Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

[Motomondiale] 2013.06 - GP Catalogna


Recommended Posts

  • Replies 93
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Mi permetto una piccola riflessione.   Il rendimento di Lorenzo all'epoca dei due titoli in 250cc e del primo anno in MotoGP, era strettamente dipendente dalle qualifiche: se non partiva in pole, pe

E' lo "scusometro" che lavora a pieno regime.... D'altronde dopo anni "l'indottrinamento" fa ancora dire che Elias è stato un pilota pericoloso.....forse per essere stato reo di una vittoria ai danni

Mah, i confronti a volte non sono fattibili tra sessioni diverse dello stesso w-end di gara, figurarsi farle tra annate differenti. Moda che prima dell'inizio 2011 non s'era mai sentita.

Grande Lorenzo. Mi piace moltissimo Marquez, fino a quando i pericoli li corre lui va benissimo, il guaio sono quelli che fanno(facevano) correre i pericoli agli altri: Bautista, Elias, ecc...

Link to post
Share on other sites

Gara noiosa, Lorenzo perfetto ed inesorabile come sempre, con le Honda ad inseguire. Se Mà¡rquez non avesse commesso quell'errore ci sarebbe stato almeno un bell'ultimo giro, peccato. Rossi indietro, ormai che non abbia più il ritmo dei migliori è un fatto, ma continua a piacermi il fatto che nelle ultime fasi di gara i suoi tempi sul giro si equivalgano a quelli degli spagnoli. Grande nota di merito anche per il vecchio Edwards che termina in scia ad Espargarà³.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Pedrosa ha comunque ancora sette punti su Lorenzo. Nel motomondiale è forse pure peggio che in F1: una battuta d'arresto la paghi molto cara e ad oggi quel settimo posto di Lorenzo a Le Mans pesa.

Link to post
Share on other sites

Marquez a momenti si spalma sull'asfalto un'altra volta :asd: va bene l'aggressività  e l'inesperienza ma a volte esagera. Cmq dice bene Osre, finchè non butta a terra qualcuno va bene così, la velocità  e il carattere ci sono tutti. 

 

Lorenzo una spanna sopra tutti anche oggi, mi sa che al momento è l'unico che sa metterci quel quid in più

 

Rossi un po' meglio del solito, ma credo che da questi standard non si muoverà  più. Purtroppo. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Marquez a momenti si spalma sull'asfalto un'altra volta :asd: va bene l'aggressività  e l'inesperienza ma a volte esagera. Cmq dice bene Osre, finchè non butta a terra qualcuno va bene così, la velocità  e il carattere ci sono tutti. 

 

Lorenzo una spanna sopra tutti anche oggi, mi sa che al momento è l'unico che sa metterci quel quid in più

 

Rossi un po' meglio del solito, ma credo che da questi standard non si muoverà  più. Purtroppo. 

 

Da Rossi quello che mi aspettavo.

La verità  sta nel mezzo comunque. Lui non è più quello di una volta, ma la Ducati amplificava l'effetto.

 

Considerato che Jorge ha completato la gara con lo stesso tempo dell'anno scorso (un secondo più veloce), Rossi nel 2012 era arrivato a 17 secondi da Lorenzo (oggi a 5 mi pare), oggi il Dovi è arrivato a 32 secondi. Credo che tutto si possa racchiudere in questi numeri.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Credo che tutto buona parte del discorso si possa racchiudere in questi numeri.

 

Fixed.

 

Non credo che basti una gara per fare tendenza, allargando il campione esaminato ne vien fuori un'altra roba. 

Link to post
Share on other sites

Gara simile a quella del Mugello, con Lorenzo a dominare dal primo all'ultimo metro, prendendosi il margine necessario per vincere nel finale, decimo su decimo. Vittoria decisamente sudata, stavolta. Dietro, Pedrosa e Marquez nuovamente a confronto: Marc segue Daniel per tutto il GP e nel finale prova a passarlo, gettando al vento l'opportunità  di chiudere secondo con una perdita pericolosa d'anteriore al penultimo giro.

Rossi quarto, parte bene, ma paga i 2-3 decimi di passo che gli mancavano rispetto ai primi tre. Meglio nella seconda parte di corsa, ma i 4 secondi di ritardo non erano più recuperabili. Gara lineare per Bradl, che stavolta capitalizza, chiudendo quinto.

Complici le diverse cadute avvenute nella parte centrale della corsa, Smith riesce a cogliere il sesto posto, passando nel finale Dovizioso. Espargaro 8° e miglior CRT, davanti ad un risorto Edwards, probabilmente in trattativa per rinnovare il contratto.

Capitolo caduti: Crutchclow, mentre si trovava in quarta posizione e si stava staccando dai primi tre insieme a Rossi. Hayden, che dopo una brutta partenza (rimasto fregato nell'imbuto della prima curva) ha dato vita ad un recupero veloce, passando Dovizioso e Iannone in un'unica curva, staccandoli ed andando a riprendere e passare Bradl. Poi la caduta di anteriore, nella stessa curva di Bautista, caduto al primo passaggio mentre provava a passare Rossi. Infine Iannone, caduto poco prima di Hayden. Dritto di De Puniet ad inizio GP. Pirro ha rimontato fino al decimo posto dopo essere andato fuori pista mentre Bautista cadeva (comunque i due incidenti non sono legati tra di loro).

Link to post
Share on other sites

Grande Lorenzo. Mi piace moltissimo Marquez, fino a quando i pericoli li corre lui va benissimo, il guaio sono quelli che fanno(facevano) correre i pericoli agli altri: Bautista, Elias, ecc...

 

 

 

Marquez a momenti si spalma sull'asfalto un'altra volta :asd: va bene l'aggressività  e l'inesperienza ma a volte esagera. Cmq dice bene Osre, finchè non butta a terra qualcuno va bene così, la velocità  e il carattere ci sono tutti. 

 

Lorenzo una spanna sopra tutti anche oggi, mi sa che al momento è l'unico che sa metterci quel quid in più

 

Rossi un po' meglio del solito, ma credo che da questi standard non si muoverà  più. Purtroppo. 

 

In quella manovra se si stendeva rischiava di tirar giù con lui anche Pedrosa, tra l'altro il suo compagtno di squadra.

 

 

 

Fortunatamente non c'è un quarto spagnolo fenomeno su una moto ufficiale :up:

 

Mi ricordo una gara di sci di parecchi anni fa in cui i 10 Austriaci che concorrevano si classificarono in quest'ordine:

 

1,2,3,4,5,6,7,8,9,16. Quest'ultimo andò a nascondersi perché si vergoganava di non essere arrivato almeno 10.

Link to post
Share on other sites

Gara noiosa, Lorenzo perfetto ed inesorabile come sempre, con le Honda ad inseguire. Se Mà¡rquez non avesse commesso quell'errore ci sarebbe stato almeno un bell'ultimo giro, peccato. Rossi indietro, ormai che non abbia più il ritmo dei migliori è un fatto, ma continua a piacermi il fatto che nelle ultime fasi di gara i suoi tempi sul giro si equivalgano a quelli degli spagnoli. Grande nota di merito anche per il vecchio Edwards che termina in scia ad Espargarà³.

 

Solo perché questi rallentano per gestire il consumo delle gomme, lui gira sempre su quel passo.

Link to post
Share on other sites

Niente alcune considerazioni, Lorenzo perfetto, Pedrosa fa il suo e Marquez ne ha di più, ma per esperienza non riesce a concretizzare peccato per Cruthclow, ma è solo colpa sua, Bautista non si riesce a capire che gioco sta facendo.

 

Rossi, penso che dovrebbe ritirarsi, più di questo non può fare poi parte sempre dietro a Cruthclow che ha la moto del 2012, lasci a lui la moto ufficiale che se l'è meritata sul campo.

Link to post
Share on other sites

Da Rossi quello che mi aspettavo.

La verità  sta nel mezzo comunque. Lui non è più quello di una volta, ma la Ducati amplificava l'effetto.

 

Considerato che Jorge ha completato la gara con lo stesso tempo dell'anno scorso (un secondo più veloce), Rossi nel 2012 era arrivato a 17 secondi da Lorenzo (oggi a 5 mi pare), oggi il Dovi è arrivato a 32 secondi. Credo che tutto si possa racchiudere in questi numeri.

 

l'anno scorso Dovi ha mazzuolato per bene Cruthclow che quest'anno con una moto dell'anno scorso è sempre davanti a Rossi...

Link to post
Share on other sites

 

Mah, i confronti a volte non sono fattibili tra sessioni diverse dello stesso w-end di gara, figurarsi farle tra annate differenti.

Moda che prima dell'inizio 2011 non s'era mai sentita.

 

E' lo "scusometro" che lavora a pieno regime....

D'altronde dopo anni "l'indottrinamento" fa ancora dire che Elias è stato un pilota pericoloso.....forse per essere stato reo di una vittoria ai danni di The Doctor.....conseguita si con una manovra aggressiva ,ma neppure lontanamente paragonabile alla famosa "spallata da copertina sbrodolatoria di DVD" di Jerez 04.

Altra perla(di Temporali) di ieri:"incredibile,Rossi e Lorenzo girano su tempi uguali eppure lo spagnolo guadagna su Rossi(buco spazio temporale.....o Temporali).

Questa la perla di Meda nelle prove:"Rossi,7° tempo,in linea con la prima fila.....".

Questa non è disattenzione :è semplicemente informazione DISTORTA(falsa) veicolata per far credere al tifoso "vaivalecazzoseiilmigliore" che "Rossi c'è" sempre e comunque....

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Se è per questo ieri Meda, presentando la griglia: "Lorenzo parte terzo perchè ha avuto una qualifica difficile", poi si deve essere accorto e al momento di VR46 dice "Rossi settimo in linea con le sue solite qualifiche di quest'anno"

Link to post
Share on other sites

Se è per questo ieri Meda, presentando la griglia: "Lorenzo parte terzo perchè ha avuto una qualifica difficile", poi si deve essere accorto e al momento di VR46 dice "Rossi settimo in linea con le sue solite qualifiche di quest'anno"

 

Lorenzo ha avuto una qualifica difficile, ma non per merito suo, la moto aveva tanti problemi che l'hanno dovuta sostituire...

 

se fosse partito terzo Rossi avrebbero parlato di prestazione monstre, cmq Cruthclow sta creando tantissimi imbarazzi alla Yamaha con le sue prestazioni con la moto privata fortuna loro che si è steso

Link to post
Share on other sites

Anche per quanto mi riguarda l'impressione è che Rossi sia davvero arrivato al capolinea. Il ritmo dei tre spagnoli davanti non lo regge proprio, non vale nemmeno più la pena di prendersi ulteriori rischi, ormai anche Crutchlow va più forte e penso che a fine campionato gli arriverà  pure davanti se saprà  limitare i propri errori. Ritengo Rossi il migliore di sempre, almeno tra i piloti che ho visto correre, nessuno mi ha dato più emozioni e gioie di lui guardando il Motomondiale, e penso che non abbia più nulla da dare e da dimostrare a questo sport. Io confiderò sempre in un suo nuovo lampo, da suo tifoso quale sono, ma penso che a fine anno la decisione migliore per lui sia quella di smettere, poi ovviamente starà  a lui stesso decidere.

 

Detto questo, i tre spagnoli daranno un grandissimo spettacolo fino a Valencia, di questo ne sono certo.

Link to post
Share on other sites

Test Barcellona: Bradl davanti alle Ducati alle 13
A sorpresa in pista è sceso anche Valentino Rossi, quinto. La Suzuki per ora è a circa 2"

Sono da poco passate le 13 e quindi si può iniziata a tracciare un bilancio di quanto visto stamani nei test IRTA di Barcellona. Confermate le assenze delle Honda ufficiali e della Yamaha di Jorge Lorenzo (questa solo momentanea), la sorpresa è stata invece la presenza in pista di Valentino Rossi, che ha preferito rimanete a lavorare a Barcellona invece di spostarsi subito verso Aragon per migliorare il feeling con la sua M1 con il pieno di carburante, che è stato il suo punto debole nella gara di ieri.

 

Al momento il pesarese occupa la quinta posizione, ma in una classifica molto breve che vede tempi alti e la top five racchiusa nello spazio di soli 286 millesimi. In vetta alla classifica c'è una piccola sorpresa, visto che comanda la Honda del tedesco Stefan Bradl, che in 1'42"227 ha preceduto di soli 39 millesimi la Ducati di Nicky Hayden e di 190 l'altra GP13 di Andrea Dovizioso.

 

I due uomini in Rosso stanno continuando il lavoro comparativo tra la Desmosedici standard e la versione "laboratorio", trovando tutto sommato qualche piccolo riscontro positivo. La sensazione che gira nel paddock di Barcellona comunque è che questa nuova moto potrebbe essere accantonata ancora prima di essere effettivamente utilizzata in un weekend di gara.

 

Detto del quinto tempo di Rossi, davanti a lui c'è anche l'altra M1 di Cal Crutchlow, mentre per il pomeriggio è atteso pure il ritorno in pista di Jorge Lorenzo (pare che ad Aragon sia prevista pioggia nei prossimi giorni), che potrebbe provare qualche novità  a livello di serbatoio.

 

Seguono poi Andrea Iannone e Bradley Smith, con quest'ultimo che ha già  lasciato il tracciato catalano per recarsi alla Clinica Dexeus per un altro consulto con il Dottor Xavier Mir che dovrà  valutare se ora ci sono le condizioni per un intervento chirurgico al polso e al dito infortunati al Mugello.

 

Per ora sono piuttosto alti i tempi della nuova Suzuki di Randy De Puniet, che viaggia a circa un paio di secondi dai più veloci. Se per vedere l'esordio in moto della moto nel 2015, il tempo per recuperare non manca. Da segnalare, infine, un paio di cadute avvenute in mattinata che hanno avuto per protagoniste le CRT di Lukas Pesek e Karel Abraham.

 

MOTOGP, Barcellona, 17/06/2013
Test IRTA (Ore 13)
1. Stefan Bradl - Honda - 1'42"227 - 26 giri
2. Nicky Hayden - Ducati - 1'42"266 - 31
3. Andrea Dovizioso - Ducati - 1'42"417 - 24
4. Cal Crutchlow - Yamaha - 1'42"462 - 27
5. Valentino Rossi - Yamaha - 1'42"462 - 27
6. Andrea Iannone - Ducati - 1'43"004 - 24
7. Bradley Smith - Yamaha - 1'43"073 - 24
8. Aleix Espargaro - ART-Aprilia - 1'43"180 - 25
9. Michele Pirro - Ducati - 1'43"320 - 26
10. Hector Barbera - FTR-Kawasaki - 1'44"050 - 10
11. Randy De Puniet - Suzuki - 1'44"089 - 24
12. Karel Abraham - ART-Aprilia - 1'44"581 - 28
13. Claudio Corti - FTR-Kawasaki - 1'44"996 - 31
14. Colin Edwards - FTR-Kawasaki - 1'45"155 - 22
15. Danilo Petrucci - Suter-BMW - 1'45"296 - 31
16. Yonny Hernandez - ART-Aprilia - 1'45"622 - 19
17. Michael Laverty - PBM-Aprilia - 1'45"915 - 9
18. Lukas Pesek - Suter-BMW - 1'47"379 - 31

 

http://www.omnicorse.it/magazine/28446/moto-gp-test-barcellona-bradl-davanti-alle-ducati-alle-13-in-pista-anche-valentino-rossi

Link to post
Share on other sites

Anche per quanto mi riguarda l'impressione è che Rossi sia davvero arrivato al capolinea. Il ritmo dei tre spagnoli davanti non lo regge proprio, non vale nemmeno più la pena di prendersi ulteriori rischi, ormai anche Crutchlow va più forte e penso che a fine campionato gli arriverà  pure davanti se saprà  limitare i propri errori. Ritengo Rossi il migliore di sempre, almeno tra i piloti che ho visto correre, nessuno mi ha dato più emozioni e gioie di lui guardando il Motomondiale, e penso che non abbia più nulla da dare e da dimostrare a questo sport. Io confiderò sempre in un suo nuovo lampo, da suo tifoso quale sono, ma penso che a fine anno la decisione migliore per lui sia quella di smettere, poi ovviamente starà  a lui stesso decidere.

 

Detto questo, i tre spagnoli daranno un grandissimo spettacolo fino a Valencia, di questo ne sono certo.

 

io non sono suo tifoso, ma sinceramente me l'aspettato più vicino, pensavo che al mugello o a Jerez se la sarebbe giocata, secondo voi quali sono i motivi di questa debacle ?

 

l'infortunio alla gamba lo hanno avuto in tanti, Lorenzo ha avuto ben di peggio, poi non è mai stato fermo, non so darmi una spiegazione, forse ha solo staccato la spina, ma non vuole ammetterlo ? avversari più tosti ? passi per Stoner e

 

Lorenzo, ma Pedrosa non ha mai avuto problemi a batterlo...

Link to post
Share on other sites

Paura degli avversari non credo, perché alla fine anche Stoner e Lorenzo li ha battuti, sia nel corpo-a-corpo (Laguna Seca 2008 e Barcellona 2009) sia sulla distanza (come campionato, intendo). Semplicemente ha 34 anni e da 17 è ai vertici, secondo me è stanco e deve solo rendersene conto.

 

Quando un pilota è stanco o si ritira o va a correre per team con meno ambizioni. Il primo caso si potrebbe associare a Biaggi, il secondo a Lawson che dopo avere vinto tutto andò alla Cagiva a prendere una barca di soldi e dopo un paio di anni magri di risultati si fermò.

Link to post
Share on other sites

Niente, tutte le parabole hanno una fase discendente e la ruota gira x tutti, Rossi compreso.

Lo ha detto lui stesso, mi pare prima del Mugello, che fatica a tenere il passo dei migliori. A questo punto Losail rappresenta una splendida eccezione ma nulla più.

Dopodiché c'è chi, tipo Scheckter, dice che non c'è cifra che tenga x mettere a rischio la vita e si ritira, e c'è gente che x mille motivi (voglia, opportunità , avidità , progetti) continua a oltranza. I casi sono moltissimi in vari campi del motorsport.

Per dire, nel campionato italiano prototipi corre ancora Claudio Francisci che è più vicino ai 70 che ai 60.

Emerson Fittipaldi si è deciso a smettere solo dopo aver rischiato la vita 2 volte.

Link to post
Share on other sites

Paura degli avversari non credo, perché alla fine anche Stoner e Lorenzo li ha battuti, sia nel corpo-a-corpo (Laguna Seca 2008 e Barcellona 2009) sia sulla distanza (come campionato, intendo). Semplicemente ha 34 anni e da 17 è ai vertici, secondo me è stanco e deve solo rendersene conto.

 

Quando un pilota è stanco o si ritira o va a correre per team con meno ambizioni. Il primo caso si potrebbe associare a Biaggi, il secondo a Lawson che dopo avere vinto tutto andò alla Cagiva a prendere una barca di soldi e dopo un paio di anni magri di risultati si fermò.

 

non parlavo di paura degli avversari, quella penso non l'avrà  mai...

 

lui pensava davvero di essere forte come prima altrimenti non sarebbe tornato in Yamaha, se stava in Ducati forse era meglio c'era sempre la scusa della moto, adesso guida la moto migliore.

 

il punto è che Lorenzo già  dal 2010 era più veloce e lui se ne andò per non dividere il box col compagno scomodo, solo che non pensavo che in tre anni la forbice fosse così aumentata...

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...