Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

Nonostante fosse lontanissimo dalla filosofia dei rally "all'europea", il Safari da moltissimi era considerato il più duro, il più imprevedibile, il più difficile dei rallyes.

Non so se riusciranno a farlo disputare nel 2021, e non so nemmeno in quale formato, ma l'epopea di questo rally è una delle cose più entusiasmanti della mia passione automobilistica:

 

  • Love 2
Link to post
Share on other sites

La prima affermazione di un equipaggio e di una macchina italiani al Safari, grazie alla Lancia Delta di Miki Biasion e Tiziano Siviero, che quell'anno, il 1988, si laureeranno anche campioni del mondo per la prima volta. Il servizio completo di AutoSprint dell'epoca:

 

safari 0.JPG

safari 1.JPG

safari 2.JPG

safari 3.JPG

  • Love 2
Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

Colin McRae adorava il Safari, che nel 2001, pur sensibilmente accorciato, si snodava su oltre 2000 km di cui poco più di 1000 cronometrate. 

Lo scozzese lanciò una proposta, che poi confermò anche l'anno dopo. Qui vi posto le sue dichiarazioni 2001, poi cercherò il 2002 che fu l'ultimo Safari mondiale, oltre a essere l'ultima vittoria iridata di McRae.

img188.jpg

  • Like 1
  • Love 1
Link to post
Share on other sites

La Peugeot negli anni '60 e '70 si era guadagnata il titolo di "regina d'Africa" perché le sue robuste berline, lente per i rally all'europea, riuscivano invece a vincere i durissimi e scassamacchine rally africani come il Marocco, il Costa d'Avorio e il Safari.

In questo articolo sono riportate le testimonianze, anche molto divertenti, dell'ultima vittoria Peugeot al Safari, nel '78, con Jean-Pierre Nicolas.

safari2002.JPG

  • Love 1
Link to post
Share on other sites
  • sundance76 changed the title to Safari rally

Mentre si disputava l'edizione 2002, arrivavano i primi fondati rumors sulla cancellazione del Safari dal calendario mondiale. E infatti fu quello l'ultimo Safari iridato. In attesa del ritorno nel 2021....

bilico.JPG

  • Sad 1
Link to post
Share on other sites

Dal bellissimo documentario "The evolution of rallying: 50 years sideways", ho tratto questi 4 minuti dedicati al Safari rally: solo immagini e musica, paesaggi spettacolari, macchine diverse, piloti alle prese con tratti a 220 all'ora, passaggi sulla roccia viva, oppure bloccati in  pantani di fango insuperabili, assistenze sperdute nell'immensità della savana, facce stravolte dalla fatica, meccanici impegnati in interventi ai limiti della resistenza. Buona visione:

     

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

Giampiero Galeazzi in studio con Raimondo Vianello nel Tg1 delle 13.30 dell'11 aprile 1977 annuncia la vittoria di Bjorn Waldegard in un bagnatissimo e fangoso Safari rally su Ford Escort. Terza la Lancia Stratos di Munari.

 

  

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

L'ultima edizione del Safari valido per il Mondiale, nel 2002, dalle pagine di AutoSprint. Vinse Colin McRae, alla sua ultima vittoria della carriera:

 

01.JPG

02.JPG

03.JPG

04.jpg

05.JPG

Link to post
Share on other sites

Se non sbaglio, al Safari non c'era un rallysta Indiano che riuscì  a vincere un paio di edizioni grazie a qualche trucchetto e la "tolleranza" degli organizzatori?

Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, duvel ha scritto:

Se non sbaglio, al Safari non c'era un rallysta Indiano che riuscì  a vincere un paio di edizioni grazie a qualche trucchetto e la "tolleranza" degli organizzatori?

I rallisti di origine indiana ad aver vinto il Safari sono due, ed entrambi beneficiarono di alcuni "episodi controversi". Si tratta di Singh (2 vittorie) e di Mehta (5 vittorie).

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Upcoming Events

  • Similar Content

    • By leopnd
      Dopo la chiusura del programma in Formula E al termine dell’attuale stagione, l’impegno della casa dei quattro anelli nel mondo delle zero emissioni nel motorsport proseguirà debuttando nella Dakar nella prossima stagione, con un veicolo dotato di propulsione elettrica. «Con il progetto Dakar – ha spiegato Julius Seebach, amministratore delegato di Audi Sport GmbH nonché responsabile di tutte le attività motorsportive del marchio tedesco – noi di Audi restiamo fedeli alla nostra filosofia di utilizzare per la prima volta nuove tecnologie nel motorsport che sono rivoluzionarie per le future auto stradali. Nella nostra storia nei rally, ad esempio, è stato il caso delle quattro ruote motrici [con l’Audi Quattro nelle competizioni rallistiche negli anni Ottanta, ndr], e ora testeremo i componenti delle powertrain di domani in condizioni estreme alla Dakar. Allo stesso tempo, offriremo esperienze entusiasmanti a clienti e fan».


      Il progetto della vettura Audi per l’edizione 2022 del rally raid, gestito dal già capo del programma DTM di Audi Sport Andreas Roos, sta andando perciò avanti, con il concept quasi ultimato e i test già fissati per metà 2021. «Il progetto Dakar è una sfida enorme per l’intero team. Abbiamo un programma serrato per implementare il nostro concept innovativo. Siamo la prima casa automobilistica ad affrontare la Dakar con un gruppo motopropulsore elettrico. L’intero team sta lavorando a tutto campo in modo da poter essere pronti per partire in tempo per la Dakar 2022», ha spiegato Roos, esponendo poi i dettagli tecnici della vettura, che monterà tre powertrain che arrivano dall’esperienza in Formula E: «Avremo una MGU sull’asse anteriore e uno sull’asse posteriore. Una terza MGU funge da generatore per caricare la batteria ad alta tensione durante la guida. Certo – puntualizza -, dobbiamo apportare modifiche, perché il deserto ha sfide diverse rispetto alle città in cui stiamo correndo attualmente in Formula E: salti, sabbia, le tappe molto lunghe. Ma fondamentalmente possiamo sfruttare l’esperienza della Formula E e anche dei nostri prototipi di Le Mans con la e-tron Quattro».

      La batteria del veicolo per la Dakar sarà sviluppata in proprio da Audi e verrà caricata grazie all’energia trasmessa dal motore termico turbo-benzina TFSI mutuato dal DTM, che Roos assicura essere «incredibilmente efficiente e all’avanguardia in termini di peso e consumi», ma «utilizzato solo per caricare le batterie nelle prove speciali», mentre nelle tappe di trasferimento la vettura dovrebbe correre in pieno regime elettrico, secondo i piani di Audi. «La batteria deve essere caricata durante la guida, poiché attualmente non ci sono altre opzioni per farlo nel deserto», ha concluso Roos. In pratica non si tratterà di una vettura 100% elettrica, anche perché per rally raid come la Dakar bisogna ancora trovare la quadra per garantire mezzi a zero emissioni con una autonomia tale da resistere per centinaia di chilometri, senza necessità di ricarica.
    • By leopnd
      89. Rallye Automobile de Monte-Carlo

       

      www.wrc.com
    • By Mauro Serafin
      Perché uno sport così spettacolare senza DRS e Kers vari non se lo fila nessuno?
      Il WRC perde pezzi ogni anno, le tappe diminuiscono, i piloti se ne vanno e gli sponsor pure. Eppure la gente che lo segue c'è, possono dire che è pericoloso, ma una gara di moto lo è molto di più a pensarci bene...
      Dite la vostra, sempre se ne avete voglia...
    • By leopnd
      ACI Rally Monza



      www.wrc.com
    • By sundance76
      La Mercedes era tornata gradatamente alle competizioni con le sue berline vincendo soprattutto gare in cui la resistenza sulla lunghissima distanza erano determinanti, come il raid Londra-Sidney 1977 e poi nei massacranti rallyes extraeuropei di campionato mondiale, come il Safari Kenya e il Costa d'Avorio, dove la robustezza dei suoi modelli aveva trovato terreno ideale. Dopo alcune gare di "collaudo", la Mercedes 450 SLC aveva vinto, occupando le prime quattro posizioni, il rally di Costa d'Avorio 1979, ultima gara del mondiale. Quell'anno i duellanti per il titolo piloti, Waldegard e Mikkola, avevano disputato tutte le gare con la Ford Escort (vincitrice del titolo costruttori), ma nelle due gare africane del Safari e Costa d'Avorio aveva utilizzato appunto le Mercedes.
      Nel 1980, il campione in carica Waldegard viene assunto dalla Mercedes a tempo (quasi) pieno, per una stagione d'apprendistato nei rallyes di tipo "europeo" cioé quelli considerati "sprint" (di 700 km di p.s. cosa che oggi , coi ridicolissimi rallyes di 250 km, sembra fantascienza). Lo svedese, dopo aver corso le prime due gare con la Fiat 131 (terzo a Montecarlo e in Svezia) passa sulla ingombrante 500 SLC, senza grossi risultati, se si eccettua un 2° posto di Mikkola (ingaggiato una tantum) al Nuova Zelanda, fino a che Waldegard vince l'ultimo rally in calendario, il Costa d'Avorio,  a dicembre, a giochi ormai fatti, con la "vecchia" Fiat 131 già campione per la terza volta e con Walter Rohrl al suo primo titolo (4 vittorie stagionali, uguagliato il record di Ove Andersson del '71, sì, quello che dirigeva il team Toyota in F1 negli anni 2000).
      Intanto, dopo il Tour de Corse, in cui si era matematicamente laureato  campione del mondo, la Mercedes aveva già annunciato di aver ingaggiato Walter Rohrl per il 1981.
      A questo punto, nel novembre 1980 su AS si leggeva:
      “…Rohrl piloterà una 500 SL , si tratta della versione Hard-Top più corta di 30 cm della SLC attualmente usata e disputerà cinque rallies mondiali e precisamente il Safari, Argentina, Brasile, Bandama e Acropolis, inoltre in più due rallies per la scuderia Kassel……..cioè il Montecarlo e il Portogallo
      Inoltre Rohrl avrà in programma quattro gare del campionato tedesco….e inoltre dovrà effettuare delle prove con la piccola nuova Mercedes che monterà un motore 2,3 litri, 4 valvole per cilindro, e doppio albero a camme in testa che dovrebbe sviluppare circa 300 CV per un peso ben inferiore a 1000 kg….”

      Eppure, come facevano notare alcuni addetti ai lavori, la 500 SLC le aveva già prese pesantemente nel 1980 dalla 131 e quindi in MB sapevano chiaramente che non era competitiva, e dalla 500 SL pur più corta e più leggera non si potevano certo aspettare miracoli.
      Successivamente, durante alcuni test promozionali, Rohrl ebbe un pericoloso incidente con la Mercedes, ma senza danni all’equipaggio.
      A dicembre, Waldegard come detto vince con la Mercedes in Costa d’Avorio, e tutto pareva pronto per il primo mondiale disputato a tempo pieno nell’81.
      Ma ecco che, il 18 dicembre 1980, scoppia la “bomba”: la Mercedes si ritira dalle competizioni e lascia liberi Rohrl e Waldegard, che di fatto restano a piedi.
      Ecco il servizio su AS n.52/1 del 30 dicembre ’80 / 6 gennaio ’81:
       



  • Popular Contributors

×
×
  • Create New...