Jump to content

znarfdellago

Appassionati
  • Content Count

    1216
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

znarfdellago last won the day on December 31 2017

znarfdellago had the most liked content!

Community Reputation

2152 Buono

1 Follower

About znarfdellago

  • Birthday 11/20/1959

Informazioni di Profilo

  • Following F1 since
    Array
  • Former Driver
    Array
  • Team
    Array
  • Track
    Array
  • Best Race
    Array

Recent Profile Visitors

1715 profile views
  1. Salve a tutti considerazione veloce veloce (ero via quindi mi guarderò quelle 3/4 ore di video per farmi un’idea) ma abbiamo una nuova dominatrice in R5? Per Ogier posso solo dire (al di là dell’occasione che il meteo gli offriva) che fortuna e sfortuna si annullano nel corso di un anno ... come sempre e vale, ovviamente, per Thierry e gli altri. Tana deve solo imparare a gestirsi, cosa che non fa (sa fare?) assolutamente e che è il motivo del suo brutto finale 2018 ... alla prossima Franz
  2. Salve a tutti paradossalmente se le temperature previste dovessero confermarsi potremmo trovarci con le prime Ps pulite da neve e ghiaccio con un fondo compatto ma morbido e viste le caratteristiche dei tracciati in Norvegia, misti lenti con accelerazioni continue, Ogier potrebbe trarne un vantaggio perché sarebbe lui a mettere le rotaie, ed abbiamo visto come le sue traiettorie differiscono parecchio da quelle di Chi passerebbe dopo di lui. Questa ovviamente è solo un menar la lingua privo di qualsivoglia base tecnico-scientific ma ... Il problema è sempre la regola della partenza in base alla classifica, lo sappiamo, e la soluzione non è così semplice come potrebbe sembrare. Non certo l’inversione categoria per categoria (ci troveremmo con lo stesso problema ma al contrario con in più l’aggravante di favorire i migliori quindi anche peggio) Nel nostro piccolo quando corriamo i rally con le slot, su fondi a scarsa aderenza, usiamo la ricognizione della prima ps come definizione per scegliere l posizione di partenza blocchi di 5; ovvero i primi cinque in classifica scelgono come partire in base al tempo fatto e di fatto il più veloce può scegliere di partire quinto, ma non oltre e avanti cosi. Potrebbe funzionare ma,statene pur certi, non è una priorità della FIA e quindi a turno avremo sempre delle lamentele motivate. Lo spettacolo sembra comunque assicurato anche in questa occasione quindi c’è ne faremo una ragione. alla prossima Franz quest’anno non si modifica il programma perché c'è la 24ore in ballo ma il prossimo Svezia e Finlandia diventano una priorità
  3. Salve a tutti su Ogier è quasi inutile sprecare parole, settimo Monte, sesto consecutivo e Mondiale (il primo era ''solo'' IRC) i suoi non sembravano problemi di acceleratore ma di accelerazione, in alcune riprese sembrano esserci dei tagli ma è solo una supposizione e si poteva anche essere pretattica; certo è che se correndo così, un po' col bilancino, arriva il settimo Monte... Neuville l'abbiamo visto in palla sin dall'inizio e poi lui nella lotta sui decimi riesce a essere freddo il giusto (ed a maggior ragione non capisco quindi i suoi errori in altre situazioni) ma non ho trovato una ripresa di quello svarione e se possiamo considerarla sfiga, al contrario se fosse stato un lungo ben venga quel bivio, diversamente potremmo parlare di un altro risultato (Monte buttato via)... Tanak; trend collegato al bellissimo finale di stagione, feeling con la Yaris perfetto, ma il collegamento è stato totale, errori compresi. La sfiga è un'altra cosa. I continui tagli si pagano quasi ovunque ma al Monte quasi sempre finiscono con l'essere decisivi ed in questo mi chiedo se quell'assetto nervoso è figlio di scete sue o conseguenza di un'evo un po' così... Loeb non è stato una delusione per come ha corso, lo è stato per certe scelte; però ricordo anche che nel periodo di massimo splendore della sua stella tutte le volte che c'era una novità, era un po' preda dell'ansia finendo per commettere uno dei suoi rarissimi errori (a memoria penso al primo rally di Polonia). Per il resto la velocità c'è ma anche i soli 500 Km di test che sicuramente lo hanno limitato per lo scarso feeling con la i20 (per il Catalunya aveva macinato oltre 1000 km ed era la sua terza uscita dell'anno)... Meeke è stato bravo a tenere la mente sgombra ed i tempi sono venuti; prendersi i 5 punti della Power-stage è la cigliegina di una torta fatta di bei segnali e di una bella guida. Pensavo che finire nelle mani di TM4 per lui potesse essere un bene ma onestamente non pensavo che potessero gia vedersene i frutti. Magari è solo una circostanza ma... Latvala sottotono, ma il Monte non è certo la sua cartina di tornasole e seppur a sprazzi ho visto belle cose mentre Mikkelsen continua a deludere, poche idee e pure confuse e la i20 c'è... Spero che per Malcom arrivi un po' di sole, troppi errori dai suoi due piloti mentre la Fiesta mi è sembrata nel complesso una macchina sincera ma certo perdere Ogier presenta un conto difficile da pagare senza conseguenze... Le R5 sono la bellissima nota positiva di questa specialità; ci sono un bel po' di bei pilotini in giro ed anche qualcuno che non è ''-ino'' ma che guida bene davvero, parlo di Yoan Bonato che si è fatto un gran Monte rilanciando alla grande i festeggiamenti per i 100nni di Citroen... Toyota certo ha il miglior pacchetto al momento (scusate se ci torno su ma l'assetto neutro dello scorso anno per me era ancora meglio) ma Hyundai non è lontana, anzi sembra decisamente migliorata ed Adamo potrebbe essere l'atout per accrescere la competitività e Citroen continua il trend a salire cominciato nella seconda parte della scorsa stagione, ha un motore ed un telaio molto buoni ma ancora in divenire ed anche qui si potrebbe trovare la chiave per dare ad Ogier l'arma assoluta... Quel che è certo è che se abbiamo vissuto due stagioni fantastiche, quella che è andata a cominciare, pur cominciando così come era finita, ha tutte le carte per essere ancora migliore. Buon Mondiale a tutti alla prossima Franz
  4. salve a tutti esattamente! Ogier sa di non avere ancora in mano la vettura, le modifiche sembrano pagare col suo stile di guida ma ancora parlare di simbiosi non se ne parla. E siccome una delle sue doti è leggere la gara ma anche la staqgione, sa che tutto si giocherà sugli errori e quindi si prende un margine maggiore ... visto in quest'ottica se questo atteggiamento prudenziale da, come risultante, questi ''tempi'' allora credo che ci divertiremo sicuramente. Concordo anche sul fatto che il Monte è più strategia che velocità ma certo che se la modalità all-in di Thierry non lo porterà a strafare potrebbe essere la quadra. Ripeto quanto scritto poco sopra Ogier è al comando ma il vantaggio è risibile e questo in presenza di due approcci completamente opposti, guida e scelte ... vorrà pur dire qualcosa? O magari no. alla prossima Franz PS conto su di voi
  5. Salve a tutti si certamente volendo contare i jolly forse potremmo anche considerarlo un fortunello ma è vero che se vinci 6 titoli sei un GRANDE, ma se arrivi secondo le volte che ci è arrivato Thierry si può anche pensare che tu non sia da buttare ma che piuttosto tu sia nato nel periodo sbagliato. Se penso ai jolly per esempio potrei pensare a Ogier come un paperino, gli negli ultimi due anni due sviste ''colpevoli'' e due out ma certo che se mi sento dire di Ogier che è un paperino mi prendo a sberle da solo. Sarei felice che le fortune e le sfortune di tutti fossero legate solo alla gara (errori e meteo compresi) al netto di rotture meccaniche. E' un Monte come gli altri, non lo vedo diverso, difficile da interpretare perchè l'altimetria legata al meteo ballerino rende difficile mettere insieme tutti i pezzi ma alla fine chi non sbaglia è li anche con le gomme ''sbagliate''. Tagliare non la ritengo neanche più una scelta, è un modo di correre cui è difficile rinunciare anche se, a mio avviso che sono uno che non corre, nel bilancio vantaggi svantaggi da sempre un saldo negativo. Due parole su Loeb, non ha certamente in mano la i20, che sia chiaro, ma quel tirare ''a muzzo'' con le gomme sperando di fare il colpaccio non me lo fa riconoscere. Lo rivedo di nuovo un po' come in Corsica l'anno scorso, quando al pronti via si prende 10'' da Ogier e nella PS2 invece di metabolizzare, spegne tutto e va out ... la sua è una posizione invidiabile, 6 gare, di cui 5 scelte da lui (la Svezia gliel'hanno chiesta) quindi poteva giocare meglio le sue carte ed invece mi sembra in affanno e non lo capisco ... anche se poi domani fa tre scratch e finisce sul podio alla grande, rimarrà quella sensazione che mi lasciato, ovvero quella di non averci capito niente e di aver tentato la sorte. Non è da lui. Tenetemi informato, ad ogni ritaglio di tempo vi leggerò con attenzione! alla prossima Franz
  6. Salve a tutti la ps3 cancellata è da ascriversi all'organizzazione; se la gente gia si mette dove non deve quando è segnalato figurati quando non lo è... quindi buco nell'acqua e via di corsa per la successiva ma non dovremmo avere problemi. Chi ci guadagna alla grande è Thierry che ha fatto a mezzo con le gomme e sicuramente si trova con delle chiodate al top sulla ps4. Ma ogni tanto una botta di culo ci va dai. Ogier ha detto chiaro alla partenza che sarà un Mondiale giocato sugli errori e lui '' Je ne connais pas encore toutes les réactions de la voiture '' vuole arrivare a Monaco. Tanak, Meeke e Lappi tagliano con noncuranza anche in trasferimento. Toyota nervosissima, Hyundai ben piantata anche se forse un po' leggera davanti (ma non è così che la vuole Seb?). Evans mi è piaciuto così come Meeke ma sono sempre un poco oltre. Nel pomeriggio il migliore sicuramente Neuville, Loeb non c'è e credo che Magaud abbia cantonato (così come altri ricognitori ma non quelli di Thierry), Ogier molto abbottonato ma credo che abbia interpretato al meglio tutte le situazioni, infatti seppur di poco ... Da una parte mi dispiace non essere qui domani ma da un altra il programma è ugualmente allettante. alla prossima Franz
  7. Salve a tutti Loeb a mio avviso ha pagato l’anticipo di Magaud nel transito sulle PS. Dalle 16 alle 18 sono ballati 7/8 gradi rispetto alle previsioni e la tanta neve? Al Monte prevedere un piano B aiuta sempre. Il freddo poi ha tenuto il ghiaccio e quindi meno “sciolto” meno verglas. Insomma non il baillame dello scorso anno, tutto più nella norma e quindi più influente la guida. Impressionanti le R5, belle spettacolari anche perché se andiamo a guardare sono in tanti a guidare bene. alla prossima Franz
  8. Salve a tutti vorrei fare qualche considerazione sulle vetture viste all’opera nello shake down. Indubbiamente, al di là di quello che pensavo all’introduzione del regolamento WRC+, l’aerodinamica conta anche nei rally (non spenderebbero soldi e tempo se non ci fosse un riscontro) e quindi, appassionandomi quasi quanto la meccanica mi sono guardato intorno ed eventualmente #giovanesaggio puntualizzerà e correggerà. Considerando i pacchetti a stamane l’ala della Toyota rimane un concentrato di concetti che manco un’ala davanti della W09, vista poi in parallelo sulle ali di C3 ed i20, che per la Fiesta sembra quasi un sovradimensionamento di quella della R5. Ma guardavo anche il fiorire di alette, spoiler, nolder e specchietti culla Yaris che mi danno l’idea di continui correttivi. Mi spiego meglio su quel nervosismo che avevo notato pre Monte, sembra quasi che si siano trovati con il pacchetto Evo con un carico eccessivo dietro e quindi con uno scompenso all’anteriore, da recuperare in fretta con quel fiorire scritto prima. Prendo a riferimento la C3, con la sua pulizia di linee ed i passaruota stondati anche nella discesa con uno sfogo carenato ed un’ala che definirei minimalista. Questo mi suggerisce un bel carico garantito dal corpo vettura (che sappiamo essere il meglio che c'è perché c’è sempre ed in ogni condizione) che posso scompensare alla bisogna per esempio su asfalto per avere maggiore carico dietro e che patisce poco le toccate che storpiano la carrozzeria (ricordiamo l’anno scorso che cosa dicevano i piloti che si sono ritrovati senza ala dietro al via di una PS). Al di là di Loeb che ha bistaicciato con l’assetto lamentando qualcosa al differenziale posteriore l’impressione avuta è stata di una facilità di guida per Ogier e Tanak (molto più sporco però ad esempio di Meeke) mentre Thierry ha fatto il tempo a prezzo di tagli netti (solito vizietto) ma conoscendo bene Adamo una delle prime cose sarà stata lo studiare la casistica delle rotture (uno dei suoi concetti chiave è sempre stato “la prima cosa che ti serve per vincere è finire”. Comunque buon Mondiale e che non siano i guasti a determinare il risultato... Visto il tempo di Meeke preferisco non dire niente ed aspettare ... alla prossima Franz
  9. Salve a tutti quelli di Ogier con C3 e di Toyota grazie ad oltre 600 minuti di girato di amici di RallyMagazine mentre quelli di Loeb grazie al fatto che ho beccato le assistenze mentre ero a Gap per altro. In precedenza per alcuni test (il sud della Francia e sfruttatissimo per i test su asfalto, Antibes e le Alpi) ho avuto notizia grazie ai miei scambi di letture con gli amici francesi di AutoHebdo. Alle volte vengono sopra Sanremo, tipo Perinaldo o Triora anche se è il team test e gli ufficiali non ci sono (e questo lascia più libertà per dare un occhiata nei passaruota o sbirciare la schermata del set-up dei differenziali sul pc...anche capendoci poco). Spesso si traduce in una ingiaccata di freddo porco (o magari ti sciogli per il fottuto caldo) per tre dico tre passaggi in croce altre volte invece è quasi meglio di un Mondiale...ho detto quasi... Spero di liberarmi e poter andare giovedì sera a vedere la ps2 (mi ispira di più sentendo Latvala) così poi posso veder la ps3 al venerdì mattina e la ps7 o 8 al pomeriggio. Niente trasferta a Monaco perché sabato corro io. alla prossima Franz
  10. Salve a tutti In Citroen i meccanici hanno subito preso contatto con il “metodo” Ogier. In un paio di occasioni, sfruttando una stradina che collegava inizio e fine prova, alcuni meccanici lo aspettavano per modificare “in diretta” settaggi differenziale posteriore e lavoravano su molle e ammortizzatori (precarichi ?). L’evoluzione a vista era immediata anche se, almeno in una occasione, ha decisamente mollato perché probabilmente la strada presa non era corretta. Comunque l’ho visto carico è motivato ma soprattutto non ha sprecato un secondo sempre a contatto con i tecnici ad analizzare i perché di percome delle risultanze “modifica - asfalto”. La Citroen era cresciuta sul finale di stagione, non tanto per i risultati ma proprio, dicevo, a vista. Quella in Francia è stata, almeno a mio avviso, un altra C3. Il motore mi sembra avere un suono molto “pieno” e anche l’accelerazione. Ho, come sempre da grande innamorato, la pulizia di guida, quella rotondità che lo tiene lontano dal taglio brutale garantendogli velocità e linea. Ho cercato, anche a scapito di una bella scarpinata, un’inversione ed il dubbio che mi era venuto sembra aver trovato conferma; staccata e poi ancora una pelata sul freno che usa per accentuare il trasferimento di carico e piantare l’anteriore in modo da essere subito in accelerazione. Insomma lui non era ancora soddisfatto, e probabilmente finirà di cucirsela addosso solo verso giugno, o almeno di sentirsela già un po’ più sua, ma io sono soddisfatto. Per Toyota, ma credo sia solo una mia impressione, l’ho trovata più nervosa che non in precedenza. La cura Makinen invece sembra cominciare da subito a dare i suoi frutti e le faccine di Meeke sembrano darmi ragione. Sta lavorando, imparando ad usare una macchina che è davvero performante e non ho visto quegli occhi del terrore che ne contraddistinguevano lo sguardo fino a pochi mesi fa. Non è ancora il ragazzino terribile di Colin ma non è più quel cane bastonato degli ultimi tempi in Citroen. Ora il mio ultimo desiderio sarebbe che un mega sponsor mettesse mano al portafoglio e garantisse almeno l’agiatezza economica a Wilson. Spero che anche per Hyundai la cura Loeb dia i suoi frutti; l’affidabilita’ in primis che la prestazione non è mai veramente mancata. E chissà che l’incubo di avere un altro Seb, addirittura come compagno, non ci restituisca quel Thierry che faceva sfracelli in Ford ad inizio carriera ... Per il resto buon Mondiale a noi, a loro ed anche a chi ci vuole male ... alla prossima Franz
  11. Salve a tutti si effettivamente quello per Neuville poteva essere il momento della svolta ed invece è sembrato aver esaurito tutto in quei km interminabili. Rimango della mia idea, troppi jolly pescati nel mazzo per poterlo definire un Campione ma sicuramente se tieni botta a Ogier e Tanak per tutta una stagione qualcosa dentro devi averlo. Un ringraziamento al calendario per lo stop corto ed i test già a dicembre e speriamo nel colpaccio di Wilson per il 2019 ... alla prossima Franz PS no per l’amor di Dio che Ron stia lontano dalla stagione 2018, potrebbe solo aggiungere disastri a disastri ...
  12. Salve a tutti Yaris sugli scudi, non v’è dubbio, in questo finale di stagione. Ma ancora qualcosina da mettere a posto come la posizione del radiatore non adeguatamente protetto dagli atterraggi di Ott (tre rotture quest’anno ed una irrimediabile) ed una tendenza a perdere fascione posteriore (e con lui l’aerodinamica) ma questo un po’ tutti. Sulla Citroen la macchina c’e ed hanno fatto un gran lavoro a Satory pur non avendo poi chi potesse dare un riscontro in PS. Dal Monte alla Germania e poi alla Spagna la crescita c’è stata eccome, la C3 gira e risponde bene ai settaggi differenziale così come c’è una bella interazione tra anteriore e posteriore. Loeb con le gomme giuste la metteva dove voleva ed in accelerazione i cavalli arrivavano alle ruote (in alcune inversioni sporche era una pena vedere Ogier spuntare con una marcia più bassa per provare ad andar via) quindi con un inverno per cucirsela addosso direi che le prospettive sono più che buone per vivere un’altra stagione a questi livelli di pathos. Do alla Yaris qualche cavallo in più ma non così tanti da fare la differenza a priori mentre credo la i20 assolutamente vicina alle sue contendenti ma con poche risposte dai test se non il macinare km non si va lontano anche se l’affidabilità è sempre la miglior base da cui partire. Ford? Beh non la credo la “cenerentola” ma tra le 4 è certo in coda alla voce cavalli mentre a livello meccanico, sospensioni ottime e facilità nel trovare settaggi ottimali praticamente sempre (Ogier ci ha bisticciato solo in Germania dove per altro era li lì per vincere ed in Finlandia per [forse] la sua ostinazione al neutro che per altro è poi la sua caratteristica migliore legata al suo smisurato talento) che rendono il telaio meno “brutto” di quello che sembra visto che alla voce sviluppi quando gli altri hanno portato gli aggiornamenti Wilson si è trovato con la coperta corta e meno male che SEB aveva fatto 3 su 4. Dai l’inverno è corto, faceva notare @R18, e comunque prima del Monte un paio di test nell’entroterra nizzardo conto di andare a vedermeli giusto per fargli i miei complimenti e vedere la sua faccia con un po’ di km in carniere con la C3, giusto per capire se c’e ancora la “fame” ... ma chiunque dovesse vincere nel 2019 sarà comunque un successo ... Uh!!! Dimenticavo, un grande a Latvala che ora è uno dei pochi moderni ad aver vinto con tre marchi diversi, scusate se è poco e per questo un grazie va a Tommy 4+1 (non ricordo chi è stato ma grazie per averlo scritto) che l’ha di fatto ricostruito dandogli la tranquillità necessaria. Alla prossima Franz
  13. Salve a tutti sono andato a rileggermi il post a fine Germania ... avevo visto giusto. Ogier era arrabbiato per l’out, non deluso, incazzato. Era contento di come aveva guidato ed era fiducioso. Beh ora passata anche la seconda metà della stagione mi inchino ad uno che ha un solo cappello ma tanti di quei conigli che vorrei fosse gennaio per poter partire ed andare al Monte già oggi pomeriggio. Avrei messo il mio € su di lui per la mia immensa ammirazione e fiducia ma Ott è il futuro, e come ribadisco spesso, fortuna e sfortuna sono concetti astratti e se fai tre errori (perché di errori si è trattato) vuol dire che stai crescendo ed ancora qualcosina ti manca ma grande lo sei già ora. Il Mondiale Rally è stato spesso noioso ma percentualmente ci ha sempre dato grandi emozioni e (pur essendo io un inguaribile nostalgico! Credo si sia capito) amo queste WrcPlus che l’inverno passi veloce e che Thierry trovi la forza di venirne fuori ... alla prossima Franz
  14. Capisco ed in effetti non sto parlando di errori ma non li metto nemmeno nella colonna sfortuna. È un film già visto spesso, sopratutto in queste ultime 2 stagioni, tagliare è ormai un modo di guidare ma c'è chi riesce a fare la differenza tenendosi qualche cm di margine. Ott è un vero talento ed intravista l’occasione, impensabile solo qualche mese fa, ha fatto bene ad inseguirla. Poteva anche non forare ma quel tipo di guida si porta dietro dei rischi ed il conto che ti presenta normalmente è quello. Resta la meraviglia di questa stagione ed il mio pensiero va già alla prossima ... alla prossima Franz
  15. Salve a tutti grandissime emozioni, come pensavo/speravo alla vigilia, ed ora 62 km per mettere ordine in una classifica che ordine non ne ha e che definita certo non è. Peccato rientrare ma questo era già in preventivo. Mi spiace per Ott, che si sta davvero ritagliando più di uno spazio nell’olimpo della categoria. Dalla comparsa delle WRC plus ha fatto veramente il salto di qualità dando consistenza ad una velocità innata ma ... c'è un ma. La foratura così come il radiatore in Galles hanno una spiegazione in una certa “fretta” di chiudere la partita. Al RAC forse il volo poteva chiudersi senza danno, ma i tagli ci sono stati ed in Catalunya mentre Neuville sembra aver imparato a tenersi qualche cm di buono, Ott era praticamente sempre con la sospensione anteriore fuori dall’asfalto e questo si paga ovunque ancor di più sulle ss spagnole. Ogier ha sbagliato la scelta delle gomme ma ha tirato fuori dal cilindro l’ennesimo coniglio dando lezioni pur col posteriore che andava per conto suo. Sordo è quello che ho sempre pensato ovvero un pilota da “Costruttori” , lo era prima lo è ora a maggior ragione. Latvala spero vinca, per il Mondiale della Toyota (ma vorrei dire di Tommy) ed anche per lui (ed anche qui l’ho già scritto Tommy ha un merito enorme) ma non credo che Ogier lasciera’ alcunché di intentato. Thierry graziato in almeno 2 occasioni ha però il merito di aver giocato al tavolo dei migliori ed essere ancora lì. Godiamocela perché ne vale davvero la pena. Io sono un nostalgico e per me nulla potrà mai essere meglio di un Sanremo che va da Perinaldo agli sterrati toscani andata e ritorno in 5 giorni o di un Safari senza speciali (a cosa servivano?) ma con 5500 km e 52 co che rendevano invubi anche i tuoi giorni o di un 1000 laghi giocato in quattro giorni e tre notti in cui da subito non capivi più se la giostra era appena iniziata o stava finendo o ancora un Tour de Corse che ti offriva un giro turistico dell’isola in 24 ore filate in cui respirare costava decimi decisivi ma ... anche qui c'è un ma non mi si venga a dire che questi ultimi due anni non sono stati “favolosamente immensi”, sprint certo ma immensi sicuro. Grazie! alla prossima Franz
×
×
  • Create New...