Vai al contenuto

-Dave

Osservatori
  • Numero messaggi

    33
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione comunità

4 Neutrale

Che riguarda -Dave

  • Compleanno 25/05/1997

Informazioni di Profilo

  • Segue la F1 dal
    2011
  • Pilota
    G. Villeneuve
  • Pilota passato
    M. Schumacher
  • Team
    Ferrari
  • Circuito
    Spa
  • Best Race
    Brasile 2012
  1. -Dave

    TEST 2014 - Sessione 1 - Jerez 28/31 Gennaio

    Salve a tutti! Sapete dirmi se la Ferrari è quindi l'unica a girare più o meno regolarmente? Non riesco a trovare un sito che mi faccia vedere le prove..
  2. -Dave

    Sebastian Vettel Campione del Mondo 2013

    Se interpretiamo da un punto di vista diverso il gesto di Seb di inchinarsi difronte alla vettura, ci rendiamo conto di come Vettel sia un ragazzo umile, molto grato al Team che lo ha portato alla vittoria (e qui un certo spagnolo facilmente irascibile potrebbe (dovrebbe) imparare qualcosa...). E soprattutto c'è da chiedersi dove sarebbe a quest'ora il Team Red Bull senza Vettel: nel 2010 Fernando avrebbe vinto il mondiale se non ci fosse stato Vettel, nel 2012 anche.., e adesso che ci penso pure in questo 2013. A costo di andare contro corrente, mi sento sicuro nell'affermare che sia più la Red Bull a essere riconoscente a Vettel e non il contrario.
  3. -Dave

    Sebastian Vettel Campione del Mondo 2013

    Sono contento per Seb, vincere quattro mondiali di fila, mamma mia ragazzi! e a soli 26 anni! Solo un connubio perfetto di ingegneri, direttore sportivo e pilota può portarti a vincere 4 mondiali di fila e pensare che la Ferrari impiegò 21 anni per tornare a vincere il mondiale con Schumi, per poi portarne a casa cinque in totale, mentre la Red Bull ha iniziato la F1 nel 2005, appena 8 anni fa, di cui la metà passati a vincere mondiali a destra e manca (lo so, mi sto ripetendo, ma ancora non riesco a concepire la grandezza dell'opera Red Bull). Comunque, una sola cosa da dire. Come dissi anche l'anno scorso, i mondiali non si vincono per caso o per fortuna o solamente perché la vettura te lo permette e poi se Vettel non fosse un campione il suo team-mate Webber, che è da più anni in F1 e quindi più esperto del giovanissimo Seb, avrebbe dovuto stargli davanti sempre, e la macchina rompi-cambio sarebbe toccata a Vettel, e non a Mark. Però, come dice Leo Turrini:"c'era molto di più di Schumi nei trionfi Ferrari di quanto ci sia di Vettel nei trionfi Red Bull." E quest immagine la dice lunga.
  4. -Dave

    Andrea Antonelli

    In pratica, Lauda è stato un codardo? o non era abbastanza pazzo per un pilota di F1?
  5. -Dave

    Andrea Antonelli

    il mio era un esempio, è ovvio che tra 4 e 2 ruote c'è differenza. Comunque rimango della mia idea:"il suo gesto, in un certo verso, è stato più spettacolare di un qualsiasi sorpasso memorabile o di una qualsiasi stagione indimenticabile".
  6. -Dave

    Andrea Antonelli

    Volevo fare una domanda: adesso tutti ci lamentiamo (giustamente) dei giudici di gara che hanno dato il via ad una corsa impraticabile. Ma i piloti non avrebbero semplicemente potuto ritirarsi? Questo, ovviamente, non giustifica che i commissari debbano fare errori del genere, poiché se ha un pilota è comunicato che la pista, anche se bagnata, è praticabile, è giusto che si fidi e corra la sua gara. Ma in quelle condizioni chiunque avrebbe intuito l'impraticabilità della pista. Quello che voglio dire è che il pilota avrebbe potuto manifestare le sue preoccupazioni. E non mi riferisco al singolo Andrea, ma in generale a tutti i piloti. Nel lontano 1976, sul circuito del Fuji, un certo Niki Lauda preferì ritirasi dalla corsa e rinunciare ad un Mondiale il cui valore era stato arricchito da aspre lotte contro Hunt, ma anche dall'incidente che gli costò la faccia (e 42 giorni lontani dalle corse). Un'uomo certamente determinato, sia in pista che fuori ed il suo gesto, in un certo verso, è stato più spettacolare di un qualsiasi sorpasso memorabile o di una qualsiasi stagione indimenticabile. Spesso ci si lamenta che i piloti non hanno più voce in capitolo, però quando inceve potrebbero farsi sentire, non mi pare dicano poi molto. qualcuno di voi ha (giustamente) scritto che bisognerebbe cambiare alcune piste, e qualcuno ha (giustamente) risposto che:" allora eliminiamo preventivamente tutte le curve veloci e sostituiamole con tornantini lentissimi e chicane... Così, nel caso dovesse capitare un'avaria alla vettura, siamo sicuri che non accadrà niente.... Ma che discorso è... ". Beh, se c'è qualcuno che dovrebbe avanzare lamentele su un certa curva troppo veloce, o un tratto di pista troppo pericolo, quello dovrebbe essere proprio il pilota. Se siamo stanchi di dover sempre dire:"migliorano la sicurezza solo dopo che un pilota muore.." allora creiamo questa benedetta comunicazione tra piloti e giudici di gara! Sempre per fare un'altro esempio, una volta vidi un documentario sulle vecchie corse di F1. ci fu una stagione in cui i piloti, pur di vedere adempite le proprie richieste in termini di sicurezza, minacciavano di abbandonare la pista e di non partecipare alla gara (ma di quali anni parliamo? 1970?? neanche mi ricordo..). Un'ultima cosa ancora (e concludo): non so se Andrea, ho altri piloti, abbiano espresso, prima dell'avvio della gara, le proprie impressioni o paure (perché sì, è giusto che anche i piloti provino paura), quindi ho voluto fare un discorso generale per non trovarmi poi ad accusare persone non colpevoli ..però se hanno corso la gara, evidentemente nulla di tutto ciò si è verificato. In realtà non so se questo mio commento sia proprio necessario (soprattutto in un contesto del genere) perché ormai è successo quel ch'è successo, però mi sembrava giusto rendere noto anche questo lato del Motorsport, ossia la quasi assenza di presa di posizione (voluta o imposta che sia) da parte dei piloti.
  7. a maggior ragione, se quello che scrivi è vero, anche il muretto ha una rilevante responsabilità , non essendosi imposto sulla decisione di rientrare. E poi come credi che con tutta quell'acqua il team abbia potuto, in un solo giro, capire l'entità del danno? dovevano farlo rientrare e basta, senza prendersi rischi inutili. Non puoi dire che la colpa sia solo del pilota. Alonso avrebbe potuto evitare una cosa del genere, ma è stato il Team che non si è saputo imporre sulla decisione.
  8. Mi spiace, ma si vede che sei poco informato: forse è vero che Alonso non è uno che si prende troppe responsabilità (dice sempre:"noi abbiamo, noi facciamo, noi, noi, noi".. mai un "io") però ha anche rilasciato delle dichiarazioni in cui spiega che la sua guida non era troppo peggiorata dopo l'incidente. Come faceva lui a sapere che l'alettone era mezzo staccato? si doveva affacciare per dare una controllatina?? Certo, il suo muretto-box dalle riprese se ne sarebbe dovuto accorgere, ma allora la colpa ricade sulla squadra, non sul pilota.
  9. è incredibile come la situazione sia più tesa in casa Mercedes o, peggio, in Red Bull, che in Ferrari dove invece hanno corso senza un pilota e l'altro ha fatto una prima parte di gara pietosa.. Comunque penso sia doveroso fare 2 considerazioni: 1. L'anno scorso proprio in Malesia Alonso vinse la gara mentre Vettel finì 11° (quindi non andò nemmeno a punti). Quest'anno si sono invertiti i ruoli, ma non dimentichiamo che sempre l'anno scorso Vettel riuscì comunque a vincere il Campionato.. Certo, dubito che dopo metà stagione la Red Bull bloccherà gli sviluppi come successe alla Ferrari, ma non credo sia già tutto perduto. Se poi consideriamo che con le gomme è di nuovo tutta una lotteria, allora c'è da sperare (o no?).. 2. Riguardo al sorpasso di Vettel su Webber, credo proprio che le parole di Jacques Villeneuve siano le più giuste:"Un sorpasso così lo puoi effettuare su un avversario, ma non sul tuo compagno di squadra. Rischieresti di rovinare non solo la tua gara, ma anche quella del tuo team". Sorpasso incredibile effettuato da un pilota coraggioso e audace, ma in certe situazioni certi rischi stupidi (vedi anche Ferrari/Alonso) non si devono prendere.
  10. -Dave

    Ferrari F138 (2013)

    Bellissima la seconda foto, quella comparativa, che conferma quelle che erano le mie impressioni. Anzi, credo proprio che la Ferrari abbia pressoché gli stessi ingombri della Red Bull. Ho anche trovato 2 foto molto interessanti: Questa è la F138. Fiancate più alte di quelle Red Bull, a vantaggio della larghezza e della lunghezza più ridotte rispetto alla vettura avversaria. RB9: Le sue fiancate sono più basse rispetto a quella della F138, però sono un po' più lunghe, soprattutto davanti. Una conclusione anche sugli scarichi, dato che li possiamo ben vedere sempre dalle stesse foto. A mio parere il problema sta nel capire a quale flusso d'aria (quello proveniente dall'avantreno e quello degli scarichi) bisogna dare più importanza. La Red Bull ha preferito adottare il sistema a scivolo per indirizzare al meglio i flussi degli scarichi, cercando poi di recuperare e quindi di incanalare il flusso d'aria proveniente dall'avantreno nelle "gallerie" poste al di sotto degli scarichi stessi. è però ovvio che viene recuperata solo una parte del flusso, il resto invece "sbatte" e è viene ostacolato dallo scivolo. Evidentemente la Red Bull ritiene più propizia la corretta gestione del flusso d'aria calda proveniente dagli scarichi (e dopo 3 Mondiali consecutivi hanno tutto il diritto di crederlo), a differenza della Ferrari che preferisce utilizzare un fondo più pulito (sfruttando quindi al meglio le fiancate molto rstremate), con però il problema di riuscire a indirizzare i flussi degli scarichi dove vogliono loro (non a caso nelle ultime giornate di test hanno provato diverse terminazioni degli scarichi, proprio per cercare la miglior soluzione).
  11. -Dave

    Ferrari F138 (2013)

    Grazie per la spiegazione. Un'altra cosa, secondo voi, oltre a Red Bull e Sauber, non credete che anche la Ferrari abbia le fiancate molto rastremate?? Secondo me, guardando le foto della F138 e immaginando che abbia gli scarichi a scivolo stile Red Bull, si potrebbe benissimo dire che disponga anch'essa di fiancate molto rastremate. E considerate che i radiatori sono ancora verticali!! Immaginate se fossero obliqui o posti in diagonale stile Sauber, sarebbero ancora più basse. Il modello F138 secondo me è ben fatto, una cosa però non capisco: perché il muso sempre più alto. Vedendo qualche vecchia foto (Ferrari F2000, F2002, F2009, F2010) si nota come questo "processo" sia iniziato per la prima volta con la F2010 e sia stato portato avanti fino ad oggi. L'idea è che sia tutta "colpa" dei regolamenti, cambianti in maniera sostanziale proprio dal passaggio alla stagione 2009 a quella 2012. Ma è solo un ipotesi.
  12. -Dave

    Ferrari F138 (2013)

    Poi non ho capito una cosa: non dovrebbero essere le coperture a scoppiare?? come fa un disco a "scoppiare" ?? Tra l'altro, dalle immagini dell'incidente, si vede un pezzo di qualcosa che si stacca violentemente dalla ruota nel momento dell'incidente. Non si sa ancora se fosse il dado ruota fissato male o un pezzo di qualcos'altro che si è staccato successivamente all'avvenimento del problema. Io comunque opto per la prima ipotesi. Certo che in Ferrari si sono fermati un sacco di volte in questi test! Tralasciando questo incidente la cui causa è ancora dubbia, se non sbaglio la F138 si è già fermata 2 volte per problemi di surriscaldamento.. Speriamo bene, non vorrei che abbiano perso l'unico punto forte che avevano l'anno scorso.
  13. -Dave

    Ferrari F138 (2013)

    Avete sentito del problema di Massa??? In un articolo si ipotizza lo scoppio che ha poi causato il distacco dello pneumatico. Chi mi spiega che significa "lo scoppio del disco"??
  14. -Dave

    Ferrari F138 (2013)

    Grazie mille. Comunque chiederò anche a Fabiano Vandone un suo parere su questo articolo. La cosa bella del seguire i test di Barcellona su Sky è che puoi fare domande ai commentatori attraverso i gruppi Facebook/Twitter che vengono scelte, lette e risposte in diretta!
  15. -Dave

    Ferrari F138 (2013)

    Oops, ho fatto un errore, volevo scrivere:"Abbiamo tutti notato come la Red Bull "si impunti" in avanti"
×