Jump to content
  • Sono in questa pagina   0 members

    • No registered users viewing this page.

Libri "da corsa"


sundance76

Recommended Posts

Il 24/8/2021 at 22:23 , Kingsman ha scritto:

Buonasera ragazzi...

Vorrei cominciare a riempire la mia libreria anche con dei bei libri sul Motorsport ma sinceramente non saprei da dove cominciare. Cosa mi consigliate? 

Avete una lista di libri da leggere assolutamente? 

Io vorrei partire con un libro sullaa storia di Le Mans...

Vi ringrazio

Eh, è una parola.

Su Le Mans c'è un oceano, anche se non è un tema sul quale ho molti libri.

Magari inizierei col bel libro di Mario Donnini  "Le mans - 24 ore di corse - 90 anni di storia".

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...
  • 2 weeks later...

Dall'85 al '94 AS faceva uscire fascicoli su ogni GP e a fine anno una copertina rigida per rilegarli. Nel '95 uscì un autonomo fascicolo già completo, ma con copertina morbida. 

Io iniziai nel '90-'91, ora sto cercando a ritroso di completarli.

Ho appena ricevuto i volumi '86 e '87.

Ora mi mancano l'85 (anche se in realtà ho tutti i fascicoli, ma senza la copertina rigida per rilegarli) e l'88.

fffffff.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...
  • 1 month later...

Nei giorni scorsi ho acquistato uno degli ultimi libri di Cesare De Agostini, scomparso il mese scorso.
Si tratta del quarto volume dedicato dallo scrittore mantovano al suo illustre concittadino.
Il volume, pubblicato nel 2017, costicchia (oltre 50 euro), ha comunque una veste grafica curata e importante, un formato molto grande, 30 x 30 x 2,5cm, e anche alcune foto del tutto inedite. Il testo è doppio: in italiano e inglese.
Forse non aggiunge molto a chi è già profondo conoscitore di Nuvolari, tuttavia ho voluto acquistarlo per "completezza", ma anche come piccolo omaggio alla memoria di De Agostini.
Pare che lo scrittore avesse già approntato un volume dedicato esclusivamente alle corse in motocicletta di Tazio, che sarà pubblicato in futuro.
Per la cronaca, gli altri libri scritti da Cesare De Agostini a cura di Gianni Cancellieri dedicati a Tazio sono: "L'antileggenda di Nuvolari" (1972), "Tazio vivo" (1987) e "Nuvolari - la leggenda rivive" (2003).

nuvolari-lui_13342-12409.jpg

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Ho trovato una buona occasione e ho acquistato questo bellissimo libro. Per circa 50 euro ho trovato una copia nuova, non usata, dell'edizione '83 ristampata nell'85. 

Allo stesso prezzo sul web si trovano copie senza la sovracoperta illustrata che vedete, e in stato di usato variabile, mentre quelle in condizioni di nuovo possono anche costare 150, 200 e persino 500 euro.

La mia copia è dotata anche di una custodia di cartoncino in cui inserire il volume per protezione.

L'autore aveva già scritto negli anni '30 il bellissimo "Motor racing with Mercedes-Benz", che copriva il periodo 1937-1938-1939, che però era di formato 22x14.

Questo invece è di grandissimo formato, 34x27, abbraccia l'intero ventennio 1934-1955, e a livello di illustrazioni è davvero superbo.

277147869_10228458901444319_5914508092021969230_n.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Non c'entra nulla con l'argomento, però l'occhio è caduto sui "Meridiani". :asd: 

È uno dei volumi dedicati a Borges?

Parecchi anni fa, ormai, avevo trovato una ventina di volumi a un paio di euro ciascuno. Erano del tutto immacolati, cofanetto incluso.

Edited by Elio11
Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Elio11 ha scritto:

Non c'entra nulla con l'argomento, però l'occhio è caduto sui "Meridiani". :asd: 

È uno dei volumi dedicati a Borges?

Parecchi anni fa, ormai, avevo trovato una ventina di volumi a un paio di euro ciascuno. Erano del tutto immacolati, cofanetto incluso.

Sì, sono i due volumi su Borges.

In effetti venti volumi a 40 euro sono una grossa occasione.

I due su Borges vengono venduti, da soli, a cifre molto maggiori.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

Con qualche anno di ritardo (uscì nel 2004) ho acquistato questo libro su Didier in lingua francese. Non avevo ancora nessun libro su Didier, e quelli finora usciti non sono di facile reperimento, visto che sono passati quasi due decenni (un altro di quel periodo è "Didier dream and nightmares"). Ce n'è anche uno molto più recente, in inglese ("The champion tha never was").

didier-pironi-la-fleche-brise.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

Ho comprato questi due libri.

Quello su Niki è del dicembre 1984 subito dopo il terzo titolo. L'avevo ordinato via contrassegno nel maggio '91, ma non mi è mai arrivato. Allora ho deciso di comprarlo on line, sebbene siano passati 31 anni dal mancato acquisto.

Insieme al libro su Lauda c'era l'offerta di quello su Gilles, stampato a novembre '82, che non avevo, quindi meglio così.

Ormai sui due campioni ho tanto materiale, ma per un sussulto nostalgico e il buon prezzo complessivo (25 euro compresa la spedizione), li ho presi.

s-l1600.jpg

  • Like 2
  • Love 1
Link to comment
Share on other sites

Ho completato la serie dei 10 volumi sulle stagioni di F1 dal 1985 al 1994 che uscivano "a dispense" con AutoSprint con relativa copertina rigida per la rilegatura.

Poi nel '95 fecero un fascicolo brossurato venduto in un unico numero a fine stagione, nel '96 niente, dal '97 al 2000 altro fascicolo venduto come extra a parte, e dal 2006 al 2019 ogni fine anno un fascicoletto spillato. Quest'anno invece pare che la sintesi sarà inserita all'interno del numero ordinario settimanale. 

Quei primi dieci anni con rilegatura rigida, a dispense da raccogliere durante l'anno, rimangono dunque imbattibili.

f961fad1-fa53-48ff-9e64-f035fffa4cc0.jpg

  • Like 2
  • Love 1
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...
Il 4/12/2022 at 19:40 , Ayrton4ever ha scritto:

Un saluto a tutti gli amici del forum!

A mio padre, classe 1948, ho preso per Natale "La danza dei piedi veloci" di Luca Delli Carri.
Essendo un appassionato di automobilismo soprattutto dagli anni '60 ai '90 dovrebbe apprezzare

"Benzina e cammina" è meglio ancora.

Intanto è stato tradotto in italiano il libro che narra l'incredibile vicenda di "Williams", Benoist e Wimille, i tre "Grand Prix saboteurs" che operarono nella Resistenza francese contro i Nazisti.

L'ho acquistato, ma non l'ho ancora letto.

Di seguito le due copertine, quella inglese e quella, appena messa in vendita, italiana:

 

41NMbRruD0L.jpg

41SEp0laX8L._SX331_BO1,204,203,200_.jpg

  • Like 3
  • Love 1
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

“The ultimate racers” – di Gary Wrigth, 1964.

Siamo nel lontano futuro del 1992.

Dieci anni prima era stato deciso di bandire dalle corse automobilistiche il “pilota uomo”, sostituito obbligatoriamente da un manichino comandato a distanza.

Alcune vecchie Case erano riuscite a sopravvivere, altre no.

Una di queste la Ferrari: “nessuna delle mie macchine subirà questa vergogna!” aveva proclamato Enzo Ferrari e, ritirate tutte le sue auto da corsa, le aveva distrutte, insieme alla fabbrica.

Tutte, tranne una, avventurosamente salvata dal suo pilota.

Così che negli anni successivi a contendersi la vittoria neI vari circuiti c’erano Lafitte, Apache, Lotus, Volga, Porsche,IBM-GM, Abarth, Honda, Conventry, GE-Ford… e lei, la Ferrari 400 GTS del 1981 (5 litri, V-10, 615 bhp, 350 kmh) e il suo pilota Eliot Ross (ca va sans dire!).

Si stanno svolgendo le prove di una delle classiche più importanti, si rompe l’elettrocalamita del cambio e l’auto non può più essere comandata da remoto: la Ferrari è out !

O forse no….Eliot Ross deve prendere una decisione carica di drammatiche conseguenze…..

334734076_894203045217115_6189499635948574966_n.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

Per completezza lo riporto anche nel thread dei libri:

https://www.motoremotion.it/2024/03/12/tre-giorni-di-vento-di-luca-dal-monte/

"Lo scorso 4 marzo, al Centro Svizzero di Milano, è stata presentata in anteprima la nuova opera Fucina: “Tre giorni di vento”, di Luca Dal Monte. Un avvincente romanzo nato dall’abile penna di Dal Monte e ispirato alla vita di un talentuoso pilota degli anni ’30: l’amore e il rifiuto del nazismo fanno da sfondo alle corse dell’epoca d’oro dell’automobilismo sportivo, dove ad ogni corsa si giocava la vita.

È un libro in cui ci sono tre storie che si intersecano. Viene descritto il periodo d’oro delle corse degli anni ’30, le grandi marche tedesche: Mercedes, Auto Union, con i loro piloti, eroi innamorati della velocità e delle sfide. È un romanzo d’amore del protagonista, innamorato di sua moglie con un storia che si interrompe in maniera brusca, tragica e la successiva rinascita con un nuovo amore che continuerà per sempre. C’è anche una storia di coscienza civile, la Mercedes era una delle auto del regime nazista ed il protagonista è costretto a subire una serie di condizionamenti dai personaggi politici.

Rudolf Carrano è uno dei più forti piloti degli anni ’30, ma anche di un uomo capace di dare amore e di difendere la civiltà contro la barbarie del nazismo, senza mai abdicare al suo modo di pensare. Rudi, il protagonista, passa la sua convalescenza a Lugano dopo un grave incidente a Montecarlo con la sua Alfa Romeo. Mesi lunghi, con una grande volontà di rinascita ed una gamba più corta per le conseguenze dell’urto. La amata moglie scompare sotto una valanga durante una gita sugli sci e questa tragedia aprirà le porte al nuovo amore, ma Rudi, un tedesco di origine italiana, sceglie di risiedere in Svizzera per non essere condizionato dal regime nazista con i suoi diktat. La storia romanzata di Rudolf Carrano è derivata da quella vera di Rudolf Caracciola, l’eroe della Mercedes, il pilota più forte della sua epoca.

Questo libro nasce dopo avere scritto “La Scuderia” il mio romanzo esordio e dopo avere letto “Il numero uno” scritto da Hans Ruesch – esordisce Luca Dal Monte – romanzi ambientati in quel periodo di corse fantastiche degli anni ’30. “Tre giorni di vento” è stata la mia reazione personale al romanzo di Ruesch ed il titolo è ispirato ad un racconto di Hernest Hemingway “The Three Day Blow”, dove il senso del racconto è quello che c’è sempre una possibilità. La stessa cosa capita a Rudi dopo avere subito l’incidente che condizionerà il suo modo di camminare e di pilotare e la drammatica scomparsa della amata moglie.

Luca Dal Monte ha scritto una storia avvincente, sempre in bilico tra realtà e fantasia, tra vero e verosimile, dove si potranno riconoscere gli eroi dell’epoca d’oro dell’automobilismo sportivo, un tempo in cui, tra la partenza e la bandiera a scacchi, ci si giocava la vita mentre la morte aspettava ad ogni curva.  Un libro in cui vengono descritti i cavalieri del rischio che disputavano ogni gara come fosse l’ultima e le sfide tra Alfa Romeo, Scuderia Ferrari, Auto Union, Mercedes, Maserati che con le loro vetture hanno scritto alcune tra le più belle pagine di storia motoristica".

(Massimo Campi, Motoremotion)

9788888269160_0_536_0_75.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Il 6/3/2023 at 13:25 , sundance76 ha scritto:

"Benzina e cammina" è meglio ancora.

Intanto è stato tradotto in italiano il libro che narra l'incredibile vicenda di "Williams", Benoist e Wimille, i tre "Grand Prix saboteurs" che operarono nella Resistenza francese contro i Nazisti.

L'ho acquistato, ma non l'ho ancora letto.

Di seguito le due copertine, quella inglese e quella, appena messa in vendita, italiana:

 

41NMbRruD0L.jpg

41SEp0laX8L._SX331_BO1,204,203,200_.jpg

Ti è piaciuto poi?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...