Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

The F1 countdown


Recommended Posts

  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Perdonatemi se è già  stata postata...non mi pare   IL GP Monaco 1966 segna il debutto di Bruce McLaren come costruttore, con la M2B     Decimo in qualifica, in gara si ritirerà  presto per una

The F1 countdown - Speciale Jacquot 1976, Ligier JS5-Matra (regolamento 1975), 3 GP Interlagos 1976, Ligier JS5-Matra (nuovo regolamento), 13 GP Montecarlo

Niki Lauda, Ferrari, GP Germania 1976     Sembrava fatta ormai per il secondo titolo mondiale di fila... e invece..

Posted Images

GP Canada 1999 - Alessandro Zanardi - Lotus 107C Mugen Honda. 23° in griglia a 3.982" da Schumacher, ritirato dopo 62 giri per la rottura del motore, ma classificato comunque 15° e ultimo in gara mentre era 14°.

 

Forse '94

Link to post
Share on other sites

46342393italy1990highli.jpg

 

GP Italia 1990 - Derek Warwick - Lotus 102 Lamborghini. 12° in qualifica a 3.144" da Senna, in gara si schianta al primo giro alla Parabolica producendosi in uno spettacolare incidente che fortunatamente non gli porta danni fisici. La gara viene sospesa e lui può ripartire col muletto, ma anche alla ripartenza non sarà  fortunato: si ritira dopo 15 giri per problemi di frizione.

Link to post
Share on other sites

eliodeangelismonaco1983.jpg

 

GP Monaco 1983 - Elio De Angelis - Lotus 93T Renault. 19° in qualifica a 4.678" da Prost, in gara si ritira dopo 49 giri per problemi di trasmissione mentre era 11°. E' un'annata sfortunatissima per il romano, che vedrà  il traguardo in sole 2 occasioni, arrivando a punti solo a Monza (5°)

Link to post
Share on other sites

wfgzj.jpg

 

GP San Marino 1994 - Pedro Lamy - Lotus 107C Mugen Honda. 22° in qualifica a 3.747" da Senna, in gara sbatte al via contro la vettura di Lehto, rimasta ferma, riducendo la sua vettura in queste condizioni

E pensare che quando ho visto Pedro uscire dalla Lotus ho tirato un grosso sospiro di sollievo...

Link to post
Share on other sites

file20in20profile20lotu.jpg

 

GP Stati Uniti Ovest 1981 - Elio De Angelis - Lotus 88 Ford Cosworth. La Lotus si iscrive a Long Beach con la '88, che però viene bloccata dai commissari perchè non conforme al regolamento. De Angelis disputerà  il resto del weekend con la vecchia 81B chiudendo 13° in qualifica a 1.529" da Patrese e ritirandosi in gara dopo 13 giri per una collisione. Il 1981 sarà  un ottimo anno per De Angelis, che pur non effettuando particolari exploit riesce a chiudere a punti ben 8 gare su 15, finendo il campionato 8° con 14 punti

Link to post
Share on other sites

auto1443.jpg

 

GP Albi 1953 - Josè Froilan Gonzalez - BRM 15. 3° nella qualifica della sua batteria a 6.4" da Fangio (103.7%), 5° nella sua batteria a quasi 3 minuti dall'argentino, 9° nella griglia di partenza della gara finale, ottimo 2° nella finale a 31.0" da Louis Rosier.

Link to post
Share on other sites

Chi l'ha detto che bisogna limitarsi al campionato del mondo?

 

rodriguez600.jpg

 

Tasman Series 1968 - Surfers Paradise 100 - Pedro Rodriguez - 11 Febbraio 1968 - BRM P126. Non si sa bene in che posizione si sia qualificato, ma di sicuro non è andato oltre il 7° posto; in gara parte bene, ma a poco meno di metà  gara, attorno al 22° giro, deve rientrare ai box a spinta per un problema alla pompa della benzina, perdendo parecchi giri nelle riparazioni: chiuderà  10° e ultimo, a 12 giri (su 50) di ritardo da Clark

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Gran Premio di Spagna 1933 a Lasarte-San Sebastian (17,315 km) sulla distanza di 30 giri per un totale di 519,5 km.

 

Luigi Fagioli, che due settimane prima si è laureato Campione d'Italia allo sprint battendo Nuvolari al GP d'Italia, è qui ritratto ai boxes della Scuderia Ferrari accanto alla sua Alfa Romeo P3, con la quale arriverà  2° in gara alle spalle del suo compagno Louis Chiron.

 

E' l'ultima gara di Fagioli con Enzo Ferrari. Dal 1934 sarà  ingaggiato da Alfred Neubauer e correrà  per la rientrante Mercedes.

 

6NUXByW.jpg

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Gran Premio di Monaco 1937, insolitamente disputato ad agosto. E' l'ultima edizione del GP monegasco prima della tragedia della Seconda Guerra Mondiale.

 

Manfred von Brauchitsch, nipote del feldmaresciallo che su ordine di Hitler invase la Polonia nel '39 dando inizio al conflitto mondiale, e Rudolf Caracciola, entrambi su Mercedes W 125, danno vita a una insolita quanto eccezionale lotta a coltello per tutta la durata della gara.

 

Spettatori e giornalisti in delirio d'entusiasmo. Un pò meno contenti sono quelli del box Mercedes, col d.s. Alfred Neubauer che si agita con bandiere di ogni colore per segnalare ai due di smetterla, specialmente invitando von Brauchitsch a desistere dalla lotta col caposquadra Caracciola.

 

Ma per l'intera gara, il nobile pilota tedesco ad ogni passaggio davanti ai boxes tirerà  fuori la lingua all'indirizzo di Neubauer come risposta... :asd:

 

Una volta tanto, Brauchitsch vincerà  davanti a Caracciola.

 

vne7fa.jpg

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Due particolarissime avventure vissute da Bernd Rosemeyer nel weekend della Coppa Acerbo, ferragosto 1937, sul circuito di Pescara, 25 km da ripetere per 16 giri (412,8 km totali).

 

La prima in prova: il caldo quasi africano induce Bernd a girare a torso nudo, una "tenuta" con la quale sigla la pole position in 10'32" staccando nettamente il secondo, che è Caracciola su Mercedes (10'56"....).

 

 

2rc5w1f.jpg

 

La seconda in gara: mentre è al comando, urta con una ruota posteriore una pietra miliare. La gomma poco dopo si stacca e rotola giù per una discesa sui terrapieni ai lati del circuito. Alcune curve più in basso, l'Auto Union aveva dislocato alcuni meccanici in un punto di assistenza d'emergenza (oltre ai normali box sul rettilineo di partenza).

 

I meccanici, stupefatti, vedono arrivare sulle loro teste dapprima una ruota solitaria, e dopo qualche decina di secondi ecco Rosemeyer su tre ruote. Superato lo stupore, meccanici e pilota si danno da fare per cambiare le gomme, e in quel momento passa Caracciola che va in testa.

Rosemeyer torna in pista ( "dopo quei chilometri su tre ruote, la sensazione di avere di nuovo quattro gomme fu bellissima..." dirà  poi), rimonta, riprende Caracciola, lo sorpassa e va a cogliere la sua seconda vittoria consecutiva sul circuito di Pescara.

 

34o4jg7.jpg

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...