Jump to content
  • Sono in questa pagina   0 members

    • No registered users viewing this page.

Lotus 49B Scribante '70


v6dino

Recommended Posts

Salve a tutti

vado a memoria ma tra 49b e 49c le differenze erano solo a livello meccanico, se appunto non sbaglio radiatore anteriore più grosso ma più inclinato quindi nessuna variante nelle dimensioni della presa d'aria ma appunto vado a memoria ... poi le entry list lasciano spesso il tempo che trovano, parlo per esperienza personale...

alla prossima 

Franz

 

Link to comment
Share on other sites

Ho controllato sulla rivista 'MotorSport' - Aprile 1970 gara di Kyalami e c'è scritto 49C/R8.

Anche sul sito oldracingcars.com, molto preciso, si riporta 49C/R8. In più, Charlton la usò nella gare locali sudafricane per tutto il 1970 fino all'inizio del 1971.

Tuttavia, V6DINO ha ragione. Dopo una lunga ricerca sono approdato a questo:

o9Hfl9F.jpg

E' uno spezzone di una pagina del libro 'Lotus 49 -The Story of a Legend' di Michael Oliver che ho rintracciato su Google Libri. Però, non ho potuto leggere il resto perché essendo un'anteprima non concede la possibilità di leggere il resto.

E' sempre bello apprendere nuove cose, grazie 'V6DINO'.

Edited by Elio11
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Non è certo una cosa per cui non dormire la notte... :-)

Comunque leggiucchiando qua e là per la rete, su Autodiva e "Lotus 49 - The Story of a Legend" di Michael Oliver, ho trovato questi dati:

 

Châssis 49T#R8

Terminé en octobre 1968 pour la série Tasman

Modifié en 49B#R8 pour le Gold Leaf Team Lotus

Acheté par Jo Bonnier pour la Scuderia Filipinetti

- dopo l'incidente in prova alla Gold Cup ad Oulton Park, la vettura, ancora non pagata da Bonnier (o Filipinetti?  vedi sticker Bongrip al GP Germania che copre in bella evidenza il nome del team svizzero) ritorna nelle mani di Chapman che la rimette a posto e la vende a Charlton.

Modifié en 49C#R8

Acheté par Dave Charlton

 

In conclusione, anche se le modifiche apportate dal Team Lotus saranno state minime, la Lotus di Charlton risulta essere una 49C

 

 

 

Bonnier_Lotus gpdeu1969.jpg

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, adler ha scritto:

In conclusione, anche se le modifiche apportate dal Team Lotus saranno state minime, la Lotus di Charlton risulta essere una 49C

Si è sviluppata un'ottima ricerca sull'arcano che direi più che esaustivo ma il mio parere conclusivo è che nata "B" e tale deve essere, gli aggiornamenti successivi non la tolgono dalla sua origine anche se la sigla "C" ne ha aumentato il suo valore commerciale e Chapman in questi maneggi era maestro...

Poi si noti che la principale differenza delle due versioni stava nei cinematismi, sostanzialmente resi necessari dal notevole sviluppo che avveniva ai pneumatici dell'epoca.

( La ricerca delle origini di un modello sono curate da Massimo incrociando varie informazioni, nel senso che non si ferma al primo riscontro.) 

Da parte mia resta l'osservazione comparata, a volte preoccupante:rolleyes:, dei soggetti da schedare... 

Grazie siete grandi,:)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Ho notato con un certo stupore che nessuna Lotus 49 è nata come C... Sono nate tutte come 49 oppure come 49B...dal telaio #1 al telaio #11 (il #12 non ha mai corso) sono tutti 49 fino al #5 e 49B fino al #11. Poi bisogna sottolineare che il #1 è stato ricostruito come #R9 (quindi tipo B), l''#R2 ricostruito come #R11 (quindi anche qui tipo B) e #R5 ricostruito come R10 (quindi tipo B aggiornato poi a C) i telai #R6 #R7 #R8 nascono direttamente B e diventano successivamente C mentre l' #R10 come abbiamo visto prima, subisce i 3 step, 49-49B-49C...

CHE CASINO!!! 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, V6DINO ha scritto:

Si è sviluppata un'ottima ricerca sull'arcano che direi più che esaustivo ma il mio parere conclusivo è che nata "B" e tale deve essere, gli aggiornamenti successivi non la tolgono dalla sua origine anche se la sigla "C" ne ha aumentato il suo valore commerciale e Chapman in questi maneggi era maestro...

Poi si noti che la principale differenza delle due versioni stava nei cinematismi, sostanzialmente resi necessari dal notevole sviluppo che avveniva ai pneumatici dell'epoca.

( La ricerca delle origini di un modello sono curate da Massimo incrociando varie informazioni, nel senso che non si ferma al primo riscontro.) 

Da parte mia resta l'osservazione comparata, a volte preoccupante:rolleyes:, dei soggetti da schedare... 

Grazie siete grandi,:)

 

Questa storia sembra non aver mai più fine... ma alla fine sembra che V6Dino abbia proprio ragione.:)

La vettura in questione dopo tante peripezie è ritornata nel 2014 in asta da Bonhams come Lotus 49B , totalmente restaurata e udite udite... con l'originaria livrea Gold Leaf... :D^_^

 

Qui in puntiglioso dettaglio la vettura e tutta la sua complicatissima storia:

 https://www.bonhams.com/auctions/21906/lot/342/

Link to comment
Share on other sites

  • 3 years later...

CIAO a tutti, mi chiamo Edgardo e sono abbastanza nuovo del forum...anzi è una delle prime volte che mi introduco nella discussione, in quanto avevo acquistato il libro della 49 in questione.

Riporto, traducendo al volo mentre scrivo, le vicissitudini del telaio #8 dopo che rientrò alla Lotus in seguito alla "toccatina" di Bonnier nel corso delle prove della Gold Cup a Oulton Park.

Il libro riporta che Bonnier, riportando il telaio in Lotus, disse "he wanted nothing more to do with it"...e quindi qui non parlano di mancato pagamento da parte di Filipinetti, quanto nella volontè di Jo di non volere più avere a che fare con essa! Probabilmente l'autore (Oliver) non ha voluto inimicarsi Filipinetti...

Tornando al telaio #8, dopo i seri danni dall'ncidente di Oulton Park, in Lotus decisero di ricostruirla con le 49B "full specification": questo lavoro durò dalla metà di agosto a circa ottobre/novembre 1969. Mentre il lavoro era in corso, Dave Charlton, in visita alla factory, vide la vettura e la comprò. La vettura fu pertanto spedita in Sud Africa in tempo per la 1a gara del campionato locale, il 10 gennaio 1970. Pertanto, questa gara fu corsa nelle specifiche della 49B. Infatti, le parti 49C, le ruote da 13 pollici ed i nuovi "uprightaìs" vennero spediti in tempo per la 2a prova del campionato sudafricano, che corse nelle specifiche 49C. Quindi la 49C telaio R8 fu la prima 49C a disputare una corsa, ancora prima delle 49C ufficiali! Charton portò la 49C alla conquista del Campionato sudafricano 1970 , guidandola x 6 gare nel 1971 quando passò alla 72, vincendo ancora quel titolo.

Riassumendo, fu quindi 49B-R8 solo nella 1a gara del Campionato del Sudafrica, 49C-R8 dalla 2a gara in poi.

Il titolo del capitolo riguardante la R8 nel libro "LOTUS 49 - The story of a legend" è il seguente:

Chassis 49T/R8, 49B/R8, 49C/R8

spero di avere risolto qualche dubbio

Ed

1a 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, edi56 ha scritto:

P.S. giusto x correttezza, visto che il bellissimo disegno rappresenta la vettura che corse in Sud Africa, allora è in versione B

Grazie Edgardo per l'impegno e anche per la concessione "giusta x correttezza..." ma sento di dover far notare l'ennesima " boiata", riportata sicuramente da esperti, che sta nelle ruote da 13 pollici, queste arriveranno in F1 da li a 4 anni e le Lotus 49 mai li hanno calzati. 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...