Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

  • 2 weeks later...

  • Replies 135
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Se ti trovavi davanti Warwick, Wattie o Arnoux, altro che bandiere blu Inviato dal mio LT25i utilizzando Tapatalk

Pranzetto con vista.....  

Fabi con la coloratissima Benetton

Posted Images

  • 4 weeks later...

L' accordo con Alfa ad inizio stagione saltò, e la Ligier fu costretta a passare al Megatron

 

Il motore Alfa Romeo 415T pronto per essere montato sulla Ligier

 

post-498-0-98336700-1400072354_thumb.jpg

 

e qui la macchina smontata ai box

 

post-498-0-11496900-1400072262_thumb.jpg

 

Notare lee mani di Arnoux sul casco: sono quanto mai eloquenti...

 

E questa è la versione B della JS29 con il 4 cilindri Megatron. Che non era altro che il vecchio 4 cilindri turbo BMW M12/13 ex Brabham del 1986 (quindi quello progettato da Paul Rosche) revisionato da Heini Mader. Il nome molto "transformers" veniva dalla compagnia assicurativa statunitense che sponsorizzava quell'anno la Arrows.

 

post-498-0-07100100-1400072400_thumb.jpg

Edited by jollyroger
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Per chi fosse interessato un breve riassunto di una storia... tutta all'italiana.

Nella prima metà  degli anni '80 l'Alfa Romeo è in una crisi spaventosa: altissimi costi di produzione, cronica mancanza di liquidità , impossibilità /incapacità  di svecchiare la gamma con dei modelli di successo (chi si ricorda la Arna?). Data la vocazione "corsaiola" della Casa, si tenta, come ultima disperata carta, un rilancio di immagine con le corse. Che vuole dire Formula 1.
Con un ultimo immane sforzo il reparto corse viene potenziato. Carlo Chiti, che se ne √® andato per fondare la Motori Moderni, viene sostituito con Gianni Tonti. Si mette in cantiere il progetto di un nuovo motore Turbo 1.5 litri: la scelta cade su un 4 cilindri in linea. Un po' sulla suggestione del BMW, che √® il motore pi√Ļ potente di allora. Un po' sull'onda del ventilato cambio di regolamento che avrebbe dovuto prevedere l'abbassamento della cilindrata massima da 1500cc a 1200cc, favorendo quindi motori a minore frazionamento: cambio che non avver√†¬† mai e che, da un'altra parte, porter√†¬† un terribile Vecchio a progettare una diabolica vendetta verso la FIA. Ma questa √® un'altra storia...
Il progetto procede a tappe forzate. A met√†¬† 1985 il motore √® al banco di prova: verso la fine dell'anno gira sulla pista di Balocco su un telaio laboratorio. A questo punto serve un team con cui farlo correre, nella migliore delle ipotesi verso la fine del campionato 1986, pi√Ļ verosimilmente nella stagione 1987.
I primi contatti sono con la Williams nel 1986. La squadra inglese ha perso i motori Honda per l'opposizione di Frank Williams e Patrick Head all'ingaggio del pilota giapponese Satoru Nakajima. Ma le trattative vanno troppo per le lunghe. Frank si sta ancora riprendendo dal terribile incidente che lo ha costretto sulla sedia a rotelle, e Patrick si trova da solo a gestire sia la parte tecnica che quella organizzativa del team (che in pi√Ļ sta lottando per il titolo mondiale).
L'Alfa Romeo ha però fretta: la morte di De Angelis ha portato ad una modifica dei regolamenti con la messa al bando dei turbo nel 1989. Alla fine si ripiega sulla Ligier: meno appetibile a livello di immagine, ma che è rimasta senza motori per il 1987 a causa del ritiro della Renault dalla F1. Viene siglato un contratto di fornitura tre anni, che prevede per i primi due il motore turbo (siglato 415T), e per il terzo un motore 3500cc aspirato (V10 o V12) ancora da progettarsi.
A inizio 1987 va in pista la Ligier JS29 motorizzata Alfa Romeo. Beh, dire "in pista" √® un eufemismo perch√© √® pi√Ļ il tempo che i due piloti, il francese Ren√© Arnoux e il nostro Piercarlo Ghinzani, passano ai box o ai bordi del tracciato di quello trascorso nell'abitacolo.
Infine a Monza l'epilogo degno di una tragedia greca. Mentre torna a piedi dai box dopo l'ennesimo stop per problemi tecnici, Arnoux si lascia andare con i giornalisti presenti ad un duro sfogo nei confronti della casa del biscione, colpevole, secondo lui, di non impegnarsi a sufficienza nel progetto e di compromettere così la stagione che sta per iniziare.
Non è neanche passata un'ora dalle dichiarazioni del pilota (ricordiamoci che siamo nel 1987, Twitter non esiteva e le comunicazioni viaggiavano via telex e simili) che parte una telefonata da Torino. Di fronte agli allibiti tecnici francesi, i tecnici Alfa Romeo imballano tutto il materiale, lo caricano su camion e... se ne vanno!!! Fine della storia.
Cosa era successo? A fronte degli immensi debiti, l'IRI aveva deciso alla fine di vendere l'Alfa Romeo. Nel 1986 si erano scontrati in una sanguinosa battaglia Fiat e Ford: fino a che l'intervento dello stesso presidente dell'IRI, Romano Prodi, non aveva fatto pendere l'ago della bilancia verso Torino (la storia ha già  dato altrove i suoi giudizi su questo avvenimento, e siccome qui si parla di F1 non ci interessano). A questo punto la Fiat si trovava con due squadre di F1 e questo è - pensano a Torino - un inutile spreco di risorse: una delle due deve chiudere. Indovinate un po' quale? Serve solo il casus belli...

  • Like 3
Link to post
Share on other sites
  • 3 months later...
  • 1 month later...

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...