Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

  • Replies 6.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Non vorrei dire una pirlata ma mi sembra il 72.

Juan Manuel Fangio &  Stirling Moss Gran Premio d'Italia, Monza 1955

Posted Images

Il box Lotus a Monza per il GP d'Italia 1967, quello della incredibile rimonta di Jim Clark. 

E tutti quei momenti andranno persi nel tempo, come lacrime nella pioggia...

2cgo5qo.jpg

Speriamo non sia tempo di morire. ..[emoji3] [emoji6]

Inviato dal mio SM-G850F utilizzando Tapatalk

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

 

Salve a tutti

in effetti era un V12 a 180° (cilindri contrapposti) erroneamente identificato come boxer ... infatti aveva le bielle infulcrate sullo stesso perno, non come un vero boxer, il Porsche per esempio,  che aveva un perno per ogni biella, il che le faceva muovere in direzioni opposte e non monodirezionali come sul Ferrari ...

alla prossima

Franz

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Visti i risultati,Furia aveva svolto il compito in maniera ...più che sufficiente!

Aveva capito tutto con la ristrutturazione della B3 della Thompson.

La monoscocca della macchina che si giocò il mondiale 1974 era la stessa che faceva schifo l'anno prima, Forghieri non la toccò nemmeno. Lui lavorò sulla distribuzione dei pesi, spostando i radiatori e tutti gli accessori in modo da avere il miglior bilanciamento possibile. Con la T perfezionò il tutto.

Una cosa simile successe a Gordon Murray pochi anni dopo. La BT48, anche per la presenza del V12 Alfa, aveva un baricentro difficile da gestire anche per due manici come Lauda e Piquet. Col DFV, che necessitava di meno superfici radianti e meno benzina, la BT49 diventò una macchina da mondiale perchè la distribuzione dei pesi l'aveva resa molto più efficace.

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Salve a tutti

in effetti era un V12 a 180° (cilindri contrapposti) erroneamente identificato come boxer ... infatti aveva le bielle infulcrate sullo stesso perno, non come un vero boxer, il Porsche per esempio,  che aveva un perno per ogni biella, il che le faceva muovere in direzioni opposte e non monodirezionali come sul Ferrari ...

alla prossima

Franz

Forghieri ci tiene sempre moltissimo a specificarlo

:up:

 

Link to post
Share on other sites

Qui Pintacuda e Stuck alla curva "Trampolim do diabo" (trampolino del diavolo), nome che è tutto un dire :asd:

La foto è riportata anche sul libro "Piloti che gente"

 

Oggi la curva si trova nella famosa favela della Rocinha. Nel 1999 partecipai ad un favela tour (l'incoscienza della gioventù) e l'organizzatore disse: "su queste curve si correva un tempo un gran premio". Al che io gridai ad alta voce "o trampolim do diabo", riconoscendo la curva dalla foto del libro di Enzo Ferrari. Mi guardarono senza capire... :asd:

Sei un Grande!!

Comunque, la didascalia sul libro "Piloti, che gente.." è parzialmente errata. Qualche anno fa compilai la voce del GP Brasile per la nostra Wikipedia, e dalle ricerche è sempre emerso che era l'intero circuito della Gavea a essere soprannominato "Trampolin do Diablo".

Qui un interessantissimo articolo:

http://8w.forix.com/rio34-37.html

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Sul "Circuito da Gàvea" corse anche la ballerina Helle Nice, una delle tante gentlewoman delle corse...

Partecipò anche a un altro Gran Premio in Brasile, quello di San Paolo 1936, in cui fu coinvolta in un gravissimo incidente in cui persero la vita anche alcuni spettatori: 

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Con una modesta Bugatti...

La foto non è della sua partecipazione al "Circuito da Gavea". Tra l'altro mi correggo: "trampolim do diabo" era il soprannome dell'intero circuito e non solo di quella curva. Sono stato depistato dalla secca didascalia del libro "Piloti che gente".

Comunque la bella ballerina corse anche con le Alfa Romeo, come testimoniano le immagine del tragico incidente di San Paolo del 1936 riportate da sundance.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

 

Sei un Grande!!

Comunque, la didascalia sul libro "Piloti, che gente.." è parzialmente errata. Qualche anno fa compilai la voce del GP Brasile per la nostra Wikipedia, e dalle ricerche è sempre emerso che era l'intero circuito della Gavea a essere soprannominato "Trampolin do Diablo".

Qui un interessantissimo articolo:

http://8w.forix.com/rio34-37.html

Ecco, mi era sfuggita questa risposta, grazie!

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.



×
×
  • Create New...