Jump to content
Advertisement
GLI ULTIMI ARTICOLI
Advertisement

#KeepFightingMichael


Carlomm73
 Share

Recommended Posts

Questo mio post sarà  molto egoista, ma vorrei dire una cosa.

 

Sapete quanto ci tengo, ma se le condizioni non dovessero migliorare, piuttosto che vederlo handicappato a vita preferirei finisse così.

 

Non potrei sopportare di vederlo vegetare per anni, sarebbe la cosa peggiore.

 

Hai ragione. Una cosa è invalido (cosa che può succedere) tipo Zanardi o tante altre persone, ben altra è essere ridotti a un vegetale o peggio ancora col cervello fuori uso.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Hai ragione. Una cosa è invalido (cosa che può succedere) tipo Zanardi o tante altre persone, ben altra è essere ridotti a un vegetale o peggio ancora col cervello fuori uso.

 

Io spero solo che se si sveglierà , Schumi, lo faccia, rispondendo agli stimoli normalmente. Se deve vivere come un vegetale, sono la prima a dire che vivere praticamente attaccato ad una macchina e pure incapace di "intendere e di volere", sia veramente... Disumano. Ecco.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Questo mio post sarà  molto egoista, ma vorrei dire una cosa.

 

Sapete quanto ci tengo, ma se le condizioni non dovessero migliorare, piuttosto che vederlo handicappato a vita preferirei finisse così.

 

Non potrei sopportare di vederlo vegetare per anni, sarebbe la cosa peggiore.

 

I miei stessi sentimenti provati l'8 maggio 1982 e il 1° maggio 1994.

 

Un abbraccio grande.

Link to comment
Share on other sites

Questo mio post sarà  molto egoista, ma vorrei dire una cosa.

 

Sapete quanto ci tengo, ma se le condizioni non dovessero migliorare, piuttosto che vederlo handicappato a vita preferirei finisse così.

 

Non potrei sopportare di vederlo vegetare per anni, sarebbe la cosa peggiore.

 

 

questo è sicuro !!!

 

esatto, era anche il pensiero di Ayrton..... purtroppo sò cosa vuol dire assistenza ad una persona invalida al 100% (certo è differente tra vigile o vegetale) è molto dura sia per il malato che per i suoi cari, spero che lo "Schummy" si riprenda al massimo !!!

Link to comment
Share on other sites

Effettivamente il precedente di Kubica può invitare a sperare,però i medici mi hanno davvero dato una "brutta impressione" sulle possibilità  di sopravvivenza...speriamo bene...il tutto mi ricorda il dramma "Senna".

All'epoca avevo nove anni e stavo iniziando ad appassionarmi alla formula 1 e ,paradossalmente, quella tragedia mi ha "insegnato" a conoscere e poi amare il circus della F1.

Oggi questa passione è messa in discussione da uno sport che è diventato troppo diverso da quello che non mi faceva dormire la notte in attesa del Warm Up....

 Schumacher, il massimo campione della formula 1 post Senna, il pilota più vincente e titolato della storia, che si trova a combattere per la vita ,in stato di  coma, rappresenta metaforicamente ,(almeno per me) l'oblio di questa Formula 1.

Edited by Jax
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Il 1° maggio 94 me ne andai ben prima della bandiera a scacchi.

Salii sulla Golf e accesi la radio. Quando sentii le parole "frattura della base cranica" pregai che morisse presto.

 

Auguro di cuore a tutti i tifosi di Schumy di non affrontare mai un simile dolore.

 

Il tuo idolo, il tuo Campione, il tuo esempio di vita non può finire così.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

questo è sicuro !!!

 

Qualche settimana fa, quando è stata ufficializzata la notizia della festa per Ayrton, mi era balenata per qualche giorno in testa l'idea di chiederti se sarebbe stato possibile cercare di portare anche lui a Imola, come per chiudere definitivamente una sorta di rivalità  mistica durata 20 anni. Credo in primis che non mi avresti dato un parere positivo e infatti ho lasciato perdere, ma sapere che se il parere fosse stato diverso adesso non si potrebbe comunque fare mi mette una tristezza addosso infinita.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

La sua addetta stampa, Sabine, ha detto che non era proprio un fuori pista, ma stava sciando tra due piste regolari. Cmq sono andato a vedere il punto della caduta e quella è una pista nerissima, oltretutto fra le rocce. Forza Shumi!

Link to comment
Share on other sites

Io sono sconvolto da queste notizie sul Kaiser...

Non c'ero ai tempi di Gilles, troppo piccolo per capire al tempo la tragedia di Senna, ma oggi non ce la faccio a non essere ottimista, Schumi è Schumi, si risveglierà  un po' stordito dicendo "mmhhnon buono gara oggi" e riprenderà  la vita di sempre alla ricerca del brivido. 

 

Dai Schumi!!

Link to comment
Share on other sites

Il casco DEVE SPACCARSI. E' progettato porprio per assorbire e dissipare l'energia dell'impatto.

Scusa Gio, forse non  mi sono spiegato sullo "spaccarsi":  deve "assorbire" sì, deformarsi... possibilmente in modo plastico... magari filarsi, ma non spaccarsi di netto lasciando una parte della testa esposta. Almeno negli incidenti in moto, a medio impatto. E chiaro che se vai a sbattere oltre una certa velocità  contro un ostacolo fisso non c'è casco che tenga... anche perché, magari, ti sei  già  spezzato qualche vertebra.  C'è modo e modo di dissipare l'energia. Se, per difetto di costruzione ad esempio, un casco si spacca di colpo l'energia che dissipa in un attimo non bilancia il danno che un corpo estraneo - roccia, guard-rail, palo... qualsiasi altro  - può procurare al cranio. I caschi aperti tipo Jet, poi, non assicurano in nessun modo che la parte frontale e medio parietale della testa venga riparata a dovere...

 

Nella maggior parte questi caschi, poi, non vengono serrati a dovere per evitare l'effetto "strozzo" e in caso di urto violento si spostano. Questo, almeno in base alla mia esperienza.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Il 1° maggio 94 me ne andai ben prima della bandiera a scacchi.

Salii sulla Golf e accesi la radio. Quando sentii le parole "frattura della base cranica" pregai che morisse presto.

Auguro di cuore a tutti i tifosi di Schumy di non affrontare mai un simile dolore.

Il tuo idolo, il tuo Campione, il tuo esempio di vita non può finire così.

Penso che la situazione di Michael seppur molto grave non sia ai livelli di quella di Ayrton. Edited by estiloBardi
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Scusa Gio, forse non  mi sono spiegato sullo "spaccarsi":  deve "assorbire" sì, deformarsi... possibilmente in modo plastico... magari filarsi, ma non spaccarsi di netto lasciando una parte della testa esposta. Almeno negli incidenti in moto, a medio impatto. E chiaro che se vai a sbattere oltre una certa velocità  contro un ostacolo fisso non c'è casco che tenga... anche perché, magari, ti sei  già  spezzato qualche vertebra.  C'è modo e modo di dissipare l'energia. Se, per difetto di costruzione ad esempio, un casco si spacca di colpo l'energia che dissipa in un attimo non bilancia il danno che un corpo estraneo - roccia, guard-rail, palo... qualsiasi altro  - può procurare al cranio. I caschi aperti tipo Jet, poi, non assicurano in nessun modo che la parte frontale e medio parietale della testa venga riparata a dovere...

 

Nella maggior parte questi caschi, poi, non vengono serrati a dovere per evitare l'effetto "strozzo" e in caso di urto violento si spostano. Questo, almeno in base alla mia esperienza.

 

I jet li vieterei per legge

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Penso che la situazione di Michael seppur molto grave non sia ai livelli di quella di Ayrton.

Io non lo so dato che compivo quattro anni quindi ovviamente non ricordo, però nelle due VHS che ho, si capisce che fin da subito le speranze erano nulle, fin dalle prime comunicazioni in ospedale.

 

Ma magari è un'impressione che mi son fatto a posteriori..

Link to comment
Share on other sites

Penso che la situazione di Michael seppur molto grave non sia ai livelli di quella di Ayrton.

La frattura cranica di Ayrton era devastante, dovuta a una penetrazione di oggetto estraneo. Qui la situazione è molto meno grave e il coma, x ora, è indotto.

Link to comment
Share on other sites

A quanto pare, è caduto in un allacciamento tra due piste. Ci sta che siano rocciose, "poco curate" e più grezze, quindi per me il discorso "stupidità  da fuori pista" decade. Anche perché, non mi riuscivo a spiegare un soccorso così celere arrivando a un fuori pista. (L'unico incidente che ho visto di un tizio caduto tra le rocce fuori pista, è stato veramente duro da recuperare, prima di una mezz'ora buona non si è riusciti a fare nulla).

 

E non mi spiegherei il fatto che ci fosse il figlio di 14 anni con lui, a fare un fuori pista... Io li ho fatti a 15 anni, ma con maestri di sci! 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Io non lo so dato che compivo quattro anni quindi ovviamente non ricordo, però nelle due VHS che ho, si capisce che fin da subito le speranze erano nulle, fin dalle prime comunicazioni in ospedale.

 

Ma magari è un'impressione che mi son fatto a posteriori..

 

Confermo

Link to comment
Share on other sites

Il 1° maggio 94 me ne andai ben prima della bandiera a scacchi.

Salii sulla Golf e accesi la radio. Quando sentii le parole "frattura della base cranica" pregai che morisse presto.

 

Auguro di cuore a tutti i tifosi di Schumy di non affrontare mai un simile dolore.

 

Il tuo idolo, il tuo Campione, il tuo esempio di vita non può finire così.

 

Sbaglio o anche Hakkinen ebbe una frattura alla base del cranio? La dice anche Wikipedia quindi può benissimo essere una boiata.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...