Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

  • Replies 102
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Quando Flavio Briatore è arrivato alla Benetton, nel 1989, nessuno lo conosceva in Italia se non la magistratura. Per il pubblico della F1 era uno sconosciuto che vendeva abbigliamento di marca. Ve

Il fatto che uno come Briatore,con il suo passato e presente,si permetta di "dare lezioni" e che soprattutto queste "lectio magistralis" vengano pure prese in considerazione è lo specchio dell'itaGLia

Albi hai ragione ma purtroppo questo e' anche il paese dove si intitola un'aula ( del senato mi pare ) a uno che con un estintore cercava di far del male alle forze dell'ordine .....

Posted Images

Ma Giuseppe Cipriani è lo stesso che ha un team nell'AutoGP? Ma che bel personaggio che è, non lo sapevo :asd:

Sinceramente non so se sia la stessa persona. Quello che dico io è (o era) anche proprietario dell'Harry's Bar di Venezia.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ah no, questo è morto nel 1980.

 

Il pilota (che poi è un gentleman driver, ed è pure andato con la Minetti :asd:) dovrebbe comunque avere qualche relazione con lui, dato che è proprietario anch'egli di hotel e ristoranti ed è nato a Venezia (dove è morto l'amico del Bria).

Link to post
Share on other sites

Mi sono fatto una cultura su questa bella gente. :asd:

Quella che mi è poco chiara è la posizione di Benetton: sapeva in che razza di giri era coinvolto Briatore oppure, in un primo momento, è stato raggirato anche lui?

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Per chi non sapesse il significato del suo soprannome:

 

il "tribula", in dialetto piemontese uno che non sta mai fermo, si infila ovunque, si arrabatta tra il lusco e il brusco pur di arrivare dove vuole

 

Niente da dire sulla persona, davvero uno stinco di santo :asd:

Edited by isomax89
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Mi sono fatto una cultura su questa bella gente. :asd:

Quella che mi è poco chiara è la posizione di Benetton: sapeva in che razza di giri era coinvolto Briatore oppure, in un primo momento, è stato raggirato anche lui?

Prima della tempesta aveva conosciuto Luciano Benetton. Fatto sta che Briatore apre alle isole Vergini qualche negozio Benetton e fa rapidamente carriera nel ristretto gruppo di manager dell'azienda di Ponzano Veneto.

Credo sia lecito chiedersi quale sia stata la motivazione che ha fatto decidere a Luciano Benetton di affidare l'espansione dei suoi negozi anche negli States ad un personaggio con tale curriculum. Tra l'altro pare che, proprio nel periodo in cui il geometra piemontese cercava di rilevare attività  commerciali negli USA, parecchi negozi prendessero inspiegabilmente fuoco.

 

Io dico che lo sapeva

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Mia mamma è di Cuneo.

Quel giorno che salto in aria Dutto,all'inizio di viale Angeli,ricordo i vetri tremolanti di casa di mia nonna...e era dall'altra parte della città .

Comunque dopo quel giorno sparì da Cuneo...strana coincidenza.

Ricordo parecchi anni dopo,quel lamentarsi di Senna verso questi personaggi.

In parole povere:

"C'è gente in formula 1 che è disposta a tutto pur di vincere".

Allora lo prendevano per un "lamentina" ma a quanto pare non aveva torto.

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Mi sono fatto una cultura su questa bella gente. :asd:

Quella che mi è poco chiara è la posizione di Benetton: sapeva in che razza di giri era coinvolto Briatore oppure, in un primo momento, è stato raggirato anche lui?

Tutt'altro, a quanto mi è stato detto. Gli avrebbe fatto un discreto favore e l'uomo con i capelli brizzolati gli è stato molto riconoscente.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Non è che fosse l'uomo più edotto per dirgli quelle cose.......

 

Su questo avrei leggerissimamente da ridire, ma è un altro discorso che è bene non mettere sul tavolo nel contesto del topic (anche perché clamorosamente OT).

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Briatore non è certo uno stinco di santo, anzi. Però c'è da dire che in affari ci sa fare. Benetton gli disse di aprire una trentina di negozi e lui riuscì ad aprirne quasi trecento mi pare. Portare alla vittoria la Benetton non è roba da tutti i giorni e pure riuscire a stoppare la Ferrari e vincere prima di Williams e McLaren (con budget inferiori ai loro) è stata una bella impresa.

Link to post
Share on other sites

Però c'è da dire che in affari ci sa fare. Benetton gli disse di aprire una trentina di negozi e lui riuscì ad aprire quasi trecento mi pare.

Si, aveva un ottimo servizio antincendio.

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...