Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

14. Gran Premio della Turchia 2020 | Istanbul


Recommended Posts

3 minuti fa, bazzigo ha scritto:

Beh no ovvio che se uno vince il terzo mondiale non è immaturo, intendevo dire per" maturare definitivamente," che quel mondiale perso gli ha offerto quello scalino in più per diventare la macchina imbattibile che è oggi, ancor più di prima (e già lo era).

Straquoto. La stessa cosa è successa anche a Schumacher che da bicampione spegneva la macchina in griglia e dopo il 2000 sbagliò pochissimo o lo stesso Ayrton dopo il 1989 che non era quello del 1993

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

  • Replies 343
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Il boss Ross Brawn ha risposto alle critiche sull'asfalto scivoloso a Istanbul Park affermando che ha permesso ai piloti di mostrare il loro talento... "Capisco che i piloti non fossero contenti dei l

Vorrei anche spezzare una lancia per i piloti (tutti e 20). Ora vi ho letto e ho letto le ironie del pregara. Partenza con sc (e invece...). Disastri dei piloti (e invece...un primo giro incredibilmen

Dopo il post di Sundance mi aspetto domani Hamilton lasciato sui cavalletti stile Ralf Schumacher e Bottas che si stampa in pitlane stile Coutlhard.

Posted Images

7 ore fa, FenixFavaretto ha scritto:

Buongiorno da un Lunedì post Gran Premio... 

Io ieri ho deciso di fare delle pagelle sarcastiche e non riguardanti il GP e la situazione del mondiale. 

Ve le passo qua... 

Poi ditemi che ne pensate... 

Gara F1 Turchia.docx 12.54 kB · 2 downloads Mondiale Costruttori F1 dopo Turchia.docx 13.34 kB · 0 downloads Mondiale F1 dopo Turchia.docx 13.21 kB · 0 downloads

Avete visto questo post per caso?

Link to post
Share on other sites

Il lerciume "old style" che ricopriva le vetture in parco chiuso a fine gara è stato uno degli aspetti più "suggestivi". 

Non avendo seguito nulla di questo week end di gara (se non le fasi finali di gara), dopo aver visto le immagini del parco chiuso mi sono chiesto se la Mercedes non avesse adottato una nuova verniciatura. Era talmente sporca che il nero aveva perso completamente brillantezza e sembrava opaco...

  • Like 3
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, leopnd ha scritto:

Il boss Ross Brawn ha risposto alle critiche sull'asfalto scivoloso a Istanbul Park affermando che ha permesso ai piloti di mostrare il loro talento... "Capisco che i piloti non fossero contenti dei livelli di grip complessivi, ma è stata una conseguenza della decisione tardiva di correre lì poiché il calendario è stato rivisto per rispondere al COVID-19. Penso che i piloti a volte debbano ricordare che è una gara di chi taglia il traguardo per primo, quindi anche se i livelli di grip non erano alti, era lo stesso per tutti..."

Sacrosanto! C'era poco grip? Affari tuoi... vai più piano! Chi va meno più piano degli altri è il migliore

Avrei voluto vederli protestare con Jack Brabham....

  • Like 3
Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Davide Hill ha scritto:

 

E' stata una serie di fattori, Sundance, e l'ho anche scritto. Uno conseguente all'altro, e tutti legati tra di loro.

Ribadisco: i problemi durante il parto la moglie li ha avuti nel 2015 (fine agosto), e quello è stata la prima "campanella". 

Poi le assenze durante tutto il 2016 e, stavolta, con a casa anche una figlioletta appena nata. Questo l'aspetto familiare, evidentemente molto più profondo di quello, molto grave ma pur sempre estemporaneo dettato dalle complicazioni del parto, e che ha pesato tantissimo nella testa di Rosberg. 

La lotta serrata, la gran fatica per resistere al ritorno di Hamilton, e questo è stato l'aspetto sportivo. 

Ha semplicemente soppesato le cose e, una volta conquistato il titolo, ha evidentemente capito che doveva mettere in primo piano solo ed esclusivamente l'aspetto familiare della sua vita. 

Non fosse riuscito nel suo obiettivo di ottenere il titolo, avrebbe continuato. Perché l'aspetto sportivo, per uno sportivo, ha comunque la sua valenza. Ma a quel punto, col titolo in tasca, non aveva più nulla da chiedere al proprio sport. Aveva vinto il titolo, come sognava fin da piccolo, mettendo il proprio nome nello stesso Albo d'Oro che conteneva quello del padre. Aveva finalmente battuto, a parità di macchina, quello che fino a quel momento era stato il suo più antico e forte rivale, praticamente la sua nemesi. Quindi tutti i "pianeti" di Rosberg si sono allineati ad Abu Dhabi. E sul resto, in fin dei conti, sono e restano comunque affari suoi.

 

PS si tira sempre in ballo quel motore di Sepang. Se andiamo ad analizzare i singoli episodi, c'è da riscrivere l'intera storia della F1. Senza quel motore di Sepang, senza quello dell'Hungaroring o quello di Suzuka, o senza la gomma esplosa ad Adelaide...

Sono episodi, a volte decisivi e nel corso di una stagione possono anche essercene diversi. Ma alla fine fa tutto parte del gioco e il risultato finale, molto spesso, tiene conto anche delle "disgrazie" altrui. Quindi anche quel ritiro faceva parte del gioco e non cambiava le cose. Quel mondiale strappato da Rosberg ad Hamilton è sacrosanto e, anzi, tra i vincitori di titolo "outsider" (perché è vero che Rosberg disponeva di una delle due migliori vetture, ma sull'altra c'era pur sempre Hamilton strafavorito...), quello di Nico Rosberg è in assoluto il più meritato.

Lungi da me ogni intento polemico su una questione del genere, Davide, ma da quello che scrivi significa che la priorità per Rosberg era il titolo mondiale, non la famiglia. Ha detto che se non lo vinceva nel 2016 avrebbe continuato a correre, quindi nuove assenze per 330 giorni su 365 all'anno, nuovi stress eccetera. Dunque, seppure di poco, il titolo mondiale era la priorità principale, il resto, famiglia in testa, veniva subito dopo. 

Altrimenti, avrebbe piantato in un qualsiasi momento, pur senza centrare il titolo.

Sui titoli vinti da outsider, io dico che (per me) di sicuro Nico perde il confronto col mondiale vinto da Hulme nel '67: scusate, Denny aveva come compagno il proprietario del team Jack Brabham, tricampione del mondo e campione in carica '66, uno che aveva già vinto 11 Gran Premi iridati e almeno il doppio extra-campionato, mentre Hulme aveva all'attivo una stagione e mezza in F1, senza vittorie, dopo aver fatto anche l'autista della bisarca. E invece, a sorpresa, Hulme beffa sia Brabham sia Clark.

E non dimentichiamo lo stesso Jack Brabham nel '59: tutti i pronostici davano per sicurissimo vincente Stirling Moss o al massimo Tony Brooks, e proprio nessuno pensava al modesto 33enne australiano che non aveva vinto niente, nessuna gara, fino a quel momento. Eppure Brabham fregò tutti, e anzi l'anno dopo fece il bis (bisognerà attendere 26 anni per rivedere due titoli consecutivi, Prost 85-86).

Nel '50 l'Alfa fece di tutto per far vincere Fangio (si veda la cronaca del GP decisivo a Monza), e invece vinse Farina.

Lo stesso Hunt a metà '76 aveva meno della metà dei punti di Lauda.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Ayrton4ever ha scritto:

Sacrosanto! C'era poco grip? Affari tuoi... vai più piano! Chi va meno più piano degli altri è il migliore

Avrei voluto vederli protestare con Jack Brabham....

Ma infatti girano onboard della partenza con telemetria da cui si evince che non affondavano l'acceleratore del tutto nemmeno dopo parecchi metri, e infatti da 0 a 100 ci mettevano anche 6-7 secondi! Una cosa inusuale e molto interessante da vedere. Per una volta li si è visti dover veramente lottare con la potenza di questo motori, che è pur sempre una robetta di 1000 CV...

 

A testimonianza...

https://youtu.be/tNd8P5F_Blk

Che figata

Edited by Nemo981
  • Like 4
Link to post
Share on other sites
19 ore fa, leopnd ha scritto:

Il boss Ross Brawn ha risposto alle critiche sull'asfalto scivoloso a Istanbul Park affermando che ha permesso ai piloti di mostrare il loro talento... "Capisco che i piloti non fossero contenti dei livelli di grip complessivi, ma è stata una conseguenza della decisione tardiva di correre lì poiché il calendario è stato rivisto per rispondere al COVID-19. Penso che i piloti a volte debbano ricordare che è una gara di chi taglia il traguardo per primo, quindi anche se i livelli di grip non erano alti, era lo stesso per tutti..."

Criticare il grip dell'asfalto vista tutta l'acqua arrivata mi sembra una cosa un po' inutile. Che in un periodo così possa capitare un circuito dove non si correva da anni con questo asfalto è da mettere in conto.

Diventerà un problema se tentano di cercare questo poco grip artificialmente...

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
15 ore fa, Ayrton4ever ha scritto:

Sacrosanto! C'era poco grip? Affari tuoi... vai più piano! Chi va meno più piano degli altri è il migliore

Avrei voluto vederli protestare con Jack Brabham....

è artificiale.

Link to post
Share on other sites
Il 16/11/2020 at 09:11 , FenixFavaretto ha scritto:

Buongiorno da un Lunedì post Gran Premio... 

Io ieri ho deciso di fare delle pagelle sarcastiche e non riguardanti il GP e la situazione del mondiale. 

Ve le passo qua... 

Poi ditemi che ne pensate... 

Gara F1 Turchia.docx 12.54 kB · 7 downloads Mondiale Costruttori F1 dopo Turchia.docx 13.34 kB · 2 downloads Mondiale F1 dopo Turchia.docx 13.21 kB · 3 downloads

Complimenti per la passione 

Link to post
Share on other sites
18 ore fa, leopnd ha scritto:

Il boss Ross Brawn ha risposto alle critiche sull'asfalto scivoloso a Istanbul Park affermando che ha permesso ai piloti di mostrare il loro talento... "Capisco che i piloti non fossero contenti dei livelli di grip complessivi, ma è stata una conseguenza della decisione tardiva di correre lì poiché il calendario è stato rivisto per rispondere al COVID-19. Penso che i piloti a volte debbano ricordare che è una gara di chi taglia il traguardo per primo, quindi anche se i livelli di grip non erano alti, era lo stesso per tutti..."

Discorso corretto, ma in una formula 1 moderna dove si fanno migliaia di simulazioni arrivare ad un Gp senza dati ed in condizioni imponderabili è normale che faccia scaturire polemiche.

Che poi sia lo standard arrivare ad un Gp così tanto preparati avendo quasi zero di possibilità , sia per il team che per il pilota, di adattarsi/migliorassi durante i 3 giorni è un'altro discorso.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



  • Upcoming Events

  • Similar Content

    • By sundance76
      Il titolo sembra provocatorio, ma non lo è, a beneficio dei più giovani (e curiosi).
      Probabilmente non tutti sanno che l'attuale Campionato di F1 inizia proprio nel 1981, anno in cui fu istituito il "FIA F1 World Championship" che mette in palio due titoli mondiali: il "Mondiale Piloti F1" e il "Mondiale Costruttori F1" (attenzione alla dicitura "F1").

      Dal 1950 al 1980 si chiamava solo "World Championship for Drivers" cioè "Mondiale Piloti" (o Con-d-u-ttori, cioè corridori) e non prevedeva il nome "F1" nella dicitura ufficiale, perchè in tutto l'intero automobilismo era l'unico Titolo Mondiale riservato ai Piloti, e poteva essere assegnato anche tramite macchine diverse dalle F1.
      Infatti nel 1952 e 1953 il Mondiale Piloti fu assegnato per mezzo di macchine di F2, e per 11 anni anche la Indy 500 concorreva al punteggio, nonostante i suoi regolamenti tecnici differenti, rispondenti alla F. USAC, e fino ai primi anni '70 gli organizzatori, se mancava il numero minimo di macchine, potevano ammettere sulla griglia anche le F2.
      Inoltre dal 1958 al 1980 il riconoscimento per i team era solo una "Coppa Internazionale Costruttori", non un Mondiale (il vero Mondiale Marche fino al 1980 era assegnato con le biposto del Campionato Sport-Prototipi, che a sua volta non prevedeva un titolo piloti). Non esistevano ancora i Mondiali Rally, Turismo, ecc. ecc.

      Nel 1980 la FIA-FISA, dopo una tregua durante la guerra con la FOCA (squadre inglesi), affermò ufficialmente che il torneo iniziato nel 1950 chiamato "Mondiale Conduttori (cioè Piloti)" e la "Coppa Internazionale Costruttori" erano letteralmente "suppressed", e nasceva il "FIA F1 World Championship" che metteva in palio appunto due nuovi titoli, il "Mondiale F1 Piloti" e il "Mondiale F1 Costruttori" divenuto vero titolo Mondiale e non più una semplice Coppa Internazionale come era prima...

      Dal "libro giallo" della FIA 1981:

      GENERAL REGULATIONS 

      1 -- In application of the decisions taken during the FIA Rio Congress of 15th April 1980, the FISA is organising the new FIA Formula 1 World Championship from 1st January 1981. As a result, the old World Championship for Drivers is suppressed. 

      2 -- The new Formula 1 World Championship, which is the property of the FIA, will have 2 World Championship titles, one for Drivers and one for Constructors." 



      Capite? Dal 1981 la dizione "F1" entra obbligatoriamente nella titolazione, assieme a "FIA", per rimarcare che dal 1981 la proprietà del Campionato è della FIA.

      Ovviamente la FIA mantenne un solidissimo legame col precedente "Mondiale Piloti" durato fino al 1980, così si continuò a correre con gli stessi regolamenti, le stesse auto, le stesse piste, e i bonus acquisiti nell'80 valevano anche per l'81. E anche sulla Coppa di Campione a fine stagione c'erano ancora tutti i nomi degli iridati precedenti al 1981.

      E' un pò come accadde tra il 1949 e il 1950: venne istituito il "Mondiale Piloti" (senza la dicitura ufficiale "F1" che designava solo il regolamento tecnico delle monoposto della categoria massima in circuito) ma si continuò a correre con le stesse macchine, piste e regolamenti che c'erano nel 1949, anzi, quasi gli stessi del 1938-39, visto che l'Alfetta campione nel 50-51 era la stessa che nel '38 correva nella categoria cadetta.

      Implicazioni pratiche ce ne sono poche, ma teoricamente ci possiamo sbizzarrire:

      - Ascari è sì il primo "Campione del Mondo Piloti" della Ferrari, ma non è "campione iridato di F1" perchè nel 52-53 correva con le F2.

      - Fangio potrebbe essere il primo Campione del Mondo con vetture di F1 della Ferrari, ma ci sono dispute perchè la sua D50 era in realtà una Lancia modificata.

      - Allora potrebbero esserlo Hawthorn nel '58 e tutti gli altri fino a Scheckter nel '79: sì, ma come detto, il loro titolo mondiale non aveva la dicitura ufficiale "F1" nella titolazione. Essi erano semplicemente "Campioni del Mondo Piloti", seppur eletti con macchine di F1.

      - Quindi Piquet nell'81 è il primo "Campione del Mondo Piloti F1 della FIA" così come la Williams è la prima marca "Campione del Mondo Costruttori F1 della FIA".

      - Schumacher diviene così il primo esplicito "Campione del Mondo Piloti F1 della FIA" con la Ferrari.

      - i veri Campionati MONDIALI Costruttori si contano dal 1981, quindi ad esempio la Ferrari ne assomma 10, più altre 6 Coppe Costruttori dal 1958 al 1980... 

      - Niki Lauda diviene quindi l'unico ad aver vinto sia il vecchio "Mondiale Conduttori", sia il nuovo "Mondiale F1 della FIA".

      Divertente, no?
    • By massimo66
      DATI GENERALI
      Scuderia: Team Riviera
      Anno di produzione: 1980
      Motore:  Ford Cosworth DFV V8 2993cc.
      Telaio: Monoscocca in alluminio
      Carburante e lubrificanti:
      Pneumatici:  Goodyear
      Luogo di Produzione:  Giussano (ITA)
      Progettista:  Giorgio Valentini
      Impiegata nel:  mai 
      Piloti:  Alberto Colombo
       
       
       
    • By leopnd
      Japanese Super Formula Championship Rd. 7



      www.fsw.tv
    • By leopnd
      E io che pensavo che la stagione fosse finita...
       
    • By leopnd
      Formula 1 Etihad Airways Abu Dhabi Grand Prix 2020



      www.yasmarinacircuit.com
  • Popular Contributors

×
×
  • Create New...