Jump to content

Radio Paddock Maggio 2015


Andrea Gardenal
 Share

Recommended Posts

Se uno non capisce, allora è ovvio che l'altro deve ripetersi scrivendo sempre gli stessi post, se non altro per cortesia.

 

Io ho detto e ripetuto che dal 2014, con la riduzione del carico aerodinamico, in F1 si sono visti anche diversi sorpassi che NON erano dovuti esclusivamente al Drs o alle gomme finte, quindi quella decisione era giusta.

 

Paragonare gli ovali ai tilkodromi sarebbe come chiedersi perchè mai a calcio non si tocca il pallone con le mani mentre a basket sì, nonostante si giochi sempre con la palla.

 

ovviamente non  mi riferivo agli ovali. Mi risulta che i sorpassi in indycar ci siano anche sugli stradali. Mi risultano anche sorpassi in formula 1 prima dell'introduzione del DRS e dopo l'invenzione degli alettoni. Evidentemente io non capisco, ma tu non rispondi sui fatti che ti sottopongo, senza nessuna spocchia.

 

Tutto si spiega. Non serve altro.

 

Abbiamo inoltre capito che prima di Newey ( o prima di Chapman o chissà  quando, ce lo dirà  nemo981) la F1 non era vera F1 perchè secondo Nemo981 evidentemente non si "andava forte". :asd:

 

Per quanto può interessare la mio opinione syull'argomento (e l'argomento in sè): certo che andavano forte! Certamente niente gli stava tanto vicino quanto adesso una Gp2 ad una F1. Quindi si, imho, quella era F1, senza dubbio.

Link to comment
Share on other sites

Però non vale, io il confronto con la indycar (o Gp2 o Superformula giapponese, o quello che si vuole) a Sundance o chi per lui lo propongo da 2 anni almeno! :asd: Non venitemi per favore a ribattere degli aerokit introdotti da poche gare o dei voli di questi giorni a Indyanapolis (mi porto avanti col lavoro :asd:), per favore! Fermiamoci alle indycar dell'anno scorso: il mio discorso non cambia. Probabilmente ora hanno esagerato anche lì, ma il succo del mio discorso è che è possibile nel 2015 avere delle vetture con un carico sufficiente non eccessivamente penalizzante.

 

Aggiungo che QUESTE F1 non si sorpassavano tra loro sul monmelò nemmeno domenica scorsa. E, a scanso di equivoci, chiarisco anche che per me non è importante avere millemila sorpassi a gara. Ogni campionato ha le sue specificità : nei rally si salta sugli sterrati, in nascar ci si sorpassa sugli ovali, in F1 per me si va forte. Punto. Se poi i circuiti sono giusti e si limita casomai l'elettronica magari si vedono anche (relativamente) pochi sorpassi ma buoni. Questa è la mia personalissima preferenza da spettatore.

 

primo: dimentichi che in indycar ci sono i push to puss (aumento della potenza del motore per n secondi)

secondo: alcune cose che sono state fatte in indycar non sarebbero possibili in F1 visto che esiste una concorrenza tra costruttori di telai (leggi il testo citato qui sotto)

 

la IR12 crea una scia differente per via del fatto che ha dietro i wheel guards, caso unico nel motorsport, ma sono stati anche fatti studi CFD con le macchine in scia per rendere i sorpassi più sicuri. poi, il fatto che la macchina abbia più carico rispetto alla generazione precedente è un dato ovvio, vista la progettazione più recente.

il dato del motore non era noto, per via della concorrenza dei tre costruttori. ma mancava velocità  ance se poi la pole fu a 227.5, maggiore dei 225 di capitolato.

poi senza cambiare nulla nella macchina, hanno migliorato negli anni a venire. quindi direi che il motore aveva sicuramente margine!

Edited by salva202
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

A me dei sorpassi non me ne frega nulla non ci sono sorpassi nemmeno nel wtcc e nemmeno nella Porsche super cup dove vanno piano e non hanno carico aerodinamico a disturbare , pochi sorpassi ma veri e la F1 deve essere la categoria più veloce e selettiva del mondo come era fino a pochi anni fa. Il pilota più forte deve essere il più temerario il più veloce il più tecnico , mente adesso mi trovo gente come Ricciardo , Rosberg e Perez che vanno forte solo perché sfruttano e conservano queste gomme ridicole, quando non hanno minimamente il talento dei più forti .

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk e scritto dalle mie dita.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

A me dei sorpassi non me ne frega nulla non ci sono sorpassi nemmeno nel wtcc e nemmeno nella Porsche super cup dove vanno piano e non hanno carico aerodinamico a disturbare , pochi sorpassi ma veri e la F1 deve essere la categoria più veloce e selettiva del mondo come era fino a pochi anni fa. Il pilota più forte deve essere il più temerario il più veloce il più tecnico , mente adesso mi trovo gente come Ricciardo , Rosberg e Perez che vanno forte solo perché sfruttano e conservano queste gomme ridicole, quando non hanno minimamente il talento dei più forti .

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk e scritto dalle mie dita.

 

Dimmi che stai trollando..

Edited by Dark One
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Dai, Ricciardo paragonato a Pérez... :asd:

Era in generale per porre il problema Perez alle fine con queste gomme sta davanti a Hulkneberg , comunque chi ha lavorato con Ricciardo non ne parla di un fenomeno . Chiaro che sono piloti che beneficiano di questa situazione .

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk e scritto dalle mie dita.

Link to comment
Share on other sites

Fare i pit-stop perchè costretti a cambiare le gomme perchè finiscono è la cosa più insensata che esiste (dopo il parco chiuso) quindi dare la possibilità¡ di fare anche il rifornimento darà  senso ai pit-stop. Daerei la possibilità  di scegliere le gomme in modo da poter avere gomme consone alla lunghezza dello stint che si vuole fare con la benzina imbarcata. Per dire se a Montecarlo uno vuole farsi tutta la gara senza fermarsi montando le medie perchè impediglierlà³. Lascerei solo tre tipi di gomme trasformando le super soft in gomme da qualifica.

Link to comment
Share on other sites

primo: dimentichi che in indycar ci sono i push to puss (aumento della potenza del motore per n secondi)

secondo: alcune cose che sono state fatte in indycar non sarebbero possibili in F1 visto che esiste una concorrenza tra costruttori di telai (leggi il testo citato qui sotto)

 

 

 

Sono d'accordo, è chiaro che in un monomarca si possono progettare delle vetture secondo alcuni standard, mentre in regime di competizione ognuno entro i regolamenti fa quello che può per avere vantaggio e non pensa certo a favorire i sorpassi. Aggiungo che i pochi sorpassi in F1 sono dovuti al fatto costitutivo che i valori in campo sono diversi, che alcuni vanno più forte sulla prestazione pura, altri vanno più piano. In questo contesto se non intervengono determinate variabili (gomme, incidenti, affidabilità ), ovvio che più o meno ci saranno sempre meno sorpassi rispetto ad altre categorie perchè chi è più veloce sta davanti. Tra l'altro, credete che con questi valori in campo avere delle vetture ancora più penalizzate sull'aerodinamica cambierebbe qualcosa? Quando un motoristo è così in vantaggio sugli altri, l'affidabilità  è una variabile poco varia (mclaren a parte), l'elettronica gestisce la (relativamente poca) potenza e sbagliare una curva o una cambiata è quasi impossibile? Secondo me possiamo anche farle andare a 100 allìora all'eu-rouge, non cambia un cavolo.

 

Comunque, io non sono un fautore dell'aerodinamica ultraesasperata e libera: si potrebbe ideare dei pacchetti molto più performanti di quanto consentono oggi le regole e standardizzarli, ed aumentare la liberatà  progettuale in altri settori (uno per tutti, il motore!). Ripeto questa questione aerodinamica si-no mi sembra anche sterile, c'è carico e carico, modo e modo di ottenerlo, il punto è che queste macchine sono una ciofeca e qualcosa andrebbe fatto imho.

 

Ieri al termine della diretta ho dato un'occhiata ad un paio di dati e, in effetti, temo di avere ragione sulla carenza di grip da parte delle due mescole più dure della gamma. A Sepang tra le vetture 2005 e quelle 2015 ci sono circa 6 secondi di differenza (1:32.582 Alonso nelle prequalifiche del sabato, 1:39.269 per Hamilton quest'anno al termine della Q1, ma con un possibile margine di miglioramento se non fosse venuto a piovere), mentre a Barcellona si sono persi quasi 5 secondi rispetto al 2009 (1:19.954 per Barrichello al termine della Q2 contro l'1:24.681 di Rosberg nella Q3 quest'anno).

 

Per contro in una pista come l'Hungaroring, che pure è molto probante dal punto di vista dell'aerodinamica, ma dove si sono usate le gomme soft per la qualifica, il crollo in qualifica tra 2005 e 2014 è stato di appena 3 secondi, (1:19.882 per Schumacher, con un quantitativo relativamente modesto di benzina visto che si era fermato dopo pochi giri, contro l'1:22.715 di Rosberg l'anno scorso); analogo discorso per Spa, altra pista impegnativa sotto questo punto di vista, dove il confronto tra vetture 2007 e vetture 2014 non è malvagio (1:49.189 per Rosberg nelle FP2 l'anno scorso, con la possibilità  concreta di tirar giù un altro secondo in qualifica se non fosse venuto a piovere, contro l'1:45.070 di Raikkonen nel 2007 a serbatoi scarichi in Q2).

 

Insomma, sbaglierò io, ma secondo me oggi le F1 sono così lente in determinate piste soprattutto a causa di gomme che non sono assolutamente performanti, e non mi riferisco solo alla loro durata in gara, ma anche alla prestazione sul giro secco. àˆ per questo che sono convinto che prima di tornare ad aumentare il grip aerodinamico sarebbe bene pensare ad un modo per aumentare l'aderenza offerta dalle gomme per riportarla sui livelli del 2004/05. Non dico che facendo così i tempi tornerebbero automaticamente sui livelli del 2005, però saremmo molto più vicini a quei limiti senza esasperare l'aerodinamica

 

Sono in generale d'accordo che i cambi negli ultimi 15 anni sono schizofrenici, non si da il tempo ad un regolamento tecnico di stabilizzarsi e ai progettisti di evolverne i concetti che subito si cambia. Quindi, forse si, aspettare almeno un po' si può. Detto questo, mi pare che nelle modifiche proposte si vada anche nella riduzione di favorire l'aderenza meccanica e delle gomme (più larghe). Se poi sono bravi anche sull'aerodinamica, concedendo poco di più come chili di downforce e semplificando il modo di ottenerli, ma senza complicare troppo le cose, a me non disturba. Secondo me il carico delle auto 2013 (o anche un pelo meno), con più potenza, gomme più larghe e SOPRATTUTTO MENO ELETTRONICA, sarebbe già  una formula più che buona.

Edited by nemo981
Link to comment
Share on other sites

quando penso a una gomma ideale per la F1 mi viene in mente monza 2010 (ma anche tante altre gare del 2010 come bahrain) dove alonso si fece 36 giri su 53 (cioè quasi il 70% per cento della distanza di gara) negli scarichi di button con le gomme MORBIDE senza avere nessun degrado.

per me il problema numero uno di questa F1 sono le gomme pirelli. dopo lo scempio del 2013 è passato un po' in sordina e molti ora sottovalutano questo aspetto. è inconcepibile che un pilota deve stare distanziato di almeno due secondi da chi lo precede altrimenti distrugge le gomme anteriori (cina rosberg, spagna hamilton) è l'antitesi della competizione.

l'elettronica è un altro falso-problema: le LMP1 penso abbiano addirittura più elettronica di un F1 ma lì il pilota può fare una notevole differenza (vedi lotterer) il problema della F1 è la potenza ridicola del motore termico rispetto al passato. inoltre la competizione motoristica è diventata competizione tra produttori di benzine.

per quanto riguarda l'aerodinamica sono d'accordo con un articolo uscito su racer.com: imporre un carico massimo in kg per spostare l'attenzione sull'aumento dell'efficienza aerodinamica, grip meccanico e motore.

Edited by salva202
Link to comment
Share on other sites

quando penso a una gomma ideale per la F1 mi viene in mente monza 2010 (ma anche tante altre gare del 2010 come bahrain) dove alonso si fece 36 giri su 53 (cioè quasi il 70% per cento della distanza di gara) negli scarichi di button con le gomme MORBIDE senza avere nessun degrado.

per me il problema numero uno di questa F1 sono le gomme pirelli. dopo lo scempio del 2013 è passato un po' in sordina e molti ora sottovalutano questo aspetto. è inconcepibile che un pilota deve stare distanziato di almeno due secondi da chi lo precede altrimenti distrugge le gomme anteriori (cina rosberg, spagna hamilton) è l'antitesi della competizione.

l'elettronica è un altro falso-problema: le LMP1 penso abbiano addirittura più elettronica di un F1 ma lì il pilota può fare una notevole differenza (vedi lotterer) il problema della F1 è la potenza ridicola del motore termico rispetto al passato. inoltre la competizione motoristica è diventata competizione tra produttori di benzine.

per quanto riguarda l'aerodinamica sono d'accordo con un articolo uscito su racer.com: imporre un carico massimo in kg per spostare l'attenzione sull'aumento dell'efficienza aerodinamica, grip meccanico e motore.

 

Interessante, potresti dirci qualcosa in più a riguardo?

Link to comment
Share on other sites

Interessante, potresti dirci qualcosa in più a riguardo?

beh a spa c'è stato un momento della gara in cui lotterer con l'audi recuperava anche tre secondi al giro sulla porsche. per quanto riguarda l'elettronica tutte le lmp1 hanno la trazione integrale e vedendo il volante vedo più o meno lo stesso numero di pulsanti e manettini della F1:

volante f1:

B_q-YqqW8AE8QX_.jpg

voltante lmp1 (dietro non si vede ma ha sei levette, tre per lato):

154.jpg

Edited by salva202
Link to comment
Share on other sites

Per me è sacrosanto far macchine più leggere. Non è possibile che queste pesino un quintale in più di quelle di 10 anni fa

Quel che mi chiedo è come riusciranno a farlo, visto che già  adesso fan fatica a mantenere le vetture al di sotto del peso minimo

10 anni fa usavano pure quasi 100 kg di zavorra e i piloti erano atleti in peso forma non anoressici come richiesto oggi

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk e scritto dalle mie dita.

Link to comment
Share on other sites

beh a spa c'è stato un momento della gara in cui lotterer con l'audi recuperava anche tre secondi al giro sulla porsche. per quanto riguarda l'elettronica tutte le lmp1 hanno la trazione integrale e vedendo il volante vedo più o meno lo stesso numero di pulsanti e manettini della F1:

volante f1:

B_q-YqqW8AE8QX_.jpg

voltante lmp1 (dietro non si vede ma ha sei levette, tre per lato):

154.jpg

 

Intendevo: "come" fa il pilota a fare la differenza con ancora più elettronica, secondo te?

Link to comment
Share on other sites

Intendevo: "come" fa il pilota a fare la differenza con ancora più elettronica, secondo te?

la differenza principale sta nella qualità  delle gomme michelin e nella potenza del motore (porsche e toyota dichiarano una potenza di 1000 cv dall'insieme di motore termico ed elettrico) quindi credo sia l'insieme delle due cose.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Per me è sacrosanto far macchine più leggere. Non è possibile che queste pesino un quintale in più di quelle di 10 anni fa

Quel che mi chiedo è come riusciranno a farlo, visto che già  adesso fan fatica a mantenere le vetture al di sotto del peso minimo

10 anni fa usavano pure quasi 100 kg di zavorra e i piloti erano atleti in peso forma non anoressici come richiesto oggi

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk e scritto dalle mie dita.

Link to comment
Share on other sites

10 anni fa usavano pure quasi 100 kg di zavorra e i piloti erano atleti in peso forma non anoressici come richiesto oggi

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk e scritto dalle mie dita.

 

Poi hanno introdotto il KERS, e si cominciava a parlare di piloti a dieta che diventavano anoressici...

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

10 anni fa usavano pure quasi 100 kg di zavorra e i piloti erano atleti in peso forma non anoressici come richiesto oggi

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk e scritto dalle mie dita.

Anche se non c'entra molto ma anche Coulthatd durante la sua carriera di pilota soffrì di disturbi alimentari (a quanto pare anche a causa della sua eccessiva statura per mantenere il peso il più basso possibile e quindi essere meno penalizzato rispetto ad altri piloti più leggeri)

http://news.bbc.co.uk/sport2/hi/motorsport/formula_one/6954569.stm

Questo per dire che già  è una prassi che i piloti professionisti di alto livello debbano mantenere un fisico piuttosto asciutto e peso contenuto, figuriamoci ora con gli attuali regolamenti.

Edited by Bertoku
  • Like 4
Link to comment
Share on other sites

10. PEREZ (FORCE INDIA) 2,2 mln €

9. HULKENBERG (FORCE INDIA) 3 mln €

8. RICCIARDO (RED BULL) 3 mln €

7. MASSA (WILLIAMS) 4 mln €

6. BUTTON (MCLAREN) 8 mln €

5. ROSBERG (MERCEDES) 15 mln €

4. RAIKKONEN (FERRARI) 16 mln €

3. HAMILTON (MERCEDES) 25 mln €

2. VETTEL (FERRARI) 30 mln €

1. ALONSO (MCLAREN) 33 mln €

 

i piloti più pagati in F1 nel 2015

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...