Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

3 minuti fa, damy mad fer it ha scritto:

Mi viene da pensare una cosa... stiamo guardando le stesse gare? Al momento, piaccia o meno, deve bastarti! Era inutile forzare per passare Crutchlow e comunque arrivare secondo. Ha amministrato per non sbrigare le gomme, fidati... Nelle corse non esiste la bacchetta magica eh... questo è quello che può fare Valentino oggi è forse sì, tra 6/7 gare potrebbe essere che questa situazione attuale servirà per cercare di lottare per il mondiale.. poi se ci si pensa bene attualmente il problema non è solo di Valentino... ma di tutti! Vinales oggi è il più forte, quindi fino a quando non sistemerà quello che non va per Valentino sarà obbligatorio accontentarsi di quello che viene..

Resta che Valentino le prende sonoramente da Viñales che guida questa moto dall'altroieri. A prescindere dalle gare che guardiamo, l'unico fatto è questo.

Io lo spero, che questi punti gli servano, ma ho la sensazione che non sarà così.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Replies 207
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

IMHO l'ultima occasione per il 10° titolo è sfumata nel 2015. Ora potrà puntare alle vittorie di tappa, ben difficilmente al bottino grosso

Ready for Argentina, secondo round della stagione: GP Argentina 2017 - Anteprima

Boh non so ragazzi, non capisco... bisogna mettersi in testa che oggi Vinales potenzialmente può vincerle tutte ed è un problema per tutti dalla a alla z! Bisogna anche capire che ok, Valentino punta sempre al titolo, ma perché non dovrebbe farlo? Mi stupirebbe al contrario. È la benzina di cui si nutre ogni pilota, si chiama motivazione! Ed è quella che porta alcuni piloti a cercare di superarsi per ottenere il risultato. Per Valentino al momento l'ambizione è quella di non perdere troppi punti e cercare di trovare la soluzione del problema che lo affligge, poi si vedrà.

Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, The Rabbit ha scritto:

Resta che Valentino le prende sonoramente da Viñales che guida questa moto dall'altroieri. A prescindere dalle gare che guardiamo, l'unico fatto è questo.

Io lo spero, che questi punti gli servano, ma ho la sensazione che non sarà così.

La guiderà dall'altro ieri, ma quando uno in moto ci sa andare alla fine, a meno che non salga su una Ducati dove sembra essere tutto più difficile, sale sulla Yamaha e si esprime al meglio. Guardate Lorenzo all'esordio, che non aveva nemmeno mai corso in MotoGP. Questo ragazzo avrebbe tenuto dietro anche Lorenzo, ne sono certo.

Link to post
Share on other sites

Alla fine l'unico problema sono queste sceneggiate da " minchia a 38 anni sei ancora là e vai sul podio. " 
E' Rossi e le prende dal compagno di squadra .Se poi vogliamo inventare prodezze da ora al ritiro ok, basta chiarirsi. Non mi sembra ne abbia bisogno, visto quanto ha vinto. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, damy mad fer it ha scritto:

Bisogna anche capire che ok, Valentino punta sempre al titolo, ma perché non dovrebbe farlo? Mi stupirebbe al contrario. È la benzina di cui si nutre ogni pilota, si chiama motivazione!

Ma non sto minimamente sostenendo questo, lungi da me :asd: 

Quello che voglio dire io è che sta andando troppo più piano del compagno di squadra. Anche se fa podio non è un ritmo da mondiale.

Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, MagicSenna ha scritto:

Alla fine l'unico problema sono queste sceneggiate da " minchia a 38 anni sei ancora là e vai sul podio. " 
E' Rossi e le prende dal compagno di squadra .Se poi vogliamo inventare prodezze da ora al ritiro ok, basta chiarirsi. Non mi sembra ne abbia bisogno, visto quanto ha vinto. 

Ma qui si parla di quello che dicono in telecronaca o si parla di gare? Io di prodezza vedo l'arrivare a prendersi un 2º posto quando fino a ieri il passo non era da podio... poi ovvio che prenderle dal compagno non faccia bene, ma è dall'anno scorso che sostengo che Vinales su qualsiasi moto, contro qualsiasi compagno, sia davanti... ragazzi ha vinto con la Suzuki in una pista difficile come Silverstone dai, questo è un predestinato

Link to post
Share on other sites
In questo momento, The Rabbit ha scritto:

Ma non sto minimamente sostenendo questo, lungi da me :asd: 

Quello che voglio dire io è che sta andando troppo più piano del compagno di squadra. Anche se fa podio non è un ritmo da mondiale.

Si lo so, ed è evidente. anzi è stupido affermare il contrario, ma bisogna mettersi in testa che attualmente il pacchetto Valentino-Yamaha non è all'altezza per stare davanti a Vinales. Quindi ripeto, gare come quella di oggi sono ossigeno per il momento in cui (si spera), si sistemerà. Se non dovesse accadere amen! Anche perché Vinales secondo me va più forte addirittura di Lorenzo e quindi non sarà facile arrivare..

Link to post
Share on other sites

Secondo me non si può pretendere da Rossi la vittoria del mondiale,come già stato detto lui può vincere ancora qualche gara e ottenere dei piazzamenti,ed è il poter fare questo a 38 anni che lo lega alla leggenda di questo sport.Per intenderci,penso che attualmente in Yamaha ricopra il ruolo di "secondo pilota",nel senso che il team si attende più da Vinales che ha dimostrato l anno scorso il potenziale che ha ed è nel pieno della carriera ( e sta ripagando queste aspettative) piuttosto che da Vale,pur sapendo tutti che potenzialmente ha l esperienza e la capacità di guida per essere ancora il migliore in assoluto in gara. Se non arrivasse la vittoria del mondiale non penserete di parlare di campionato fallimentare

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, The Rabbit ha scritto:

@TexasTerror sei ancora vivo?

:asd: Si, l'ultimo infarto per una gara mi è venuto a Valencia 2011 quindi tutto a posto. :asd: Grazie per il pensiero. :asd: 

No più che altro commento solo ora perché mi sono intrattenuto con mio fratello a disquisire sui fatti accaduti per tipo un'ora. :asd: Un grazie sentito a lui che mi ha fatto perdere la Indy che recupererò domani a questo punto.

 

Dai bene le Ducati (private che avete capito? :asd:), Bautista impressionante.. L'avevamo detto: Teniamolo d'occhio perché questo sulla Ducati si trova e bene e l'ha dimostrato, uno spettacolo da vedere. Petrucci idem, le legnate in staccata a Pedrosa davanti di mezza moto rimarranno negli annali. :zrzr:Gran bella prestazione. 

Dovi va beh, la sfiga ci vede benissimo, ma oggi era veramente imbarazzante, non riusciva a staccare e a frenare come al solito o sa Dio cosa, non aveva in mano la moto e Aleix ha pensato bene di concludere la sua agonia stendendolo. Ha il mirino addosso quel ragazzo e mi spiace perché comunque nonostante il disastro avrebbe portato a casa buoni punti. Ovviamente spiace anche per Aleix.

L'agonia Lorenzo ha deciso di terminarla un bel 300 metri o quel che è dopo il via, tamponando Andrea "Jump Start" Iannone a caso. Non ho capito la manovra ma so che non serviva. :asd: Errore suo e pazienza, vediamo di cominciare a concludere almeno le gare senza errori già da Austin. E si che ero anche un pochino fiducioso data la buona costanza trovata nel WU (attenzione che ho parlato di costanza e non di velocità :asd:) dopo le modifiche alla sella fatte in FP3. 

Marquez ha sbagliato, per me è un errore gravissimo, perde 25 punti in una situazione ultra favorevole (i primi due giri disumani). Poteva limitarsi a gestire cercando di respingere con margine di guida un eventuale rientro di Vinales, e in caso far bagarre e mettere pressione a Mav. Invece no giù a 300 all'ora in ingresso curva e via. Peccato.

Le Yamaha bene (tutte questa volta e non solo le private, Ducati prendete nota. :asd:). Vinales non ho capito se avesse margine (forse si, almeno un paio di decimi secondo me) ma ha praticamente vinto dopo la caduta di Marc quindi tutto sin troppo semplice. Buona bagarre tra Cal e Rossi, già scritta ma comunque godibile dato che sono stati sempre vicini. Rossi paga un po' da Mav, non so se basterà mettere a posto i problemi per rientrare sullo spagnolo. Nel dubbio lui pare essere tornato in versione "big points" (per citare The Rabbit :asd:) ad ogni gara, e non è un male. 

Baz è un personaggio sfortunato. Non solo è l'unico pilota della storia a pagare 10 km/h pur avendo una Ducati sotto le chiappe, ma in più deve inchiodare per non centrare Lorenzo in caduta libera. :asd: 

  • Like 4
Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, Giocatore 1 ha scritto:

Secondo me non si può pretendere da Rossi la vittoria del mondiale,come già stato detto lui può vincere ancora qualche gara e ottenere dei piazzamenti,ed è il poter fare questo a 38 anni che lo lega alla leggenda di questo sport.

Peccato che sia Rossi per primo a non pensarla così. Io mi regolo di conseguenza. Lo so anche io che il titolo difficilmente potrà vincerlo ancora, ma lui dice che se la gioca.

14 minuti fa, TexasTerror ha scritto:

Buona bagarre tra Cal e Rossi, già scritta ma comunque godibile dato che sono stati sempre vicini. Rossi paga un po' da Mav, non so se basterà mettere a posto i problemi per rientrare sullo spagnolo. Nel dubbio lui pare essere tornato in versione "big points" (per citare The Rabbit :asd:) ad ogni gara, e non è un male.

Sì l'ultima volta che ho parlato di big points è stato riferendomi al 93 dopo il Qatar. S'è visto oggi, che voglia di big points :asd: 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, damy mad fer it ha scritto:

Si lo so, ed è evidente. anzi è stupido affermare il contrario, ma bisogna mettersi in testa che attualmente il pacchetto Valentino-Yamaha non è all'altezza per stare davanti a Vinales. Quindi ripeto, gare come quella di oggi sono ossigeno per il momento in cui (si spera), si sistemerà. Se non dovesse accadere amen! Anche perché Vinales secondo me va più forte addirittura di Lorenzo e quindi non sarà facile arrivare..

Mi sa che a breve ti dirò di togliere il "secondo me". :asd: 

Il bello è che io dubitavo di lui. :asd: "Vinales non batte in gara Rossi" Cit. :asd: 

Se ad Austin se la gioca con Marquez sono guai. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

A. Espargarò con un po' di fortuna avrebbe avuto nelle corde la possibilità di giocarsi la quarta posizione con Bautista, gli ultimi tre giri del pilota Aprilia: 1:40.060 - 1.40.062 - 1.40.060. Cosa che neanche le intelligenze artificiali. Bautista d'altro canto ha girato in 1.39.994 al terzultimo giro di gara. Sono tempi impressionanti quelli di Bau perché unico tra i piloti Ducati (sopravvissuti :asd:) a tenere un passo costante fino alla fine con tempi che negli ultimi 9 giri oscillavano dal 39.8 al 40.3. 

Se non è il migliore in pista di giornata poco ci manca. Anzi mi sa che lo è stato, senza nulla togliere ai fuoriclasse davanti. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Bautista faceva già impressione nei test, qui si è ripetuto e in Qatar non stava facendo male prima di stendersi. Chi invece sta andando male è Barberá, tra le vecchie Desmo.

Link to post
Share on other sites
7 ore fa, TexasTerror ha scritto:

Mi sa che a breve ti dirò di togliere il "secondo me". :asd: 

Il bello è che io dubitavo di lui. :asd: "Vinales non batte in gara Rossi" Cit. :asd: 

Se ad Austin se la gioca con Marquez sono guai. 

Quando ha vinto con la Suzuki si ècapito di che pasta era fatto.. quella fino a prova contraria non è una moto da podio, lui ci ha vinto......

Link to post
Share on other sites

Considerazioni varie:

- Joan Mir pilota di una maturità impressionante considerando che è solo al secondo anno di motomondiale, credo che farà molta, ma molta più strada di nomi più reclamizzati come Quartararo e Bulega.

- Oettl e soprattutto McPhee, "specialisti" alla riscossa. Ho sempre avuto in simpatia questo tipo di piloti e spero che continuino così.

- La KTM dopo due gare è già quasi al livello delle Kalex MarcVDS tornate regine della categoria, e anche Binder comincia a dare segnali importanti, non male considerando anche i problemi fisici che l'hanno condizionato nel precampionato.

- Bravissimo Xavi Vierge che è ormai una solida realtà appena dietro i primissimi, chi l'avrebbe detto considerando le stagioni precedenti della Tech3. 

- Bautista unica luce nello squallore Ducati; secondo Camicioli sarebbe stato mandato via dall'Aprilia "perchè non ha fatto grandi cose come sta facendo Aleix Espargarò" :asd: Vabè.

- Qualche piccolo segnale di miglioramento per la KTM.

- Per l'anno prossimo voglio Zarco su una moto ufficiale buona. :wub:

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
48 minuti fa, Danny ha scritto:

- Bautista unica luce nello squallore Ducati; secondo Camicioli sarebbe stato mandato via dall'Aprilia "perchè non ha fatto grandi cose come sta facendo Aleix Espargarò" :asd: Vabè.

Beh oddio, non mi sentirei di dargli tanto torto finora. Scivolata di ieri a parte, mi pare che il feeling tra Aleix e la RS-GP sia ottimo, mentre Bautista e pure Bradl la loro fatica l'hanno sempre fatta.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Allora, la questione gomme è chiarita molto bene da Manuel Pecino sul Motosprint in edicola oggi. E mi pare che la situazione sia molto grave.

Al centro della questione, tanto per cambiare, c'è Rossi. Come sappiamo, Michelin ha prodotto (ma già a fine 2016, e questa non la sapevo) una gomma anteriore con carcassa più dura, poi accantonata per non si sa quale ragione. Questo pneumatico, denominato "70", è nato a quanto pare dopo una lamentela dei piloti Yamaha (non so se dopo la gara di Valencia o dopo i test seguenti) riguardante un'eccessiva vibrazione dell'anteriore.

Ora, dopo i problemi di feeling all'anteriore accusati da Rossi, questa famigerata 70 è tornata in voga. Il problema per l'Argentina qual era? Che, da regolamento tecnico, le specifiche di gomma disponibili per ogni weekend di gara sono tre e quelle dell'Argentina erano già state approvate. La 70 sarebbe stata un extra, previsto tuttavia dallo stesso regolamento (Enrico Borghi cita l'articolo esatto, 2.4.4.9) a discrezione del fornitore di pneumatici. Come sappiamo, Michelin si è mossa in fretta e furia per fare arrivare queste gomme in Argentina, ma ha incontrato problemi alla dogana e il materiale è arrivato venerdì sera invece di venerdì mattina. Tuttavia, una riunione della Safety Commission di venerdì pomeriggio aveva già bocciato l'utilizzo della 70 per "ragioni di sicurezza": la motivazione è che ci sarebbe stato poco tempo per provare questa nuova gomma, avendo solo due sessioni di prove libere al sabato (facciamo una, perché in FP3 c'era ancora in palio l'accesso alla Q2) e peraltro in condizioni meteo inclini al brutto (e in effetti ha piovuto). Il problema è che la decisione di bocciare la 70 non spettava minimamente alla Safety Commission ma eventualmente alla sola Michelin, tuttalpiù in collaborazione con MSMA, IRTA e/o GP Commission. Sostanzialmente, ognuno durante le prove libere dovrebbe essere libero di provare le gomme che vuole.

E qui veniamo alle fazioni formatesi: da una parte quello che Pecino definisce con un termine a mio parere orripilante, il "Clan degli Andorrani", composto dagli Espargaró, da Barberá, da Viñales, da Smith e presumo anche da Márquez, che ha bocciato (chi più fermamente, chi meno) la 70 in Safety Commission e che ritiene che ci sia un autentico complotto Michelin-Rossi, ignorando (aggiungo io) che Valentino non è stato l'unico a lamentarsi della "06" tuttora in uso; dall'altra coloro che ormai vedono la stessa Safety Commission come (riporto pari pari il termine) un "Conclave Anti-Rossi", tra cui ovviamente lo stesso Rossi che venerdì pomeriggio non ha presenziato alla suddetta riunione. L'unica cosa certa è che tutti i differenti pareri sulla gomma 70 offerti nel weekend sono una lunga sequela di balle: la gomma 70 non l'ha mai vista, e tanto meno provata, nessuno, perché è stata bandita ancora prima che arrivasse in circuito.

In tutto questo, il comportamento della Michelin è a dir poco ambiguo: Nicolas Goubert, capo di Michelin Motorsport, a riguardo della 70 ha cambiato versione dei fatti almeno 3-4 volte dal Qatar a domenica scorsa. Questa gomma, in definitiva, dovrebbe essere portata ad Austin come soluzione tra le tre previste.

Un'interessante annotazione che si fa sul giornale è che Michelin si sta comportando in maniera inutilmente agitata, perché ha posto rimedio alla grande al caos accaduto proprio in Argentina un anno fa e sta ormai garantendo gomme di altissimo livello, con prestazioni eccellenti e numero di cadute "accettabile". Non vedo, personalmente, cosa impedisca a Michelin di portare le carcasse preferite da ogni pilota, dalla 70 alla 06 passando per qualunque altro genere di gomma possibile e preferibile.

Vedremo ad Austin, ma l'unica cosa certa è che Michelin in poco più di un anno ha spaccato il paddock come mai Bridgestone aveva fatto dal 2009 al 2015.

Datemi voi un parere, se ne avete voglia.

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Il mio parere? È il primo riassunto potenzialmente serio che sia riuscito a leggere in questi giorni sul "caso Michelin". Più che altro perché ha una sua logicità, Per il resto è difficile sbilanciarsi non sapendo veramente cosa sia successo.

Link to post
Share on other sites

Meno male che Cecchinello ha detto che la 70 ce l'avevano a disposizione.
Che confusione. 

Per il resto, è logico che ognuno cerchi di tirare acqua al proprio mulino. La colpa non la darei né ai plioti, né ai team. Il comportamento della Michelin è ambiguo, ma è che deve far rispettare le regole che si deve imporre

Link to post
Share on other sites

Mi sembra un gran casino, è da comiche sentire alcuni piloti e team che dicono di aver provato la 70. Michelin l'ho abbastanza difesa l'anno scorso anche perché al primo anno di rientro ci sta zoppicare un po' e nel complesso le gomme sono fin da subito state ottime. Ripartire al secondo anno con un pasticcio così è da dilettanti allo sbaraglio. Spero si chiuda tutto in breve tempo già ad Austin, senza polemiche assurde tra "Andorrani" (bei termini sul giornale di riferimento per il motociclismo) e Tavulliesi perché è già sufficientemente ridicola così com'è la situazione.

E si, continuo a dire che in Safety Commission ci devono andare tutti i piloti. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
19 ore fa, The Rabbit ha scritto:

Beh oddio, non mi sentirei di dargli tanto torto finora. Scivolata di ieri a parte, mi pare che il feeling tra Aleix e la RS-GP sia ottimo, mentre Bautista e pure Bradl la loro fatica l'hanno sempre fatta.

Non volevo assolutamente sminuire Espargarò, però Bautista si è sobbarcato le varie fasi di sviluppo e nei due anni precedenti è sempre stato il pilota di riferimento del team, i primi miglioramenti sostaziali si sono visti l'anno scorso con lui e non con Bradl. Se oggi l'Aprilia è arrivata a questo livello è anche merito suo, l'avessero tenuto oggi si ritroverebbero una moto in crescita e non uno ma due ottimi piloti, peccato.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...