Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

Recommended Posts

abbandonare la Mugen fu una scelta obbligata, perchè la Mugen voleva Nakano o comunque un pilota giapponese. Alain Prost voleva Panis e la giovane speranza Trulli

non è detto visto che in Jordan c'erano Damon Hill e Ralf Schumacher, ho sempre visto i motori Peugeot come delle ciofeche, fortunati ad essersi messi in mostra su buoni telai Jordan...con la Prost l'asino è stato beccato, il punto è questo Peugeot forniva anche soldi mentre se la Prost non avesse accettato un giapponese avrebbe dovuto pagare i motori, cmq la scelta fu un suicidio, l'AP01 era meglio solo di Tyrrell e Minardi, a dire il vero la cosa mi divertì molto, visto che a inizio anno parlavano di vittorie e addirittura di rischio titolo mondiale ! MA DOVE ! ! !

Link to post
Share on other sites

  • Replies 264
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Ci credo, era una Ligier ribattezzata (la sigla del modello, JS45, manteneva infatti ancora la numerazione tipica della Ligier) e per di più a motore Mugen-Honda   Le cazzate colossali fatte da Pros

Anch'io sono innamorato dei V10, d'altronde sono cresciuto sentendo urlare quelli.. Al cuor non si comanda.    Il P83 BMW del 2003 è devastante.   

A proposito di GP di Argentina, il sorpasso "maschio" di Schumacher ai danni di Coulthard

àˆ anche vero che nessuno obbligava Schumacher a stare in scia a Coulthard con altri 10 metri di pista liberi...era tutto a suo rischio...

Ma per favore ! ! !

A dire il vero Schumacher fu molto guardingo a non rischiare mai il doppiaggio, poi rischio dove ? un doppiato deve levarsi dalle palle, punto, Schumacher avrebbe fatto bene a menare Coulthard come Senna fece bene a dare un pugno a Irvine in Giappone 1993...

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Calmi picciotti, nessuno sta dicendo che Schumacher abbia delle colpe in quell' occasione.. ;) che la colpa sia di Coulthard non ci piove e non ci sono haters o lovers che tengano, per rispondere ad Albi66 [emoji57]

Dico solo che Schumacher poteva aspettarsi qualcosa del genere visto che, come scritto in precedenza, Coulthard gli stava facendo perdere tempo apposta...per lo più viste le condizioni che non permettevano una visibilità  adatta stando in scia ad una macchina più lenta

Questa mancanza di malizia è l' unico appunto che si potrebbe fare a Schumacher, per il resto non ha nessuna colpa [emoji6]

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Ricordiamoci che in pista non si vedeva praticamente niente,lo stesso Damon Hill ad un certo punto ,quando era in testa ,nel doppiaggio di Trulli stava per fare la stessa "fine" di Schumacher..

D'altronde Coulthard ,probabilmente sperò nell'incedente ma ad ogni modo era anche tutto a sinistra  (sinistra  del teleschermo,e destra della pista),Michael di  spazio dall'altra parte ne aveva comunque  tanto...

Ad ogni modo,probabilmente quell'incidente alla fine gli costò il mondiale però la "statistica " (come dice Zermiani nella grande storia della F1 ) pareggia i conti, ironia della sorte , Michael tra 97 e 98 pagò il conto delle  sue manovre irregolari del passato...

Link to post
Share on other sites

Ricordiamoci che in pista non si vedeva praticamente niente,lo stesso Damon Hill ad un certo punto ,quando era in testa ,nel doppiaggio di Trulli stava per fare la stessa "fine" di Schumacher..

D'altronde Coulthard ,probabilmente sperò nell'incedente ma ad ogni modo era anche tutto a sinistra  (sinistra  del teleschermo,e destra della pista),Michael di  spazio dall'altra parte ne aveva comunque  tanto...

Ad ogni modo,probabilmente quell'incidente alla fine gli costò il mondiale però la "statistica " (come dice Zermiani nella grande storia della F1 ) pareggia i conti, ironia della sorte , Michael tra 97 e 98 pagò il conto delle  sue manovre irregolari del passato...

 

 

Ma anche no....

 

Perche' comunque DC a Pohuon ,alla sua maniera, stava "favorendo" il doppiaggio...non ha certo speronato o buttato fuori pista MS...

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Ma anche no....

 

Perche' comunque DC a Pohuon ,alla sua maniera, stava "favorendo" il doppiaggio...non ha certo speronato o buttato fuori pista MS...

 

Mi riferivo ad un'ipotetica sorte divina,Coulthard rappresenta metaforicamente proprio questo ,incidente trovato o doppiato incompreso ?  :)

Link to post
Share on other sites

Per come la vedo io, si trattò di un'incomprensione (anche se a caldo maledii Coulthard perché ero convinto che lo avesse fatto apposta).

Coulthard alzò il piede rimanendo in traiettoria e Schumacher, con la nuvola d'acqua sollevata dalla Mclaren, non riuscì ad accorgersi in tempo che lo scozzese aveva rallentato per farlo passare e....CRASH.

A discapito dello scozzese, ovviamente, resta il fatto di essersi tenuto dietro la Ferrari per più di un giro nonostante i commissari gli avessero esposto a più riprese le bandiere blu; se davvero non avesse avuto l'intenzione di ostacolare Schumacher in qualche modo, si sarebbe fatto da parte ben prima, spostandosi dalla traiettoria e rallentando -facendo quello che un doppiato "normale" di solito fa per agevolare il doppiaggio stesso.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Mettiamo Max Verstappen e compagnia bella su un mostro di queste, se non finiscono nella ghiaia in curva due lo fanno in curva quattro.  :rotfl2:

Beh non è che i piloti di oggi non sappiano andare in macchina solo perché le Formula 1 odierne sono facili.

 

Secondo me Verstappen su una macchina del 1998 andrebbe meglio di quanto pensi. Forse anche meglio del papi.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Beh non è che i piloti di oggi non sappiano andare in macchina solo perché le Formula 1 odierne sono facili.

 

Secondo me Verstappen su una macchina del 1998 andrebbe meglio di quanto pensi. Forse anche meglio del papi.

 

Jos the boss non era un fermo eh....

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Jos the boss non era un fermo eh....

 

Anzi...sul bagnato andava parecchio forte (Canada 2000, Malesia 2001).

 

Tornando in topic, sempre a Spa, il "salto" di Irvine alla Bus Stop

 

1998_Spa_F300_Irvine_3.jpg

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Concordo, Jos era un pilota incline all'errore e sicuramente poco "intelligente",però il piedino ce l'aveva, era un buon pilota ed in termini puramente velocistici era rapido, sapeva superare ed andava forte sul bagnato..

Probabilmente pagò i suoi inizi di carriera,quando ancora immaturo ed acerbo aveva come compagno Schumacher,comunque se avesse usato la testa in diverse situazioni avrebbe potuto raccogliere di più..

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Jos the boss non era un fermo eh....

Assolutamente, ma secondo me il figlio va ancora più forte. Magari commette qualche errore di gioventù ancora, ma se uno in due anni passa dai kart alla Formula 1 un motivo valido ci deve essere.

Link to post
Share on other sites

l'AP01 era meglio solo di Tyrrell e Minardi, a dire il vero la cosa mi divertì molto, visto che a inizio anno parlavano di vittorie e addirittura di rischio titolo mondiale ! MA DOVE ! ! !

In realtà  se Trulli non fosse andato a punti a Spa la Prost avrebbe chiuso all'ultimo posto il campionato costruttori

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Beh non è che i piloti di oggi non sappiano andare in macchina solo perché le Formula 1 odierne sono facili.

 

Secondo me Verstappen su una macchina del 1998 andrebbe meglio di quanto pensi. Forse anche meglio del papi.

 

No certo, la mia era una provocazione visto quello che normalmente in questi anni si tende a fare, ovvero far debuttare piloti giovanissimi etichettandoli come nuovi Senna o cose del genere. 

Puoi avere ragione te sicuramente, ma io penso che se un Max Verstappen diciassettenne avesse debuttato su una di quelle F1 (e soprattutto in quella F1, dove si facevano gare come se si fosse in qualifica), avendo fatto pochissima esperienza nelle formule minori, sarebbe andata male. 

Ma è un discorso che lascia il tempo che trova ovviamente, i tempi sono cambiati, la F1 è cambiata. 

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

No certo, la mia era una provocazione visto quello che normalmente in questi anni si tende a fare, ovvero far debuttare piloti giovanissimi etichettandoli come nuovi Senna o cose del genere. 

Puoi avere ragione te sicuramente, ma io penso che se un Max Verstappen diciassettenne avesse debuttato su una di quelle F1 (e soprattutto in quella F1, dove si facevano gare come se si fosse in qualifica), avendo fatto pochissima esperienza nelle formule minori, sarebbe andata male.

Tuero è stato test driver per la Minardi nel '97 a 18 anni e ha esordito a 19 sempre con la Minardi. Non vedo una grande differenza di età  rispetto ai 17 anni di Verstappen.

 

Se Tuero è stato in grado di guidare dignitosamente la Minardi non vedo perché Verstappen non sarebbe riuscito a fare altrettanto

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Tuero è stato test driver per la Minardi nel '97 a 18 anni e ha esordito a 19 sempre con la Minardi. Non vedo una grande differenza di età  rispetto ai 17 anni di Verstappen.

 

Se Tuero è stato in grado di guidare dignitosamente la Minardi non vedo perché Verstappen non sarebbe riuscito a fare altrettanto

Beh insomma Tuero debuttò a 19 anni ma di fatto era un 20enne nel 1998. Sono 3 anni di differenza con Verstappen....magari avesse debuttato nel 1995 sarebbe andato molto peggio,... :asd:

 

e comunque all'epoca aver fatto il test driver per il 1997 voleva a dire accumulare un gran numero di chilometri in pista con la Minardi. Non lo sbattevano a fare 3 giri a febbraio come oggi per poi farlo debuttare a Melbourne  :asd:

Edited by Pescarese
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Tuero è stato test driver per la Minardi nel '97 a 18 anni e ha esordito a 19 sempre con la Minardi. Non vedo una grande differenza di età  rispetto ai 17 anni di Verstappen.

 

Se Tuero è stato in grado di guidare dignitosamente la Minardi non vedo perché Verstappen non sarebbe riuscito a fare altrettanto

 

Non so la "gavetta" che ha fatto Tuero onestamente, ma se è stato lanciato alla Max Verstappen forse hai ragione.

Comunque non ha tutti i torti Pescarese, Tuero debuttò ormai ventenne.

Link to post
Share on other sites

Non so la "gavetta" che ha fatto Tuero onestamente, ma se è stato lanciato alla Max Verstappen forse hai ragione.

Comunque non ha tutti i torti Pescarese, Tuero debuttò ormai ventenne.

Tuero nel 1998 aveva 20 anni ed era al 6° anno in monoposto. Nel 1997 corse nell'impegnativa F.Nippon e fece il test driver per la Minardi. Nonostante questo ci furono polemiche e all'inizio non gli concessero nemmeno la superlicenza. Comunque come detto, all'epoca, fare il test driver voleva dire correre ed era un bell'impegno. Tuero arrivò a Melbourne bello carico di chilometri ed esperienza, ne sono certo. Sarei curioso di sapere quante giornate ha fatto al volante della Minardi tra il settembre del 97 ed il marzo del 98. 

 

Ho tutta la stima del mondo per Verstappen che personalmente considero un fenomeno vero, ma ho i miei dubbi che con quelle vetture e quei circuiti avrebbe potuto presentarsi alle libere di un Gran Premio dell'epoca a 17 anni, con una sola stagione in monoposto e con 8/9 giornate di esperienza complessiva al volante di una F1. E considerate che all'epoca non c'erano neanche i simulatori.

Edited by Pescarese
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Tuero nel 1998 aveva 20 anni ed era al 6° anno in monoposto. Nel 1997 corse nell'impegnativa F.Nippon e fece il test driver per la Minardi. Nonostante questo ci furono polemiche e all'inizio non gli concessero nemmeno la superlicenza. Comunque come detto, all'epoca, fare il test driver voleva dire correre ed era un bell'impegno. Tuero arrivò a Melbourne bello carico di chilometri ed esperienza, ne sono certo. Sarei curioso di sapere quante giornate ha fatto al volante della Minardi tra il settembre del 97 ed il marzo del 98. 

 

Ho tutta la stima del mondo per Verstappen che personalmente considero un fenomeno vero, ma ho i miei dubbi che con quelle vetture e quei circuiti avrebbe potuto presentarsi alle libere di un Gran Premio dell'epoca a 17 anni, con una sola stagione in monoposto e con 8/9 giornate di esperienza complessiva al volante di una F1. E considerate che all'epoca non c'erano neanche i simulatori.

 

Io ,personalmente non ho alcun dubbio,non sarebbe stato possibile,sarebbe stato pericolosissimo per lui  (Max) e per gli altri,ed anche al meglio delle possibilità ,avrebbe probabilmente fatto peggio di Tuero e non sarebbe stato decantato come il nuovo Senna a soli 17 anni...

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Io ,personalmente non ho alcun dubbio,non sarebbe stato possibile,sarebbe stato pericolosissimo per lui  (Max) e per gli altri,ed anche al meglio delle possibilità ,avrebbe probabilmente fatto peggio di Tuero e non sarebbe stato decantato come il nuovo Senna a soli 17 anni...

Io tutte queste certezze non le ho ma sono abbastanza sicuro che non sarebbe stato possibile.

 

Tuero fece un onesto ed incolore campionato, se la giocò alla pari con un Nakano molto più esperto ma tutt'altro che irresistibile (l'anno prima fu preso sonoramente a sberle da Panis e da un debuttante Trulli).

Link to post
Share on other sites

Io tutte queste certezze non le ho ma sono abbastanza sicuro che non sarebbe stato possibile.

 

Tuero fece un onesto ed incolore campionato, se la giocò alla pari con un Nakano molto più esperto ma tutt'altro che irresistibile (l'anno prima fu preso sonoramente a sberle da Panis e da un debuttante Trulli).

era debuttante pure Nakano, non solo Trulli l'anno prima.

Edited by Muresan80
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...