Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

16. Gran Premio di Sakhir 2020 | Sakhir


Recommended Posts

4 ore fa, Davide Hill ha scritto:

 

1. Beh, no... Con Russell non si può certo parlare di un quasi debuttante, perché è in F1 da due anni, e con la Mercedes ha svolto svariati test, sia al simulatore che soprattutto in pista. L'impresa è stata salire praticamente "in corsa" su una vettura che non aveva mai provato (ha provato le Mercedes degli ultimi anni, ma mi pare che non sia mai sceso in pista con la W11... correggetemi se sbaglio) e farlo direttamente nel week end di gara dimostrando una solidità che era prevedibile, considerando la qualità del pilota, ma che non era certo scontata. Ha mancato la pole per un soffio, è partito benissimo dal lato peggiore della pista issandosi in testa e conducendo autorevolmente la gara fino al momento dell'orrendo doppio pit stop Mercedes. Nonostante questo, è riuscito a recuperare infliggendo al compagno Bottas un sorpasso umiliante e, senza la foratura, sarebbe andato a prendere Perez riprendendosi quello che l'errore del box gli aveva tolto. E' stato fermato solo dalla foratura...

2. A proposito di Bottas... Non c'ho capito molto, ma non sono riuscito a comprendere i motivi del suo naufragio, in cui è stato scavalcato da tutti, dopo aver subito il sorpasso di Russell... Problemi tecnici o di gomme o, semplicemente, i postumi psicologici della bastonata subita? Credo avesse problemi tecnici, perché in caso di "semplici" conseguenze psicologiche allora la Mercedes farebbe bene a farsi due conticini, sulla line-up da schierare il prossimo anno. Non ho nulla contro Bottas, che anzi è un pilota normalmente tranquillo e molto poco polemico e le prese per il culo che la ggente gli riserva le ritengo anche ingiuste. Ma è chiaro che non ne ha, e la sua passività ha contribuito parzialmente a spianare la strada ad Hamilton. 

3. Riguardo ad Hamilton, è chiaro che i suoi numeri sono drogati da un'era di dominio (nel caso Mercedes, senza precedenti), ma questo discorso vale anche con Schumacher o Vettel. E' per questo che ho sempre considerato molto relativi i numeri. Il valore di Hamilton si evince da altri fattori, non certo da un semplice conto sul numero di vittorie e titoli.

1. Giuste le tue considerazioni però così mi pare che stai dando ragione a @maurino21

2. A Bottas hanno rimesso le stesse gomme con cui era arrivato al box

3. D'accordissimo

Link to post
Share on other sites
  • Replies 271
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

comunque sia Russell ha dimostrato quel che doveva dimostrare. Chiaramente gli roderà per il risultato, ma lui ha fatto vedere quel che doveva far vedere. E pure di più.

Comunque io un altro anno di Capitan Findus sulla Mercedes #2 non lo reggo. Dopo oggi preferirei vedere letteralmente chiunque altro su quella macchina per il 2021

Posted Images

Sul giro secco bottas non è quasi mai ( tranne qualche brutta qualifica) stato lontano da Hamilton. Anzi ha strappato anche qualche pole. È sulla battaglia di gara che spesso ha latitato. Tolto il caos Mercedes ai box ( gli hanno messo le stesse gomme che gli avevano tolto per ovviare all'errore precedente con Russel), è stato passivo per tutta la prima parte di gara. Nella seconda fa poco testo. 

Ma Russel con gomme nuove stava ricostruendo la gara, cosa che lui, quando è partito dietro quest anno, quasi mai ha fatto. È sempre rimasto bloccato.

Non era una polemica verso Hamilton, che resta il migliore in griglia, ma quanto sia sottile ormai l incidere del pilota. Ormai dai box sanno tutto, e gestiscono tutto. È sempre più raro vedere il pilota fare la differenza. Come diceva osre le uniche gare con un pelo di suspance sono state quelle in cui le carte sono state rimescolate da fattori extra pista. 

Link to post
Share on other sites

Tutto quello che leggo, qui e in giro, sul fatto che sakhir2 abbia confermato (come se ce ne fosse stato bisogno) che in Mercedes possono vincere in tanti e che Hamilton ha avuto indubbiamente vita molto facile nel post-rosberg è indubbiamente vero. Dopodiché non è che abbiamo assistito all'exploit di latifi o di strool, e non è che Russel non facesse già la differenza in Williams... Insomma ok tutto, ma io più che inferire dalla gara di domenica che un pilota vale l'altro (vero fino a un certo punto), inferisco che Russel è un manico degno di ben altra macchina che la Williams.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
In questo momento, Nemo981 ha scritto:

Tutto quello che leggo, qui e in giro, sul fatto che sakhir2 abbia confermato (come se ce ne fosse stato bisogno) che in Mercedes possono vincere in tanti e che Hamilton ha avuto indubbiamente vita molto facile nel post-rosberg è tutto vero. Dopodiché non è che abbiamo assistito all'exploit di latifi o di strool, e non è che Russel non facesse già la differenza in Williams... Insomma ok tutto, ma io più che inferire dalla gara di domenica che un pilota vale l'altro (vero fino a un certo punto), inferisco che Russel è un manico degno di ben altra macchina che la Williams.

 

Link to post
Share on other sites

@Ayrton4everMa io non intendevo mica dar torto a Maurino. Ho semplicemente fatto un appunto, perché parlare di Russell come semidebuttante non è esattamente corretto perché ha già una discreta esperienza in F1, in questi due anni tra l'altro al volante della peggior vettura in griglia dove, nonostante questo, ha di fatto confermato quelle che erano le aspettative su di un pilota sbarcato in F1 come potenziale crack e che non ha mai deluso le aspettative. Molti (diciamo quelli che si concentrano solo sulle prime posizioni... e sono molti di più di quanto pensiamo, fortunatamente nessuno qui dentro) l'hanno scoperto solo ieri, ma bastava analizzare le prestazioni per rendersi conto di che razza d'imprese facesse nel portare la Williams molto spesso in posizioni impensabili. Anzi, qualche "fenomeno" del webbe lo considerava alla stregua di un pippone qualsiasi perché "arriva sempre ultimo" (cosa tra l'altro manco vera). Serviva una conferma palese al volante della vettura migliore in grado di dare, oltre a concrete chance di vittoria, anche il "palcoscenico" perfetto per togliere i residui dubbi. E questa conferma l'abbiamo avuta. Magari correrà anche ad Abu Dhabi, magari stavolta potrà fare qualche errore, ma questo non cambierà il giudizio. La logica, teorica, vorrebbe che, a prescindere dai contratti in essere, già dal prossimo anno si facesse uno scambio tra lui e Bottas, rispedendo il buon Valtteri in Williams e promuovendo Russell in Mercedes. In primis, perché un pilota così non merita un'altra stagione di purgatorio. E poi perché il buon Valtteri, contro cui non ho nulla e lo ribadisco, ieri penso abbia preso la mazzata definitiva. Un conto è prendere l'asfaltata da Hamilton, che è il numero 1 assoluto da molti considerato già oggi (e per me, a torto) il più grande di sempre. Un conto è l'umiliazione subita per mano di un ragazzino alla prima esperienza assoluta con la vettura in essere e alla prima occasione utile nelle posizioni di vertice. Sono 4 anni che il finlandese guida la Mercedes e ha ottenuto 9 vittorie. Si è dimostrato un perfetto scudiero e alcune volte, le poche in cui Hamilton ha fatto cilecca, spesso lo ha degnamente "sostituito" al vertice andando a vincere gare importanti e togliendo punti pesantissimi agli avversari. Ma più di quello... Diciamo che dal punto di vista del team è corretta la sua riconferma, perché, a parte qualche timido proclama di inizio stagione, è uno che non crea il minimo problema al proprio caposquadra.  Ma da un punto di vista della "lotta", considerando che il dominio Mercedes continuerà indisturbato anche nella prossima stagione, sarebbe interessante vedere Hamilton nella situazione inversa a quella da lui vissuta nel 2007. Ovvero con un giovane rampante affamato e senza timore riverenziale, (Russell, nei panni del giovane Hamilton) contro la vecchia gloria titolatissima e affermatissima (Hamilton, stavolta nei panni che furono di Alonso). Come finirebbe? Probabilmente la spunterebbe nuovamente Hamilton. Ma, forse, con uno come Russell sicuramente avrebbe vita un po' più dura...

Edited by Davide Hill
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Verissimo tutto. I numeri sono, erano da crack assoluto. Ma..alla prima gara al vertice ha fatto vedere dei bei numeri. Le macchine di oggi sono più facili da guidare, meno stancanti, non esci con le mani sbucciate, ma i ragazzi devono fare un sacco di cose, oltre a guidare, che questo automobismo moderno ha imposto loro.

Quindi quando un ragazzo, molto giovane, con la pressione di essere davanti, fa una signora gara, senza sbavature, e senza errori, rimango ben sorpreso.

Certo la Mercedes aiuta eh, immagino che la Williams sia molto peggio per carità, ma lui l ha fatta filare. Il fatto è che bottas, con la sua gara anonima non ci ha dato punti di riferimento sulla sua bravura. Per questo il tuo ultimo auspicio , ovvero che faccia l Hamilton di dieci anni fa, penso che sia l unica cosa che possa determinarne il valore

Link to post
Share on other sites

Ma non si può dire che il pilota non faccia la differenza per niente. Se la baracca la tenesse su Bottas ora si starebbe giocando il mondiale con Max che ha una vettura ben meno performante e affidabile della Mercedes. I più bravi sono più o meno forti uguali e riescono a sfruttare bene la vettura, ma fuori da quel cerchio la differenza c'è eccome.

Link to post
Share on other sites

Beh, oddio. Su questo non ci metterei la mano sul fuoco... Il problema di Bottas è la presenza di Hamilton sulla vettura gemella che, oltre a distruggerlo in pista, probabilmente lo distrugge anche psicologicamente, arrivando a farlo "deprimere" ogni qual volta l'inglese lo mazzuola a livello di prestazioni. Se Valtteri fosse prima guida con di fianco un pilota "normale", non faccio fatica ad immaginarlo agevolmente in testa al mondiale. Magari non con lo stesso grado di dominio di Hamilton, e probabilmente alcune gare che l'inglese è riuscito a ribaltare il finlandese non le avrebbe ribaltate. Ma i galloni di prima guida e la fiducia della squadra avrebbero potuto dargli quella sicurezza e consapevolezza di avercela lui, la situazione in pugno. E sicuramente a livello prestazionale avremmo visto un pilota molto diverso. 

O magari sarebbe stato il compagno "normale", a fare da mattatore. O forse se la sarebbero giocata... Sono tutte opzioni valide. Ma in tutti questi ipotetici casi sicuramente avremmo visto un Bottas diverso. 

Bottas non è affatto un pilota scarso, anzi sa essere veloce e quando è in giornata riesce anche a tirar fuori prestazioni eccellenti. Il suo problema è che non è abbastanza forte per un confronto con Hamilton e gli manca continuità e un po' di carattere quando si trova in situazioni difficili (ma questi ultimi due aspetti probabilmente si assottiglierebbero di molto, in un ipotetico caso di lui che deve guidare la baracca). Quindi, secondo me, è uno che sarebbe assolutamente in grado di portare a casa il risultato massimo, se non avesse la sfortuna di dividere il box con un compagno di squadra ingiocabile. Che poi è lo stesso identico discorso (con le dovute differenze) che hanno i compagni di squadra di Verstappen... 

Link to post
Share on other sites

Bottas anche in Williams faceva vedere gli stessi limiti nel corpo a corpo e in alcune occasioni sul ritmo gara, mentre sul giro secco è sempre stato molto forte. Si notano di più anche perché il confronto adesso è con Hamilton, che in gara è un martello, e non con Massa, pilota che ha un profilo più simile a quello del finlandese.

Domenica avrebbe dovuto battere nettamente Russell, ora vedremo cosa da ad Abu Dhabi ma se stesse dietro anche lì dovrà iniziare subito a cercarsi un altro posto per il 2022.

Link to post
Share on other sites

McLaren KO....San Sainz ci mette una pezza, ma la terza posizione è andata. Dispiace, ma era oggettivamente un miracolo arrivare alla terza piazza se penso a come si era messi nel 2018. La quarta posizione, confermando lo scorso anno, con un paio di podi, è più che dignitosa per un team in ricostruzioni. Norris è al secondo anno di F1 ormai...è ancora troppo incostante. A volte ho l'impressione che si "addormenti": se non acquisisce costanza, lo vedo molto male con Ricciardo l'anno prossimo.

Perez, aihmè per la McLaren, vittoria meritata, e meritevole. Se la è guadagnata tutta. Russel si conferma un pilota che merita un auto migliore.

Ok che Leclerc non ha nulla da perdere....ma deve cambiare un pò atteggiamento, o quando sarà in lotta mondiale, sarà dura così. 

 

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Il 7/12/2020 at 08:16 , Nameless Hero ha scritto:

però che valga per tutti i domini, a partire da quello del 99-02 (Salo che arriva dal nulla e alla seconda gara stava vincendo in Ferrari).

Scusate leggo solo ora oppure mi era sfuggito

I due casi sono diversi: tenendo comunque presente che senza il ritiro di Hakkinen nè Salo nè Irvine avrebbero vinto quel gp , all'epoca Salo aveva avuto il tempo e l'opportunità (oggi non più possibile) di effettuare test e conoscere la Ferrari prima di scendere in gara oltretutto per la seconda volta, Russell è salito in macchina praticamente di punto in bianco e non ha fatto la pole solo per scarsa confidenza e solamente la sfortuna gli ha impedito di vincere nettamente la gara, non mi pare la stessa cosa.

Ovvio che con una vettura al top è tutto più semplice per chiunque e senza voler togliere meriti a nessuno

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
10 ore fa, duvel ha scritto:

Scusate leggo solo ora oppure mi era sfuggito

I due casi sono diversi: tenendo comunque presente che senza il ritiro di Hakkinen nè Salo nè Irvine avrebbero vinto quel gp , all'epoca Salo aveva avuto il tempo e l'opportunità (oggi non più possibile) di effettuare test e conoscere la Ferrari prima di scendere in gara oltretutto per la seconda volta, Russell è salito in macchina praticamente di punto in bianco e non ha fatto la pole solo per scarsa confidenza e solamente la sfortuna gli ha impedito di vincere nettamente la gara, non mi pare la stessa cosa.

Ovvio che con una vettura al top è tutto più semplice per chiunque e senza voler togliere meriti a nessuno

 

Potenzialmente Russell è molto superiore a Salo e la vettura la conosceva pure lui...in ogni caso si è confrontato con un Bottas definito in questo stesso thread "non adatto"

E si potrebbero fare altri esempi di giovani che danno filo da torcere ai veterani sulla stessa auto...

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Guglielmi ha scritto:

Comunque, in questa gara Stroll le ha indubbiamente prese e che valga meno di Pérez è indubbio, ma il pilota che sostituirà Pérez è un altro ed è arrivato dodicesimo...

Infatti non mi stupirei di vedere il vettel di questi ultimi anni spesso dietro a stroll (che non e' un fermo)

Nel cambio piloti la racing point secondo me ci va a perdere

Ma guadagnera' a livello di interesse mediatico e forse sponsor

Edited by Mak
Link to post
Share on other sites

Riguardo Russel vorrei mettere sul piatto della bilancia la seguente considerazione: senza nulla togliere al fatto che per lui la Mercedes era una macchina completamente nuova, e che come pilota già in Williams aveva fatto vedere spunti notevoli, Domenica scorsa (e anche tutto il fine settimana diciamo) era nelle condizioni migliori per correre in quanto non aveva niente da perdere. Se, ipoteticamente, fosse arrivato secondo con poco distacco da Bottas qualcuno avrebbe potuto biasimarne la prestazione?

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Mak ha scritto:

Infatti non mi stupirei di vedere il vettel di questi ultimi anni spesso dietro a stroll (che non e' un fermo)

Nel cambio piloti la racing point secondo me ci va a perdere

Ma guadagnera' a livello di interesse mediatico e forse sponsor

La RP20 mi sembra una macchina molto stabile (un po’ come la Mercedes) come lo era la Red Bull dei tempi migliori ed è proprio quello di cui ha bisogno Vettel, secondo me potrebbe tornare a quei livelli senza contare che sicuramente si toglierà il peso di correre per la Ferrari che secondo me sente molto.

Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Mak ha scritto:

Infatti non mi stupirei di vedere il vettel di questi ultimi anni spesso dietro a stroll (che non e' un fermo)

Nel cambio piloti la racing point secondo me ci va a perdere

Ma guadagnera' a livello di interesse mediatico e forse sponsor

Io mi stupirei eccome. E non ho mai amato Vettel

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...