Peugeot  in squadra con i ben più quotati Peterhansel,Despres e Sainz ci sarà anche l'esordio di Mikko Hirvonen alla guida di una Mini privata

Edited by Pep92
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

LISTA PILOTI

Auto

Nome Marca
300 AL-ATTIYAH NASSER (QAT)
BAUMEL MATTHIEU (FRA)
MINI
301 DE VILLIERS GINIEL (ZAF)
VON ZITZEWITZ DIRK (DEU)
TOYOTA
302 PETERHANSEL STEPHANE (FRA)
COTTRET JEAN PAUL (FRA)
PEUGEOT
303 SAINZ CARLOS (ESP)
CRUZ LUCAS (ESP)
PEUGEOT
304 ROMA NANI (ESP)
HARO BRAVO ALEX (ESP)
MINI
305 ALRAJHI YAZEED (SAU)
GOTTSCHALK TIMO (DEU)
TOYOTA
306 VAN LOON ERIK (NLD)
ROSEGAAR WOUTER (NLD)
MINI
307 VASILYEV VLADIMIR (RUS)
ZHILTSOV KONSTANTIN (RUS)
TOYOTA
308 LAVIEILLE CHRISTIAN (FRA)
POLATO JEAN MICHEL (FRA)
RENAULT
309 SOUSA CARLOS (PRT)
FIUZA PAULO (PRT)
MITSUBISHI
310 TERRANOVA ORLANDO (ARG)
GRAUE BERNARDO (ARG)
MINI
311 TEN BRINKE BERNHARD (NLD)
COLSOUL TOM (BEL)
TOYOTA
312 GORDON ROBBY (USA)
WALCH KELLON (USA)
GORDINI
313 GARAFULIC BORIS (CHL)
PALMEIRO FILIPE (PRT)
MINI
314 LOEB SEBASTIEN (FRA)
ELENA DANIEL (MCO)
PEUGEOT
315 HIRVONEN MIKKO (FIN)
PERIN MICHEL (FRA)
MINI
316 CHABOT RONAN (FRA)
PILLOT GILLES (FRA)
TOYOTA
317 SPATARO EMILIANO (ARG)
LOZADA BENJAMIN (ARG)
RENAULT
318 SPINELLI GUILHERME (BRA)
HADDAD YOUSSEF (BRA)
MITSUBISHI
319 POULTER LEEROY (ZAF)
HOWIE ROBERT (ZAF)
TOYOTA
320 PONS XAVIER (ESP)
TORLASCHI RICARDO ADRIAN (ARG)
FORD
321 DESPRES CYRIL (FRA)
CASTERA DAVID (FRA)
PEUGEOT
322 DABROWSKI MAREK (POL)
CZACHOR JACEK (POL)
TOYOTA
323 HUNT HARRY (GBR)
SCHULZ ANDREAS (DEU)
MINI
324 CHICHERIT GUERLAIN (FRA)
WINOCQ ALEXANDRE (FRA)
BUGGY
325 MALYSZ ADAM (POL)
PANSERI XAVIER (FRA)
MINI
326 ZAPLETAL MIROSLAV (CZE)
MARTON MACIEJ (POL)
HUMMER
327 PRZYGONSKI JAKUB (POL)
RUDNITSKI ANDREI (BLR)
MINI
328 DUMAS ROMAIN (FRA)
BORSOTTO FRANCOIS (FRA)
PEUGEOT
329 PROKOP MARTIN (CZE)
TOMANEK JAN (CZE)
TOYOTA
331 SCHOTT STEPHAN (DEU)
SCHMIDT HOLM (DEU)
MINI
332 MORENO PIAZZOLI RODRIGO JAVIER (CHL)
ARAYA DIAZ JORGE GABRIEL (CHL)
FOTON
333 VANAGAS BENEDIKTAS (LTU)
SEBASTIAN ROZWADOWSKI (POL)
TOYOTA
334 PELICHET JERÔME (FRA)
DECRE EUGENIE (CHE)
TOYOTA
335 BERNARD ERIC (FRA)
VIGNEAU ALEXANDRE (FRA)
BUGGY
336 SCHRODER JURGEN (DEU)
SCHRODER DANÏEL (DEU)
NISSAN
337 CAMPBELL JOHNNY (USA) GORDINI
339 SILVA JUAN (ARG)
GLAVIC TOMISLAV (HRV)
MERCEDES
340 PETER JERIE (CZE)
MOSCATT DALE (AUS)
TOYOTA
341 SIREYJOL PATRICK (FRA)
BEGUIN FRANCOIS-XAVIER (BEL)
TOYOTA
342 MIURA AKIRA (JPN)
LICHTLEUCHTER LAURENT (FRA)
TOYOTA
343 GIBON NICOLAS (FRA)
GARCIN JEAN-PIERRE (FRA)
TOYOTA
344 WILLEMS MAIK (NLD)
VAN PELT ROBERT (NLD)
TOYOTA
345 CHEREDNIKOV ANDREY (KAZ)
TSYRO DMYTRO (UKR)
FORD
346 CORBETT MARK (ZAF)
MOHR JUAN (ZAF)
CENTURY
347 CORONEL TOM (NLD) SUZUKI
348 FOJ XAVIER (ESP)
SANTAMARIA IGNACIO (ARG)
TOYOTA
349 MAS VALDES DANIEL (CHL)
LATRACH VINAGRE JUAN PABLO (CHL)
FORD
351 LOPEZ CRISTOBAL NAZARENO (ARG)
LAFUENTE SERGIO (URY)
MINI
352 BULACIA MARCO (BOL)
GARCIA RUBEN (ARG)
TOYOTA
353 GRACIA RUBEN (ESP)
VALLEJO DIEGO (ESP)
MITSUBISHI
354 CORONEL TIM (NLD) SUZUKI
355 BESSON JEAN - PASCAL (FRA)
ROISSAC PATRICE (FRA)
BUGGY
356 ALCARAZ WILLIAM (FRA)
PACQUELET THIERRY (FRA)
TOYOTA
358 MACHACEK JOSEF (CZE)
PLECHATY MARTIN (CZE)
NISSAN
360 MEILING GUO (CHN)
MIN LIAO (CHN)
MINI
362 GONZALEZ INSFRAN ADOLFO (PRY)
ZAPAG BLAS (PRY)
TOYOTA
363 THEURIOT JEAN - PHILIPPE (FRA)
PROT PATRICK (FRA)
NISSAN
364 SISTERNA LINO RAMON (ARG)
SISTERNA FEDERICO (ARG)
VOLVO
365 CHICHARRO ALVARO (CHL)
LEGARRETA PATRICIO (CHL)
FOTON
366 JUKNEVICIUS ANTANAS (LTU)
SLAPSYS MINDAUGAS (LTU)
TOYOTA
367 TORRES LEANDRO (BRA)
ROLDAN LOURIVAL (BRA)
POLARIS
368 BARBERY PAZ LUIS FERNANDO (BOL)
DAZA JIMENEZ HERNAN (BOL)
TOYOTA
369 JATON ARIEL (ARG)
SCAZZUSO GASTON DANIEL (ARG)
ACCIONA ECO POWERED
370 MALDONADO MARTIN (ARG)
SCHOLZ VERGNOLLE SEBASTIAN (ARG)
MERCEDES
371 AMOS EUGENIO (ITA)
TORNABELL CORDOBA RAFAEL (ESP)
POLARIS
372 LOPEZ JESUS (PER)
HIRAHOKA TOMAS (PER)
MITSUBISHI
373 SEEL ANNIE (SWE)
HESKES BERT (NLD)
DESERT WARRIOR
374 AMOR EDUARDO OSVALDO (ARG)
DI PALMA JOSE LUIS (ARG)
TOYOTA
375 REITZ SEAN BASIL (ZAF)
GREYLING RIAAN (ZAF)
NISSAN
376 BLANGINO JOSE ANTONIO (ARG)
BLANGINO JUAN IGNACIO (ARG)
TOYOTA
377 MERCEIJ PETER (NLD)
ERREN PETER (NLD)
TOYOTA
378 MATTHEWS COLIN (ZAF)
BURKE RODNEY (ZAF)
CENTURY
379 SEAIDAN YASIR (SAU)
DELAUNAY SEBASTIEN (FRA)
TOYOTA
380 ZHITAO HE (CHN)
ZHAO KAI (CHN)
TOYOTA
381 OUREDNICEK TOMAS (CZE)
VACULIK PAVEL (CZE)
HUMMER
382 NAIVIRT ROBERTO (ARG)
BONAZZOLA RICARDO EMILIO (ARG)
TOYOTA
383 BRADACH FERNANDO LUIS (ARG)
CORVALAN ROBERTO SAMUEL (ARG)
RENAULT
384 JOAO ANTONIO FRANCIOSI (BRA)
GUGELMIN GUSTAVO (BRA)
MITSUBISHI
385 DOLLEVOET EBERT (NLD)
SNIJDERS MARCEL (NLD)
VOLVO
386 SOMFAI IMRE (HUN)
SOMFAI MATYAS (HUN)
TOYOTA
387 BEDIN GIANPAOLO (ITA) AUDI
388 TUHEIL FREDERIC (FRA)
TUHEIL PIERRE (FRA)
TOYOTA
389 CINOTTO MICHELE (ITA)
DOMINELLA MAURIZIO (ITA)
POLARIS
390 ZALA VAIDOTAS (LTU)
JURGELENAS SAULIUS (LTU)
SEAT
391 RANDYSEK DUSAN (CZE)
PLNY ROSTISLAV (CZE)
ARCTIC CAT
392 HIRIGOYEN ANDRE (FRA) VOLKSWAGEN
393 BARBERY JUAN JOSE (ARG) BUGGY
394 RUIJIN MAO (CHN)
KA CHUN YU (HKG)
POLARIS
395 VILLEGAS AGUERO CARLOS ALBERTO (ARG)
MATTAR SMITH MARIA DEL HUERTO (ARG)
NISSAN
396 PIERCE DEREK (GBR)
PIERCE JAMES (GBR)
DESERT WARRIOR
397 CORVAJA LUCA (FRA)
HILLAIRE-CORVAJA KARINE (FRA)
TOYOTA
398 ROCA MERCADO JULIO CESAR (BOL)
MONTANO PANOS OSCAR (ESP)
TOYOTA
399 VALLEJO JUAN CARLOS (CHL)
BARONIO LEONARDO (PER)
VOLKSWAGEN
400 RAUD PHILIPPE (FRA)
BALTES-MOUGEOT EMMANUEL (FRA)
TOYOTA
401 GUTIERREZ FLEIG ALBERTO RODRIGO (BOL)
RUBI MONTSERRAT JOAN (ESP)
TOYOTA
402 PIANA MARCO (FRA)
GRIENER STEVEN (CHE)
TOYOTA
403 SALAZAR VELASQUEZ MAURICIO (COL)
SALAZAR SIERRA MAURICIO (COL)
TOYOTA
404 VENTURA FERNANDO (ARG)
RAMIREZ ARNALDO GERMAN (ARG)
TOYOTA
405 ABARCA JUAN GABRIEL (ARG)
VARELA BLANCO JUAN CRUZ (ARG)
TOYOTA
406 MALDONADO FORTUNATO (BOL)
ALANOCA VICTOR (BOL)
TOYOTA
407 MARROCCHI DANIEL (ARG)
OTANO FRANCISCO (ARG)
BUGGY
408 BEKKER EELCO (NLD)
BOOIJ SIJBRAND (NLD)
TOYOTA
409 BAUD LIONEL (FRA)
DEZEIRAUD THIERRY (FRA)
BUGGY
410 WAGENFUHR JORGE (BRA)
KRAVTCHENKO JOEL (BRA)
MITSUBISHI
411 RODI BRUNO (CAN)
THOMPSON GLEN (GBR)
RALLYRAID UK
412 VELASQUEZ TINTILAY DELIO (BOL)
ARRIETA EUGENIO ANDRES (ARG)
TOYOTA
413 MARRINI STEFANO (ITA) MITSUBISHI
414 REINA ALICIA (ARG)
PELAYO CARLOS DANTE (ARG)
TOYOTA
415 ROBERTI HERNAN (ARG)
ACOSTA FERNANDO (ARG)
NISSAN
417 CAMPANERA LAUREANO (ARG)
BURANI EZEQUIEL (ARG)
....
469 PAYEN HUGO (FRA)
JOUBERT LUDOVIC (FRA)
POLARIS

Moto

Nome Marca
2 GONCALVES PAULO (PRT)

HONDA

3 PRICE TOBY (AUS)

KTM

4 QUINTANILLA PABLO (CHL)

HUSQVARNA

5 SVITKO STEFAN (SVK)

KTM

6 BARREDA BORT JOAN (ESP)

HONDA

7 RODRIGUES HELDER (PRT)

YAMAHA

8 FARIA RUBEN (PRT)

HUSQVARNA

9 CASTEU DAVID (FRA)

KTM

10 PAIN OLIVIER (FRA)

KTM

11 VILADOMS JORDI (ESP)

KTM

12 SANZ LAIA (ESP)

KTM

14 WALKNER MATTHIAS (AUT)

KTM

15 VERHOEVEN FRANS (NLD)

YAMAHA

16 JAKES IVAN (SVK)

KTM

17 PEDRERO GARCIA JUAN (ESP)

SHERCO TVS

18 BOTTURI ALESSANDRO (ITA)

YAMAHA

19 METGE MICHAEL (FRA)

HONDA

20 DUCLOS ALAIN (FRA)

SHERCO TVS

21 GOUET PEREZ DANIEL (CHL)

SUZUKI

22 PIZZOLITO JAVIER (ARG)

HONDA

23 FARRES GUELL GERARD (ESP)

KTM

25 SUNDERLAND SAM (GBR)

KTM

26 DE AZEVEDO JEAN (BRA)

HONDA

27 ARANA TXOMIN (ESP)

HUSQVARNA

29 VOGELS HANS (NLD)

KTM

30 DE SOULTRAIT XAVIER (FRA)

YAMAHA

31 KLYMCIW ONDREJ (CZE)

HUSQVARNA

32 CECI PAOLO (ITA)

HONDA

33 GYENES EMANUEL (ROU)

KTM

34 VAN PELT ROBERT JR (NLD)

HUQSVARNA

35 DA COSTA BRUNO (FRA)

YAMAHA

36 SALVATIERRA JUAN CARLOS (BOL)

KTM

37 PABISKA DAVID (CZE)

KTM

38 LOPEZ JOVE ESTEBAN ARIEL (ARG)

YAMAHA

39 ENGEL MILAN (CZE)

KTM

40 VAN DEN GOORBERGH JURGEN (NLD)

KTM

41 PROHENS FELIPE (CHL)

KTM

42 VAN BEVEREN ADRIEN (FRA)

YAMAHA

43 CABRERA PATRICIO (CHL)

KAWASAKI

44 PATRAO MARIO (PRT)

KTM

45 MONLEON ARMAND (ESP)

KTM

46 GOMEZ MAURICIO JAVIER (ARG)

YAMAHA

47 BENAVIDES KEVIN (ARG)

HONDA

48 BRABEC RICKY (USA)

HONDA

49 MEO ANTOINE (FRA)

KTM

50 CERUTTI JACOPO (ITA)

HUSQVARNA

51 RENET PIERRE ALEXANDRE (FRA)

HUSQVARNA

52 CERVANTES MONTERO IVAN (ESP)

KTM

53 RODRIGUEZ PABLO (ARG)

KTM

54 MINAUDIER LOIC (FRA)

KTM

55 CARILLON PATRICE (FRA)

KTM

56 CHUNCHUNGUPPE SHIVASHANKAR SANTOSH (IND)

SUZUKI

57 CAVELIUS PHILIPPE (FRA)

KTM

58 PIATEK JAKUB (POL)

KTM

59 AGAZZI SIMONE (ITA)

HUSQVARNA

60 VAYSSADE FLORENT (FRA)

SHERCO TVS

61 METGE ADRIEN (FRA)

HONDA

62 OLIVERAS CARRERAS DANIEL (ESP)

KTM

63 CORNEJO FLORIMO JOSE IGNACIO (CHL)

SUZUKI

64 VAN HEERTUM CASPAR (NLD)

KTM

65 VELLUTINO CARLO (PER)

KTM

66 ARREDONDO FRANCISCO (GTM)

KTM

67 PASCUAL PABLO OSCAR (ARG)

KTM

68 VESELY JAN (CZE)

KTM

70 BIANCHI PRATA PEDRO (PRT)

HONDA

71 MITSUHASHI JUN (JPN)

KTM

72 ONTIVEROS ALBERTO SANTIAGO (ARG)

BETA

73 LAZARD LAURENT (URY)

KTM

74 DEMELCHORI DIEGO (ARG)

KAWASAKI

75 LIEFHEBBER HANS-JOS (NLD)

KTM

76 LECONTE EDOUARD (FRA)

YAMAHA

77 SOLA TARRADELLAS MARC (ESP)

YAMAHA

78 RIOS FELIPE (PER)

KTM

79 MOREAU XAVIER (FRA)

KTM

80 LUCCHESE MANUEL (ITA)

YAMAHA

81 STASIACZEK PAWEL (POL)

KTM

82 GABARI HARITE (MAR)

KTM

83 VAN HEERTUM MELCHIOR (NLD)

KTM

84 MARTENS SJAAK (NLD)

HUSQVARNA

85 BILLAUD NICOLAS (FRA)

KTM

86 VAN GERVEN JAN (NLD)

KTM

87 VAN GEEL MARCO (NLD)

KTM

88 RIEZEBOS JASPER (NLD)

KTM

89 GULDMAN GONZALEZ CRISTOBAL ANDRES (CHL)

KAWASAKI

90 BONY BRUNO (FRA)

KTM

91 CARDONA VAGNONI NICOLAS ALBERTO (VEN)

YAMAHA

92 GIMENO GARCÍA ANTONIO (ESP)

KTM

93 ROMERO FONT ROSA (ESP)

KTM

94 FERNANDEZ CARLOS (ESP)

HUSQVARNA

95 FERNANDEZ MENDEZ DOMINGO (ESP)

HUQSVARNA

96 DIOCLEZIANO TOIA (ITA)

KTM

97 MARTI FLIX ENRIC (ESP)

KTM

98 UDRY DAMIEN (CHE)

KTM

99 FUENTES FABRICIO (BOL)

KTM

100 CROQUELOIS ERIC (FRA)

KTM

101 GOURLIA STEPHANE (FRA)

KTM

103 SMITH ALEXANDER (USA)

HUSQVARNA

104 DUPLESSIS DIEGO MARTIN (ARG)

KTM

105 BRIGHT SCOTT (USA)

KTM

106 BLYTHE IAN (USA)

KTM

107 SAGHMEISTER GABOR (SRB)

KTM

108 ANO JULIO (FRA)

YAMAHA

109 COLA FEDERICO EDUARDO (ARG)

HONDA

110 ZAHN INGO (DEU)

KTM

111 ESPINASSE SYLVAIN (FRA)

HUQSVARNA

112 SMIT HANS (NLD)

HUSQVARNA

113 REINIKE MARCO (CHL)

KTM

114 BRABECK-LETMATHE NICOLAS (AUT)

KTM

115 ESPANA MUNOZ CRISTIAN (AND)

SUZUKI

116 CORK CHRISTOPHER (GBR)

KTM

117 PETRONE SALDIVAR SERGIO (ARG)

YAMAHA

118 BERDYSZ MACIEJ (POL)

KTM

119 GHITTI FEDERICO (ITA)

YAMAHA

120 GUSTAVO BASSI (ARG)

YAMAHA

121 SENN VAN BASEL HUMPHREY (NLD)

KTM

122 URQUIA SEBASTIAN ALBERTO (ARG)

YAMAHA

123 VERKADE MAIKEL (NLD)

HONDA

124 WIJNHOVEN DAVID (NLD)

KTM

125 POTGIETER KOBUS (ZAF)

KTM

126 SARMIENTO CERON JUAN ESTEBAN (COL)

YAMAHA

127 ROJO JUAN AGUSTIN (ARG)

GASGAS

130 BOSMAN WESSEL (LSO)

KTM

131 CATANESE FRANCESCO (ITA)

YAMAHA

132 GARCIA DOMINGUEZ JOSE (ESP)

BMW

133 QUIROGA JULIO FEDERICO (ARG)

YAMAHA

134 SMITH JAMIE (GBR)

KTM

135 MONNIN NICOLAS (CHE)

KTM

137 SMITS ROB (NLD)

HONDA

138 BARBERO ALESSANDRO (ITA)

HUQSVARNA

139 CAVALLERO SEBASTIAN (PER)

SUZUKI

140 CHOLLET GUILLAUME (FRA)

YAMAHA

141 DUHAMEL ERIC (FRA)

KTM

142 GARCIA MERINO JULIAN JOSE (ESP)

YAMAHA

144 BURGA OSWALDO (PER)

KTM

145 GITTERE CARROLL (USA)

HUSQVARNA

146 JULIAN GUILLERMO (ARG)

YAMAHA

147 KOZAC JOSE JULIAN (ARG)

YAMAHA

148 LHOTSKY RUDOLF (CZE)

KTM

149 MARCIC SIMON (SVN)

KTM

150 MEDINA ALEXIS MARTIN (ARG)

BETA

151 METELLI LIVIO (ITA)

KTM

153 NOGALES COPA DANNY ROBERT (BOL)

HONDA

Quad

Nome Marca
250 SONIK RAFAL (POL)

YAMAHA

251 CASALE IGNACIO (CHL)

YAMAHA

252 PATRONELLI MARCOS (ARG)

YAMAHA

253 PATRONELLI ALEJANDRO (ARG)

YAMAHA

254 GONZALEZ FERIOLI JEREMIAS (ARG)

YAMAHA

255 ABU-ISSA MOHAMMED (QAT)

HONDA

256 NOSIGLIA WALTER (BOL)

HONDA

257 SANABRIA GALEANO NELSON AUGUSTO (PRY)

YAMAHA

258 MAZZUCCO DANIEL (ARG)

CAN-AM

259 LIPAROTI CAMELIA (FRA)

YAMAHA

260 PICCO FRANCO (ITA)

CAN-AM

261 DOMASZEWSKI DANIEL (ARG)

HONDA

263 HANSEN SANTIAGO (ARG)

HONDA

264 KARYAKIN SERGEI (RUS)

YAMAHA

265 HERNANDEZ ALEXIS (PER)

YAMAHA

266 PALMA SEBASTIAN (CHL)

YAMAHA

267 BONETTO LUCAS (ARG)

HONDA

268 GIORDANA GIULIANO HORACIO (ARG)

YAMAHA

269 KOOLEN KEES (NLD)

HONDA

270 SOUDAY SEBASTIEN (FRA)

YAMAHA

271 JONCHÈRE ALEXANDRE (FRA)

HONDA

272 COPETTI PABLO (ARG)

YAMAHA

274 BARAGWANATH BRIAN (ZAF)

YAMAHA

275 BARBIER EDWARD HERMAN RICHARD (ZAF)

YAMAHA

276 TWIGGE GEORGE STEPHEN (ZAF)

YAMAHA

277 CREATORE LEANDRO (ARG)

YAMAHA

278 CARIGNANI JUAN CARLOS (ITA)

YAMAHA

279 BUSTAMANTE PABLO LUIS (ARG)

CAN-AM

280 INNOCENTE LUCAS (ARG)

CAN-AM

281 FERNANDEZ SUAREZ COVADONGA (ESP)

CAN-AM

282 MARCOS ECHAMIZ EDUARDO (ESP)

CAN-AM

283 VERZA CARLOS ALEJANDRO (ARG)

YAMAHA

284 BAYER CLAUDIO ADRIAN (ARG)

YAMAHA

285 AIRALDI ROMULO (PER)

CAN-AM

286 ALONSO ENRIQUE (PER)

CAN-AM

287 CAJICA PINTO CHRISTIAN (COL)

CAN-AM

288 ALARD FREDERIC (FRA)

HONDA

289 ESTANGUET JULIO CESAR (ARG)

CAN-AM

290 LICIO DIEGO (URY)

YAMAHA

291 MARTINEZ LEONARDO (BOL)

CAN-AM

292 MEDEIROS MARCELO (BRA)

YAMAHA

293 NIJEN TWILHAAR JAN BASTIAAN (NLD)

CAN-AM

295 PRIETO RUIZ ALBERTO (ESP)

YAMAHA

296 ROBLEDO NICOLAS (COL)

CAN-AM

297 UMBERT OKUMURA ENRIQUE (PER)

YAMAHA

298 ZAFFI LUCAS (ARG)

CAN-AM

 

Truck

Nome Marca
500 MARDEEV AIRAT (RUS)
BELYAEV AYDAR (RUS)
SVISTUNOV DMITRIY (RUS)
KAMAZ
501 DE ROOY GERARD (NLD)
TORRALLARDONA MOISES (ESP)
RODEWALD DAREK (POL)
IVECO
502 NIKOLAEV EDUARD (RUS)
YAKOVLEV EVGENY (RUS)
RYBAKOV VLADIMIR (RUS)
KAMAZ
503 LOPRAIS ALES (CZE)
MARCO ALCAYNA FERRAN (ESP)
DER KINDEREN BERNARD (NLD)
IVECO
504 KARGINOV ANDREY (RUS)
MOKEEV ANDREY (RUS)
LEONOV IGOR (RUS)
KAMAZ
505 KOLOMY MARTIN (CZE)
KILIAN DAVID (CZE)
KILIAN RENE (CZE)
TATRA
506 STACEY HANS (NLD)
SERGE BRUYNKENS (BEL)
VAN DER VAET JAN (BEL)
MAN
507 VIAZOVICH SIARHEI (BLR)
HARANIN PAVEL (BLR)
ZHYHULIN ANDREI (BLR)
MAZ
508 SOTNIKOV DMITRY (RUS)
DEVYATKIN IGOR (RUS)
AKHMADEEV RUSLAN (RUS)
KAMAZ
509 VAN DEN BRINK MARTIN (NLD)
MOUW RIJK (NLD)
WILLEMSEN PETER (BEL)
RENAULT TRUCKS
510 VERSLUIS PIETER (NLD)
PRONK MARCEL (NLD)
KLEIN ARTUR (DEU)
MAN
512 VASILEVSKI ALEKSANDR (BLR)
KAZLOUSKI VALERY (BLR)
ZAPAROSHCHANKA ANTON (BLR)
MAZ
513 VRATNY TOMAS (CZE)
HOLAN MILAN (CZE)
MISKOLCI JAROSLAV (SVK)
TATRA
514 VILLAGRA FEDERICO (ARG)
PEREZ COMPANC JORGE (ARG)
MEMI ANDRES (ARG)
IVECO
515 ARDAVICHUS ARTUR (KAZ)
FALKOV IGNAT (KAZ)
SKROBANEK FILIP (CZE)
TATRA
516 VAN GENUGTEN TON (NLD)
VAN LIMPT ANTON (NLD)
VAN EERD PETER (NLD)
IVECO
517 ROTSAERT STEVEN (BEL)
DEN DOOVEN DIRK (BEL)
CHRISTIAEN JOERI (BEL)
MAN
518 VILA ROCA PEP (ESP)
COLOME ROQUETA XAVI (ESP)
TORRES SALA MARC (ESP)
IVECO
519 SUGAWARA TERUHITO (JPN)
SUGIURA HIROYUKI (JPN)
HINO
520 LAMMERS JAN (NLD)
MEGENS EMIEL (NLD)
KOFMAN ERIK (NLD)
GINAF
521 LLOVERA ALBERT (AND)
GOTLIB CHARLY (BEL)
MARTINEC JAROMIR (CZE)
TATRA
522 SCHOONES AART (NLD)
SCHOONES GERT JAN (NLD)
VAN DER DONK ENRICO (NLD)
DAF
523 JUVANTENY JORDI (ESP)
CRIADO JOSE LUIS (ESP)
MAN
524 HUZINK GERT (NLD)
BUURSEN ROB (NLD)
SCHOONEVELD GERRIT (NLD)
TATRA
525 MACIK MARTIN (CZE)
TOMASEK FRANTISEK (CZE)
MRKVA MICHAL (CZE)
LIAZ
526 HOONDERT ADWIN (NLD)
HOEFNAGELS WILKO (NLD)
GILLIS JAC (NLD)
DAF
527 GERMANO ANDRES (ARG)
GERMANO ESTEBAN (ARG)
POSE ROMERO OSCAR (ARG)
MAN
528 SUGAWARA YOSHIMASA (JPN)
TAKAHASHI MITSUGU (JPN)
HINO
529 DE BAAR PASCAL (NLD)
ROESINK MARTIN (NLD)
DE GRAAFF WOUTER (NLD)
RENAULT TRUCKS
530 VAN DE LAAR JAN (NLD)
VAN DE LAAR BEN (NLD)
HUIJGENS ADOLPH (NLD)
DAF
531 HUIGEVOORT MARCEL (NLD)
DONKERS COEN (NLD)
VAN ZUTVEN FRANS (PER)
MAN
532 FRANK TILBURGS (NLD)
GIJSBERT VAN UDEN (NLD)
HANS VAN LIMPT (NLD)
DAF
533 VALTR JAROSLAV (CZE)
KALINA JOSEF (CZE)
STROSS JIRI (CZE)
TATRA
534 GURBANOV SHAMYRAT (TKM)
GURBANOV MUHAMMETMYRAT (TKM)
MOLLAMURADOV SERDAR (TKM)
TATRA
535 VAN WERVEN GERRIT (NLD)
ZUURMOND GERRIT (NLD)
KWAKKEL KLAAS (NLD)
DAF
536 INGELS DAVE (BEL)
RAES BENNY (BEL)
MAILLET BENJAMIN (FRA)
MAN
537 VAN DEN HEUVEL MAURIK (NLD)
VAN OORT WILKO (NLD)
KUIJPERS PETER (NLD)
SCANIA
538 BAEUERLE KLAUS (DEU)
ROBINEAU THOMAS (FRA)
BEIER PHILIPP (DEU)
IVECO
539 WIGMAN ED (NLD)
EBBERS JOEL (NLD)
DE GROOT RICHARD (NLD)
GINAF
540 SMULEVICI ETIENNE (FRA)
COCKBURN JOHN (GBR)
VALADE GILLES (FRA)
MAN
541 VASILEUSKI ULADZIMIR (BLR)
VIKHRENKA DZMITRY (BLR)
NEVIAROVICH ALIAKSEI (BLR)
MAZ
542 VAN VELSEN AAD (NLD)
HAVERKAMP SEBASTIAAN (NLD)
SCHOTANUS JOHANNES (NLD)
GINAF
543 VERSTEIJNEN VICTOR WILLEM CORNE (NLD)
VAN DER SANDE ANDREAS WILHELMUS MICHIEL MARIUS (NLD)
VAN WEERDENBURG JOHANNES (NLD)
DAF
544 LINARES JUAN MANUEL (COL)
GINESTA GEORGES (AND)
DARDAILLON MARC (FRA)
MAN
545 DANATAROV GURBANBERDI (TKM)
GAYNULIN RAFAEL (TKM)
ANNABERDYEV REJEPNIYAZ (TKM)
TATRA
546 ESSERS NOËL (BEL)
COONINX JOHAN (BEL)
LAUWERS MARC (BEL)
MAN
548 BOUCOU MICHEL (FRA)
PATURAUD PASCAL (FRA)
RENAULT TRUCKS
549 SAUMET MICHEL (FRA)
RODRIGUEZ-O-MALLEY CHARLY (ESP)
PAILLARD JEAN-BERNARD (FRA)
MAN
550 LACOURT SERGE (FRA)
BONNAIRE PASCAL (FRA)
LAUNAY BRUNO (FRA)
MAN
551 MARTINS JOSE (PRT)
PUCHOUAU FRANCK (FRA)
BOUEY BRUNO (FRA)
RENAULT
553 ROUND PAUL (GBR)
ARENDSE ARJAN (NLD)
JANAS JOE (USA)
MAN
554 RANDYSEK ROBERT (CZE)
ZABRANSKY PETR (CZE)
SÝKORA MAREK (SVK)
MAN
555 VERHEYDEN PAUL (BEL)
BERRIMAN SEAN (ZAF)
KEYSERS KURT (BEL)
DAF
556 OFFRINGA KORNELIS (NLD)
DE BOIS THOMAS (NLD)
MERCEDES
557 ALSHEGAWI AHMED ABDULLAH (SAU)
MULTINU ALAIN (FRA)
ARIFF YOUSUF BACHOU (ARE)
MAN
558 GONZALEZ RICHARD (FRA)
SEGUIN PATRICK (FRA)
CAMPANA LAURENT (FRA)
MAN
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Direi che dopo il ritiro di Coma, la gara motociclistica sarà incertissima. Per Honda parlano tutti di Gonçalves, ma se Barreda dovesse rivelarsi costante per il portoghese non ce ne sarebbe. KTM ha una schiera di seconde guide o poco più: Price è giovane e veloce, Walkner ha mostrato buoni numeri e Viladoms ha esperienza, vediamo anche la Sanz come si comporterà. In Yamaha hanno Rodrigues che spesso esce fuori alla distanza e soprattutto il nostro Botturi, e anche Husqvarna con Faria potrebbe andare bene. Molto nebulosa la situazione.

Nei quad i nomi da seguire son sempre quelli: Sonik, Casale e i fratelli Patronelli, ci sarà anche l'inossidabile Franco Picco.

Per le auto, Al-Attiyah ha detto che le Peugeot potrebbero pagare alla distanza, e questo non è proprio il massimo. Il qatariota è assoluto favorito, ma io ovviamente tiferò Sainz come sempre. La squadra del Leone mette i brividi solo a leggerla, perché naturalmente Peterhansel è Monsieur Dakar, Loeb lo conosciamo e Despres comunque ha esperienza sul campo. Roma non lo vedo al livello di Al-Attiyah, ma è già stato vincente quindi non va escluso, curioso di vedere anche Hirvonen come se la caverà. Incognita de Villiers con la Toyota.

Nei camion sarà il solito duello Kamaz-Iveco. De Rooy lo vedo ancora favorito, gli alfieri Kamaz sono molto regolari ma meno veloci. Occhio anche a Stacey, che vinse l'ultima edizione africana, con il Man.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

  • leopnd changed the title to Dakar

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...