Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

sundance76

Moderators
  • Content Count

    9232
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    102

Posts posted by sundance76

  1. La Peugeot negli anni '60 e '70 si era guadagnata il titolo di "regina d'Africa" perché le sue robuste berline, lente per i rally all'europea, riuscivano invece a vincere i durissimi e scassamacchine rally africani come il Marocco, il Costa d'Avorio e il Safari.

    In questo articolo sono riportate le testimonianze, anche molto divertenti, dell'ultima vittoria Peugeot al Safari, nel '78, con Jean-Pierre Nicolas.

    safari2002.JPG

    • Love 1
  2. 1 ora fa, Osrevinu ha scritto:

    Onestamente a livello di gerarchie penso che cambierà poco per il prossimo anno. La Mercedes parte da una base solidissima e sicuramente hanno iniziato a lavorare alla macchina già d'estate visto il vantaggio enorme che hanno sugli altri. La Red Bull continuerà ad essere lì e per la Ferrari prevedo un'altra annata di passione. Il prossimo è un chiarissimo anno di transizione, stanno tutti lì ad aspettare il cambio delle regole.

    Che bellezza.

  3. 12 ore fa, Davide Hill ha scritto:

     

    Una macchina di F1, nell'ideale di ogni appassionato (nel mio sicuramente), avrà sempre quel sound. 

    Non è detto, sai? Nel giro di pochi decenni, tutti sono in grado di dimenticare tutto.

    (Righe iniziali e righe finali di un capitolo di 12 pagine tratte da un libro di Frankenberg del 1966 "Grandi piloti di ieri"):

     

    1.JPG

    • Like 1
  4. Il 10/12/2020 at 18:21 , R18 ha scritto:

    Questo è vero, sono d'accordo. Il segreto del successo di tanti regolamenti turismo o rally ha avuto sede proprio nella somiglianza con le vetture stradali, proprio perché l'appassionato si identificava con la macchina che vedeva in pista.

    Ma del resto le vetture utilizzate come base per le WRC Plus sono delle utilitarie o poco più...

    Pubblicità dei successi sportivi:

      

    • Like 2
  5. Il 10/12/2020 at 12:41 , Scarlett ha scritto:

    Su una cosa non sono d'accordo con molti di voi, sull'appeal di queste auto. A parte gli appassionati, sono davvero in pochi a conoscere queste "DTM-rally" (perché di ciò si tratta), al contrario per esempio delle vecchie gruppo A che, anche a generazioni che non hanno vissuto quell'epoca, vi sfido a nominare le Delta o le Subaru impreza, macchine diventate icone grazie ai rally, ed erano solo delle berline "pompate" e non dei mostri aerodinamici da pista.

    La controparte sportiva stradale per me contava tantissimo in questo sport e aiutava ad alimentare la passione ed avvicinare la gente, mentre ora chi è che compra una Yaris perché "corre nei rally"? Manco sanno che ci corre. Poi non si lamentino se tutti abbandonano.

     

    Andavo in seconda media, autunno-inverno 88-89:

       

    • Like 1
  6. Colin McRae adorava il Safari, che nel 2001, pur sensibilmente accorciato, si snodava su oltre 2000 km di cui poco più di 1000 cronometrate. 

    Lo scozzese lanciò una proposta, che poi confermò anche l'anno dopo. Qui vi posto le sue dichiarazioni 2001, poi cercherò il 2002 che fu l'ultimo Safari mondiale, oltre a essere l'ultima vittoria iridata di McRae.

    img188.jpg

    • Like 1
    • Love 1
  7. Sainz quasi sempre a podio nelle prime sei corse, poi quasi più niente. Ed era ancora matematicamente in corsa all'ultima gara.

    Peccato per Auriol, colui per cui facevo il tifo: era l'ultima ghiotta occasione con un'auto di vertice, ma per la Peugeot si trattò di un'annata davvero strana e schizofrenica. Meno male che almeno un rally lo mise in tasca: la sua ventesima e ultima vittoria.

  8. 6 ore fa, giovanesaggio ha scritto:

    Non chiamiamolo più rally allora, ma basta con queste polemiche :rolleyes:

    Quel che sta dicendo Federico, e che concordo, è che lo sport è cambiato ma non necessariamente in peggio in ogni suo aspetto. Per guidare queste macchine ci vanno due palle cubiche esattamente come ci volevano due palle cubiche per sedersi in una gruppo B. O come ci volevano due palle cubiche per affrontare il safari.
    Questo fine settimana si è corso un rally anomalo (ecco, io non condivido sul tenerlo il calendario ma son dettagli), ma in una situazione di caos generale si è corso. Non è cosa da poco. Che dovevamo fare, ripeterci ogni 100mt che questi rally sono una merda? Che un evento in autodromo non è ammissibile? Le capacità di questi pazzi mi han stupito, e mi stupiscono, ad ogni curva.

    Oltretutto non si può decontestualizzare tutto. Un rally anni '60 non poteva funzionare negli anni '80 e un rally anni '80 non può funzionare nel 2020. Le guppo B erano figlie di tecnologie che oggi sono superate. La viabilità è cambiata. E' cambiato il modo di seguire lo sport. E' cambiato il modo di interagire fra appassionati.

    Se rileggi i commenti precedenti, vedrai che molto spesso non sono io a iniziare a fare confronti col passato, e a giustificare a tutti i costi lo snaturamento della disciplina, prossima ora a diventare un evento indoor in autodromo, tipo F1 o Turismo.

    Inoltre, mi scuso con te se i miei commenti ti danno fastidio, non è mia intenzione ma comunque li puoi ignorare o tenerli "invisibili" con apposita funzione. L'importante è che non mi si dica cosa posso o non posso dire nei commenti su un forum. Se ti piace un evento tu lo dici tranquillamente, se a me non piace un evento devo poterlo dire tranquillamente.

  9. Una prima svolta ci fu tra il '92 e il '93, con le Case favorevoli ai 600 km di speciali (!), e una parte dei piloti che preferiva 500 km, definite "gare sprint", e sopratutto con l'introduzione della limitazione a un massimo di 3 tappe.

    Interessantissimo servizio di AS primavera '92, con opinioni differenti di organizzatori, team manager e piloti:

    01.JPG

    02.JPG

    03.JPG

    • Like 3
  10. Il 8/12/2020 at 18:55 , R18 ha scritto:

    Boh. A me questo Rally di Monza è piaciuto. Difficile e insidioso al punto giusto. Condizioni differenti anche all'interno di una stessa prova, tutti i piloti si sono trovati in difficoltà nell'interpretare al meglio il percorso. Ci vorrebbe qualche prova speciale in più fuori dall'autodromo e per me potrebbe stare benissimo in questo calendario. Quest'anno con il Covid non si poteva fare molto diversamente, è oggettivo. 

    Più seguo il WRC e più mi rendo conto di quanto siano inappropriati i paragoni col passato. Il WRC di 30-40 anni fa e questo sono praticamente due sport diversi e non vedo come si possa tornare indietro. Si verrà anche incontro alla gente, ma mi pare che i rally non teletrasmessi come quelli iridati non siano più lunghi di questi, è anzi vero il contrario. Semplicemente è cambiato lo sport, fine. Piacerebbe molto anche a me se i rally mondiali fossero lunghi il doppio di adesso, emergerebbe di più anche il fattore resistenza che ora si è praticamente azzerato. Ma in questo weekend abbiamo visto piloti guidare macchine da 380 cavalli (che evidentemente non sono progettate per rally da 600 chilometri, ma su questo credo non ci siano mai stati dubbi) a 150 all'ora su strade ai limiti della praticabilità, non mi sembra una cosa da poco, con le dovute proporzioni abbiamo visto un rally d'altri tempi e non mi pare il caso di sminuire i rallisti di oggi. Io ho seguito con molto piacere questa corsa.

    Si può e si deve puntare il dito contro la FIA, d'altro canto, che non si è organizzata a dovere per quanto riguarda la questione gomme. Michelin e Pirelli hanno portato gomme invernali ma in alcuni tratti sarebbero servite pure le chiodate, la penultima prova di sabato si sarebbe quantomeno disputata. L'altra è stata cancellata perché la macchina di Veiby era in mezzo alla strada e aveva portato detriti su una strada già malmessa, non c'erano grosse alternative.

     

    Dici che quest'anno con il covid non si poteva fare diversamente. Ok, io rilancio e ti dico che prenderanno la palla al balzo e in futuro faranno rally da 200 km o anche meno.

    "Mi pare che i rally non teletrasmessi come quelli iridati non siano più lunghi di questi, è anzi vero il contrario.": non capisco cosa intendi. E' ovvio che un rally del Salento non è teletrasmesso ed è più corto dei  rallini del mondiale. Mi sembra normale: sono rally locali, non "mondiali". Mi stupirebbe il contrario.

    E' cambiato lo sport, certo, anche il calcio è cambiato ma non è diventato rugby o pallacanestro né ha decurtato di tre o quattro volte la durata della competizione. 

    Non è solo un fatto di resistenza, ma proprio di formato generale. Un pilota poteva pure staccare una ruota e una sospensione, ripararla, sprofondare al 150° posto, rimontare e lottare per la vittoria e magari vincere, perché su 40-50 prove era tutto un altro discorso. Era così che il rally si costruiva la sua notorietà.

    Oggi fai un errore, o ti si buca una gomma, e sei quasi sempre fottuto. Sono diventate gare di velocità-sprint.

    E torniamo al calcio: beccare un gol al quinto minuto non è mica una tragedia in 90°, beccarlo al quinto minuto di una partita di quindici minuti, è una mezza condanna.

    Anche io quando giocavo a "Colin McRae rallly" ero soddisfatto di partite che duravano 10-15 speciali. Ecco, lo sport reale si è rimpicciolito in modo allucinante fino a raggiungere le dimensioni della fruibilità da divano e da videogioco. Come farebbero a dare in diretta tutte le prove di un Sanremo o un Acropolis di 54 p.s. tutte in tv per 5 giorni? Meglio un rallino di Monza con 7 prove (uao) concentrate al sabato da seguire sullo smartphone (e un paio le annullano anche).

    Appunto, come dici tu, è cambiato lo sport.  Ma  allora non chiamiamolo più rally. Almeno questo. E non lo dico solo io.

     

  11. La stagione 2001 fu una delle più rocambolesche.

    Ben 7 squadre ufficiali, 8 diversi piloti vincitori.

    Piloti e squadre che passavano continuamente dalla polvere all'altare, ritiri in serie seguiti da vittorie altrettanto consecutive.

    Alla vigilia del rally del Galles, quattordicesima e ultima gara, col punteggio 10-6-4-3-2-1 la classifica dei pretendenti al titolo mondiale era questa, cortissima: 

    McRae (Ford)............ 42 (3 vittorie: Argentina, Cipro, Acropolis)

    Makinen (Mitsubishi) 41 (3 vittorie: Montecarlo, Portogallo, Safari)

    Burns (Subaru).......... 40 (1 vittoria: Nuova Zelanda)

    Sainz (Ford)...............33 (0 vittorie)

     

    Poi c'erano gli altri:

    Rovanpera (Peugeot).......30 (1 vittoria: Svezia)

    Gronholm (Peugeot)........26 (2 vittorie: Mille Laghi, Australia)

    Auriol (Peugeot)..............23 (1 vittoria: Spagna)

    Panizzi (Peugeot)...........22 (1 vittoria: Sanremo)

    L'ottavo vincitore dell'annata era Jesus Puras in Corsica con la Citroen, che si preparava al mondiale 2002.

    Ed ecco un articolo di Guido Rancati alla vigilia dell'ultima decisiva gara stagionale, apparso su "Quattroruote" di dicembre 2001

    01.JPG

    02.JPG

    03.JPG

    • Like 2
    • Love 2
  12. 9 minuti fa, Andrea Gardenal ha scritto:

    Al penultimo giro Ticktum e Tsunoda (secondo e terzo) hanno fatto a gara a chi arrivava dietro all'altro al detection point per la successiva zona DRS in modo da poter azionare l'ala mobile

    Poetico sì, come un testo di Tony Tammaro.

  13. 13 minuti fa, Andrea Gardenal ha scritto:

    Non trovate anche voi che sia poetico vedere dei piloti rallentare apposta solo per poter prendere il DRS? Vorrei sentire l'opinione di @sundance76 a questo proposito

    Scusate, ma non sto seguendo la F2. Cosa è successo?

  14. 4 minuti fa, Scarlett ha scritto:

    Il problema è che la gente è troppo esigente. Vorrebbero tutti 100 prove speciali a rally (anche io sia chiaro) e delle supercar avveniristiche (che non hanno nulla a che spartire con la natura della nascita dei rally), ma entrambe le cose non possono coesistere come abbiamo visto in passato.

    Si è optato ovviamente per la soluzione più semplice. 

    No, l'assurdo sta nel mettere prototipi da pista sulle strade di rally, rendendo la specialità iper-costosa, eliminando la base dei praticanti, distruggendo il format dei rally a favore delle ronde (poche prove ripetute) risparmiando su assistenza e chilometraggi, per creare una vetrina con poche difficoltà e miglior ritorno di immagine. 

    Una porcata totale.

    Ma poi chi vuole 100 prove? Ne bastano una trentina, 35, con un chilometraggio di 500-600 km di prove speciali, giusto per poterlo chiamare "mondiale".

    • Like 1
  15. Le considerazioni del noto fotografo dei rally mondiali, Manrico Martella, sul disastro di Monza: 

    "[..]  Scusate vorrei capire il concetto di base. Leggo che non si può criticare Monza per il motivo che noi italiani dovremmo essere fieri di aver avuto 2 rally mondiali? O perché gli organizzatori di Monza poverini, hanno avuto solo 40 giorni per organizzarlo? E quindi va’ tutto bene, splende un sole meraviglioso e siamo tutti fratelli, felici e gaudenti? Io non la penso così! Potrò avere una mia idea a riguardo o no? È vero non sono un organizzatore, ma per caso lo sono tutti quelli che stanno rispondendo? Però penso che a differenza di molti, dal 1974 un po’ di mondiali rally li ho fatti, campionati intendo e non gare e questo mi ha permesso di stare a contatto con gente che ne sapeva più di tutti noi! L’ultimo in ordine di tempo che per passione continua a rispondere a tutti voi, educatamente e con competenza è Rolando Sergenti. La catastrofica giornata di ieri, è figlia di scelte scellerate a monte e purtroppo i risultati si sono visti ieri. Punto, non c’è da discutere. Non è che ieri le congiunzioni australi sono cambiate e poverini quelli della FIA e gli organizzatori si son svegliati e il 5 Dicembre invece di trovare una giornata da gita al lago con il cesto del picnic e farfalle che svolazzano, si sono ritrovati impantanati nella neve e hanno dovuto annullare speciali su speciali nell’unica giornata di rally vero! Sono giorni e giorni che la neve scende giù, poi smette e riprende. Sono giorni e giorni che le previsioni meteo danno neve per questo fine settimana! Eppure FIA e organizzatori si sono fatti trovare impreparati! In una gara che deve decidere i due titoli mondiali, non è ammissibile! Punto! Che poi tutti sti pseudo difensori di Monza dovrebbero restare muti! Son gli stessi che nell’ultimo decennio si lamentano, anzi danno addosso a Valentino Rossi per il Monza Rally Show! Dimenticando che è proprio grazie a lui se Monza è conosciuta nel WRC nell’ultimo decennio! E nel bene o nel male la FIA è stata attratta da questa formula del rally show e lo ha voluto testare. Molti dicono che il futuro dei rally sarà questo. Io spero che la formula vada rivista e corretta. Non si possono fermare i cambiamenti ma bisogna adattarcisi. Questa è la realtà! ps: Aggiungo, non paragonatelo ad un piccolo R.A.C. e nemmeno ad un Wales e ne tantomeno al Montecarlo!"

    • Like 1
  16. 1 ora fa, Scarlett ha scritto:

    Che i rally siano diventati delle gare sprint lo sappiamo da tempo. Per tornare al chilometraggio di una volta bisognerebbe cambiare completamente le vetture ed avere delle vere derivate da strada molto più lente, cambiare regole sulle gomme e investire grosse cifre sull'organizzazione. La domanda è: le case e i privati sarebbero interessati a questa formula? 

    Mi sembra che le novità all'orizzonte non vadano proprio in questa direzione.

    Sai, mi sarebbe piaciuto vedere cosa sarebbe successo nel calcio se le partite, da 90 minuti negli anni ottanta, si fossero ridotte a 15 minuti nel 2020.

     

    • Lol 2
  17. 5 minuti fa, giovanesaggio ha scritto:

    Detto questo, i rally non sono la pista. Se vuoi vincere devi andare forte ovunque, da Montecarlo, alla salitina sconosciuta sul lago di Como.

    Appunto, devi resistere alla fatica, alla lunghezza e durezza dei percorsi, alla notte, ai giorni di gara, agli orari impossibili, ai guai della macchina, agli imprevisti della strada, devi fare piani di assistenza, individuare i punti-chiave del rally. E questo per centinaia e centinaia di km di prove, in un percorso lungo migliaia di km, qui a Monza invece abbiamo la stessa dimensione delle gimkane di paese.

     

×
×
  • Create New...