Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

  • Replies 6.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Non vorrei dire una pirlata ma mi sembra il 72.

Juan Manuel Fangio &  Stirling Moss Gran Premio d'Italia, Monza 1955

Posted Images

 

Fu una stagione pessima per entrambi , fecero tantissime uscite di pista ma Coulthard ebbe 2 ritiri per guasti in più per questo fece meno punti.... cmq aveva in parte la scusa della poca esperienza. In qualifica andavano quasi uguali.

Voglio entrare anch'io in polemica :D

Allora, Mansell era un campione ma ormai troppo vecchio e sazio per quella Formula 1 molto faticosa sotto il profilo del dispendio di energie. Se sul giro secco Mansell poteva dire ancora la sua, lo stesso non può dirsi sulla tenuta di gara.

Quanto agli altri piloti nominati, ovvero Damon Hill, Coulthard e Jacques Villeneuve: nessuno di loro era un campione! Forse il più bravo dei tre era Damon Hill anche se era un disastro nella gestione della gara e andava letteralmente in crisi epilettica quando sentiva la presenza di Schumacher.

Jacques Villeneuve era un pilota lento ma capace di gestire bene una gara, soprattutto se aveva tra le mani l'onnipotente Williams FW19. Dal padre aveva preso una certa spettacolarità, tra cui la facilità con cui si gettava nel sorpasso, senza pensarci due volte, e la freddezza di tenere giù il piede in ingresso curva (e questo lo rendeva molto gradevole da guardare in pista dal vivo).

E poi sicuramente Frank Williams fece la scelta giusta a puntare su di lui nel 1997, visto che il mondiale a casa l'ha portato.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Il suo difetto era la mancanza di tecnica di guida che lo portava ad essere praticamente fermo nelle curve lente. Tant'è che a Montecarlo faceva pena mentre sui circuiti veloci dava il meglio, anche perchè aveva un pelo sullo stomaco invidiabile.

Confermo.

Alla Goodyear nel 1997 Damon Hill sembrava Jim Clark a confronto di JV

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Il suo difetto era la mancanza di tecnica di guida che lo portava ad essere praticamente fermo nelle curve lente. Tant'è che a Montecarlo faceva pena mentre sui circuiti veloci dava il meglio, anche perchè aveva un pelo sullo stomaco invidiabile.

Interessante chiave di lettura

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Il suo difetto era la mancanza di tecnica di guida che lo portava ad essere praticamente fermo nelle curve lente. Tant'è che a Montecarlo faceva pena mentre sui circuiti veloci dava il meglio, anche perchè aveva un pelo sullo stomaco invidiabile.

"Ha manico ma non tecnica", scriveva infatti AS sul fascicoletto dedicato a JV nell'autunno '95, al capitolo dedicato ai suoi trascorsi nella F3 italiana.

Appena torno a casa  scannerizzo le pagine in questione e le posto.

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Il suo difetto era la mancanza di tecnica di guida che lo portava ad essere praticamente fermo nelle curve lente. Tant'è che a Montecarlo faceva pena mentre sui circuiti veloci dava il meglio, anche perchè aveva un pelo sullo stomaco invidiabile.

Interessante la tua brevissima analisi tecnica.

A Jaques si possono affibbiare un sacco di aggettivi, ma lento direi proprio di no.

 

Si, Jacques Villeneuve era un pilota lento, decisamente incapace di grandi performance sul giro. Ma gestiva bene la macchina e quando vedeva l'avversario davanti lo superava subito, senza seguirlo per delle ore allo scopo di studiarlo.

Alla staccata dell'Ascari, a Monza era però uno spettacolo da vedere. Non so se siete mai andati a vedere i test che facevano a Monza tra fine agosto e inizio settembre: nel pomeriggio c'era sempre qualcuno che tagliava la rete all'ingresso dell'Ascari, ci si infilava come degli incoscienti e si guardavano macchine e piloti a pochi metri di distanza. Uno spettacolo, ho ancora i brividi a pensarci.

Edited by Catone
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Interessante la tua brevissima analisi tecnica.

Si, Jacques Villeneuve era un pilota lento, decisamente incapace di grandi performance sul giro. Ma gestiva bene la macchina e quando vedeva l'avversario davanti lo superava subito, senza seguirlo per delle ore allo scopo di studiarlo.

Se sei lento,una Indy 500 e un mondiale di F1, non li vinci.

Neanche per caso.

Che poi, nell'epoca in cui ha corso,e vinto, ci fossero piloti più performanti di lui è un altro discorso...

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Se sei lento,una Indy 500 e un mondiale di F1, non li vinci.

Neanche per caso.

Che poi, nell'epoca in cui ha corso,e vinto, ci fossero piloti più performanti di lui è un altro discorso...

Ovviamente è un "lento" relativo, riferito comunque alla rosa dei piloti di cui si parla.

Bravo ma non un campione.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Non è forse Bruce McLaren nel 1969?

Hai ragione Elvis assolutamente si!!! mi sono fidato dell'anno senza controllare le foto relative, ho visto che Rodriguez aveva il 4 e di  conseguenza ho attribuito a lui l'immagine, Se mi fossi preso la briga di spendere 30 secondi a verificare mi sarei accorto che nel '68 nessuno aveva quelle ali al posteriore.

Mea culpa e bravo tu che mi hai sgamato (o meglio hai sgamato la mia pigrizia) e anche un po' di mia incompetenza per quanto riguarda lo sviluppo aerodinameco delle vetture.

Ciao e alla prossima

 

 

 

 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Ovviamente è un "lento" relativo, riferito comunque alla rosa dei piloti di cui si parla.

Bravo ma non un campione.

Catone,ma che ti hanno fatto i Villeneuve?:asd:

Scherzi a parte,Jacques non è stato al livello dei "mostri sacri", quelli che, a prescindere non si possono mettere in discussione ( ad esempio Schumacher e Senna ) ma secondo me un campione lo è stato.Eccome.

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.



×
×
  • Create New...