Jump to content
Advertisement
GLI ULTIMI ARTICOLI
Advertisement

Correva l'anno 1979! Galleria di immagini e commenti


JoeBlack
 Share

Recommended Posts

  • 3 weeks later...
  • 2 weeks later...
  • 3 weeks later...
  • 1 month later...
  • 1 month later...
  • 2 months later...
  • 1 month later...
  • 1 month later...
  • 3 weeks later...
  • 3 weeks later...
Il 6/6/2015, 11:30:37 , irron3 ha scritto:

as-79-16-08_zpsor0sfmtv.jpg

Da quando Lauda mise il sedere su una Ferrari AS prese spesso occasione per critiche anche futili...ad esempio questa foto si riferisce alle prove visto che Lauda in gara arrivò alla prima curva e venne messo fuori da Tambay, quindi visto che si qualificò più veloce di Nelson per circa 4 decimi ditemi che senso avrebbe

Ricordo che pure in occasione del GP Monaco 76 fecero lo stesso giochino, l'immagine di un Lauda compostissimo alla St. Devote e "l'impegno" differente dei colleghi (Peterson Brambilla ecc), evidentemente pole e vittoria non bastavano

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, duvel ha scritto:

Da quando Lauda mise il sedere su una Ferrari AS prese spesso occasione per critiche anche futili...ad esempio questa foto si riferisce alle prove visto che Lauda in gara arrivò alla prima curva e venne messo fuori da Tambay, quindi visto che si qualificò più veloce di Nelson per circa 4 decimi ditemi che senso avrebbe

Ricordo che pure in occasione del GP Monaco 76 fecero lo stesso giochino, l'immagine di un Lauda compostissimo alla St. Devote e "l'impegno" differente dei colleghi (Peterson Brambilla ecc), evidentemente pole e vittoria non bastavano

forse Lauda aveva una guida più redditizia? 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

14 ore fa, duvel ha scritto:

Da quando Lauda mise il sedere su una Ferrari AS prese spesso occasione per critiche anche futili...ad esempio questa foto si riferisce alle prove visto che Lauda in gara arrivò alla prima curva e venne messo fuori da Tambay, quindi visto che si qualificò più veloce di Nelson per circa 4 decimi ditemi che senso avrebbe

Ricordo che pure in occasione del GP Monaco 76 fecero lo stesso giochino, l'immagine di un Lauda compostissimo alla St. Devote e "l'impegno" differente dei colleghi (Peterson Brambilla ecc), evidentemente pole e vittoria non bastavano

Autosprint, come il "fratello" Motosprint,  aveva, e ha tuttora, una visione monocromatica del mondo del motorsport : il settimanale dedicato alle auto si limita a vedere solo una grande macchia rossa,quello dedicato alle moto,una gialla...

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, desmonic ha scritto:

Autosprint, come il "fratello" Motosprint,  aveva, e ha tuttora, una visione monocromatica del mondo del motorsport : il settimanale dedicato alle auto si limita a vedere solo una grande macchia rossa,quello dedicato alle moto,una gialla...

Che una rivista nazionale dedichi particolare attenzione alla Rossa ci può stare, poi certo dipende di "modi"....

Ma ai tempi di Marcello Sabbatini esisteva uno spirito di critica differente rispetto a tempi più recenti, anche se impregnato di un certo nazionalismo: il fatto di vedere un Lauda al volante di un pilota italiano era visto con ostracismo, e si vedeva Niki come usurpatore di quel volante che prima era di Merzario (ma non era Arturo ad essersene andato...?).

Tra gli AS che conservo c'è ancora quello del primo test ufficiale di Niki sulla B3, dove si rimarca che Lauda ha girato "...senza suscitare particolare impressione", forse non testuale nelle parole ma il senso è quello. Un bell'inizio....

Poi certo, se parliamo di Lauda potrei essere di parte;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


  • Upcoming Events

  • Similar Content

    • By Ayrton4ever
      Cara Formula 1, 
      sono pronto a lasciarti andare (semicit.). Ci siamo accompagnati vicendevolmente per oltre trent’anni ma ora è tempo di salutarsi: quella persona che ho conosciuto ai tempi non c’è più e la brutta copia che si presenta al suo posto è una delusione per chi si ricorda dell’esaltante vivacità coinvolgente che un tempo sapevi esprimere. 
      Ci siamo incontrati, credo, al quattrocentoventinovesimo evento dell'era moderna e ci salutiamo definitivamente al tuo millecinquantasettesimo appuntamento.
      Inutile dire quanta strada abbiamo percorso insieme, quante emozioni e quanto siamo cresciuti e cambiati insieme. Non per vantarmi ma credo di essere invecchiato meglio io di quanto non hai fatto tu: attraverso di te ho gioito, pianto, esultato e vissuto ma sono rimasto abbastanza coerente. 
      Tu, cara Formula 1, ti sei stravolta per inseguire non si sa bene cosa e chi. O meglio, sappiamo bene che sei sempre stata sensibile al fascino dei soldi ma non avrei mai pensato che l’unica coerenza che avresti dimostrato negli ultimi quindici anni sarebbe stata la ricerca ossessiva ed esclusiva dell’introito.
      Grazie di tutto ma per me siamo a posto così e la sceneggiata patetica di domenica è solo il convinto punto esclamativo alla fine di una decisione. 
      Una volta i luoghi dove andavi evocavano imprese memorabili e sfide, ora sono posti da pacchiani arricchiti in luna park per adulti dove chi va non va per vivere te ma per sostenere un cellulare con le mani per fare una ripresa che tutti e nessuno mai vedranno, una sensazione voyeuristica diffusa. Tribune un tempo gremite hanno lasciato il posto a colossi desolatamente vuoti.
      Ho tentato di capire e ti ho perdonato il blocco dei test, la standardizzazione dei circuiti, l’omologazione dei motori, delle ali, di qualsiasi componente, l’obbligo dei pit stop, il DRS, i fuochi d’artificio, le safety car a comando, la gara sprint, cuuno-cudue-cutre, le eliminazioni istantanee, l’abolizione del warm up, l’assetto unico e qualche altra vaccata ma i cambi di regolamento a un giro dalla fine no, le contrattazioni sulle penalità e gli ordini presi dai team principal nemmeno. 
      Tocca ammetterlo: il furto del 1989 lo ricordo ancora come oggi però fu fatto con maggior classe e con una parvenza di serietà maggiore; era basato sul nulla ma fatto meglio, ieri sul fondo dell’Oceano hai deciso di scavare. De gustibus…
      Ci vedremo in giro su qualche canale per qualche secondo ma ti lascio nelle mani dei quindicenni di turno e dei commentatori interessati spacciatori di falsità, stupito che i vecchi appassionati, soprattutto quelli innamorati dei tempi che furono, ti seguano ancora.   
      Giacomo
  • Popular Contributors

×
×
  • Create New...