Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

sundance76

Moderators
  • Content Count

    9230
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    102

Posts posted by sundance76

  1. Bellissima foto del GP del Belgio 1935 a Spa Francorchamps nella discesa dopo la Source, in fondo alla quale non c'era ancora l'Eau Rouge-Raidillon, ma la pista sul ponticello girava a sinistra verso l'Ancient Douane (la vecchia dogana) per poi ricongiungersi al tracciato.

    I box Mercedes segnalano a Caracciola il vantaggio su Chiron (Alfa Romeo della Scuderia Ferrari).

    Il tedesco vincerà dopo oltre 3 ore di gara, e sarà una doppietta Mercedes, con Brauchitsch che arriva 2° dopo essere salito sulla vettura del compagno Fagioli, il quale dopo un litigio col d.s. Neubauer ha abbandonato la vettura ai box. Chiron sarà terzo

    cGEy2yW.jpg

    • Like 1
  2. Sabato 30 luglio 1994, Hockenheim (quello vero, lungo 6,7 km), GP Germania.

    Dopo qualche guaio al motore, Gerhard Berger riporta la Ferrari in pole position dopo un digiuno di quasi quattro anni. La qualifica perfetta delle rosse è completata dal secondo crono di Jean Alesi. Anche nell'ultima pole ferrarista, Estoril 1990, si trattò di una prima fila monopolizzata, con Mansell davanti a Prost.

    7mGijlu.jpg

    • Love 2
  3. Buon 74° compleanno all'eterno e inossidabile Stig Blomqvist. 

    Otto volte campione nazionale, lo svedese iniziò a correre nel '64 diciottenne, e già nel '71 infilò un prestigioso tris in gare internazionali vincendo i rally di Svezia, Mille Laghi e Rac, portando la SAAB al 2° posto nel Campionato Internazionale (che due anni dopo mutò nome in "Mondiale"). Tuttavia per anni Stig rimase confinato tra la Svezia e l'Europeo, come uomo SAAB, fino al ritiro della Casa nel 1981.

    Nel 1982, ormai già 36enne, utilizzò un'Audi. La Casa tedesca, che nel Mondiale aveva rivoluzionato il panorama con la Quattro a trazione integrale, dopo aver visto Stig vincere numerose gare nazionali, gli diede un'auto ufficiale per il Sanremo mondiale. Risultato: vittoria. 

    Da allora Blomqvist fece parte del team Audi: nel 1983 fu al servizio di Mikkola, aiutandolo a diventare campione del mondo e mettendosi al servizio della squadra anche quando era il più veloce. A fine anno rivinse il Rac (12 anni dopo), antipasto del magico 1984, quando infilò 5 vittorie (nessuno ci era mai riuscito prima in una stagione), in Svezia (in tutto ha infilato 7 vittorie nella gara di casa), Acropolis, Nuova Zelanda, Argentina, Costa d'Avorio: a 38 anni Blomqvist vinse il Campionato del Mondo, grazie anche all'appoggio leale dei compagni Mikkola e Rohrl.

    Dopo il ritiro dell'Audi, Stig ha continuato a correre con svariate auto: nel 1987-88 fu alla Ford, dove fece da maestro ai giovani Sainz e Auriol, e partecipò persino al Campionato Italiano '88. 

    Non si è mai ritirato, nel 2001 fu 5° assoluto nel Mondiale Produzione (Gruppo N) e la sua ultima partecipazione nel WRC fu lo Svezia 2006 con una vettura di Produzione, con cui arrivò 24° assoluto, 4° di categoria. 

    Ha continuato a correre nei rally storici vincendo moltissimo, e la sua ultima vittoria di prestigio è il Safari Classic nel 2015.

    Ha l'età di mio padre (anche lui classe '46), e sono sicuro che ci rimarrei male se venissi a sapere del ritiro di Blomqvist, dopo 55 anni di corse...

    kfs8UaV.jpg

    • Like 3
    • Love 1
  4. Rally dell'Acropolis 1998.

    Dopo l'inattesa vittoria in Spagna (spezzando un digiuno di tre anni) Didier Auriol stava per fare il bis in Grecia. A due prove speciali dalla fine aveva 15" di vantaggio su McRae, ma un fusibile della pompa di benzina nel penultimo crono lo condanna al 2° posto, a 20" di distacco.

    Dannazione, con una seconda vittoria stagionale sarebbe arrivato a soli 7 punti dalla vetta, e forse avrebbe messo in discussione lo status di Sainz (vincitore a Montecarlo) nelle gerarchie di squadra in Toyota.

    "C'est la vie. So che la mia è stata una grande corsa. E' questo che conta davvero", disse Didier a fine corsa.

    jV985Qu.jpg

    • Like 1
  5. "Il mio miglior ricordo del 1990 è il Gran Premio del Belgio: perché nella partenza replicata tre volte sono scattato tre volte primo e ho vinto con una vettura meno veloce delle Ferrari, per soli 3 secondi su Prost, facendo sempre le scelte giuste al momento giusto, sostando per sostituire i pneumatici esattamente quando occorreva, rischiando al limite nelle fasi in cui era necessario, ma soltanto in quelle..."

    (Ayrton Senna)

    IJee1Ah.jpg

    • Like 2
  6. 8 luglio 1990: 30 anni fa esatti, Prost ottenne la sua 42ma vittoria in un Gran Premio.

    Quella del GP di Francia fu anche la centesima vittoria della Ferrari.

    Prost aveva vinto a inizio stagione in Brasile, poi tre gare negative fino al trionfo in Messico. Con la vittoria in Francia, ottenuta con un sorpasso a due giri dalla fine ai danni del sorpredente Ivan Capelli su Leyton House, Alain arrivò a 3 punti dal leader del mondiale Ayrton Senna. E nel GP successivo, Prost vinse ancora, andando al comando della classifica:

    jgADaps.jpg

    M3zdYkS.jpg

    • Like 3
  7. Achille Varzi e Tazio Nuvolari ebbero una inedita esperienza in motonautica. Accadde nel 1935 sulle acque di Gardone Riviera in occasione della Coppa Duca di Spoleto.
    I due si sfottevano a vicenda. Poi provarono a guidare sull'acqua. Varzi fu perplesso: "Accidenti, pare un cavallo senza briglie. Ma non c'è modo di farlo saltare meno?"
    Nuvolari fu ancora più sintetico: "Sembra una macchina con le ruote quadrate".
    Ma poi ci misero poco a fare la mano sui due scafi loro assegnati: Theo Rossi di Montelera offrì a Nuvolari il proprio “Ravanello“, un Baglietto motore Maserati 6 litri, mentre Guido Cattaneo prestò il suo “Asso“, ancora un Baglietto ma motorizzato Isotta Fraschini 12 litri, a Varzi.
    I due vinsero nelle rispettive classi dando spettacolo.
    Nella hall dell'albergo si discuteva di corse automobilistiche, e Varzi tolse la parola di bocca a Nuvolari: "Ma cosa vuoi discutere, se non ti ricordi neppure l'ultima corsa che hai vinto". E Nuvolari rispose: "Vedi, a me non interessano le corse che ho vinto, mi interessano quelle che vincerò. Ma tu cosa ti ricordi?".
    Varzi: "Io ricordo tutte le tue e tutte le mie".
    Lo presero in parola, e Varzi a memoria dettò al giornalista Giovanni Canestrini, che stenografava, i risultati di 92 corse di Nuvolari, specificando il risultato, la vettura, le avarie meccaniche o le cause del ritiro. E dopo aver dettato le corse di Tazio, elencò le sue. Fu così che Canestrini poté compilare l'albo d'oro dei due campioni, che ancora nessuno aveva compilato e che divenne per anni quello ufficialmente accettato.


    NG2HF0G.jpg
    iuJZPEQ.jpg
     

    • Like 3
    • Love 1
  8. "Non sono affari che mi riguardano direttamente perché io mi occupo della Lancia e dell'Alfa Romeo, comunque io uno come Mansell non l'avrei mai preso in una mia squadra.." (Cesare Fiorio, 8 dicembre '88, ristorante Biffi di Milano)

    10 marzo '89: Cesare Fiorio viene nominato direttore sportivo della Ferrari con pieni poteri.

    26 marzo '89: Nigel Mansell vince il GP del Brasile, al debutto con la Ferrari

    CDwARL8.jpg

    • Like 2
    • Lol 1
  9. "Non sono affari che mi riguardano direttamente perché io mi occupo della Lancia e dell'Alfa Romeo, comunque io uno come Mansell non l'avrei mai preso in una mia squadra.." (Cesare Fiorio, 8 dicembre '88, ristorante Biffi di Milano)

    10 marzo '89: Cesare Fiorio viene nominato direttore sportivo della Ferrari con pieni poteri.

    26 marzo '89: Nigel Mansell vince il GP del Brasile, al debutto con la Ferrari

    CDwARL8.jpg

    • Like 1
    • Lol 1
  10. 31 minuti fa, Bruno ha scritto:

    In fatti non e statto cosi.

    D'all via G. Berger era sotto l'alla posteriore di Coulthard, (che era sotto pressione) Alesi era a 1 buon secondo di Berger.

    al terzo giro credo, Coulthard parte in testa coda sotto il ponte, (che era ancora un po bagnato dal Warm-Up) Berger sorpreso, monta sui freni e va dirito sull'erba, e riprende la pista.

    Alesi che era un po piu indietro a avuto il tempo di vedere tutto questo, e passato dal quinto al terzo posto.

     

     

    Ti sbagli. 

    Guarda a 1:21 , si vede che Alesi aveva già affiancato Berger, mentre Coulthard era ancora in traiettoria normale. E poi non è vero che Berger va sul prato. Berger rimane sempre in pista.

     

     

×
×
  • Create New...