Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

European F3 Championship 2015


Recommended Posts

  • Replies 211
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Più che altro sta rischiando veramente di farsi/fare male.   Bortolotti è stato cacciato dalla FDA per molto meno. Però capisco che tra una catena di gelaterie a Vienna e l'impero della moda nel Nor

Finalmente un dettaglio positivo anche per la FIA. E meno male che la volevano cancellare per fare posto alla Formula 4, forse è ancora presto

Pastor Maldonado driver accademy   

Monza - Gara 2

Rosenqvist vince, tanti incidenti


Seconda gara ancor più spettacolare e imprevedibile della prima per l'europeo Formula 3 a Monza. Dopo i tanti contatti della prima corsa, sono state ben tre le situazioni di safety-car seguite ad incidenti, e le ostilità  sono state chiuse con la bandiera rossa nel finale. Mentre davanti a tutti Felix Rosenqvist comandava andando a prendere la sua seconda vittoria dell'anno, alle sue spalle è successo di tutto. In partenza, una toccata tra Jake Dennis e Charles Leclerc ha lasciato il monegasco, protagonista di un pronti-via poco felice, parcheggiato a bordo pista mentre Tatiana Calderon finiva in testacoda per un contatto con Julio Moreno.

 

La ripartenza dalla safety-car ha visto Rosenqvist comandare con autorità  su Dennis, Mikkel Jensen e Santino Ferrucci, ma la fase di corsa libera è durata poco. Una toccata tra Lance Stroll e Antonio Giovinazzi ha visto la vettura del primo decollare, facendolo fermare dopo una serie di ribaltamenti in uscita dal curvone. Entrambi sono stati costretti al ritiro, ma tanto l'italiano quanto il canadese sono usciti incolumi dalle loro vetture.

 

Un nuovo botto ha visto poi Michele Beretta capottare dopo una toccata in staccata della prima variante, mentre anche nel gruppo degli inseguitori gli attacchi si facevano frenetici. Al terzo e ultimo restart, Rosenqvist è riuscito nell'allungo decisivo, e mentre per la top-5 Brandon Maisano approfittava di un contatto tra George Russell e Gustavo Menezes, una tamponata di Matthew Rao ad Alessio Lorandi ha portato la direzione gara ad esporre la bandiera rossa.

 

Fortunatamente, il bresciano ha potuto mantenere la tredicesima posizione conquistata con furbizia e attenzione, nonostante le situazioni di lotta serrata, coronando una gran rimonta dal trentunesimo posto.

 

Stroll penalizzato, Boccolacci e Rao esclusi da gara 3

 

Sabato 30 maggio 2015, gara 2

1 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Prema - 12 giri

2 - Jake Dennis (Dallara-Mercedes) - Prema - 0”537

3 - Mikkel Jensen (Dallara-Mercedes) - Mucke - 1”039

4 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Mucke - 1”377

5 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Carlin - 2”267

6 - George Russell (Dallara-VW) - Carlin - 2”513

7 - Brandon Maisano (Dallara-Mercedes) - Prema - 2”840

8 - Markus Pommer - (Dallara-Mercedes) - Motopark - 3”477

9 - Pietro Fittipaldi (Dallara-Mercedes) - Fortec - 4”686

10 - Raoul Hyman (Dallara-Mercedes) - West-Tec - 5”662

11 - Sérgio Sette Cà¢mara (Dallara-VW) - Motopark - 6”144

12 - Sam MacLeod (Dallara-VW) - Motopark - 6”373

13 - Alessio Lorandi (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 7”103

14 - Callum Ilott (Dallara-VW) - Carlin - 7”356

15 - Matthew Rao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 7”988

16 - Artur Janosz (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 8”142

17 - Hongwei Cao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 8”682

18 - Nicolas Pohler (Dallara-Mercedes) - DoubleR - 8”942

19 - Matt Solomon (Dallara-Mercedes) - DoubleR - 10”665

20 - Arjun Maini (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 10”732

21 - Nabil Jeffri (Dallara-VW) - Motopark - 11”267

22 - Tatiana Calderà³n (Dallara-VW) - Carlin - 11”441

23 - Julio Moreno (Dallara-NBE) - T-Sport - 12”282

24 - Mahaveer Raghunathan (Dallara-VW) - Motopark - 14”519

25 - Fabian Schiller (Dallara-Mercedes) - West-Tec - 14”733

26 - Kang Ling (Dallara-Mercedes) - Mucke - 15”422

27 - Ryan Tveter (Dallara-VW) - Carlin - 19”239

28 - Dorian Boccolacci (Dallara-VW) - Signature - 1'02”026

 

Giro più veloce: Felix Rosenqvist - 1'44"726

 

Ritirati

10° giro - Maximilian Gà¼nther

10° giro - Michele Beretta

4° giro - Antonio Giovinazzi

4° giro - Lance Stroll

0 giri - Charles Leclerc

 

 

http://italiaracing.net/newsint.aspx?id=54280&cat=7

Link to post
Share on other sites

Leggo di una gara-3 interrotta per l'eccessiva aggressività  dei piloti. Punteggio nuovamente dimezzato.

 

Forse è il momento di dare una sistemata a questi scalmanati.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Leggo di una gara-3 interrotta per l'eccessiva aggressività  dei piloti. Punteggio nuovamente dimezzato.

 

Forse è il momento di dare una sistemata a questi scalmanati.

 

Che hanno fatto? Per arrivare addirittura a fermare una gara...

Link to post
Share on other sites

Già  ieri tutti i piloti erano stati richiamati all'ordine per i tanti incidenti in gara-2, ma evidentemente molti non hanno ascoltato la direzione gara. Hanno mandato fuori la Safety Car per completare almeno il 50% della distanza e considerare valida la corsa con mezzo punteggio e fine.

Link to post
Share on other sites

direzione gara vergognosa.

la FIA F3 è motorport vero, non quello plasticoso tutto buisness e artificiale della F1.

saggiamente aprono l'autodromo al pubblico con ingresso gratuito e poi sospendono la gara dopo 2 banalissimi incidenti?

dov'è il rispetto per il pubblico?

poi ci si chiede come mai ci si disaffeziona del motorsport e perchè gli autodromi sono deserti.

Link to post
Share on other sites

direzione gara vergognosa.

la FIA F3 è motorport vero, non quello plasticoso tutto buisness e artificiale della F1.

saggiamente aprono l'autodromo al pubblico con ingresso gratuito e poi sospendono la gara dopo 2 banalissimi incidenti?

dov'è il rispetto per il pubblico?

poi ci si chiede come mai ci si disaffeziona del motorsport e perchè gli autodromi sono deserti.

 

Ho recuperato tutte e 3 le gare per capire il perché di una decisione così drastica e fidati che ci stava tutta. Non sono tanto gli incidenti che possono succedere (banalissimi proprio no) ma la totale mancanza di buonsenso di questi piloti. Gente che tagliava chicane sistematicamente, allargava la parabolica sempre di proposito, provava sorpassi impossibili e cambiava direzione 112 volte per difendersi.

 

La situazione era davvero preoccupante, giusto sospendere la gara. Si stava mancando di rispetto al motorsport, non tanto ai tifosi.

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

I video delle gare su YouTube stanno mediamente sulle 2000-3000 visualizzazioni, quelli della gara-2 e 3 di Monza vanno dalle 10000 alle 14000 :asd:

 

Direi che la situazione l'ha spiegata molto bene Marco Cortesi sul magazine di Italiaracing.

 

Per il resto posso aggiungere che secondo me sarebbe necessario un tetto al numero dei piloti. 35-36 piloti dei quali il più vecchio avrà  25 anni sono troppi, ma per davvero. Poi spartiti decisamente male, a favore dei team più grandi: Prema e Fortec hanno quattro piloti, Mà¼cke e Motopark cinque, Carlin ben sei. Mettiamoci anche che molti hanno esperienza pressoché zero e vengono catapultati su una Formula 3 (che non è un giocattolo, e se il concetto di Formula 3 come categoria propedeutica è in voga da 40 anni almeno magari c'è pure un motivo) in una pista come Monza, molto selettiva "ai piani bassi" e in cui notoriamente si corre in condizioni particolari, con le ali molto scariche e quindi con monoposto più difficili da gestire. Impossibile gestirli tutti, poi con le autostrade asfaltate fuori dalla pista i tagli e i lunghi in staccata vanno che è un piacere, nell'incoscienza (che non va condannata, per carità , è sempre stato così) giovanile.

 

Di una cosa sono piuttosto sicuro: la Formula 3 a Monza non tornerà  più.

Link to post
Share on other sites

Per il resto posso aggiungere che secondo me sarebbe necessario un tetto al numero dei piloti. 35-36 piloti dei quali il più vecchio avrà  25 anni sono troppi, ma per davvero. Poi spartiti decisamente male, a favore dei team più grandi: Prema e Fortec hanno quattro piloti, Mà¼cke e Motopark cinque, Carlin ben sei. Mettiamoci anche che molti hanno esperienza pressoché zero e vengono catapultati su una Formula 3 (che non è un giocattolo, e se il concetto di Formula 3 come categoria propedeutica è in voga da 40 anni almeno magari c'è pure un motivo) in una pista come Monza, molto selettiva "ai piani bassi" e in cui notoriamente si corre in condizioni particolari, con le ali molto scariche e quindi con monoposto più difficili da gestire. Impossibile gestirli tutti, poi con le autostrade asfaltate fuori dalla pista i tagli e i lunghi in staccata vanno che è un piacere, nell'incoscienza (che non va condannata, per carità , è sempre stato così) giovanile.

 

Aggiungerei un piao di osservazioni.

 

1 - Le randellate se le davano anche 40 e passa anni fa, ma si trattava di persone adulte e consapevoli (c'era gente tipo Carlo Giorgio, Sandro Cinotti o Marcello Gallo che non ci pensavano due volte a buttarsi contro il terrapieno della Tosa). Purtroppo ho l'impressione che i ragazzi di oggi abbiano l'illusione del tasto reset e facciano troppo affidamento nelle enormi vie di fuga.

 

2 - Dal 1° maggio 1994, specificamente in Italia, per gli organizzatori c'è sempre la spada di Damocle della "denuncia facile". Questo porta a gare bagnate che si trascinano dietro alla SC per evitare che qualcuno vada a sbattere e poi se la prenda con la direzione gara per farsi ripagare i danni. Immaginate cosa poteva succedere se a Stroll fosse andata male.

 

La realtà  delle cose si scontra con i buoni propositi, in tutti i campi.

 

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Che poi lo scorso weekend si sono divertiti anche quelli della F4

 

 

Forse Monza non è il massimo per la Formula 4 effettivamente, però magari spostarla a fine campionato quando tutti hanno un po' più di esperienza non sarebbe una brutta idea. Ovviamente si risolverebbero tutti i problemi se ci fosse un po' di buonsenso da parte dei piloti ma ormai sembra chiedere troppo.

Link to post
Share on other sites

Forse Monza non è il massimo per la Formula 4 effettivamente, però magari spostarla a fine campionato quando tutti hanno un po' più di esperienza non sarebbe una brutta idea.

 

Credo che sia irrilevante.

 

L'anno scorso la gara era a fine stagione, proprio il weekend precedente alla gara di Suzuka in cui Bianchi si schiantò contro la gru.

 

Link to post
Share on other sites

Sta tutto nella testa dei piloti, l'esperienza conta ma devono anche rendersi conto che non è la Playstation.

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Forse mi hanno ascoltato...

 

Team principal a rapporto dalla FIA

Piloti e commissari FIA non adeguati


I fatti di Monza non sono ancora stati dimenticati. Il FIA F.3 europeo è nella bufera. Sotto accusa i piloti, i team manager, ma soprattutto il comportamento inadeguato dei commissari sportivi FIA. Lunedì prossimo i team principal della F.3 europea dovranno essere presenti a Ginevra in una riunione voluta dalla FIA, si suppone da Stefano Domenicali. Improvvisamente sembra che si siano accorti che tra i 35 piloti presenti nella serie, parecchi avrebbero dovuto maturare maggiore esperienza nelle categorie inferiori. Ma allora perché le squadre hanno accettato di firmare contratti con piloti non adeguati al livello della F.3 continentale?

 

In tempi sospetti era stato detto che...

Chi scrive, lo scorso febbraio, in tempi non sospetti, aveva riportato su Autosprint che... "Nell’ambiente si sottolinea come questa escalation della serie continentale subirà  presto un ridimensionamento quando molti piloti rimarranno scottati dai risultati negativi che otterranno e dal non aver fatto una maggiore esperienza nelle formule minori. E si accorgeranno, dovendolo ammettere, che forse del fenomeno Verstappen non esistono copie".

 

Carlin attacca: 20 piloti sono inadatti alla F.3, ma...

Su Autosprint, il team principal Trevor Carlin sottolinea soltanto ora, dopo Monza, questo aspetto: "Non voglio esagerare, ma penso proprio che su 35 piloti una ventina non sia ancora matura per correre nella terza serie europea. Il livello del campionato è elevatissimo e in un anno di corse non tutti riescono a raggiungere la preparazione necessaria. Il fenomeno Verstappen, un talento fuori dal comune, deve essere considerato un'eccezione. Ed è stupido fare di una eccezione la regola". Tutto vero, ma siamo sicuri che dei sette piloti che lo stesso Carlin schiera, tutti siano del livello auspicato? A Hockenheim, per esempio, la sua Tatiana Calderon ha sconsideratamente centrato Nicolas Beer mandandolo all'ospedale...

 

Commissari inermi, tutto cominciò con Verstappen

Monza a messo a nudo le pecche di molti ragazzi col casco, ma ha scoperchiato l'assoluta inadeguatezza dei commissari sportivi, incapaci di avere il pugno duro contro i piloti rei di commettere irregolarità . Italiaracing già  nel 2014 aveva più volte sottolineato come, tanto per fare un esempio, a Max Verstappen tanti comportamenti discutibili in pista venissero fatti passare come un nulla di fatto. Dice Luca Baldisserri, capo del Ferrari Driver Academy, sempre su Autosprint: "àˆ dalla seconda parte della stagione 2014 che emergono segnali un po' preoccupanti in merito alla lucidità  delle valutazioni degli stewards. Alcuni episodi tra Verstappen ed Ocon erano stati giudicati con troppa benevolenza a vantaggio dell'olandese che con le sue vicende aveva contribuito a portare ulteriormente sotto i riflettori la categoria...".

 

Perché i commissari hanno dimentiato il drive-through?

Dunque lunedì la FIA ha convocato i team principal, ma farebbe meglio a guardarsi in casa. Nella sua F.3 i drive through sembrano essere storia del passato, le penalità  vengono date a fine gara e spesso si risolvono con un puffetto sulla guancia o con cinque posizioni di penalità  sullo schieramento della corsa successiva. Poca roba perché i piloti si sentono liberi di potersi comportare a loro piacimento. Servono interventi pesanti, come quelli messi in atto dall'ADAC nella F.4 tedesca dove Mattia Drudi è stato sospeso dal prossimo appuntamento per avere fatto una manovra pericolosa che ha creato un incidente che poteva avere drammatiche conseguenze.

 

Rao fa danni, ma la punizione è minima, l'attaco di Berger

E invece, Matthew Rao che nel F.3 a Monza ha mandato a gambe all'aria Michele Beretta (distruggendogli la monoposto) e tamponato Alessio Lorandi, se l'è cavata con la sola sopensione a gara 3, Lance Stroll che aveva spinto sull'erba Antonio Giovinazzi e poi è volato via a seguito del contatto, doveva partire dai box in gara 3, ma lo abbiamo trovato incredibilmente in griglia a seguito dell'appello del team. Solo in F.3 esiste un comportamento così lassivo dei commissari sportivi: in F.Renault 2.0, in GP3, Renault 3.5, GP2, F.1, la minima infrazione commessa da un pilota viene giustamente punita senza tanti se e ma. Gerhard Berger, già  presidente della commissione FIA per le monoposto e fautore del rilancio F.3, su Autosprint ha dichiarato: "Non hanno sbagliato i piloti, ma il direttore di gara".

 

Gara 3 sospesa, ma nessun pilota penalizzato

Si è poi discusso sul motivo della sospensione della terza corsa di Monza, uno stop preventivo per punire i piloti e avvenuto per il verificarsi di due incidenti e scorrettezze varie in pista. In realtà  si è finiti per punire chi con gli incidenti e con le scorrettezze non c'entrava nulla, un modo singolare dei commissari FIA per lavarsene le mani e che ha dimostrato la loro totale incompetenza nel gestire una situazione così difficile, ma creata da loro stessi. La follia è che dopo gara 3 nessuno è stato punito. Quindi, perché la FIA ha fermato la corsa finale di Monza se poi a rapporto non è finito nessun pilota. Conclude Baldisserri: "àˆ come se l'arbitro di una partita di calcio, quando non è più in grado di tenere a bada i giocatori, fischiasse la fine della partita in anticipo".

 

http://italiaracing.net/newsint.aspx?id=54434&cat=7

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Spa - Qualifica 1

Rosenqvist stellare, Giovinazzi 3°


Un tempo stellare quello segnato da Felix Rosenqvist con la Dallara-Mercedes nella prima qualifica di Spa del FIA F.3. Lo svedese del team Prema ha piazzato il crono di 2'10"173 che ha ammutolito il paddock. Jake Dennis, compagno di Rosenqvist, era secondo in 2'10"742, poi è riuscito a ridurre la distanza concludendo con 2'10"411. Doppietta Prema quindi che ha guadagnato la prima fila con i suoi due piloti più veloci e avanti nella classifica generale. Antonio Giovinazzi, leader del campionato, ha giocato in difesa con i motori Volkswagen che sembrano accusare la velocità  dei Mercedes. L'italiano del team Carlin ha ottenuto il terzo tempo al termine del turno in 2'10"964, a otto decimi dal poleman.

 

Giovinazzi sarà  in seconda fila con Pietro Fittipaldi, ottimo quarto con la Dallara-Mercedes della Fortec. Per il brasiliano, nipote del due volte iridato F.1 Emerson, il miglior piazzamento stagionale. Bene al quinto posto Brandon Maisano del team Prema, mentre è solo sesto Charles Leclerc, secondo in classifica generale. Il rookie francese di Van Amersfoort ha rimediato un distacco di quasi un secondo da Rosenqvist. Bel guizzo di Alexander Albon, settimo con la Dallara-VW Signature e davanti a Santino Ferrucci (Mucke), Callum Ilott (Carlin), eccellente la sua prova, e Markus Pommer (Motopark) che chiude la top 10. Sedicesimo Alessio Lorandi (Van Amersfoort), venticinquesimo Michele Beretta (Mucke). Lorandi pagherà  una penalità  di 10 posizioni in griglia per la sostituzione del motore avvenuta a Monza.

 

Lo schieramento di partenza di gara 1

1. fila

Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'10"173

Jake Dennis (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'10"411

2. fila

Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 2'10"964

Pietro Fittipaldi (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'11"008

3. fila

Brandon Maisano (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'11"112

Charles Leclerc (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'11"121

4. fila

Alexander Albon (Dallara-VW) - Signature - 2'11"172

Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'11"224

5. fila

Callum Ilott (Dallara-VW) - Carlin - 2'11"240

Markus Pommer (Dallara-VW) - Motopark - 2'11"244

6. fila

George Russell (Dallara-VW) - Carlin - 2'11"297

Mikkel Jensen (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'11"348

7. fila

Raoul Hyman (Dallara-Mercedes) - West Tec - 2'11"370

Lance Stroll (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'11"397

8. fila

Sean MacLeod (Dallara-VW) - Motopark - 2'11"459

Ryan Tveter (Dallara-VW) - Carlin - 2'11"547

9. fila

Maximilian Gunther (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'11"716

Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Carlin - 2'11"742

10. fila

Sergio Camara (Dallara-VW) - Motopark - 2'11"802

Fabian Schiller (Dallara-Mercedes) - West Tec - 2'12"060

11. fila

Tatiana Calderon (Dallara-VW) - Carlin - 2'12"216

Nabil Jeffri (Dallara-VW) - Motopark - 2'12"394

12. fila

Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'12"470

Matthew Solomon (Dallara-Mercedes) - Double R - 2'12"528

13. fila

Matthew Rao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'12"588

Alessio Lorandi (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'11"465 *

14. fila

Kang Ling (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'12"750

Nicolas Pohler (Dallara-Mercedes) - Double R - 2'12"528

15. fila

Arjun Maini (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'13"051

Hongwei Cao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'13"344

16. fila

Mahaveer Raghunathan (Dallara-VW) - Motopark - 2'13"426

Dorian Boccolacci (Dallara-VW) - Signature - 2'12"103 *

17. fila

Julio Moreno (Dallara-NBE) - T Sport - 2'18"066

* Penalizzato di 10 posizioni per cambio motore

 

http://italiaracing.net/newsint.aspx?id=54549&cat=7

Link to post
Share on other sites

Spa - Qualifica 2

Prima pole per Jensen


La seconda qualifica del FIA F.3 a Spa è stata difficile da interpretare per via di due bandiere rosse (all'inizio per l'uscita di Alexander Albon, alla fine per Callum Ilott) e per la pioggia che aveva bagnato solo in poche curve il tracciato. Questione di feeling insomma, e anche di fortuna perché per segnare un buon tempo occorreva trovarsi al posto giusto al momento giusto. Mikkel Jensen ha sorpreso tutti conquistando la sua prima pole nel FIA F.3. Il danese del team Mucke (Dallara-Mercedes), campione F.Adac Masters 2014, ha concluso con il crono di 2'13"707 battendo un Brandon Maisano che ha confermato l'ottima giornata vissuta. Dopo il quinto tempo in qualifica 1, il francese della Prema partirà  dalla prima fila in gara 2.

 

Ottimo anche il terzo tempo di Lance Stroll (Prema) che dividerà  la seconda fila con il compagno di squadra Felix Rosenqvist, poleman nella Q1. Terza fila per Sean MacLeod del Motopark, primo tra i piloti con motore Volkswagen, e ancora un ottimo Pietro Fittipaldi (Fortec). Jake Dennis, settimo, si rammarica per non aver potuto percorrere un giro ulteriore per una manciata di secondi, ed ha così concluso settimo, ma è suo il miglior secondo crono e così potrà  partire dalla pole in gara 3. Nella top ten nuovamente Santino Ferrucci di Mucke, ottavo davanti a un risorto Dorian Boccolacci, bello il suo nono posto, e Sergio Camara, altra piacevole sorpresa.

 

Per quanto riguarda il discorso campionato, Rosenqvist è in posizione assolutamente favorevole in quanto il leader Antonio Giovinazzi ha terminato il turno dodicesimo e Charles Leclerc è tredicesimo. Giovinazzi sarà  soltanto in nona fila sullo schieramento di partenza di gara 3. Alessio Lorandi ha chiuso ventitreesimo, stessa posizione per la terza corsa, mentre Michele Beretta è trentesimo e ventiseiesimo.

 

Lo schieramento di partenza di gara 2

1. fila

Mikkel Jensen (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'13"707

Brandon Maisano (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'13"786

2. fila

Lance Stroll (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'14"072

Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'14"175

3. fila

Sam MacLeod (Dallara-VW) - Motopark - 2'14"379

Pietro Fittipaldi (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'14"482

4. fila

Jake Dennis (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'14"579

Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'14"584

5. fila

Dorian Boccolacci (Dallara-VW) - Signature - 2'14"666

Sergio Camara (Dallara-VW) - Motopark - 2'14"756

6. fila

Markus Pommer (Dallara-VW) - Motopark - 2'14"881

Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 2'15"061

7. fila

Charles Leclerc (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'15"371

Callum Ilott (Dallara-VW) - Carlin - 2'15"495

8. fila

Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Carlin - 2'15"660

Matthew Rao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'15"954

9. fila

Ryan Tveter (Dallara-VW) - Carlin - 2'16"058

Maximilian Gunther (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'16"082

10. fila

Nicolas Pohler (Dallara-Mercedes) - West Tec - 2'16"167

Arjun Maini (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'16"408

11. fila

Hongwei Cao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'16"616

George Russell (Dallara-VW) - Carlin - 2'16"770

12. fila

Alessio Lorandi (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'17"045

Julio Moreno (Dallara-NBE) - T Sport - 2'17"245

13. fila

Matthew Solomon (Dallara-Mercedes) - Double R - 2'17"427

Raoul Hyman (Dallara-Mercedes) - West Tec - 2'18"005

14. fila

Fabian Schiller (Dallara-Mercedes) - West Tec - 2'19"209

Mahaveer Raghunathan (Dallara-VW) - Motopark - 2'19"663

15. fila

Kang Ling (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'19"840

Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'20"601

16. fila

Nabil Jeffri (Dallara-VW) - Motopark - 2'20"801

Tatiana Calderon (Dallara-VW) - Carlin - 2'21"020

17. fila

Alexander Albon (Dallara-VW) - Signature - no time

 

 

Lo schieramento di partenza di gara 3

1. fila

Jake Dennis (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'14"665

Mikkel Jensen (Dallara-VW) - Mucke - 2'14"677

2. fila

Brandon Maisano (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'14"812

Markus Pommer (Dallara-VW) - Motopark - 2'14"950

3. fila

Sam MacLeod (Dallara-VW) - Motopark - 2'15"061

Pietro Fittipaldi (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'15"219

4. fila

Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'15"606

Lance Stroll (Dallara-Mercedes) - Prema - 2'15"607

5. fila

Sergio Camara (Dallara-VW) - Motopark - 2'15"631

Callum Ilott (Dallara-VW) - Carlin - 2'15"644

6. fila

Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Carlin - 2'15"705

Dorian Boccolacci (Dallara-VW) - Signature - 2'15"799

7. fila

Charles Leclerc (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'16"107

Arjun Maini (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'16"514

8. fila

Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'16"525

Matthew Rao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'16"839

9. fila

Ryan Tveter (Dallara-VW) - Carlin - 2'17"018

Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 2'17"337

10. fila

Julio Moreno (Dallara-NBE) - T Sport - 2'17"361

Hongwei Cao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2'17"487

11. fila

Nicolas Pohler (Dallara-Mercedes) - Double R - 2'17"517

Maximilian Gunther (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'17"721

12. fila

Alessio Lorandi (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2'18"088

Raoul Hyman (Dallara-Mercedes) - West Tec - 2'18"132

13. fila

George Russell (Dallara-VW) - Carlin - 2'18"337

Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'20"997

14. fila

Fabian Schiller (Dallara-Mercedes) - West Tec - 2'21"494

Mahaveer Raghunathan (Dallara-VW) - Motopark - 2'21"742

15. fila

Matthew Solomon (Dallara-Mercedes) - Double R - 2'21"778

Nabil Jeffri (Dallara-VW) - Motopark - 2'21"783

16. fila

Kang Ling (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2'21"948

Tatiana Calderon (Dallara-VW) - Carlin - 3'10"163

17. fila

Alexander Albon (Dallara-VW) - Signature - no time

 

http://italiaracing.net/newsint.aspx?id=54555&cat=7

Link to post
Share on other sites

Spa, gara 1: Leclerc, ma che battaglia

 

Charles Leclerc ha vinto la prima gara di Spa del FIA F.3, una corsa incredibilmente combattuta fin dalle prime fasi e che ha visto tre grandi protagonisti: Antonio Giovinazzi, Felix Rosenqvist e Leclerc. Alla fine, è stato il rookie monegasco del team Van Amersfoort (Dallara-Volkswagen) ad avere la meglio. Spettatore del lungo confronto verificatosi tra l'italiano del team Carlin e lo svedese della Prema, Leclerc dopo aver ingaggiato un breve duello con Rosenqvist ha colto al volo l'occasione che i due avversari gli hanno messo sul piatto.

 

Al 13° dei 16 giri in programma, Giovinazzi sul rettifilo del Kemmel si è difeso da Rosenqvist e Leclerc in scia. Prima si è spostato all'interno, verso destra, poi per impostare la variante di Les Combes ha sterzato verso sinistra. Forse un po' troppo perché Rosenqvist era già  in quel tratto di asfalto, praticamente sul cordolo esterno, e il contatto è stato inevitabile. Il baffo anteriore destro della Dallara di Rosenqvist ha colpito la ruota posteriore sinistra di Giovinazzi: il pilota Prema ha tagliato la variante, l'italiano dopo poche curve si è dovuto ritirare. Un vero peccato perché Antonio aveva condotto una gara impeccabile, gagliarda, bruciando al via dalla seconda fila Rosenqvist e Jake Dennis. Per quel contatto, la direzione gara lo ha punito e Giovinazzi sconterà  tre posizioni sulla griglia della seconda corsa, da dodicesimo a quindicesimo.

 

Leclerc, terzo, si è così trovato al comando e lo ha mantenuto fin sotto la bandiera a scacchi precedendo Rosenqvist di 1"5. Il rookie di Van Amersfoort è ora volato in testa alla classifica generale con 191,5 punti mentre Giovinazzi rimane a 182 e Rosenqvist sale a 178. Primo podio stagionale per un ottimo Alexander Albon con la Dallara-VW del team Signature. Ottavo al 1° giro, il giovane dello Junior Lotus ha recuperato con forza fino a concludere terzo davanti a un altrettanto ottimo Santino Ferrucci del team Mucke. Dennis invece, che partiva dalla prima fila, è scivolato al quinto posto finale con una vettura che sembrava mancare di velocità .

 

Peggio è andata a Brandon Maisano, suo compagno in Prema, che forse per un problema di pressione gomme ha concluso fuori dalla top 10 quando partiva quinto. Bene a punti anche George Russell del team Carlin, sesto e che cancella un periodo non troppo positivo. Dietro di lui Mikkel Jensen, che partirà  dalla pole in gara 2 e Pietro Fittipaldi, particolarmente in "palla" a Spa con la Dallara-Mercedes Fortec. Purtroppo il brasiliano, sesto in Q2, partirà  ultimo sia in gara 2 sia in gara 3 perché al termine della sessione di venerdì nel serbatoio mancava quel chilo di benzina necessario e richiesto dai commissari tecnici. A punti anche Fabian Schiller, nono per il team West Tec, e Alessio Lorandi.

 

Il 16enne italiano del team Van Amersfoort partiva venticinquesimo per via della penalità  di 10 posizioni rimediata a Monza per la sostituzione del motore, ma ha dato vita a una rimonta a dir poco spettacolare risultando il pilota che ha compiuto il maggior numero di sorpassi. E concludendo decimo, recuperando così l'ultimo punto a disposizione. Nel giro finale, Lorandi era dodicesimo, ma alla staccata di Les Combes è riuscito a superare sia Ryan Tveter sia Sean MacLeod che lo precedevano, con quest'ultimo finito in testacoda. Una bella iniezione di fiducia dopo i punti che già  aveva recuperato a Pau. Peccato per la non felice qualifica 2 che lo costringerà  a partire nuovamente dalle retrovie in gara 2 e gara 3. Michele Beretta si è ritrovato trentesimo, da ventiduesimo, per evitare a La Source Markus Pommer in testacoda perché urtato da un rivale. Beretta (Mucke) ha quindi recuperato chiudendo ventunesimo. Da segnalare uno stopandgo per Lance Stroll che ha tamponato Tatiana Calderon.

 

Sabato 20 giugno 2015, gara 1

1 - Charles Leclerc (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 16 giri 35'35"057

2 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Prema - 1"511

3 - Alexander Albon (Dallara-VW) - Signature - 2"651

4 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Mucke - 3"938

5 - Jake Dennis (Dallara-Mercedes) - Prema - 6"460

6 - George Russell (Dallara-VW) - Carlin - 7"388

7 - Mikkel Jensen (Dallara-Mercedes) - Mucke - 15"550

8 - Pietro Fittipaldi (Dallara-Mercedes) - Fortec - 18"333

9 - Fabian Schiller (Dallara-Mercedes) - West Tec - 20"096

10 - Alessio Lorandi (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 22"600

11 - Ryan Tveter (Dallara-VW) - Carlin - 23"133

12 - Sam MacLeod (Dallara-VW) - Motopark - 23"667

13 - Maximilian Gunther (Dallara-Mercedes) - Mucke - 24"220

14 - Callum Ilott (Dallara-VW) - Carlin - 30"581

15 - Brandon Maisano (Dallara-Mercedes) - Prema - 30"735

16 - Sergio Camara (Dallara-VW) - Motopark - 33"597

17 - Arjun Maini (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 34"095

18 - Dorian Boccolacci (Dallara-VW) - Signature - 34"417

19 - Markus Pommer (Dallara-VW) - Motopark - 38"648

20 - Hongwei Cao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 43"779

21 - Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Mucke - 44"009

22 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Carlin - 45"230

23 - Matthew Rao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 47"351

24 - Nabil Jeffri (Dallara-VW) - Motopark - 49"410

25 - Tatiana Calderon (Dallara-VW) - Carlin - 49"958

26 - Kang Ling (Dallara-Mercedes) - Mucke - 50"846

27 - Nicolas Pohler (Dallara-Mercedes) - Double R - 53"833

28 - Julio Moreno (Dallara-NBE) - T Sport - 54"500

29 - Mahaveer Raghunathan (Dallara-VW) - Motopark - 1'21"234

30 - Raoul Hyman (Dallara-Mercedes) - West Tec - 1'25"728

31 - Lance Stroll (Dallara-Mercedes) - Prema - 1'31"946

 

Giro più veloce: Santino Ferrucci 2'11"654

 

Ritirati

13° giro - Antonio Giovinazzi

12° giro - Matthew Solomon

 

Il campionato

1.Leclerc 191,5; 2.Giovinazzi 182; 3.Rosenqvist 178; 4.Dennis 139; 5.Russell 76; 6.Albon 65; 7.Gunther 64,5; 8.Jensen 59,5; 9.Stroll 52; 10.Menezes 35; 11.Ferrucci 32; 12.Maisano 30; 13.Pommer 28; 14.Maini 23; 15.Lorandi, Fittipaldi 15.

 

http://italiaracing.net/newsint.aspx?id=54561&cat=7

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...