Jump to content
  • Sono in questa pagina   0 members

    • No registered users viewing this page.

Lotus 94T


v6dino

Recommended Posts

 

Lotus 94T '83 Renault v6 1,5ltT.jpg

DATI GENERALI

Scuderia  John Player Team Lotus
Anno di produzione  1983
Motore  Renault EF1 V6 1492 cc turbo    
Telaio  Monoscocca in fibra di carbonio e kevlar
Carburante e lubrificanti  Elf
Pneumatici  Pirelli
Luogo di produzione  Hethel (GB) google.maps
Progettista  Gérard Ducarouge e Martin Ogilvie
Impiegata nel  1983
Piloti  11 Elio De Angelis, 12 Nigel Mansell

STATISTICHE
GP Disputati  7   
Vittorie  0
Podi  1
Pole Position  1
Giri Più Veloci  1

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...
  • 3 weeks later...
  • 4 years later...

oMSldg9.jpg

Il primo collaudo a Hethel, domenica 10 luglio 1983, qualche giorno prima dell'inizio delle prove libere di Silverstone. La fotografia, presa dalla rivista del Team Lotus di quegli anni, è purtroppo sgranata. La vettura di Ducarouge venne presentata in quella che veniva definita la consueta "Festa natalizia" della scuderia, festeggiata in estate in quanto era stata rimandata, dopo la morte di Chapman nel dicembre del 1982. La festicciola si tenne sabato a Norwich, nella residenza di Warr e consorte. Verso mezzanotte, la monoposto venne smontata e spedita a Hethel, dove, in mattinata, Elio fece, appunto, qualche giro. Ancora non era stato completato il secondo telaio per Mansell. Qualche lieve modifica fece saltare la tabella di marcia: era stato programmato un collaudo a Donington per il lunedì, ma venne posticipato al giorno seguente. Così facendo, martedì si poterono portare entrambe le 94T. Qui, Elio ebbe ottime prime sensazioni, corroborate dal fatto che, qualche giorno dopo, avrebbe quasi fatto la pole position nel gran premio casalingo. Comunque, qualche piccolo intoppo sorse lo stesso, perché a Donington entrambe le macchine furono fermate da anomalie al sistema di carburazione. Perciò, ci si incamminò in serata verso Silverstone con questo punto interrogativo. Il mercoledì, giunti a Silverstone per il gran premio, la prima cosa fu risolvere questo problema e, a questo scopo, venne impiegata tutta la mattinata per aggiustare il telaio di Elio, mentre l'intero pomeriggio venne dedicato a quello di Nigel. Ora, la prima vettura sembrava risanata, ma quella di Mansell continuava ad avere problemi. Al termine delle prime prove ufficiali, quelle del giovedì, venne fatta una comparazione, facendo lavorare il motore di Nigel con il sistema elettrico di Elio, così da potere circoscrivere le indagini all'impianto elettrico. I fastidi per l'inglese continuarono fino all'inizio della gara, perché non riuscì a compiere neanche un giro il giovedì mattina (prove non cronometrate), e lo stesso dicasi per il giovedì pomeriggio (qualifiche) e il venerdì mattina (ancora prove libere). Dovette ricorrere alla sua 93T. Anzi, durante la notte fra giovedì e venerdì, questa 93T venne smontata e l'impianto elettrico di essa montato sulla 94T. Fecero una telefonata a Mansell, che diede il via libera ed Elio prestò il consenso a lasciare andare molti dei componenti della propria squadra di meccanici con lo scopo di aiutare negli accertamenti. Il venerdì mattina, però, il problema si ripresentò. Allora, Mansell, non potendo usare più la propria 93T, nell'eventualità che le indagini sulla 94T/2 si fossero prolungate, chiese in prestito quella di Elio. Fece bene, perché nove ore dopo i meccanici ancora stavano in alto mare. Venerdì sera – la gara si sarebbe corsa il sabato –, Steve Hallam chiese aiuto a Colin Day, ricercatore dell'Istituto tecnologico di Cranfield, dalle parti di Bredford. Insomma, vennero vagliate ancora più accuratamente le parti incriminate e i due giunsero alla conclusione che si trattasse di un problema di cablaggio. L'unica possibilità di scampo fu affidarsi a dei piccoli ma affidabili fornitori del Norfolk, Tony James e Chris Goodwin, i quali con una corsa contro il tempo, si misero in opera per soddisfare la commissione in tempo per il warm-up del sabato mattina. Ecco, fu una settimana molto movimentata. Ebbe una conclusione agrodolce e a sorpresa. Elio si ritirò dopo due giri per un problema di cui si andarono cercando le cause per settimane; Mansell partito dal fondo, giunse quarto e fu festa grande. Un po' tutti, soprattutto gli avversari, avevano capito che con la 94T la Lotus sarebbe tornata ai propri livelli.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...