Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Calendario di gara


61066
 Share

Recommended Posts

Io proporrei un Gp a sorpresa, con Charlie Whiting che dà  il via alla gara tramite un post su fb (magari quando tutti dormono) e piloti e meccanici devono vestirsi e raggiungere il circuito il prima possibile e completare il Gp.

Inviato dal mio GT-S5830i con Tapatalk 2

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Io proporrei un Gp a sorpresa, con Charlie Whiting che dà  il via alla gara tramite un post su fb (magari quando tutti dormono) e piloti e meccanici devono vestirsi e raggiungere il circuito il prima possibile e completare il Gp.

 

doppietta Lotus :asd:

Link to comment
Share on other sites

21 sono tantissime e come diceva Sundance fa perdere il fascino e l'importanza. Newey potrebbe vincerle anche tutte se azzecca la macchina buono vista l'assenza di test e che non rompe più nessuno.

 

L'Austria rientra per la Redbull, la Russia perchè l'amico Vladimir vuole un gp in casa e Sirotkin in pista, il Messico penso c'abbia messo lo zampino Slim e vedrà  Perez (Gutierrez spero tanto di no);

 

se salta la Corea è una buona notizia.

 

Sempre più netta la differenza tra girone "d'andata" e di "ritorno" con le solite 4 settimane di stop

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Sinceramente le new entry 2014 mi sembrano le "meno peggio" tra tutte quelle che abbiamo avuto dal 2004 ad oggi: perlomeno Austria e Messico hanno già  ospitato la F1 e hanno dimostrato di apprezzarla, mentre la Russia, in un modo o nell'altro, si sta muovendo per organizzare varie gare di altre categorie, al contrario di Bahrain, Cina, Turchia, Abu Dhabi, Singapore, Corea e India (non so se dimentico qualcosa) che, con cultura motoristica pari a 0, sono entrati di punto in bianco nel calendario del mondiale.

 

Poi sui motivi che portano dentro Russia, Austria e Messico non trovo chissà  che scandalo: se ci sono piloti/squadre di una determinata nazione che portano interesse nel pubblico locale trovo abbastanza naturale andare a correre lì; come ho detto, è stato molto peggio andare a correre nei paesi che ho elencato prima

Link to comment
Share on other sites

la mia era una considerazione mica una critica.

 

messico: l'ultima volta che l'ho visto c'era Bourdais negli usa e l'ultima curva era stata modificata pesantemente.

 

La Russia: mi ricordo le critiche di un dirigente di una scuderia che c'era andato a correre riguardo la scarsa organizzazione

Link to comment
Share on other sites

Engine rules set to restrict Formula 1's 2014 calendar to 20 races

Formula 1's 2014 calendar may not be able to expand beyond 20 races because of the consequences that will have on the new engine regulations.

As AUTOSPORT revealed last week, F1 supremo Bernie Ecclestone has submitted a draft calendar that features 21 races, while New Jersey is still adamant it can fulfil its contract to make it on there too.

If that happens, it would leave teams facing 22 grands prix, with Ecclestone telling media in Italy that such a scenario could not be ruled out.

But although in previous years expanding the calendar has simply meant improved financial terms for the teams to compensate the increased cost of more events, sources have revealed that things are much more complicated for next season.

That is because the 2014 engine rules limit each driver to just five of the new V6 turbo power units per season, which was going to be a challenge even without new events being added.

Sources have revealed that at least one manufacturer has opened discussions with the FIA to express reservations about being able to do more than 20 races with just five engines.

REGULATION CHANGE POSSIBLE

With the FIA set to announce a provisional schedule at its next World Motor Sport Council meeting in Croatia at the end of this month, the governing body is aware that agreeing to a longer calendar could lead to unintended consequences of having to change sporting regulations to accommodate the need for more engines.

In theory, with entries for the 2014 championship not officially opening until October 21, the FIA could still tweak the regulations later this month to allow the teams an extra engine to compensate.

That is because under article 199c of the International Sporting Code, the sporting rules only need to be in place 20 days before entries open. After that, unanimous support from teams will be required for modifications.

But with such a tight window for action, at a time of uncertainty over the fate of some races, there may be a reluctance to change what has already been agreed up until now.

In reality, time is running out for New Jersey to get everything in place, while there remains lingering doubts about Korea accepting an early-season date as is currently planned - because it does not want another race so soon after this October's GP.

Should neither of those events make it, then F1 will likely be down to 20 races and there will be no need for a complicated change to the engine rules.

Jonathan Noble - Tuesday, September 10th 2013, 15:16 GMT

Autosport - http://www.autosport.com/news/report.php/id/109802

Link to comment
Share on other sites

mah.. secondo me questo gran premio è il più inutile che si possa mai fare.. quanto quello della Corea.

ma a proposito della Corea.. Appena fu costruito il posto non doveva diventare una Montecarlo d'oriente?! Ricordi che si paralva di negozi, hotel, ristoranti, un porticciolo vicino all'ultima curva.. metà  circuito doveva essere "cittadino" infatti... in questo scenario forse sarebbe stato carino come sede di un gran premio, ma hanno fatto le cose al contrario prima la pista e poi la città ! :asd: che poi vedendo la location Yeongam è un porto commerciale da dove volevano cacciarsela una cosa simile a Montecarlo questi?! -.-

Link to comment
Share on other sites

Il New Jersey sarebbe di nuovo in lizza per il GP d'America nel 2014. A Singapore è circolata una bozza del calendario 2014 con 22 appuntamenti, tra i quali quello del New Jersey appunto. Tuttavia quando a Bernie è stato chiesto quanti dei 22 GP davvero si vedranno l'anno prossimo ha risposto: "Diciamo 20 o 21".

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




  • Upcoming Events

  • Similar Content

    • By R18
      Domani inizia la Dakar 2013, trentaquattresima edizione del raid più famoso al Mondo. La gara partirà  dove è terminata l'anno passato, cioè da Lima, capitale del Perù, e si snoderà  per 8000 chilometri attraversando anche Cile ed Argentina con il passaggio per le Ande e il deserto di Atacama. Si termina il 19 gennaio, a Santiago del Cile.
       
      Rimangono quattro le categorie: auto, moto, quad e truck.
       
      Tra le auto il 10 volte vincitore del raid, Stéphane Peterhansel, cercherà  di difendere il suo titolo sulla Mini del team X-Raid, gli avversari principali saranno i Buggy del Qatar World Team di Nasser Al-Attiyah (vincitore nel 2011) e Carlos Sainz (primo nel 2010), ma attenzione anche a Giniel de Villiers, su una Toyota privata, trionfatore nella prima edizione sudamericana nel 2009 e a Nani Roma, che in Africa vinse (in moto) nel 2004. Presenti anche il rallysta polacco HoÅ‚owczyc, l'esperto francese Chicherit e l'Hummer di Robby Gordon.
       
      La corsa motociclistica parte con un protagonista in meno: il vincitore di tre Dakar (2006, 2009, 2011) Marc Coma si è fratturato una clavicola in Marocco e non sarà  presente. Dunque favorito assoluto è il quattro volte vincitore (2005, 2007, 2009, 2012) Cyril Despres, su KTM. Outsider le Husqvarna ufficiali degli spagnoli Barreda e Viladoms, la Honda del portoghese Helder Rodrigues (ex del Mondiale Enduro), terzo l'anno scorso, le KTM del cileno Là³pez e del norvegese Ullevalseter. Attenzione anche al portoghese Faria e al francese Casteu.
       
      Sui quad il detentore delle ultime due edizioni è l'argentino Alejandro Patronelli, ma quest'anno sarà  assente cedendo quindi il ruolo di favorito al fratello Marcos, vincitore nel 2010, che gareggerà  su Yamaha. I suoi avversari saranno il connazionale Maffei e i polacchi Laskawiec e Sonik, sempre su Yamaha.
       
      Sui truck l'assenza dei russi Chagin e Kabirov spiana un pochino la strada al campione in carica, Gerard de Rooy, su Iveco. Il colosso russo Kamaz si affida a Nikolaev, Karginov e ai Mardeev (Ilgizar e Ayrat, padre e figlio). Della partita saranno anche l'olandese Hans Stacey (vincitore dell'ultima edizione africana), Aleš Loprais e Marcel van Vliet, rispettivamente su Iveco, Tatra e Man.
       

       

    • By Ayrton4ever
      Apro questo spazio se volete divertirvi a dare i voti ai protagonisti del mondiale 2013.
       
      Io, anche per evitare di urtare i sensibili, evito di uscire dal politicamente corretto dell'apprezzamento universale per tutti e dò un solo voto:
       
      FIA 10: per aver conseguito tutti gli obbiettivi prefissi a inizio anno.
      Mercedes, (che avrebbe rubato 10 milioni di dollari alla Ferrari) che deve assolutamente portar risultati e soldi a casa, ASSOLTA PER TEST FRAUDOLENTI = Obbiettivo centrato
       
      Sauber, che deve passare di mano, diamogli una mano e vediamo di convincere i gonzi russi, è DIVENTATO UN TOP TEAM = Obbiettivo centrato
       
      Gare con decisioni a caso, polemiche, gomme e casini vari = Obbiettivo centrato
       
      Aver prontamente obbedito ai richiami dei team quando le gomme avevano fatto vincere quello sbagliato = Obbiettivo centrato
       
      Omologazione tecnica e di circuito = Obbiettivo centrato
       
      Soldi incassati = Obbiettivo centrato   
  • Popular Contributors

×
×
  • Create New...