Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

sundance76

Moderators
  • Content Count

    9230
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    102

Everything posted by sundance76

  1. Sì, come ha detto anche Albi66, Jean era 2° e stava recuperando su Schumacher, segnando anche quello che resterà il giro più veloce in gara. Magari non sarebbe riuscito a vincere, ma erano altri bei punti....
  2. Sì, e si può dire che gli andò di lusso al Tabaccaio anche nel '95. Se fossi stato lì, l'avrei ammazzato con le mie mani.
  3. Il mercato attuale della F1 mi fa ricordare pienamente i motivi per cui cessai di prestare attenzione alle chiacchiere del calciomercato già a partire dagli anni '80 del secolo scorso...
  4. Il titolo de "L'Unità ": L'articolo de "La Stampa":
  5. Chissà che fine ha fatto oggi, quel "proprietario della monoposto", 55 anni dopo..... :asd:
  6. Bellissimo album, con tante foto, e alcune mai viste!!! Grazie mille Gio
  7. A guardare le fotografie della macchina incidentata pubblicate nel libro "Musso - l'ultimo poeta" (2005), si vede che essa ha subìto relativamente davvero pochi danni, se si considera che l'incidente avvenne a circa 250 km all'ora con i vari rimbalzi e cappottamenti della vettura... Le ruote sono intatte e anche l'abitacolo è praticamente integro. Musso partiva quasi sempre meglio degli altri, invece quella volta al "via" fu superato da Hawthorn.... Un particolare che probabilmente ha contribuito in modo determinante alla tragedia.
  8. Consiglio a tutti di comprarlo, leggerlo e soprattutto conservarlo. In tempi di Wikipedia aperta alle castronerie degli analfabeti (che in totale sono quasi la metà degli Italiani), sarebbe quasi doveroso per chi si dice "appassionato" saperne un pò meglio e un pò di più, almeno su Ferrari e la Ferrari. E' un numero in cui, ovviamente, non c'è tutto, ma di tutto. Anzi, è un numero speciale nel senso che è interamente dedicato a Ferrari, dalla copertina fino all'ultima pagina.
  9. Collins nervoso, Musso impreciso, Hawthorn bravo e fortunato. A Francorchamps la squadra Ferrari è già un calderone pronto a esplodere.
  10. Ecco 4 pagine del nuovissimo libro di Mario Donnini, "Joey Dunlop - il re del Tourist Trophy". Per capire la differenza tra mondiali farlocchi e piste per Piloti:
  11. Posso dire di aver conosciuto di persona uno dei piloti immortalati in queste superbe foto postate da Gio, anzi, "una" pilota: si tratta di Maria Teresa de Filippis, che incontrai nel 2005 a Milano, proprio nel periodo in cui facevo delle ricerche d'archivio su indicazione degli autori del libro sulla vita della de Filippis, che fu pubblicato nello stesso anno.
  12. Gran Premio di Gran Bretagna 1958, Peter Collins prima della partenza sulla sua Ferrari 246. La sua penultima corsa, la sua ultima vittoria. Morirà due settimane dopo al Nurburgring, durante il GP di Germania:
  13. Nel '58 si corse anche la seconda edizione del Trofeo dei Due Mondi anche detto "Monzanapolis", visto che si basava su due corse, la Indy 500 e la 500 miglia di Monza, disputata sull'ovale sopraelevato. In pratica uno scontro tra monoposto americane e quelle europee. Date le altissime velocità , pericolose per le gomme, fu disputata per sicurezza in tre batterie (denominate rispettivamente"Premio Esso", "Premio Mobil" e "Premio Shell") Peccato che finora non abbia trovato dei filmati (ne ho reperiti solo sull'edizione '57). Il più veloce in qualifica fu Luigi Musso, che girò al
  14. Ecclestone infatti è il creatore della F1 attuale. Negli anni in cui uscì l'articolo di Ickx (1976) Bernie era già ormai il padrone del baraccone, e la F1 era già cambiata drasticamente in poco più di un lustro. La strategia era chiara sin da allora: tanta TV, tante chiacchiere, piste sterilizzate (non sia mai che il popolo del divano si spaventi per i morti in diretta, che tra l'altro sputtanerebbero gli sponsor miliardari), gare omogeneizzate subordinate al pallottoliere-campionato, e tifosi ciechi che credono di vedere e sapere tutto nella polemica di turno.
  15. Sì, ma io, come scrive Ickx, intendo proprio una serie di GP alternativi con monoposto a ruote scoperte. La sostanziale differenza sarebbero i circuiti. Chi vuol fare il fighetto e vuole piste artificiali ultrasicure, continui pure a correre nel campionato di Ecclestone&soci, mentre invece chi vuole cimentarsi sui tracciati più pericolosi e ha le pal.le per farlo disputerebbe il campionato alternativo.
  16. Sì, è vero, intendevo dire sinteticamente che la popolarità della neonata SBK portò al tramonto del Mondiale TT. Per il resto, sono d'accordo col tuo intervento: sembra impossibile al momento una cosa del genere, ma se è stato possibile e se sarà nuovamente possibile nel Motomondiale, magari l'involuzione vergognosa che si è impossessata della F1 potrebbe portare, in sordina, a un progetto come quello... In fondo, ci sono centinaia di piloti ogni anno che rischiano pesantemente la pellaccia, e spessissimo ce la lasciano, all'Isola di Man. Possibile che oggi non ci siano piloti di monop
  17. E' di questi giorni la notizia: il Governo dell'Isola di Man ha commissionato all'agenzia londinese specializzata "The Sports Consultancy" uno studio conoscitivo sull'effettiva fattibilità di una nuova "World Series" basata sul formato e sul concept del Tourist Trophy, ed a quanto pare i risultati sarebbero stati più che incoraggianti. Alla luce degli esiti di questa indagine preliminare, il Dipartimento per lo Sviluppo Economico di Manx (titolare di tutti i diritti per le gare del TT) sarebbe ora alla ricerca di un partner commerciale per sviluppare e promuovere un vero e proprio campio
  18. Preziosissimo video sulla stagione 1975 del Gruppo Fiat. Oltre a vincere il doppio titolo mondiale in F1 con Lauda e la Ferrari, il Gruppo torinese vince il Mondiale rally con la Lancia e il campionato Europeo con la Fiat. http://vimeo.com/70581847
  19. Per me anche l'opzione di due gare separate in un solo week end è una Bestemmia di quelle assolute. Un Gran Premio è Uno. Non ci possono essere due Gran Premi d'Italia in un solo fine settimana, o meglio, in una sola stagione.
  20. ....i Gran Premi sono nati nel 1950". L'anno scorso nuove ricerche hanno aumentato le conoscenze sui Campionati dimenticati. Guardate qui, risulta che prima del 1950 nel mondo dei Gran Premi ci sono stati addirittura: - 6 Campionati Mondiali (dal 1925 al 1930, 3 assegnati e 3 no) - 2 Campionati Internazionali (1931 e 1932) - 5 Campionati Europei ( dal 1935 al 1939, tutti assegnati tranne uno) Ecco il prospetto cliccabile su tutti i 13 (tredici) Campionati pre-1950: http://www.kolumbus.fi/leif.snellman/cha.htm
  21. La prima versione del circuito (quella da 17 km) era già stata precedentemente utilizzata nel 1921 per lo svolgimento del Gran Premio di Francia (30 giri, 518 km). Dopo la pole position del campionissimo italo-americano Ralph De Palma, la gara fu vinta da un'accoppiata USA: Jimmy Murphy su Duesenberg, prima vittoria di una vettura con i freni a comando idraulico.
  22. Gli avvenimenti salienti dei primi 80 anni.
×
×
  • Create New...