Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Radio Paddock 2020


Recommended Posts

Che dire questo è il segno che la formula Ibrida è già vecchia, anche nella limitazione dell'uso delle batterie limitato per x secondi al giro.

Il mondo dell'automobile va verso la trazione elettrica l'unico dubbio e sul come portarsi dietro l'energia batterie tradizionali od ad idrogeno?

La Honda molla perché vuole lavorare ed investire nella produzione perché anche le moto andranno elettriche e on l'attuale forma di regolamento in F1 non vi è un possibile sviluppo per la produzione.

Cosa farà RB è difficile dirlo o si rivolge a Renault, l'unica possibile, o chiede ad Honda i motori per svilupparli lei ma la trovo difficilmente praticabile vista la complessità di queste unità, per assurdo una auto completamente elettrica è più semplice di un motore ibrido da F1.

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 779
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Credo che il fenomeno sia talmente ampio e complesso che ci si potrebbe scrivere su non una bloggata, ma un intero libro.  Un elemento fondamentale da tenere in considerazione è che sono cambiate

Altra piaga dell'umanità è il femminismo, e lo dico da donna. Ho visto poco fa il video incriminato, ma se sta bene a lei farsi toccare da lui e rendere tutto pubblico, come ha pure detto, non vedo ch

E' solo un minuto e mezzo, guardatelo per favore tutto (Eifelrennen 1936):  

Posted Images

1 ora fa, Sévero ha scritto:

Che dire questo è il segno che la formula Ibrida è già vecchia, anche nella limitazione dell'uso delle batterie limitato per x secondi al giro.

La tecnologia ibrida della F1 con l'automotive attuale non ha nulla a che vedere. Forse in qualche hypercar ma la risposta lato sportivo per questo segmento sta arrivando dal WEC con l'abolizione dei prototipi. L'errore principale della F1 è stato quello di fare un nuovo regolamento tecnico senza cambiare di fatto il sistema di PU e paradossalmente congelando la situazione attuale.

L'ibrido sulle macchine stradali normali durerà il meno possibile perché i costi di assistenza di due tipologie di motori è meglio non dirle e serve solo per far rientrare il motore termico in EURO6 a livello di emissioni.

Nessun produttore di motori è invogliato ad investire su una tecnologia che porta poco di realmente utilizzabile e pochi risultati dal punto di vista sportivo.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Da quanto leggo sul web, la mazzata finale: honda in indycar conferma il proprio impegno  come fornitrice dei nuovi motori ibridi ( V-6 biturbo da 2,4 litri)    per i prossimi 10 anni

 

Palese quindi la scelta sia dettata da una questione di costi in F1 e relative PU inutilmente  troppo complesse

Edited by Mak
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

La Honda americana agisce in autonomia, le due cose non sono necessariamente collegate. Chiaro comunque che il costo di sviluppo del motore per l'indycar è una frazione di quello della F1, con molta piu' possibilità di successo in pista.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
Il 2/10/2020 at 23:46 , djbill ha scritto:

La tecnologia ibrida della F1 con l'automotive attuale non ha nulla a che vedere. Forse in qualche hypercar ma la risposta lato sportivo per questo segmento sta arrivando dal WEC con l'abolizione dei prototipi. L'errore principale della F1 è stato quello di fare un nuovo regolamento tecnico senza cambiare di fatto il sistema di PU e paradossalmente congelando la situazione attuale.

L'ibrido sulle macchine stradali normali durerà il meno possibile perché i costi di assistenza di due tipologie di motori è meglio non dirle e serve solo per far rientrare il motore termico in EURO6 a livello di emissioni.

Nessun produttore di motori è invogliato ad investire su una tecnologia che porta poco di realmente utilizzabile e pochi risultati dal punto di vista sportivo.

Vero quello che dici ma qui è colpa di chi ha creato questo regolamento

Link to post
Share on other sites

Motori in freezer? E tutti equivalenti?

Allora vengano ancora gli utenti a parlarmi  della F1 come "massima espressione della ricerca, della competizione ecc. ecc. ecc. ecc." e non se la prendano se poi vengono mandati a..........o.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Malefix ha scritto:

Ogni tanto confondo questo topic con quello delle 2 risate...

Effettivamente. C'è da sperare che Domenicali riesca a migliorare la situazione, ma di sicuro non si vedranno gli effetti a breve.

Link to post
Share on other sites

Domenicali è quello che nel 2008 diceva che sarebbe opportuno ridurre i GP a 200-250 km perché "nell'ultima parte di gare le posizioni sono ormai consolidate e non accadono molti cambiamenti".

Link to post
Share on other sites

Questo articolo centra un punto importante.

Attualmente gli sport del motore interessano prevalentemente appassionati ultraquarantenni, col risultato della progressiva creazione di un "buco" generazionale.

https://autosprint.corrieredellosport.it/news/sterzi-a-parte/2020/10/19-3493677/le_corse_sono_diventate_orrende_non_trovate_/?fbclid=IwAR2RpMXJuqXPRFbW2QwkMr5RtTsfBbNlBVuMnD_xaJ3Cpiq8Qw7OlV8xSCE  

  • Like 1
  • Sad 1
Link to post
Share on other sites

Nel mio caso le corse interessano ormai poco anche agli ultracinquantenni ormai più vicini ai 60:unsure:, e il perchè Donnini lo descrive per bene.

E credo che un ritorno alla competitività della Ferrari risolleverebbe l'interesse in modo relativo anche da noi.


 

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • djbill unpinned and locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.



×
×
  • Create New...