Vai al contenuto

Cerca nella Comunità

Showing results for tags 'matra'.



More search options

  • Search By Tags

    Tipi di tag separati da virgole.
  • Search By Author

Tipo di contenuto


Forum

  • P300.it FORUM | Community
    • Regolamento
    • Benvenuto
    • English corner
  • Passione Motorsport
    • Discussioni generali
    • Scuderie di Formula 1 | Le auto di Sauro
  • Quattro ruote
    • Formula 1
    • Indycar Series
    • WEC
    • Formula E
    • WRC | Altri Rally
    • NASCAR
    • Formula 2 | GP2
    • Formula 3 | GP3
    • Endurance | GT
    • Altro Motorsport
    • FantaP300
  • Due ruote
    • MotoGP, Moto2, Moto3
    • Superbike
    • Altre categorie
    • Piloti

Find results in...

Find results that contain...


Data creata

  • Inizio

    End


Ultimo aggiornamento

  • Inizio

    End


Filter by number of...

Registrato

  • Inizio

    End


Gruppo


Luogo


Segue la F1 dal


Pilota


Pilota passato


Team


Circuito


Best Race

Trovato 14 risultati

  1. V6DINO

    Matra MS80 '69

    DATI GENERALI Scuderie: Matra International - Tyrrell Racing Anno di produzione: 1969 Motore: Ford Cosworth DFV V8 2993cc. Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Romorantin-Lanthenay e Vélizy-Villacoublay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1969 Piloti: Jackie Stewart, Jean-Pierre Beltoise STATISTICHE GP Disputati: 10 Vittorie: 5 Podi: 4 Pole Position: 2 Giri Più Veloci: 5 Miglior risultato: Matra International, Campione del Mondo Costruttori 1969 J.Stewart, Campione del Mondo Piloti 1969 MS80 Scelta definitivamente la strada del motore Cosworth, la Matra preparò per il 1969 la MS80, una vettura che confermò le grandi prestazioni della MS10 portando la casa francese e Jacky Stewart al Titolo Mondiale costruttori e piloti. Rispetto alla precedente, la MS80 era soprattutto concepita secondo i nuovi dettami tecnici introdotti in F.1 dall'uso delle appendici aerodinamiche che resero rapidamente obsolete le vetture precedenti. Una particolarità: la MS80, insieme alle Ferrari, è l'unica vettura Campione del Mondo Costruttori ad essere stata costruita fuori dal suolo inglese: istituito nel 1958 – e quindi non assegnato in precedenza ad Alfa Romeo e Mercedes – il titolo è stato vinto anche da Renault, Red Bull e Mercedes AMG che però, pur di nazionalità diverse, avevano in Gran Bretagna i loro stabilimenti. ( Massimo Piciotti )
  2. V6DINO

    Matra MS7 '68

    DATI GENERALI Scuderie: Matra Sports / Tyrrell Racing Anno di produzione: 1968 Motore: Ford Cosworth FVA L4 1600cc. (Formula 2) Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Romorantin-Lanthenay (FRA) Progettista: Bernard Boyer Impiegata nel: 1968-1969 Piloti: Jean-Pierre Beltoise, Henri Pescarolo, Johnny Servoz-Gavin STATISTICHE GP Disputati: 2 Miglior risultato: H.Pescarolo, 5° posto nel GP Germania 1969 Note Negli anni 1967-1969 potevano schierarsi al via di alcuni GP di F1 anche vetture di Formula2.
  3. V6DINO

    Matra MS120 '70

    DATI GENERALI Scuderie: Equipe Matra Elf Anno di produzione: 1970 Motore: Matra MS12 V12 3000cc. Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Goodyear Luogo di Produzione: Vélizy-Villacoublay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1970 Piloti: Henri Pescarolo, Jean-Pierre Beltoise STATISTICHE GP Disputati: 13 (+1 extra Campionato) Vittorie: 0 Podi: 3 Pole Position: 0 Giri Più Veloci: 0 Miglior risultato: Matra, 7° posto nel Campionato Costruttori 1970 MS120 Nonostante la vittoria nel Campionato del Mondo 1969, la battaglia di Ken Tyrrell in seno alla scuderia Matra riguardo all'utilizzo dei motori Ford Cosworth fu persa dal "Boscaiolo" con il prevalere della linea "autarchica" di Jean-Luc Lagardère che voleva una vettura interamente costruita in territorio francese. Tyrrell decise così di andarsene sbattendo la porta e la gestione sportiva della scuderia F.1 fu ripresa direttamente dalla Matra Sport. Nacque così la MS120, che riprendeva i motori della MS11 del 1968 rivisti e migliorati. Con il senno di poi si può forse affermare che Tyrrell, che nel frattempo aveva costruito la sua prima vettura in proprio, avesse ragione: con l'abbandono del Cosworth, la Matra fresca Campione del Mondo imboccò un rapido ed imprevedibile viale del tramonto e non vinse più nemmeno un Gran Premio ed fino alla sua uscita di scena dal grandecircus dopo la stagione 1972. ( Massimo Piciotti )
  4. V6DINO

    Matra MS120D '72

    DATI GENERALI Scuderie: Equipe Matra Sports Anno di produzione: 1972 Motore: Matra MS72 V12 2993cc. Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Shell Pneumatici: Goodyear Luogo di Produzione: Vélizy-Villacoublay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1972 Piloti: Chris Amon STATISTICHE GP Disputati: 6 Vittorie: 0 Podi: 1 Pole Position: 1 Giri Più Veloci: 1 Miglior risultato: C.Amon, 3° posto nel GP Francia 1972 MS120D L'ultima Matra costruita per la F.1 è l'evoluzione "definitiva" della MS120 di Bernard Boyer, storico progettista Matra, e del giovane ingegnere francese Gerard Ducarouge, alle prime esperienze di una lunga carriera che sconfinerà abbondantemente negli anni '80. Le migliorie introdotte sulla vettura e la potenza del motore Matra evoluto sembrarono un binomio vincente: Amon portò all'esordio la vettura con una Pole nel Gran premio di Francia ma, come spesso capitò nella sua carriera, fu decisamente sfortunato, dato che una banale foratura lo relegò al terzo posto al traguardo dopo che era stato saldamente al comando per tutta la corsa. La proverbiale "rogna" di Amon si ripeté a Monza: questa volta a negargli una vittoria certa fu il distacco della visiera del suo casco. Fu il canto del cigno della Matra in F.1: i vertici di Yvelines decisero di concentrare i propri sforzi sul Mondiale Marche – dove peraltro ebbe ottimi successi – e di abbandonare le ruote scoperte al termine della stagione. ( Massimo Piciotti )
  5. V6DINO

    Matra MS120B '71

    DATI GENERALI Scuderie: Equipe Matra Sports Anno di produzione: 1971 Motore: Matra MS71 V12 2993cc. Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Shell Pneumatici: Goodyear Luogo di Produzione: Vélizy-Villacoublay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1971 Piloti: Chris Amon, Jean-Pierre Beltoise STATISTICHE GP Disputati: 11 (+3 extra Campionato) Vittorie: 0 (+1 extra Campionato) Podi: 1 Pole Position: 1 Giri Più Veloci: 0 Miglior risultato: C.Amon, 3° posto nel GP Spagna 1971 MS120B La crescente attenzione riversata dalla Matra per le competizioni sportcar a discapito della F.1, cominciò a diventare palese nel 1971, quando la nuova stagione agonistica fu affrontata con una versione riveduta e corretta della "vecchia" MS120, che già si era rivelata non eccelsa. L'innovazione più rilevante era l'utilizzo del nuovo propulsore MS71 che prometteva un incremento di cavalli rispetto al predecessore MS12. Stante queste premesse, la MS120B – sigla con la quale vennero indicati i tre nuovi chassis prodotti nel corso dell'anno – si rivelò una vettura solo discretamente competitiva che, nonostante il talento del nuovo pilota Chris Amon, non regalò grandi soddisfazioni, fatto salvo l'exploit della pole position a Monza. Non andò meglio a Beltoise che, tra l'altro, finì in quell'anno al centro delle polemiche per l'incidente durante la 1000Km di Buenos Aires costò la vita ad Ignazio Giunti, causato da una sua "scellerata" manovra che gli costò anche la sospensione della superlicenza e che gli "consigliò" di non presentarsi a Monza. ( Massimo Piciotti )
  6. V6DINO

    Matra MS120C '72

    DATI GENERALI Scuderie: Equipe Matra Sports Anno di produzione: 1972 Motore: Matra MS72 V12 2993cc. Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Shell Pneumatici: Goodyear Luogo di Produzione: Vélizy-Villacoublay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1972 Piloti: Chris Amon STATISTICHE GP Disputati: 7 Vittorie: 0 Podi: 0 Pole Position: 0 Giri Più Veloci: 1 Miglior risultato: C.Amon, 4° posto nel GP GranBretagna 1972 MS120C In attesa della messa a punto dell'ultima MS120 mai costruita, il telaio '7' che sarà battezzato "D", la Matra ha affrontato la prima parte della stagione 1972 con una versione aggiornata del telaio '6' siglata "C": la principale differenza fra le due vetture stava soprattutto nella posizione dell'abitacolo, più spostato verso il posteriore della vettura nella nuova configurazione, oltre che l'introduzione di diversi accorgimenti, come l'air-box o il disegno dell'alettone anteriore, che anticipavano la nuova vettura. Il motore era potenziato rispetto a quello della passata stagione e portato 485 CV di potenza per 11.800 giri al minuto. Chris Amon, rimasto unico pilota del team, ha ottenuto buoni risultati con la MS120C compresi tre piazzamenti a punti. ( Massimo Piciotti )
  7. V6DINO

    Matra MS84 '69

    DATI GENERALI Scuderie: Matra International - Tyrrell Racing Anno di produzione: 1969 Motore: Ford Cosworth DFV V8 2993cc. Telaio: Monoscocca in alluminio (4 ruote motrici) Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Romorantin-Lanthenay e Vélizy-Villacoublay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1969 Piloti: Johnny Servoz-Gavin, Jean-Pierre Beltoise STATISTICHE GP Disputati: 4 Miglior risultato: J.Servoz-Gavin, 6* posto nel GP Canada 1969, a -6 giri dal vincitore Note La Matra MS84 fu l'unica vettura F1 a trazione integrale nella storia a conquistare punti validi per il Campionato Mondiale. MS84 Come la coeva Lotus 63, anche la Matra MS84 era una vettura sperimentale e rappresentava il tentativo, peraltro non nuovo nella storia della F.1, di introdurre la trazione integrale nella meccanica delle vetture da competizione su pista. Nonostante anche questo progetto, come del resto gli altri legati similari, non abbia raggiunto i risultati sperati, la MS84 resta tuttavia l'unica vettura 4WD ad aver ottenuto un piazzamento a punti nella storia del Campionato del Mondo: il sesto posto di Johnny Servoz-Gavin al GP del Canada 1969. ( Massimo Piciotti )
  8. V6DINO

    Matra MS10 '68

    DATI GENERALI Scuderie: Matra International - Tyrrell Racing Anno di produzione: 1968 Motore: Ford Cosworth DFV V8 2993cc. Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Romorantin-Lanthenay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1968-1969 Piloti: Jackie Stewart, Jean-Pierre Beltoise, Johnny Servoz-Gavin STATISTICHE GP Disputati: 12 (+3 extra Campionato) Vittorie: 4 (+1 extra Campionato) Podi: 2 Pole Position: 0 Giri Più Veloci: 4 Miglior risultato: Matra International, 3° posto nel Campionato Costruttori 1968 MS10 Nel 1968 la Matra decise di entrare in forze in F.1 e lo fece portando avanti due progetti tecnici "paralleli": quello della "MS10" che sotto la spinta di Ken Tyrrell utilizzava il motore Ford Cosworth che si stava affermando in quegli anni e quello della "MS11", voluto dall'anima "francese" della scuderia e che montava un propulsore fatto in casa. Se si eccettua la MS9 sperimentale, la MS10 fu la prima vera F.1 costruita dalla Matra che nel breve volgere di due stagioni arrivò ai vertici dell'automobilismo. Jackye Stewart vinse numerosi Gran Primi già nel 1968, confermando la bontà del progetto. ( Massimo Piciotti )
  9. V6DINO

    Matra MS9 '68

    DATI GENERALI Scuderie: Matra International - Tyrrell Racing Anno di produzione: 1968 Motore: Ford Cosworth DFV V8 2993cc. Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Romorantin-Lanthenay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1968 Piloti: Jackie Stewart STATISTICHE GP Disputati: 1 Miglior risultato: J.Stewart, 3° in Qualificazione nel GP Sudafrica 1968 MS9 Il GP del Sudafrica 1968 si disputò il primo gennaio, oltre cinque mesi prima del secondo appuntamento in calendario a Jarama. A Kyalami la Matra presentò una vettura sperimentale, la "MS9" che non era altro che un telaio MS7 modificato cui era stato montato il motore Ford Cosworth 3 litri che avrebbe poi spinto la "definitiva" MS10. Tra l'altro, non fu portata in pista con la solita colorazione blu, ma con una strana livrea verde militare, dettata dallo sponsor locale Caltex. Jackye Stewart, nuovo pilota della scuderia guidata da Ken Tyrrell, non si presentò al via della corsa con grandi velleità, ma la vettura contrariamente ad ogni attesa si rivelò subito molto competitiva: Jackye si piazzò terzo in griglia e, pur non potendo nulla contro lo strapotere di Clark e della Lotus, rimase a lungo nel gruppo di testa prima di fermarsi per un problema al motore. Il progetto era però valido: la "MS9" sperimentale aveva fatto il suo dovere. ( Massimo Piciotti )
  10. V6DINO

    Matra MS11 '68

    DATI GENERALI Scuderie: Matra Sports Anno di produzione: 1968 Motore: Matra MS9 V12 3000cc. Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Romorantin-Lanthenay (FRA) Progettista: Gérard Ducarouge, Bernard Boyer Impiegata nel: 1968 Piloti: Henri Pescarolo, Jean-Pierre Beltoise STATISTICHE GP Disputati: 10 Podi: 1 Giri Più Veloci: 1 Miglior risultato: Matra Sports, 9° posto nel Campionato Costruttori 1968 MS11 I progetti di riportare la Francia ai vertici della F.1 che aveva intrapreso la Matra dovevano svilupparsi attraverso la costruzione "integrale" di una vettura sul modello della Ferrari in Italia. Così, l'allestimento della MS10 costruita per ospitare il Ford Cosworth DFV fu quasi incidentale e dovuta soltanto alle insistenze di Ken Tyrrell di fronte al ritardo nella messa a punto dell'atteso motore Matra MS9. Per questo nel '68 la Matra si presentò in pratica con due squadre parallele entrambe ufficiali: quella diretta da Tyrrell con il suo pupillo Jackye Stewart e la MS10-Cosworth e quella all-France della Matra Sports con la MS11-Matra. Le prestazioni del motore francese rispetto al Ford furono però nettamente inferiori, ragion per cui per la stagione '69 fu scelto di seguire il progetto "vincente" di Tyrrell per la nuova MS80. ( Massimo Piciotti )
  11. V6DINO

    Matra MS7 '67

    DATI GENERALI Scuderie: Matra Sports, Tyrrell Racing Anno di produzione: 1967 Motore: Ford Cosworth FVA L4 1600cc. (Formula 2) Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Dunlop, Goodyear Luogo di Produzione: Romorantin-Lanthenay (FRA) Progettista: Bernard Boyer Impiegata nel: 1967 Piloti: Tyrrell Racing: Jackie Stewart Matra Sports: Henri Pescarolo, Jean-Pierre Beltoise STATISTICHE GP Disputati: 2 (+2 extra campionato) Miglior risultato: JP.Beltoise, 7° posto nei GP Messico e USA 1967 Note Negli anni 1967-1969 potevano schierarsi al via di alcuni GP di F1 anche vetture di Formula2. MS7 La MS7 nasce come vettura per il Campionato Europeo di F.2 del 1967, diretta evoluzione della MS5 del 1966 e definitivamente dotata del motore Cosworth FVA pensato per la categoria. Con la MS7 Jacky Ickx vinse il Campionato e Jean-Pierre Beltoise finì terzo in classifica, completando una annata che fu trionfale. Nel Gran Premio di Germania del 1969, cui potevano partecipare anche le vetture di Formula 2, Henry Pescarolo vinse la classifica di categoria piazzandosi quinto assoluto (e battendo, per giunta, parecchie vetture di Formula Uno). Il regolamento però non gli riconosceva punti in classifica del Campionato del Mondo e quindi l'unico punto racimolato dalla "MS7" rimane quello conquistato da Beltoise a Kyalami l'anno precedente, dove era stata schierata per concorrere con le ben più potenti F.1 in attesa che fosse pronta la nuova MS10. ( Massimo Piciotti )
  12. V6DINO

    Matra MS5 '67

    DATI GENERALI Scuderie: Matra Sports, Ecurie Ford France, Tyrrell Racing Anno di produzione: 1967 Motore: Ford Cosworth FVA L4 1600cc. (Formula 2) Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf, BP Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Champagne-sur-Seine (FRA) Progettista: Bernard Boyer Impiegata nel: 1967 Piloti: Tyrrell Racing: Jacky Ickx Ecurie Ford France: Jo Schlesser Matra Sports: Johnny Servoz-Gavin, Henri Pescarolo, Jean-Pierre Beltoise, Jean-Pierre Jaussaud STATISTICHE GP Disputati: 2 (+ 5 extra campionato) Miglior risultato: J.Ickx, 3° tempo in qualificazione nel GP Germania 1967 Note Negli anni 1967-1969 potevano schierarsi al via di alcuni GP di F1 anche vetture di Formula2.
  13. V6DINO

    Matra MS5 Tyrrell '66

    DATI GENERALI Scuderia: Tyrrell Racing Organisation Anno di produzione: 1966 Motore: Ford Cosworth SCA L4 1000cc. e BRM P80 L4 1000cc. (F2) Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Champagne-sur-Seine (FRA) Progettista: Bernard Boyer Impiegata nel: 1966 Piloti: Jacky Ickx (mot.Ford), Hubert Hahne (mot.BRM) STATISTICHE GP Disputati: 1 Miglior risultato: H.Hahne, 9° posto nel GP Germania 1966 Note Nel 1966 potevano schierarsi al via del GP del Nurburgring di F1 anche vetture di Formula2, rimpolpando il non adeguato numero di partecipanti.
  14. V6DINO

    Matra MS5 '66

    DATI GENERALI Scuderia: Matra Sports Anno di produzione: 1966 Motore: Ford Cosworth SCA L4 1000cc. e BRM P80 L4 1000cc. (F2) Telaio: Monoscocca in alluminio Carburante e lubrificanti: BP Pneumatici: Dunlop Luogo di Produzione: Champagne-sur-Seine (FRA) Progettista: Bernard Boyer Impiegata nel: 1966 Piloti: Jean-Pierre Beltoise, Jo Schlesser STATISTICHE GP Disputati: 1 Miglior risultato: JP.Beltoise, 8° posto nel GP Germania 1966 Note Nel 1966 potevano schierarsi al via del GP del Nurburgring di F1 anche vetture di Formula2, rimpolpando il non adeguato numero di partecipanti. MS5 La Matra è stata, negli anni ‘60 e '70, il grande orgoglio sportivo della Francia che dopo la Seconda Guerra Mondiale e nonostante i tentativi interessanti ma non vincenti di Talbot e Gordini, non aveva più ritrovato quel successo tecnico e sportivo che aveva conosciuto in precedenza grazie a Bugatti, Delahaye e Delage. La parabola sportiva della Matra fu relativamente breve, esaurendosi nello spazio di una dozzina di stagioni, ma fu ricca di grandi successi che, oltre alle vittorie in Formula Uno coronate dal Titolo Mondiale di Jackye Stewart del 1969, comprendono anche tre Campionati Europei di F.2 – categoria letteralmente dominata fra il 1967 ed il 1969 – due Campionati Mondiali Marche e tre trionfi alla 24 Ore di Le Mans nel triennio '72-'74 con Henry Pescarolo, Gerard Larrousse e Graham Hill. Il gruppo industriale Matra fu fondato nel 1942 da Marcel Chassagny con una precisa specializzazione nel campo dell'aeronautica militare che, per ovvi motivi, era di estrema attualità in quegli anni. Molto presto però, gli interessi della fabbrica di Velizy si moltiplicarono spaziando anche negli armamenti, nelle telecomunicazioni, nei trasporti e, dal 1962, anche nelle automobili. Fu Jean-Luc Lagardère ad ideare e mettere in piedi il reparto automobilistico che fin da subito ammiccò alle corse come cassa di risonanza e di popolarità. Il reparto corse, sotto la guida di Lagardère, cominciò a costruire prototipi da corsa nel 1964. La "MS1" – Matra Sports 1 – fu la prima Matra in pista nell'aprile del 1965 ed esordì nel GP di Monaco di F.3 a maggio con alla guida Jean-Pierre Jaussaud. Fu però la "MS2" a battezzare la discesa in campo in forze della scuderia Matra, sempre in F.3, da metà della stagione con Eric Offenstadt, Jean-Pierre Beltoise ed Henry Pescarolo. Mentre la "MS3" fu la versione dedicata alla F.3 per il 1966 e la "MS4" il primo prototipo sport car, la "MS5" era l'evoluzione per la F.2 in vista della nuova stagione. Fu una vettura di grande successo, che segnò l'ingresso definitivo della Matra fra le grandi marche europee, e dalla vita agonistica decisamente lunga, dato che se ne trova traccia in pista a diversi livelli fino ai primi anni '70. ( Massimo Piciotti )