Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Radio Paddock Luglio 2014 - Notizie dal Circus


Recommended Posts

  • Replies 355
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Il ragionamento, da un certo punto di vista, non fa una piega. La F1 è un prodotto (chi lo chiama ancora sport, se ne deve assumere la responsabilità ) da vendere e quindi il proprietario lo vende a c

L'abbiamo ripetuto fino alla nausa... L'attuale problema delle qualifiche non è il format, sono tutta la serie di stronzate che girano attorno ad esso.... Se rimetti piloti e team nella condizione di

Forse sta minacciando il suicidio

Ben fatto. Ora fuori anche Tombazis e Fry e ricominciamo a sperare in un futuro migliore.  :sisi:

 

 

La scelta di Fry è stata veramente incomprensibile.

Link to post
Share on other sites

La Ferrari aveva un'occasione unica per ribaltare i rapporti di forza del mondiale:lo stravolgimento regolamentare derivante dall'introduzione del nuovo tipo di motorizzazione.

 

Non ci vedo niente di scandaloso che il responsabile del fallimento ne paghi le conseguenze.

 

Metto le mani avanti,cosi Giacomo puo' sfottermi...  :) :se la cosa fosse avvenuta in un team inglese ,probabilmente,ne loderemmo la dinamicita' ed il decisionismo.... 

 

Fra l'altro un fallimento che rischia di continuare a penalizzare le Ferrari anche nei prossimi anni, perché anche se Allison imbrocca una serie di macchine miracolose partiremo comunque con uno svantaggio di motore pesante. 

Link to post
Share on other sites

La scelta di Fry è stata veramente incomprensibile.

 

E' uno dei pochi che sono contento abbia lasciato la McLaren. La monoposto 2009 fu gran parte opera sua.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Riguardo al FRIC, James Allen:

 

The first thing F1 fans will want to know is; will it shake up the order and what impact will it have on the racing?

The answer, from discussing the situation with a few F1 engineers, is that the lap time difference from banning FRIC suspension will be around three to four tenths of a second, depending on how well the system is working on individual cars. Lotus was one of the first teams to use it but Mercedes was onto it quickly and it has certainly contributed to their competitiveness. However it is unlikely to make any real difference to the pecking order in F1. Silverstone showed that Mercedes still enjoys a significant performance advantage over the rest.

The reason why it was not so dominant in Austria, relative to Silverstone, is believed to be related to the altitude and the performance of the turbo, also to some prudence over cooling after the technical failures in Montreal.

 

How will it’s loss impact the cars and the racing? The main impact will be that it will lead to the cars taking more out of the tyres, which might push them into making an extra pit stop at some events. This year with the more durable Pirelli tyres we have seen several races become a one stop, such as Silverstone last weekend. Arguably it will be more difficult to do the 300km race distance on two sets of tyres at some venues, as the wear will not be as evenly distributed across all four corners of the car.

With the Pirellis, one of the key things to get right is to match the temperatures of the front and rear tyres. Again FRIC helps with that.

 

So why does the FIA want to ban FRIC suspensions now?
Because Charlie Whiting, who heads the FIA department which is responsible for policing the technical aspects of the F1 cars, as well as the operation of the race weekends themselves, believes that they have evolved to the point where they contravene the catch all technical regulation about “moveable aerodynamic devicesâ€.

“Having now seen and studied nearly every current design of front to rear linked suspension system we, the FIA, are formally of the view that the legality of all such systems could be called into question,†he wrote to teams this week.

Whiting suggests that the way the suspension systems help control pitch and roll could be in breach of article 3.15 of F1′s technical regulations.

Speaking on Wednesday, McLaren team boss Eric Boullier said the FIA had acted now because, “I think some teams might have been extreme, which is maybe why the FIA is questioning the legality of this system.â€

 

What happens next? In a classic piece of FIA positioning, setting the teams against each other, Whiting has suggested to the teams that it will be banned only from the end of the year, provided that all teams agree to that. If they cannot agree (which they rarely do on such matters) then it will be up to them to consider whether they risk using it at the next race in Hockenheim next week, as the FIA scrutineers and stewards may uphold any protests made against it.

 

How does FRIC work and will it be easy to take off?
According to JA on F1 technical adviser Mark Gillan, when a car goes through a corner it goes through a number of movements; it pitches under braking, it rolls on turn-in to the corner and on corner exit. There are a lot of changes in terms of stability and ride height and a significant amount of downforce is lost as a result.

If you could make the car more stable through those changing dynamics and fix the ride height through those manoeuvres, you would make life a lot more easy. So a lot of innovations like this one are designed to produce a stable ride height through a manoeuvre, optimise aerodynamics and maintain downforce.

This has been the focus of aerodynamic development in F1 since the late 2000s, as wind tunnels have got more sophisticated. The challenge for the aerodynamicist is to assess the trade-off between downforce and smoothing out the ride and much of the work that goes on at F1 tracks in the build up to a race is focussed on getting a good compromise for the race weekend.

The FRIC suspension works by transferring hydraulic fluid from front to rear and it does so passively, which is why it’s legal – it’s not something the driver actively controls, it happens as the car moves.
This generation of F1 cars is very sensitive to roll, so anything that can minimise the roll angle is definitely a big positive. It’s very hard to say exactly what the gain is in lap time, but it makes the driver feel more confident and that is worth something as is the other major benefit in terms of the tyres. By making the car more stable and consistent, you will make it easier on the tyres. You have more load where you want it, so the wear is more even.

There would be a fair bit of re-engineering needed and the chassis will have been designed around FRIC in many cases, as it has been in circulation since 2013. Many of the wind tunnel development programmes currently under study will need to be revised to factor in the loss of the optimised ride height.

Link to post
Share on other sites

Ok, Marmorini paga per la parte motoristica, come Domenicali ha pagato per la gestione.

Ricordiamoci però che, mentre tedeschi e giapponesi sono anni e anni che lavorano sulla propulsione ibrida, in Fiat di questa tecnologia non ne sanno praticamente niente. Non l'hanno mai usata né sperimentata, anzi per dire la verità  l'hanno sempre snobbata, per cui si sono trovati impreparati al cambio di regolamento. Hanno dovuto costruire praticamente tutto da zero, quindi qualche errore ci può stare.

Non mi pare (ma è come sempre una mia opinione) che il vero problema della Ferrari quest'anno sia il motore: non mi sembra che la PU Ferrari sia veramente così schifosa o da buttare. Certo, non è il Mercedes che è di qualche gradino superiore, ma non penso che sia così distante dal Renault.

Quindi, dopo Domenicali e Marmorini (gestione e motori) che hanno pagato anche colpe non loro, spero che ora paghino anche i veri responsabili della ciofeca di quest'anno (telaio e aerodinamica) prima che partoriscano per il 2015 un'altra mostruosità ... o forse e già  tardi?

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Le rilevazioni fonometriche denunciano in una ottantina di cavalli in meno il gap tra la PU Ferrari e quella Mercedes.

 

In piu' la turbina è stata sottodimensionata e posizionata in maniera errata nel layout della PU.

 

Certamente i problemi stanno anche da altre parti,ma il fallimento inerente la PU mi sembra lampante.

 

Daltronde gli avvicendamenti avvengono quando le cose non funzionano e Mattiacci ha,giustamente o meno lo dira' il futuro,detto di voler radicalmente cambiare approccio rispetto alla gestione precedente.

 

Vedremo che succedera'

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Le rilevazioni fonometriche denunciano in una ottantina di cavalli in meno il gap tra la PU Ferrari e quella Mercedes.

 

In piu' la turbina è stata sottodimensionata e posizionata in maniera errata nel layout della PU.

 

Certamente i problemi stanno anche da altre parti,ma il fallimento inerente la PU mi sembra lampante.

 

Daltronde gli avvicendamenti avvengono quando le cose non funzionano e Mattiacci ha,giustamente o meno lo dira' il futuro,detto di voler radicalmente cambiare approccio rispetto alla gestione precedente.

 

Vedremo che succedera'

Come al solito sui motivi della scarsa competitività  della ferrari in rete si trova di tutto (a dire il vero gli opinionisti da anni si sprecano sull'argomento). alcune ipotesi addirittura si escludono a vicenda.

Per quanto riguarda il turbo l'ultima che ho letto è che quello della ferrari è anzi molto all'avanguardia (la chiamano tecnologia DualBoost) e che in realtà  il problema della ferrari è il fatto che i collettori di scarico fanno un percorso tortuoso e ingombrante.

Quello su cui tutti concordano è che la ferrari non riesce a sfruttare adeguatamente i sistemi elettrici e a caricare le batterie.

Edited by salva202
Link to post
Share on other sites

Come al solito sui motivi della scarsa competitività  della ferrari in rete si trova di tutto (a dire il vero gli opinionisti da anni si sprecano sull'argomento). alcune ipotesi addirittura si escludono a vicenda.

Per quanto riguarda il turbo l'ultima che ho letto è che quello della ferrari è anzi molto all'avanguardia (la chiamano tecnologia DualBoost) e che in realtà  il problema della ferrari è il fatto che i collettori di scarico fanno un percorso tortuoso e ingombrante.

Quello su cui tutti concordano è che la ferrari non riesce a sfruttare adeguatamente i sistemi elettrici e a caricare le batterie.

 

Pero' la mia fonte è un po' diversa  ;)

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

La Ferrari aveva un'occasione unica per ribaltare i rapporti di forza del mondiale:lo stravolgimento regolamentare derivante dall'introduzione del nuovo tipo di motorizzazione.

Non ci vedo niente di scandaloso che il responsabile del fallimento ne paghi le conseguenze.

Metto le mani avanti,cosi Giacomo puo' sfottermi... :) :se la cosa fosse avvenuta in un team inglese ,probabilmente,ne loderemmo la dinamicita' ed il decisionismo....

Mi piacerebbe sapere come mai lo hanno ripreso dopo l'esperienza Toyota

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Mi piacerebbe sapere come mai lo hanno ripreso dopo l'esperienza Toyota

 

Boh...forse per "l'ansia di rinnovamento" del dopo Todt (anche Domenicali faceva le sue scelte ed epurazioni) e perche' non c'era nulla di meglio in giro.

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.



×
×
  • Create New...