Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

sundance76

Moderators
  • Content Count

    9230
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    102

Everything posted by sundance76

  1. La locandina della prima edizione nel 1923:
  2. Qui di seguito sul blog di milotemesvar ci sono centinaia di servizi in pdf di varie riviste (AS, Quattroruote, Rombo ecc. ecc.) sulle varie 24 ore di Le Mans. Da leccarsi i baffi, c'è solo l'imbarazzo della scelta: http://laletterascarlatta.blogspot.it/search/label/Le%20Mans%2024%20h
  3. Strano: nell'ultimo link non vedo nulla.
  4. Vada per la Indy valida per il Mondiale Piloti, ma scrivere la storia di tutte le gare Sport esula del tutto da una enciclopedia della F1 (sigla che a me suona incompleta e che infatti preferisco sostituire con "GP")
  5. Ma la Wiki è o non è dedicata solo ai Gran Premi? Io credo che sia già enorme il compito di scrivere la storia di tutti i Gran Premi, validi o no per il Mondiale. Se mettiamo anche le corse di durata e tutte le altre competizioni di automobili, diventa anche poco pratico... Ok, per oggi stacco, a domani!
  6. ...e proporrei di aprire anche un topic dedicato alla storia delle corse di durata (non solo al Mondiale ma TUTTA la storia) via via denominate Sport-Prototipi-GT-Endurance ecc. ecc. ecc. ecc. perchè non vorrei confondere la storia di Le Mans con le altre competizioni.
  7. Ottimo. Volevo farlo io, ma ero frenato dall'idea che forse avrei dovuto iniziarlo con lo scrivere una sintesi della secolare storia della corsa, e allora cincischiavo. Mistral ha spazzato via ogni mia elucubrazione. Ora scateniamoci.
  8. L'Evoluzione dei Rallyes: 50 anni di traversi. Un FILM I-M-P-E-R-D-I-B-I-L-E, realizzato nel 2002 dal grande Helmut Deimel.
  9. Jacky Ickx (Ferrari) e Cesare (Lancia) alla Targa Florio 1973 (valida per il Mondiale Prototipi, oggi detto Endurance):
  10. Beh, non erano proprio sabotaggi. Riguardo gli ordini di squadra, che erano tanto criticati dentro e fuori d'Italia, e che talvolta sembravano anche inutili perchè ininfluenti per il Campionato, va detto che Fiorio ha ottenuto 18 titoli mondiali, mentre ad esempio la Ford, che ostentava tanto la propria sportività , in quasi 40 anni vinse solo un titolo (il Costruttori 1979). Insomma, quei risultati qualcosa vorranno pur dire.
  11. - Paul Newman nel '76 ha vinto un titolo americano SCCA nella categoria D-Production, mentre è famosissima la sua prestazione alla 24 ore di Le Mans nel '79, quando arriva 2° assoluto con Stommelen e Barbour, perdendo la corsa per... la pipì dei vincitori (i fratelli contrabbandieri Wittington). Con Redman e Barbour era anche stato al comando della 12 ore di Sebring fino alla rottura della guarnizione della testata. Paul ha poi vinto nel 1982 a Brainerd la gara Trans-Am, e nell'86 ha fatto il bis a Lime Rock. - Steve McQueen ha avuto una discreta carriera di pilota, in cui spicca il 2°
  12. Alla durissima "Liegi-Roma-Liegi" del 1954, in coppia con Christillin, sulla Lancia Aurelia GT Coupè, c'è Sandro Fiorio, papà di Cesare:
  13. Un'altra info toghissima!!! Guardate qua: http://www.racingsportscars.com/driver/results/Cesare-Fiorio-I.html
  14. Ma dai Hai visto la foto di Fiorio ventiduenne immortalato a Pescara? Devo cercare, magari esce fuori qualcos'altro di interessante...
  15. Toghissima!!! Avevo questa foto ma non avevo mai pensato a contestualizzarla, c'era solo scritto "Fiorio nel 1961". Ebbene, oggi l'ho guardata meglio, e dallo sfondo ho pensato fosse il mitico (e pericoloso) circuito di Pescara, che proprio nel '61 si disputò per l'ultima volta, e quell'anno era valido come ultima prova del Mondiale Endurance Sport Prototipi. Sono andato a prendere il megalibrone sul GP di Pescara del compianto Federico Valeriani (quasi 200 euro e mi andò pure bene), e ho trovato che nella categoria G.T. fino a 1150 cc col numero 118 correva, con una Lancia Appia Zagat
  16. Nella bella intervista postata da Muresan, Fiorio fa un piccolo errore: dopo il 1990, la Ferrari tornò a vincere 6 GP in un anno solo nel 1998 (non nel 1997), e tale record fu battuto nel 2000 (dieci vittorie) ma non nel '98 e nemmeno nel '99, quando fu solo eguagliato. Inoltre sbaglia nel ricordare che nei sei anni precedenti la Ferrari aveva vinto solo 3 gare. Forse si confonde col fatto che il bottino della sua prima stagione, 3 vittorie, mancava a Maranello in un solo anno da sei stagioni (cioè quando nell'83 la Ferrari ne vinse 4). Un altro piccolo errore lo fa l'intervistatore, qua
  17. Dopo il GP d'Australia '99, il direttore di AS Carlo Cavicchi ricorda un aneddoto:
  18. Va anche detto che nel '77-'78 furono uniti i reparti-corse di Fiat e Lancia, e ci si trovò con un numero abnorme di piloti. Giocoforza si dovevano fare delle scelte e cercare equilibri difficili. Fiorio aveva certamente una pelliccia sullo stomaco, oltre a un modo di porsi che talvolta risultava "falso" dal punto di vista umano, ma faceva comunque gli interessi aziendali, e i risultati in qualche modo gli danno in gran parte ragione. Articolo su "SAM Rally" riguardo il caso-Carello:
  19. La versione di Munari, lo "sconfitto" del Sanremo '76. "Dopo tre giorni di gara ero secondo alle spalle di Waldegard nonostante avessi rotto l’ammortizzatore anteriore destro e il motore avesse continui problemi. Le Stratos occupavano le prime quattro posizioni, dietro di noi c’erano Pinto e “Tony” Fassina, molto staccati. Continuai senza far sostituire l'ammortizzatore, perchè Fiorio ci aveva avvertito che non dovevamo più gareggiare tra noi, ma anzi dovevamo progressivamente azzerare il distacco tra me e Bjorn, e che lui avrebbe scelto una prova speciale il cui esito avrebbe dec
  20. Sul famigerato Sanremo del '76 accennato da Pinto nell'intervista di Delli Carri, ecco invece, a distanza di anni, una testimonianza di uno dei due interessati, cioè il vincitore Waldegard (articolo del 1990):
  21. Mauro Pregliasco (Campione d’Italia ’77): “Nel ’76 ebbi il gravissimo incidente al Valli Piacentine. Il mio copilota Angelo Garzoglio mi tirò fuori dalla Stratos in fiamme, ma dopo due settimane lui morì, mentre io feci mesi di ospedale per le ustioni. Una cosa tremenda: Angelo era mio grande amico e l’avevo portato io in Lancia, un dolore immenso. […] Nel ’77 tornai e vinsi il titolo italiano davanti a Verini, e in squadra avevo anche Tony Carello, uno molto bravo. Però alla fine dell’anno mi lasciarono a piedi: mi chiamarono a Torino, Fiorio mi disse che i due reparti corse
  22. Fulvio Bacchelli (vincitore del rally di Nuova Zelanda, valido per il Campionato Mondiale nel ’77): “Alla fine del 1974, nonostante in Fiat stessi benissimo e fossi coccolato, andai a parlare con Fiorio per correre con la Lancia Stratos, perché all’epoca il reparto corse della Lancia era diviso da quello Fiat. Arrivammo quasi alla definizione del contratto, ma io feci un po’ di valutazioni e pensai che in Fiat ero portato in palmo di mano mentre in Lancia c’era Munari che era il numero uno, e c’erano tanti altri bravi piloti, per cui non mi era ben chiaro quale sarebbe stata la mi
  23. Riguardo le "ombre" dell'operato di Fiorio, sui vari libri di Delli Carri, in particolare "Benzina e cammina" e "La danza dei piedi veloci", ho raccolto alcune testimonianze "abbastanza" ostili al Cesare nazionale: Alcide Paganelli (Campione d’Italia ’70): "Fiorio? Uno che tutte le mattine si alza pensando di essere il più furbo di tutti e cercando un modo per fregare il mondo intero. Le corse sono un ambiente strano, dove lealtà e correttezza non sono qualità molto apprezzate. Ciò nonostante ho avuto degli ottimi compagni, anche se un po' cagoni. Quelli che gestiscono lo sport dell
  24. "Il Dottore", "Hollywood", "L'abbronzato", "Dottor Sottile", sono solo alcuni dei soprannomi del più vittorioso Direttore Sportivo italiano. Dopo aver vinto nel '61 un titolo italiano di velocità nella categoria GT fino a 1150 cc, Cesare Fiorio, figlio del capo ufficio-stampa della Lancia, crea nel 1963 l'HF (High Fidelity), una sorta di club di appassionati clienti della Casa torinese, che in breve tempo diventa il Reparto Corsa della Lancia. Con poche risorse e ancor meno uomini, l'HF progressivamente diventa la squadra più professionale nel mondo dei rallyes, una di
  25. Anche io ho dei libri in cui quella foto viene riferita a Tripoli '37, mentre invece altri libri affermano che la foto va riferita alla trasferta dell'Auto Union in Sudafrica al principio della stagione 1937, quando la squadra tedesca partecipò al 1° GP del Sudafrica e al GP del Grosvenor.
×
×
  • Create New...