Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

The F1 countdown


Recommended Posts

  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Perdonatemi se è già  stata postata...non mi pare   IL GP Monaco 1966 segna il debutto di Bruce McLaren come costruttore, con la M2B     Decimo in qualifica, in gara si ritirerà  presto per una

The F1 countdown - Speciale Jacquot 1976, Ligier JS5-Matra (regolamento 1975), 3 GP Interlagos 1976, Ligier JS5-Matra (nuovo regolamento), 13 GP Montecarlo

Niki Lauda, Ferrari, GP Germania 1976     Sembrava fatta ormai per il secondo titolo mondiale di fila... e invece..

Posted Images

Le uniche vittorie di due piloti che avrebbero meritato assai di più :sisi:

 

GP Usa East 1971 a Watkins Glen, Francois Cevert su Tyrrell 002, dopo aspra lotta con la Ferrari di Jacky Ickx

 

 

7109usawglenet7.jpg
 
 
 
Vittorione Brambilla che trionfa al GP Austria 1975, Zeltweg Osterreichring, 
sotto un autentico diluvio, gara accorciata e purtroppo punteggio dimezzato.
Botto finale dopo la bandiera a scacchi compreso
 
catturakaa.png
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

1908g36.jpg

 

GP Francia 1908 - Circuito di Dieppe (77 km) da percorrere 10 volte per un totale di 770 km - Emile Stricker - Porthos. Il francese si ritira all'ultimo giro; la gara viene vinta da Christian Lautenschlager su Mercedes, che compie i 10 giri in 6h55' alla media di 111.117 km/h, davanti alle Benz dei francesi Victor Hemery e Rene Hanriot

Link to post
Share on other sites

Lo chiamavano Andre 1892 :asd:

 

12590905.jpg

 

GP America 1910 - Circuito di Savannah di 27.8 km da percorrere 24 volte per un totale di 668 km - Victor Hemery - Benz. 2° classificato alle spalle di David Bruce-Brown, anche lui alla guida di una Benz, che ha vinto il GP in 5h53' alla media di 113.5 km/h; i due sono arrivati al traguardo separati di soli 1.42", un'inezia pensando ai quasi 700 km di gara percorsi

Link to post
Share on other sites

Ultima edizione della Coppa Gordon Bennett, nel 1905 sul circuito dell'Auvergne (137 km) vicino Clermont-Ferrand in Francia. Quattro giri per un totale di 548 km.

 

Alle porte del circuito c'è la sede della Michelin, e della Michelin sono anche gli pneumatici dei primi quattro in classifica: Thery (Brasier) primo in 7ore2'42" (!!!), Nazzaro e Cagno (2° e 3° su FIAT) e Caillos (Brasier).

 

Nella foto, George Heath su Panhard-Levassor, 6° in gara.

 

24f0b9w.jpg

Link to post
Share on other sites

Michele Alboreto con la Footwork FA13 a Monaco nel 1992 dove otterrà  il quinto posto.

 

1992_footwork_fa13_mugen_michele_alboret

 

Kimi Raikkonen ad Abu Dhabi nel 2012 conquista il primo successo per la Lotus-Renault dal suo rientro alle corse (anche se non è accomunabile alla vera Lotus) e il suo primo successo dal rientro alle corse dopo la parentesi di 2 anni nei rally.

 

Kimi-Raikkonen-Lotus_2856061.jpg

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Gran Premio d'Italia 1924 a Monza (circuito completo da 10 km), 80 giri per 800 km totali.

 

Giuseppe Campari su Alfa P2. 

 

In prova, parte 9° in conformità  al proprio numero di gara.

 

Al traguardo è 3° dietro alle altre due Alfa di Antonio Ascari, vincitore in 5 ore e 2 minuti, e di Louis Wagner. Quarto è Minoia: poker Alfa Romeo.

 

E' la corsa in cui a Lesmo muore Zborowsky (Mercedes), il pilota-miliardario che costruì la Citty Citty Bang Bang, vettura il cui nome è poi rimasto nell'immaginario (anche grazie a un film).

 

Tra i ritirati anche le altre due Mercedes, una è quella del grande Werner, l'altra è quella di un certo Alfred Neubauer.... Ai box Mercedes, come conduttore di riserva c'è un giovanotto sconosciuto che corre ancora nelle piccole cilindrate in Germania, Rudolf Caracciola.

 

1hwadj.jpg

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Tra i ritirati anche le altre due Mercedes, una è quella del grande Werner, l'altra è quella di un certo Alfred Neubauer.... Ai box Mercedes, come conduttore di riserva c'è un giovanotto sconosciuto che corre ancora nelle piccole cilindrate in Germania, Rudolf Caracciola.

Le basi per il futuro :zizi:

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...