Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

Oltre alla F1, questo weekend è cominciato anche il Campionato Italiano Rally. La prima gara dell'anno, il Rally del Ciocco e della Valle del Serchio (valida sia per il CIR che per il CIRA - il campionato riservato ai rally su asfalto), ha visto l'affermazione dell'highlander Andreucci, 52enne campione in carica, sulla sua Peugeot 208 T16. Dominio assoluto il suo, con una sola piccola sbavatura nella ps d'apertura a Forte dei Marmi, quando ha toccato un Jersey perdendo circa 3'' dai migliori.
Secondo classificato un consistente Andrea Crugnola, che ha avuto la meglio su Simone Campedelli. Quest'ultimo è stato afflitto da un paio di forature, che per fortuna sua non gli hanno negato il podio.
Quarta posizione per il giapponese Takamoto, quest'anno già vincitore al Rally di Svezia tra le R5, presente in questo appuntamento ma non iscritto al CIR.
Male Umberto Scandola, già sfortunato in Svezia, che si è ritirato nel corso della PS7 per incidente.
Al Ciocco era presente anche Andrea Nucita, su Hyundai i20, ritirato nella PS11 dopo aver fatto segnare il miglior tempo nella prova spettacolo d'apertura. Per lui non sono (al momento) previste altre gare nel CIR in quanto impegnato con il trofeo RGT, che partirà dopo Pasqua con il Tour de Corse.

 

CLASSIFICA GENERALE AL TERMINE DELLA GARA:

image.thumb.png.31470947446b76e4add05ce55cfa4276.png

 

 

CALENDARIO CIR 2018:

image.thumb.png.7ac87f1f773c40e0dde7002cefe5a268.png

(le gare in grigio sono valide anche per il CIRA, mentre quelle in giallo sono valide anche per il Campionato Italiano Rally su terra)

 

P.S.: non mi picchiate se ho scritto vaccate, è il primo anno che mi interesso di rally non mondiali:P

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Questa settimana si corre il Rally di Sanremo, valido sia per il CIR che per il CIRA:

Sanremo, PS1: Andreucci sbanca la prova di Portosole

Sanremo, PS2-3: Andreucci allunga, Michelini brilla

Saremo, PS4: Ancora Andreucci, Pollara in ritardo

Stasera è prevista una Mini Ronde in notturna di una quarantina di km, composta da due speciali (h 23.00 e 00.30).

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Purtroppo √® cos√¨¬†:(¬†Il CIR, come un po' tutti i campionati nazionali, dovrebbe servire da rampa di lancio verso le categorie pi√Ļ importanti, eppure in tanti finiscono per diventarne veterani.

Vedere Andreucci ancora lì, dopo tanti anni, mi fa veramente piangere il cuore. Fossi in PSA, che già gli ha fatto provare la C3 R5, gli regalerei un anno in WRC-2 prima del ritiro:nonso: Non tanto per i risultati, che parlano da soli, ma proprio solo per la voglia che ha di correre.

 

Comunque dopo 2 gare gi√† riesco a farmi un'idea del perch√® non ci siano italiani ad alto livello (WRC, WRC-2). E non √® assolutamente questione di manico, e nemmeno di soldi. La questione secondo me √® molto pi√Ļ delicata: il CIR par quasi un mondo a s√©, sembra che sia quasi pi√Ļ un punto di arrivo piuttosto che un punto di partenza:nonso:¬†E probabilmente quel che manca √® proprio la voglia di investire sui giovani per poi¬†lasciarli andare per la loro strada.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Classifica aggiornata (in ritardo) dopo il rally di Sanremo. Non riesco a trovare una entry list definitiva e ufficiale degli iscritti al CIR e al CIRA, per cui qui son riportati solo i piloti che avendo ottenuto punti sono segnati nella classifica ufficiale.

Il sito AciSport, purtroppo, è fatto... come dire... A membro di segugio? :asd:

image.thumb.png.e03290feb63160091964c9acec0dd7f6.png

 

Questo il resoconto ufficiale:

 

Edited by giovanesaggio
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • 5 weeks later...

Classifica aggiornata alla Targa Florio (che non ho seguito:():

image.thumb.png.44156a04a5716d055fc8f493aff64bfd.png

 

Per la prima volta quest'anno Andreucci cede il gradino pi√Ļ alto del podio a Nucita, che corre come ospite ma che, a conti fatti, avrebbe tranquillamente potuto giocarsi il campionato. Male sia Campedelli che Crugnola, i loro jolly stagionali se li sono giocati:nonso:¬†Risale Scandola, anche lui senza pi√Ļ risultati da scartare.

Edited by giovanesaggio
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Salve a tutti

bello ed interessante che venga seguito anche il Cir, che per inciso seguo da sempre. A livello di Campionati nazionali credo abbia gare di valore assoluto, a maggior ragione oggi che è finito l’abominio dei due mini-rally-tappa, sempre appassionanti.

La ronde notturna di quest’anno poi è veramente stata incredibile e veder passare Ucci-Ussi regala sempre (almeno a me) emozioni particolari.

San Marino e 2 valli sono in programma ma non mi dispiacerebbe rivedere Roma Capitale.

alla prossima 

Franz 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

San Marino: vince Daniele Ceccoli, ma Andreucci ipoteca il titolo

G4whXMt.jpg

Il sammarinese Daniele Ceccoli ha vinto il Rally di San Marino, quinta delle 8 gare del Campionato Italiano Rally e terza delle 6 valevoli per il Campionato Terra.

Ceccoli (Skoda Fabia) si é imposto per 12"0 su Simone Campedelli (Ford Fiesta) che è stato il migliore dei protagonisti del CIR. Campedelli, che aveva chiuso al comando la prima giornata, ha perso una ventina di secondi nelle prime battute di oggi per un problema al turbo e Ceccoli - già ieri al comando della gara dopo la seconda e dopo la quarta prova speciale - è balzato al comando ed ha saputo conservarlo fino al termine per un successo per lui storico.

Terzo posto a 42"0 per Nicolò Marchioro, primo leader della gara ed autore di una splendida prestazione. Con questo piazzamento Marchioro si porta in testa al CIRT a quota 30,5 punti contro i 30 di Ceccoli ed i 26,25 del precedente leader Giacomo Costenaro qui costretto al ritiro.

Ai fini del Campionato Italiano Rally giornata solo parzialmente negativa per Paolo Andreucci e la Peugeot. Malgrado il ritiro dovuto alla rottura di un braccetto nella prima prova di oggi, il Campione d'Italia ha mantenuto un ampio vantaggio in classifica generale: ha 56 punti contro i 36 di Campedelli ed i 35 di Scandola, quest'ultimo fortemente attardato dall'esplosione di un cerchio quando era al comando del rally e finito nelle posizioni di rincalzo.

Con ancora 60 punti in palio, al toscano basterebbe anche arrivare sempre terzo per vincere il suo undicesimo titolo anche se uno dei suoi diretti inseguitori dovesse fare bottino pieno nelle ultime tre gare.

Eccellente la gara del giovane finlandese Erik Pietarinen, chiamato dalla Pirelli sulla seconda Peugeot 208 T18 seguita dalla Racing Lions. Del tutto a digiuno della vettura e delle gare italiane ha concluso al quarto posto - portando preziosi punti per il Costruttori - ed avrebbe addirittura potuto fare meglio se non avesse perso una trentina di secondi nella polvere alzata dall'attardato Scandola nella ps5.

MguSmvF.jpg

 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Motorsport parla di trauma toracico e di contusioni varie per Paolo, mentre Anna solo lievemente ferita ma nulla di eccessivamente preoccupante. Entrambi erano coscienti  all'arrivo del 118, il che fa ben sperare .

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Segui per il CIR o per l'Europeo tu? Perchè l'ERC avrei voluto seguirlo anch'io quest'anno, poi però gli ultimi 3 mesi sono andati come sono andati e di motori ho seguito pochissimo:rolleyes:

Andreucci comunque è navigato da David Castiglioni, navigatore che ha sostituito Perna al fianco di Michelini già un paio di volte quest'anno (anche se la cosa mi era sfuggita).

Edited by giovanesaggio
Link to post
Share on other sites

Sto seguendo per caso, a dire la verità :asd: 

Ho molta voglia di rally in questo periodo, mi sto pure riguardando tutte le sintesi delle vecchie stagioni del WRC per colmare il gap :asd: 

Link to post
Share on other sites

Eh, a chi lo dici :D

Se vuoi su twitter stanno facendo un revival del Mille Laghi 2003 :asd: Da tener d'occhio assolutamente un giovane francese... Loeb si chiama, o qualcosa del genere:P

Edited by giovanesaggio
Link to post
Share on other sites

Ribadisco: 53 anni e non sentirli! :D Ma questo davvero era in ospedale settimana scorsa? 

 

Comunque la buca sul traguardo potevano anche rattopparla meglio, eh :asd:

Link to post
Share on other sites
  • 4 months later...

A Monza l'ultima di Andreucci con la 208?

E probabilmente non è nemmeno da escludersi che possa essere proprio l'ultima ultima (nel CIR, almeno). Già il 2018 era in dubbio, la partecipazione era stata confermata molto tardi :nonso: Io lo dico da tanto, fossi in PSA cercherei di dargli una C3 R5 per fargli chiudere in bellezza la carriera con un anno completo nel WRC2. Però è chiaro che "investire" su un pilota che va per i 54...

 

 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Upcoming Events

  • Similar Content

    • By leopnd
      ACI Racing Weekend



      www.autodromoimola.it
    • By sundance76
      Nonostante fosse lontanissimo dalla filosofia dei rally "all'europea", il Safari da moltissimi era considerato il pi√Ļ duro, il pi√Ļ imprevedibile, il pi√Ļ difficile dei rallyes.
      Non so se riusciranno a farlo disputare nel 2021, e non so nemmeno in quale formato, ma l'epopea di questo rally √® una delle cose pi√Ļ entusiasmanti della mia passione automobilistica:
       
    • By leopnd
      Hankook 12h Mugello



      mugellocircuit.com
    • By leopnd
      Rally 2 Valli



      www.rallyduevalli.it
    • By sundance76
      La Mercedes era tornata gradatamente alle competizioni con le sue berline vincendo soprattutto gare in cui la resistenza sulla lunghissima distanza erano determinanti, come il raid Londra-Sidney 1977 e poi nei massacranti rallyes extraeuropei di campionato mondiale, come il Safari Kenya e il Costa d'Avorio, dove la robustezza dei suoi modelli aveva trovato terreno ideale. Dopo alcune gare di "collaudo", la Mercedes 450 SLC aveva vinto, occupando le prime quattro posizioni, il rally di Costa d'Avorio 1979, ultima gara del mondiale. Quell'anno i duellanti per il titolo piloti, Waldegard e Mikkola, avevano disputato tutte le gare con la Ford Escort (vincitrice del titolo costruttori), ma nelle due gare africane del Safari e Costa d'Avorio aveva utilizzato appunto le Mercedes.
      Nel 1980, il campione in carica Waldegard viene assunto dalla Mercedes a tempo (quasi) pieno, per una stagione d'apprendistato nei rallyes di tipo "europeo" cio√© quelli considerati "sprint" (di 700 km di p.s. cosa che oggi , coi ridicolissimi rallyes di 250 km, sembra fantascienza). Lo svedese, dopo aver corso le prime due gare con la Fiat 131 (terzo a Montecarlo e in Svezia) passa¬†sulla ingombrante 500 SLC, senza grossi risultati, se si eccettua un 2¬į posto di Mikkola (ingaggiato una tantum) al Nuova Zelanda, fino a che Waldegard vince l'ultimo rally in calendario, il Costa d'Avorio, ¬†a dicembre, a giochi ormai fatti, con la "vecchia" Fiat 131 gi√† campione per la terza volta e con Walter Rohrl al suo primo titolo (4 vittorie stagionali, uguagliato il record di Ove Andersson del '71, s√¨, quello che dirigeva il team Toyota in F1 negli anni 2000).
      Intanto, dopo il Tour de Corse, in cui si era matematicamente laureato  campione del mondo, la Mercedes aveva già annunciato di aver ingaggiato Walter Rohrl per il 1981.
      A questo punto, nel novembre 1980 su AS si leggeva:
      ‚Äú‚ĶRohrl piloter√† una 500 SL , si tratta della versione Hard-Top pi√Ļ corta di 30 cm della SLC attualmente usata e disputer√† cinque rallies mondiali e precisamente il Safari, Argentina, Brasile, Bandama e Acropolis, inoltre in pi√Ļ due rallies per la scuderia Kassel‚Ķ‚Ķ..cio√® il Montecarlo e il Portogallo
      Inoltre Rohrl avr√† in programma quattro gare del campionato tedesco‚Ķ.e inoltre dovr√† effettuare delle prove con la piccola nuova Mercedes che monter√† un motore 2,3 litri, 4 valvole per cilindro, e doppio albero a camme in testa che dovrebbe sviluppare circa 300 CV per un peso ben inferiore a 1000 kg‚Ķ.‚ÄĚ

      Eppure, come facevano notare alcuni addetti ai lavori, la 500 SLC le aveva gi√† prese pesantemente nel 1980 dalla 131 e quindi in MB sapevano chiaramente che non era competitiva, e dalla 500 SL pur pi√Ļ corta e pi√Ļ leggera non si potevano certo aspettare miracoli.
      Successivamente, durante alcuni test promozionali, Rohrl ebbe un pericoloso incidente con la Mercedes, ma senza danni all’equipaggio.
      A dicembre, Waldegard come detto vince con la Mercedes in Costa d’Avorio, e tutto pareva pronto per il primo mondiale disputato a tempo pieno nell’81.
      Ma ecco che, il 18 dicembre 1980, scoppia la ‚Äúbomba‚ÄĚ: la Mercedes si ritira dalle competizioni e lascia liberi Rohrl e Waldegard, che di fatto restano a piedi.
      Ecco il servizio su AS n.52/1 del 30 dicembre ’80 / 6 gennaio ’81:
       



  • Popular Contributors

×
×
  • Create New...