Jump to content
leopnd

Superbike World Championship 2018

Recommended Posts


La nuova Suzuki sarà affidata ad un rookie sconosciuto e ad un ragazzone pur bravo ma che va per i 38 e da anni ormai non frequenta più team di alto livello

DQ6lVehWsAYea88.jpg:large

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

La vera notizia, invece, è che nel 2018 Troy Bayliss sarà al via full-time della Superbike australiana. Mi sa che oltre al Supercars mi tocca vedere anche le moto adesso :asd:

  • Like 1
  • Lol 1
  • Love 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Dorna regala a Rea in Gp di casa nel 2019 

Ut_HKthATH4eww8X4xMDoxOjBzMTt2bJ

Lake-Torrent-Race-Track-Map.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Presentazione per la Ducati, più rossa della sorella Motogp, Dall`Igna ritorna come direttore unendo le forze infatti durante le pause i meccanici di Ducati Corse si uniranno a quelli di Ducati Aruba al fine di raccogliere dati per lo sviluppo della moto. 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Phillip Island come al solito mi costringe a fare uno sforzo, anche quest'anno si va di diretta. :zizi:

Nel frattempo Troy Bayliss è secondo alla fine della prima sessione di libere nell'ASBK. :asd:

Edited by TexasTerror

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il livello dell'ASBK è più alto di quello del WSBK :asd:

Io quest'anno salto. Salto Phillip Island e salterò tante altre gare mi sa...

Share this post


Link to post
Share on other sites
In questo momento, The Rabbit ha scritto:

Il livello dell'ASBK è più alto di quello del WSBK :asd:

Io quest'anno salto. Salto Phillip Island e salterò tante altre gare mi sa...

Io faccio lo sforzo solo per Phillip Island, fosse qualsiasi altro circuito probabilmente andrei di comodissima replica. :asd: 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Notavo che nella entry list c'è una classe "IND", di cui non ho mai sentito parlare ma che credo sia una specie di trofeo privati. Invocavo una cosa del genere già un paio d'anni fa, almeno una cosa positiva sono riusciti a tirarla fuori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Alyoska Costantino ha scritto:

C'è qualcuno vivo nel topic?

Eh mi sono alzato adesso. :asd: Ho saltato la qualifica e vedo che sono successe cose interessanti, purtroppo ho letto che Savadori si è rotto la clavicola. :( 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Abbiamo visto qualcosa di diverso, Vince Melandri su Sykes, bella gara di Marco che è riuscito a fare grande differenza su Davies e piegare la resistenza delle Kawasaki. 

Colpo di scena finale con Rea costretto a perdere il podio per problemi al posteriore, in generale non un Rea straordinario se non al via dove ha mandato tutti a scuola. Sykes si presenta meglio del previsto, nulla di diverso ad inizio gara con lo strappo sugli avversari ma poi fortunatamente non è sprofondato come troppo spesso è accaduto negli ultimi anni. Considerando che siamo a Phillip Island che non è uno dei suoi circuiti preferiti può ritenersi abbastanza soddisfatto. 

Regolamenti che limitano Ducati e Kawasaki non si sono visti :asd:

Fores quarto, Yamaha chiude sesta con Lowes e nona con vdM (che credo abbia avuto problemi di gomme), bella bagarre tra i due a fine gara comunque. :asd: Laverty passo del gambero chiude ottavo, buon settimo Camier anche se speravo meglio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, TexasTerror ha scritto:

Colpo di scena finale con Rea costretto a perdere il podio per problemi al posteriore

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si alla fine i problemi li ha avuti anche van der Mark (era evidente) oltre a Torres e Hernandez che è caduto proprio per quella ragione. 

Certo che dopo una due giorni di test una settimana prima del weekend si arriva pure impreparati con le gomme, che cazzo. :asd: 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

E a proposito di Ducati, l’avversario attualmente più in palla che potrebbe fermare lo strapotere del pilota di casa Kawasaki è proprio Marco Melandri. Qui il ravennate non ha mai vinto ma è stato capace di ottenere molti podi: i suoi migliori risultati sono stati due secondi posti, nel 2012 e nel 2014. Nel 2017, dopo l’anno sabbatico lontano dalle corse, Marco è stato capace di tornare subito a podio, per cui le chance per vederlo come protagonista sono molto alte.

grande @Alyoska Costantino

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...