Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

29 minuti fa, massimo66 ha scritto:

Monza tutte e 2, ma la prima foto dovrebbe essere 1955...

Grazie, se non ci sono già le metto anche li... Per la Lancia effettivamente da dietro sbuca il muso della "squalo". In quella gara, infatti, la scuderia portò anche le D50 da poco arrivate...

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

  • Replies 136
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Pubblicità Coventry Climax 1966

Prescott Speed Hill Climb, 1939... Jean-Pierre Wimille con la, a dir poco, interessante Bugatti 59/50B...  

senza commento.

Posted Images

Coppa Inter-Europa 1952. a Monza... Notate niente di strano?

SaDdhQh.jpg

Secondo le regole delle gare turismo italiano di quegli anni, l'altezza del tetto della Porsche 356/2 di Giovanni Lurani era troppo basso. Cosa hanno fatto? Hanno piegato il tetto sotto forma di gobba, aumentando l'altezza complessiva in modo che la macchina soddisfacesse i requisiti... Facile, no?

  • Like 3
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

"Ora ascoltate molto attentamente, lo dirò solo una volta"... Helmut Marko al centro durante il briefing dei piloti del round di Jarama di F2 nel 1971. Nella foto ci sono anche John Watson (a sinistra di Marko) e Francois Cevert e Silvio Moser (a destra)...

FezVr5m.jpg

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...
3 minuti fa, V6DINO ha scritto:

Questa è un'immagine Colorize e quell'Alfa verde è corretta?

Sì, è colorizzata, e sui colori non sono certo, perché a rigore quell'Alfa al massimo dovrebbe essere azzurra.

Link to post
Share on other sites
  • leopnd changed the title to Le Foto d'Epoca
  • 1 month later...

Pregiata immagine della Mercedes-Benz W 25K di Manfred von Brauchitsch, subito dopo il ritiro durante il Gran Premio d'Ungheria 1936 a Budapest. Copyright Daimler Mercedes-Benz AG

DHLt3Xl.jpg

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

"Ricordo l'ultima sessione di prove del GP d’Italia '85 a Monza. Piquet con la Brabham-Bmw ci aveva staccati di parecchio, se non ricordo male direi di oltre un secondo e mezzo sul giro. Noi mancavamo decisamente di velocità di punta, Ayrton uscì col suo primo set di gomme da qualifica, poi scese dalla macchina e prese la piantina del circuito spiegandomi: 'Adesso torno fuori e in questa curva recupero un decimo, in quest’altra due, qui uno e mezzo...' Alla fine fece la somma e trovò che avrebbe migliorato, se avesse guidato realmente così, quanto bastava per la pole. Rimontò in macchina e ottenne il miglior tempo. Una cosa impressionante e indimenticabile perché fu programmata! Persino Dudot della Renault ne rimase sconcertato e impressionato, soprattutto dopo il successivo resoconto che gli fece Ayrton, riferendogli con rapidità sconvolgente i dati che aveva letto sul suo cruscotto, anche quelli più complessi, come la temperatura dello scarico, quella dell’olio e così via. Tutti dati poi confermati dalla telemetria; e questo in un giro veloce, in quel giro veloce!"

(Gerard Ducarouge, in "Senna vero", di Carlo Cavicchi)

© Getty images Paul-Henri Cahier

ugtzQAg.jpg

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...