Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  

Recommended Posts


Molti piloti americani (Graham Rahal in primis) contro Steiner, ma io condivido l'opinione di Jeff Gordon. Che poi il metodo-F1 sia sbagliato è un'altra discussione, però i fatti sono questi e la storia di Michael Andretti nel 1993 lascia ancora il segno.

 

  • Like 3

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, Gabriele Dri ha scritto:

Molti piloti americani (Graham Rahal in primis) contro Steiner

Tra l'altro Rahal beccato in flagrante a vantarsi di essere "Il più vincente escluso Power"... :rotfl: 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La cosa fa ovviamente storcere il naso. Non bisogna dimenticare che Formula 1 e IndyCar sono essenzialmente sport diversi ed eccellere in entrambi è tutt'altro che facile, tuttavia non penso proprio che uno Newgarden, un Rossi (e qui vedo con grande dispiacere che viene giudicato per quattro gare su una Manor, peraltro corse bene, è pazzesco) o un Rahal siano tanto peggiori di un Ericsson (butto lì un nome, ma potrei anche sparare più in alto) a livello di pilotaggio. Credo più semplicemente che a Steiner e compagnia in realtà non importi assolutamente niente di avere uno statunitense in squadra, vedremo se sarà Liberty Media ad imporsi o se "lasceranno correre" pure loro.

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, The Rabbit ha scritto:

La cosa fa ovviamente storcere il naso. Non bisogna dimenticare che Formula 1 e IndyCar sono essenzialmente sport diversi ed eccellere in entrambi è tutt'altro che facile, tuttavia non penso proprio che uno Newgarden, un Rossi (e qui vedo con grande dispiacere che viene giudicato per quattro gare su una Manor, peraltro corse bene, è pazzesco) o un Rahal siano tanto peggiori di un Ericsson (butto lì un nome, ma potrei anche sparare più in alto) a livello di pilotaggio. Credo più semplicemente che a Steiner e compagnia in realtà non importi assolutamente niente di avere uno statunitense in squadra, vedremo se sarà Liberty Media ad imporsi o se "lasceranno correre" pure loro.

Non importa o forse ancora non possono. Ricordiamoci che sono un team che inizierà appena la terza stagione in F1 e devono ancora stabilizzarsi dal punto di vista economico, dato che gran parte dei soldi li mette ancora Gene Haas in persona. Forse tra 3-5 anni, con qualche risultato in più e qualche soldo in più dalla ripartizione dei diritti (o dal modello che verrà applicato col nuovo patto della Concordia) ci sarà anche lo spazio per rischiare e mettere un pilota americano al volante.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io dico solo che la Haas non sta brillando per decisioni prese e relazioni pubbliche..

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, 330tr ha scritto:

Io dico solo che la Haas non sta brillando per decisioni prese e relazioni pubbliche..

Pienamente d'accordo. Hanno cacciato Gutiérrez perché faceva casino e al suo posto hanno preso Magnussen che da questo punto di vista ha fatto pure peggio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ribadisco quello che fa sorridere ogni volta: Ferrari che non prende piloti italiani. Lo stesso vale per la Haas.

Non è che essendo USA allora deve prendere piloti USA.

La Williams e la McLaren non hanno fatte certe scelte. 

Non vedo perché dovrebbero prendere un pilota USA. 

Poi che Steiner possa dire cappellate ci può stare eccome anche perché Newgarden un manico buono lo sarebbe eccome. 

La verità sta nel mezzo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Accedi per seguirlo  

×