Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Libri "da corsa"


Recommended Posts


  • Replies 445
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Ho finito di leggere Beast e direi che è andato oltre le mie aspettative. Non solo descrive in modo minuzioso ma mai pesante il processo decisionale e realizzativo del motore oltre alla successiva esp

Fermi tutti!! E' uscito il nuovo libro di Carlo Cavicchi, giornalista "principe" dei rally oltre che ottimo pilota e fotografo. E' la raccolta degli ultra-merav

Come socio AISA (Associazione Italiana per la Storia dell'Automobile) mi è arrivato in omaggio questo bellissimo libro!! E' diviso grossomodo in tre parti: una dedicata a Nuvolari, una a Varzi e

Posted Images

  • 3 weeks later...

TmQedgG.jpg

Avevo letto "la danza dei piedi veloci" ed ero curioso di vedere questo. Mi è piaciuto ma non mi ha entusiasmato, alla lunga diventa troppo ripetitivo. L'obiettivo è quello di tracciare il profilo del pilota moderno, scientifico, quindi necessariamente le domande sono sempre le stesse...inevitabilmente anche le risposte sono tutte molto simili :asd: anche perchè in questo volume ci sono solo 4-5 rallyisti. Pur tenendo a mente l'obiettivo di fondo, avrei preferito domande più legate alla carriera dei singoli piloti, in modo da metterne in luce episodi interessanti e dietro le quinte che sono poi gli aspetti più interessanti di ogni intervista. Da Nannini per esempio avrei voluto sapere qualcosa di più sugli anni Alfa in DTM, cui invece non si accenna neanche. L'intervista più bella, la perla del libro, è quella a Gianpiero Moretti, che racconta la sua carriera tra Europa e America parlando un po' di tutto.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

 

Avevo letto "la danza dei piedi veloci" ed ero curioso di vedere questo. Mi è piaciuto ma non mi ha entusiasmato, alla lunga diventa troppo ripetitivo. L'obiettivo è quello di tracciare il profilo del pilota moderno, scientifico, quindi necessariamente le domande sono sempre le stesse...inevitabilmente anche le risposte sono tutte molto simili :asd: anche perchè in questo volume ci sono solo 4-5 rallyisti. Pur tenendo a mente l'obiettivo di fondo, avrei preferito domande più legate alla carriera dei singoli piloti, in modo da metterne in luce episodi interessanti e dietro le quinte che sono poi gli aspetti più interessanti di ogni intervista. Da Nannini per esempio avrei voluto sapere qualcosa di più sugli anni Alfa in DTM, cui invece non si accenna neanche. L'intervista più bella, la perla del libro, è quella a Gianpiero Moretti, che racconta la sua carriera tra Europa e America parlando un po' di tutto.

 

L'ho pensato anche io. 

Link to post
Share on other sites

L'ho pensato anche io. 

 

Siete in compagnia e non crediamo siamo solo in tre... Avevo preso i tre libri ma non posso dirmi di esserne rimasto entusiasta, proprio per questo motivo. Già  che passo di qui, qualcuno ha letto Suite 200 e vuole offrirsi volontario per una recensione?

Link to post
Share on other sites

Ho ordinato questo libro, il più recente di uno dei miei scrittori preferiti, Cesare De Agostini ( e personalmente ho l'orgoglio di aver contribuito varie volte, seppur in minima parte, a completare le ricerche statistiche, iconografiche e d'archivio di molti suoi volumi precedenti)

 

Questo è un post di Mario Donnini (a sua volta scrittore e giornalista automobilistico, che conoscete in molti):

 

"Il più bravo di tutti? Cesare De Agostini. E un po' mi dispiace per gli altri. Uno che da più di 40 anni, con la scusa di scrivere di corse, fa letteratura. 
'Mbe, finalmente il più grande racconta la sua carriera mancata di pilota. Mi sono letto il suo autobiografico e autosfottente "Se questo è correre" in una notte e l'ho trovato delizioso, mentre pagina dopo pagina raccoglie i cocci di una vita immaginaria - per dirlo alla Massimo Ranieri -. 
In un abitacolo quasi solo sognato, ma con lo stile sognante di sempre. 
Per una volta cavate qualche ora a internet.
Leggetelo.
"

 

rm0n6c.jpg

24c9mbp.jpg

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Siete in compagnia e non crediamo siamo solo in tre... Avevo preso i tre libri ma non posso dirmi di esserne rimasto entusiasta, proprio per questo motivo. Già  che passo di qui, qualcuno ha letto Suite 200 e vuole offrirsi volontario per una recensione?

Terruzzi? No, grazie :asd:

 

Ho ordinato questo libro, il più recente di uno dei miei scrittori preferiti, Cesare De Agostini ( e personalmente ho l'orgoglio di aver contribuito, seppur in minima parte, a completare le ricerche statistiche, iconografiche e d'archivio di molti suoi volumi)

 

 

Sembra bello, facci sapere  :)

Link to post
Share on other sites

Siete in compagnia e non crediamo siamo solo in tre... Avevo preso i tre libri ma non posso dirmi di esserne rimasto entusiasta, proprio per questo motivo. Già  che passo di qui, qualcuno ha letto Suite 200 e vuole offrirsi volontario per una recensione?

Ho letto Suite 200 e... lascia perdere.

Link to post
Share on other sites

A settembre esce il nuovo libro di Francesco Parigi, stavolta dedicato al grande Giuseppe Campari. Se è bello come i precedenti (io ho quello su Materassi e sulla sfida Endurance Ferrari-Ford anni '60) allora sarà  un must per gli amanti della storia automobilistica. Quasi 500 pagine, quasi gara per gara tutta la carriera del campione italiano.

 

Non vedo l'ora!

 

2zg5gsy.jpg

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

la verità ? L'ho letto e non osavo scriverne. Volevo sapere l'opnione di altri che l'hanno letto per capire l'effetto che ha fatto anche su di voi...

Sai che ho pensato una volta finito di leggere Suite 200? Ho buttato via i soldi

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

dipende da chi scrive il libro secondo me.

 

Esperienza estera di due vacanze in Germania: nessuno considera il campionissimo Vettel. Ho visto libri su Senna, sui riassunti stagionali della F1, due su Schumacher ma su Vettel nessuno ha scritto nulla

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ecco un buon motivo per andare a vedere le prove....cosa impensabile una trentina d'anni fa.

àˆ comprare libri che su eBay trovi alla metà ? Ma manco li cani..[emoji3] Per me la Libreria dell' Automobile poteva star chiusa all' infinito: prezzi spropositati e personale di una scortesia più unica che rara
Link to post
Share on other sites

àˆ comprare libri che su eBay trovi alla metà ? Ma manco li cani..[emoji3] Per me la Libreria dell' Automobile poteva star chiusa all' infinito: prezzi spropositati e personale di una scortesia più unica che rara

 

Si...ma quando cerchi Autocourse delle stagioni 70/80 poco si discostano dai prezzi della Libreria dell'Autodromo.

Link to post
Share on other sites

Per me stai facendo confusione tra la libreria dell'automobile e quella dell'autodromo, che è quella che fortunatamente resta aperta. I signori Acquati ( purtroppo la moglie è mancata un anno fa) sono sempre stati gentili e competenti.

Almeno questa è la mia esperienza personale.

Link to post
Share on other sites

Per me stai facendo confusione tra la libreria dell'automobile e quella dell'autodromo, che è quella che fortunatamente resta aperta. I signori Acquati ( purtroppo la moglie è mancata un anno fa) sono sempre stati gentili e competenti.

Almeno questa è la mia esperienza personale.

 

 

Nessuna confusione:entrambi scortesi all'ennesima potenza.

Link to post
Share on other sites

Strano.

Mario Acquati e signora sono tra le persone più educate e piacevoli, oltre che realmente appassionate e competenti dell'ambiente. Tra l'altro con alle spalle una bellissima storia di motorsport.

Questo chiaramente per quello che riguarda la mia esperienza personale, il 70% della mia biblioteca l'ho acquistato da loro, il primo libro nel 1982.

E ovviamente, sono contento che resti aperta.

Ps. Comunque nel tuo post menzionavi la Libreria dell'Automobile, che è una cosa diversa. Da qui il mio riferimento alla confusione.

Edited by Old Hairpin
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

àˆ comprare libri che su eBay trovi alla metà ? Ma manco li cani..[emoji3] Per me la Libreria dell' Automobile poteva star chiusa all' infinito: prezzi spropositati e personale di una scortesia più unica che rara

 

Volevi dire "autodromo".

Link to post
Share on other sites

Strano.

Mario Acquati e signora sono tra le persone più educate e piacevoli, oltre che realmente appassionate e competenti dell'ambiente. Tra l'altro con alle spalle una bellissima storia di motorsport.

Questo chiaramente per quello che riguarda la mia esperienza personale, il 70% della mia biblioteca l'ho acquistato da loro, il primo libro nel 1982.

E ovviamente, sono contento che resti aperta.

Ps. Comunque nel tuo post menzionavi la Libreria dell'Automobile, che è una cosa diversa. Da qui il mio riferimento alla confusione.

 

 

Si, hai ragione,ho fatto confusione ma io mi riferivo proprio alla Libreria dell'Autodromo:quello che io ho notato(piu' volte) è il fastidio manifesto verso l'acquirente che non è deciso subito a sganciare 100 Euro per un libro.Sono sempre stati infastiditi dalla gente che entra e curiosa e diverse volte ho assistito a scene poco edificanti di persone "cacciate" perche' non compravano.Io pero' di persone anziane non ne ricordo...forse erano i figli:in particolare mi ricordo una signora sulla 40ina bionda incattivita come una faina...

 

In merito al negozio di Giorgio Nada,cito(ad esempio) questo episodio:sotto Natale sono entrato a cercare 2 libri in inglese:la biografia di Jackie Stewart e Lost generation su Brise,Williamson e Price;non riuscendo a trovarli ho chiesto ad un commesso dove potevano essere...la sua risposta è stata "in negozio"....

 

Sono uscito senza comprarli e grazie ad Amazon ora campeggiano nella mia libreria  :)

Edited by Albi66
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...