Jump to content
GLI ULTIMI ARTICOLI

European F3 Championship 2014


Recommended Posts


  • Replies 237
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Ma soprattutto

In effetti lo strapotere di motore di Verstappen in gara 2 è stato imbarazzante. Alla Rivazza era ben dietro a Giovinazzi eppure sotto alla bandiera lo ha bruciato. Un controllino fatto bene alla ben

Baldisserri era impegnato al muretto, prima per la gara della F4 e poi per la qualifica 2 della F3. Vedo di beccarlo domattina.   Nel paddock ci sono anche Ghinzarlo e Dindo. Quest'ultimo, quando

Posted Images

Però. Certo che di Stroll parlano molto meglio che di Latifi.

Prova a parlarne male :asd:

Per entrare nel camperino serve il badge. Telecamere all'esterno e guardie armate all'interno. Tony Montana gli fa una pippa.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Che Stroll sia stato raccomandato dal padre che sicuramente una spinta nel FDA l'ha data è vero, ma è altrettanto vero che in queste prime gare di F4 sta dimostrando di avere un bel manico, sconfiggendo gente che è ben più esperta di lui, vedi Maisano.

Link to post
Share on other sites

Che Stroll sia stato raccomandato dal padre che sicuramente una spinta nel FDA l'ha data è vero, ma è altrettanto vero che in queste prime gare di F4 sta dimostrando di avere un bel manico, sconfiggendo gente che è ben più esperta di lui, vedi Maisano.

Appunto.

Lo scorso inverno il padre ha organizzato la Florida Winter Series di F.Renault per allenare il figlio in vista della prima stagione in monoposto.

L'ha organizzata nel senso che ha pagato tutto lui, dal noleggio di tutte le monoposto a quello degli autodromi, ingaggio dei vari team e vitto e alloggio per tutti, tecnici e meccanici compresi. Il tutto è durato circa un mese.

Nelle prime gare Lance è sempre partito nelle retrovie, come è normale per un onesto debuttante.

All'ultima gara ha fatto segnare la pole e ha ottenuto due podi. I sorrisini ai box si sono sprecati.

Nessuno mi può far credere che uno come Maisano le possa prendere da Stroll a gioco regolare.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ieri in Gara1 ad Imola Maisano è partito secondo, dietro a Stroll, restandoci per tutta la durata della gara senza provare neanche un minimo attacco. Sono arrivati praticamente in parata.

Link to post
Share on other sites

A parte l'OT, ma perché Maà¯sano corre in Formula 4 dopo essere già  stato protagonista (si fa per dire) in categorie superiori, e neanche pochi anni fa, per giunta?

Link to post
Share on other sites

Norisring, qualifica 2: doppia pole di Verstappen

 

Max Verstappen inarrestabile anche sul giro secco al Norisring: dopo aver conquistato la pole position per gara 1 nella qualifica di ieri, si è ripetuto nelle prove ufficiali che hanno stilato la griglia di partenza per gara 2 e gara 3, ottenendo altre due partenze al palo. Ottimo il suo miglior riscontro: 48"118. L’olandese - che ha pure vinto la prima corsa del weekend in programma questa mattina - ha guidato di misura la graduatoria a metà  della sessione prima che iniziasse a piovere, prendendo poi il largo sul bagnato.

 

Insieme a Verstappen, nella prima fila di gara 2 ci sarà  Esteban Ocon; il portacolori transalpino della Prema ha stampato un 48"206 sufficiente a tenere alle spalle sia Blomqvist che Rosenqvist, con questi ultimi due che l’hanno poi sopravanzato con i migliori secondi tempi per gara 3. Ad appena il suo secondo weekend nell’Europeo FIA F.3, dopo quello belga di Spa-Francorchamps, l’americano Santino Ferrucci ha continuato a sorprendere, trovando una quinta e una sesta piazzola, in terza fila insieme a Jordan King. Ottavo e settimo tempo per Antonio Giovinazzi, mentre Antonio Fuoco ha siglato il nono e 11esimo tempo.

 

Lo schieramento di partenza di gara 2

1. fila

Max Verstappen (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 48"118

Esteban Ocon (Dallara-Mercedes) - Prema - 48"206

2. fila

Tom Blomqvist (Dallara-VW) - Carlin - 48"240

Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Mucke - 48"310

3. fila

Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 48"444

Jordan King (Dallara-VW) - Carlin - 48"447

4. fila

Lucas Auer (Dallara-Mercedes) - Mucke - 48"461

Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 48"586

5. fila

Jake Dennis (Dallara-VW) - Carlin - 48"597

Nicholas Latifi (Dallara-Mercedes) - Prema - 48"625

6. fila

Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 48"660

Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 48"753

7. fila

Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 48"765

Jules Szymkowiak (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 48"821

8. fila

Felix Serralles (Dallara-Mercedes) - West Tec - 48"830

Roy Nissany (Dallara-Mercedes) - Mucke - 48"857

9. fila

Richard Goddard (Dallara-Nissan) - T Sport - 48"987

Tatiana Calderon (Dallara-Mercedes) - Zeller - 49"063

10. fila

Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 49"155

Alexander Toril (Dallara-Nissan) - T Sport - 49"177

11. fila

Dennis Van de Laar (Dallara-Mercedes) - Prema - 49"190

Felipe Guimaraes (Dallara-Mercedes) - Double R - 49"191

12. fila

John Bryant-Meisner (Dallara-Mercedes) - Fortec - 49"322

Hector Hurst (Dallara-Mercedes) - West Tec - 49"430

13. fila

Sandro Zeller (Dallara-Mercedes) - Zeller - 50"154

Mitchell Gilbert (Dallara-Mercedes) - Fortec - 50"838

 

 

Lo schieramento di partenza di gara 3 è determinato dai migliori secondi tempi realizzati in qualifica 2

1. fila

Max Verstappen (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 48"255

Tom Blomqvist (Dallara-VW) - Carlin - 48"299

2. fila

Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Mucke - 48"383

Esteban Ocon (Dallara-Mercedes) - Prema - 48"384

3. fila

Jordan King (Dallara-VW) - Carlin - 48"520

Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 48"553

4. fila

Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 48"594

Jake Dennis (Dallara-VW) - Carlin - 48"647

5. fila

Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 48"665

Lucas Auer (Dallara-Mercedes) - Mucke - 48"672

6. fila

Nicholas Latifi (Dallara-Mercedes) - Prema - 48"764

Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 48"779

7. fila

Felix Serralles (Dallara-Mercedes) - West Tec - 48"887

Roy Nissany (Dallara-Mercedes) - Mucke - 48"912

8. fila

Jules Szymkowiak (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 48"971

Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 49"186

9. fila

Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 49"192

Richard Goddard (Dallara-Nissan) - T Sport - 49"225

10. fila

Dennis Van de Laar (Dallara-Mercedes) - Prema - 49"254

Alexander Toril (Dallara-Nissan) - T Sport - 49"265

11. fila

Felipe Guimaraes (Dallara-Mercedes) - Double R - 49"266

John Bryant-Meisner (Dallara-Mercedes) - Fortec - 49"334

12. fila

Tatiana Calderon (Dallara-Mercedes) - Zeller - 49"356

Hector Hurst (Dallara-Mercedes) - West Tec - 49"559

13. fila

Sandro Zeller (Dallara-Mercedes) - Zeller - 50"184

Mitchell Gilbert (Dallara-Mercedes) - Fortec - 50"958

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=45256&cat=7

Link to post
Share on other sites

Norisring, gara 2: Verstappen danza nella pioggia

 

Vittoria perentoria per Max Verstappen al Norisring. Tra i muretti del cittadino di Norimberga, teatro dell’Europeo FIA F.3 questo weekend, il figlio d’arte olandese non ha concesso sconti a nessuno, imponendosi con grande autorità  in una gara 2 spezzata da una lunga bandiera rossa - chiamata quando la pioggia ha iniziato a intensificarsi - ed interrotta da alcune safety-car per incidenti nelle retrovie. Sull’acqua, il 16enne Verstappen ha mantenuto un passo irraggiungibile per tutti, segnando il giro veloce e incamerando ben 8"827 su Jordan King, in appena 12 tornate sul brevissimo tracciato urbano tedesco. Il pilota della Carlin, da parte sua, non ha potuto fare altro che gestire il secondo posto maturato, dopo l’uscita di scena di alcuni protagonisti.

 

A farne le spese più di tutti è stato Tom Blomqvist, costretto al ritiro nel corso del 21esimo giro, a causa di un contatto con Esteban Ocon. Il francese della Prema, alla ripartenza dopo la bandiera rossa, alla prima staccata del tornantino, infatti, ha provato subito a forzare una manovra sul figlio dell’ex iridato rally, superandolo, salvo poi colpirlo con la posteriore-destra in uscita e beccarsi un drive through per averlo costretto al ritiro. Sotto la bandiera a scacchi così, ne è scaturito un 14esimo posto, tra John-Bryant Meisner ed Hector Hurst, che sta stretto.

 

Sul podio, con Verstappen e King, ci è quindi salito Lucas Auer, sempre costante ed attento ad evitare guai nelle dinamiche di gara, a “salvare” il bilancio del team Mucke, che ha visto in Felix Rosenqvist il festival degli errori. Lo svedese, tra lunghi, contatti ed indecisioni, si è fermato in sesta posizione, alle spalle dello statunitense Santino Ferrucci, quest’ultimo decisamente a suo agio sotto la pioggia e che alla sua seconda apparizione europea ha comunque impressionato dopo una ottima qualifica. Bella soddisfazione per la squadra italiana Eurointernational che ha creduto in Ferrucci fin da subito lo scorso inverno.

 

Sfida tutta italiana, sino a 3 minuti dalla bandiera a scacchi, tra i due Antonio, Giovinazzi e Fuoco. La sfida si è risolta a tre minuti dalla bandiera a scacchi, con il portacolori del Ferrari Driver Academy che ha approfittato di un lungo del pilota Carlin nel corso del 27esimo giro, chiudendo settimo e “trainandosi” il compagno Latifi, con l’altra monoposto Prema.

 

Domenica 29 giugno 2014, gara 2

1 - Max Verstappen (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 32 giri 45'44"818

2 - Jordan King (Dallara-VW) - Carlin - 8"827

3 - Lucas Auer (Dallara-Mercedes) - Mucke - 15"436

4 - Jake Dennis (Dallara-VW) - Carlin - 16"804

5 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 18"057

6 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Mucke - 19"037

7 - Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 20"247

8 - Nicholas Latifi (Dallara-Mercedes) - Prema - 22"608

9 - Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 24"952

10 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 26"845

11 - Felix Serralles (Dallara-Mercedes) - West Tec - 27"291

12 - Dennis Van de Laar (Dallara-Mercedes) - Prema - 29"275

13 - John Bryant-Meisner (Dallara-Mercedes) - Fortec - 31"523

14 - Esteban Ocon (Dallara-Mercedes) - Prema - 35"245

15 - Hector Hurst (Dallara-Mercedes) - West Tec - 37"318

16 - Sandro Zeller (Dallara-Mercedes) - Zeller - 42"089

17 - Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 1 giro

18 - Alexander Toril (Dallara-Nissan) - T Sport - 1 giro

19 - Roy Nissany (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2 giri

20 - Mitchell Gilbert (Dallara-Mercedes) - Fortec - 2 giri

 

Giro più veloce: Max Verstappen in 49"788

 

Ritirati

21° giro - Tom Blomqvist

19° giro - Michele Beretta

15° giro - Tatiana Calderon

2° giro - Jules Szymkowiak

1° giro - Richard Goddard

1° giro - Felipe Guimaraes

 

Il campionato

1.Ocon 286 punti; 2.Verstappen 205; 3.Auer 185; 4.Blomqvist 175; 5.Fuoco 119; 6.Rosenqvist 112; 7.Dennis 107; 8.King 91; 9.Giovinazzi 83; 10.Latifi 81.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=45273&cat=7

Link to post
Share on other sites

Mi sa che Ocon è meglio che non si addormenti...

 

Norisring - gara 3: Verstappen chiude in bellezza

 

Ancora una vittoria per Max Verstappen nella gara 3 del FIA F.3 European, che ha concluso il weekend del circuito cittadino del Norisring. Alla sesta vittoria di fila (dopo le tre di Spa-Francorchamps) in campionato, sfruttando appieno la pole position, l’olandese ha spinto forte fin dall’inizio per cercare di tenere a distanza Esteban Ocon, al quale ha rosicchiato altri preziosi punti nella corsa al titolo, ma non è riuscito a creare un divario più importante dei 4"761 sotto la bandiera a scacchi. Il francese di casa Prema, seppur a leggera distanza, è rimasto sulla scia del portacolori del team Van Amersfoort durante tutta la gara, dopo che entrambi, in partenza, sono stati baciati dalla fortuna.

 

Al via - oltre ad un contatto provocato dal solito “kamikaze” Szymkowiak ai danni di Nissany (finito a muro) - Jake Dennis si è infatti reso protagonista di un vero “strike”, finendo su una riga bianca del traffico urbano, resa viscida dalla pioggia caduta poco prima, quindi piombando sulla prima curva a ruote bloccate, colpendo un sempre più sfortunato Tom Blomqvist. L’incidente – che ha creato un tappo con numerose vetture, tra cui Rosenqvist, Auer, Zeller, Meisner e gli italiani Fuoco e Giovinazzi – ha costretto la direzione gara a far uscire in pista la safety car, congelando la corsa fino al sesto giro.

 

Gara che, appena sotto il podio completato da Jordan King, ha dato un’importante conferma, con lo statunitense Santino Ferrucci che ha regalato all’Eurointernational un altro risultato di spessore, chiudendo al quarto posto davanti a Menezes, con il quale ha fatto un sorpasso in tandem ai danni di Sean Gelael, nel corso del 16esimo giro.

 

L’indonesiano, inoltre, se l’è dovuta vedere anche con il compagno di squadra Antonio Giovinazzi, che lo ha tallonato a lungo, prima che l’italiano si concentrasse sul rientrante Lucas Auer. Il tedesco, nel finale, ha provato in ogni modo a superare il nostro portacolori, finendo però in ottava piazza in un sandwitch tutto italiano con Antonio Fuoco, buon nono davanti alla colombiana Tatiana Calderon, decima.

 

Domenica 29 giugno 2014, gara 3

1 - Max Verstappen (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 40 giri in 35'02"795

2 - Esteban Ocon (Dallara-Mercedes) - Prema - 4"761

3 - Jordan King (Dallara-VW) - Carlin - 7"529

4 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 21"187

5 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 21"779

6 - Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 23"563

7 - Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 25"319

8 - Lucas Auer (Dallara-Mercedes) - Mucke - 25"910

9 - Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 26"394

10 - Tatiana Calderon (Dallara-Mercedes) - Zeller - 26"931

11 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Mucke - 26"986

12 - Alexander Toril (Dallara-Nissan) - T Sport - 30"513

13 - Felix Serralles (Dallara-Mercedes) - West Tec - 30"901

14 - Richard Goddard (Dallara-Nissan) - T Sport - 34"358

15 - John Bryant-Meisner (Dallara-Mercedes) - Fortec - 38"043

16 - Hector Hurst (Dallara-Mercedes) - West Tec - 41"697

17 - Mitchell Gilbert (Dallara-Mercedes) - Fortec - 42"543

18 - Sandro Zeller (Dallara-Mercedes) - Zeller - 43"743

19 - Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 46"411

 

Giro più veloce: Max Verstappen in 48"377

 

Ritirati

14° giro - Nicholas Latifi

9° giro - Felipe Guimaraes

1° giro - Tom Blomqvist

1° giro - Jules Szymkowiak

1° giro - Jake Dennis

1° giro - Roy Nissany

 

Il campionato

1.Ocon 304 punti; 2.Verstappen 230; 3.Auer 189; 4.Blomqvist 175; 5.Fuoco 121; 6.Rosenqvist 112; 7.Dennis 107; 8.King 106; 9.Giovinazzi 89; 10.Latifi 81.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=45276&cat=7

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

A parte l'OT, ma perché Maà¯sano corre in Formula 4 dopo essere già  stato protagonista (si fa per dire) in categorie superiori, e neanche pochi anni fa, per giunta?

Dipende dalle decisioni prese da chi dirige la sua carriera.
Link to post
Share on other sites

Formula 3 Masters moooooolto sottotono

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=45397&cat=10

 

Vittoria solitaria per Max Verstappen nel Masters di Zandvoort andato in scena questo pomeriggio sulla pista olandese. Max, star indiscussa della Formula 3 Europea, ha animato la storica corsa per vetture Formula 3 chiamando sul circuito quasi 15.000 spettatori, che hanno applaudito le sue gesta, divenendo il più giovane vincitore di questa prestigiosa corsa. Dopo la pole ottenuta nella sessione disputatasi sull’asciutto ieri pomeriggio, Max è partito bene dalla piazzola al palo, involandosi solitario al comando. Secondo sotto la bandiera a scacchi era transitato Jules Szymkowiak, ma per aver tamponato Sam MacLeod allo start è stato penalizzato di 20 secondi.

La piazza d’onore è così andata nelle mani di un altro olandese, Steijn Schothorst, che nonostante una penalità  di due posizioni sulla griglia, ha saputo gestire bene il caos della prima curva, conquistando la seconda posizione. Medaglia di bronzo invece per il malese Nabil Jeffri, secondo alfiere Motopark sul podio, davanti al compagno Indy Dontje. L’olandese, proprio come nella Formula 3 tedesca, non è riuscito a tenere il passo degli altri alfieri della compagine teutonica, conquistando almeno la magra consolazione del giro veloce. Conclude settimo il russo Nikita Zlobin, schierato dalla compagine italiana dell’ADM, in rimonta dopo una difficile qualifica.

 

Domenica 6 luglio 2014, gara

1 - Max Verstappen (Dallara F308-Volkswagen) – Motopark – 25 giri 39’49”252
2 - Steijn Schothorst (Dallara F308-Volkswagen) – Performance – 9”779
3 - Nabil Jeffri (Dallara F308-Volkswagen) – Motopark – 10”979
4 - Indy Dontje (Dallara F308-Volkswagen) – Motopark – 11”666
5 - Jules Szymkowiak (Dallara F308-Volkswagen) – Van Amersfoort – 26”330 *
6 - Martin Cao (Dallara F312-Mercedes) – Fortec – 28”602
7 - Nikita Zlobin (Dallara F308-Volkswagen) – ADM – 29”345
8 - Dennis van der Laar (Dallara F308-Mercedes) – Double R – 29”448
9 - Camren Kaminsky (Dallara F312-Mercedes) – Double R – 32”521
10 - Andy Chang (Dallara F312-Mercedes) – Double R – 35”030

Giro veloce: Indy Dontje 1’34”228

Ritirati
0 giri - Sam MacLeod

Link to post
Share on other sites

Quest'anno però ha perso titolazione perché non ha usato il regolamento dell'Europeo FIA, è stata ridotta ad una garetta qualunque. Tecnicamente, non è da considerarsi neanche una gara di Formula 3, stando alle regole FIA.

 

Certo, se uno non ci pensa può dire che Verstappen ha già  vinto una grande corsa :zizi:

Link to post
Share on other sites

Volokolamsk, gara 1: dominio di Ocon

 

Le premesse c’erano tutte, fin dalla qualifica, quando Esteban Ocon ha impresso il più grande distacco agli inseguitori da quando la F.3 continentale è “rinata” nel 2012. E vittoria è stata nel circuito nei pressi di Mosca per il portacolori transalpino della Prema, nonché pilota del programma Junior Lotus F.1, che ha regolato l’intero gruppo conservando la leadership fin dal via e mantenendo un distacco costante, chiudendo quindi con un margine di 1"536 su Jordan King. Per Ocon è stata anche la vittoria che ha, di fatto, interrotto l’incredibile striscia di successi di Max Verstappen.

 

Il britannico della Carlin, al suo terzo podio consecutivo, ha chiuso in seconda piazza, tallonato nelle fasi finali proprio da Verstappen. L’olandese è stato autore di una buona rimonta dalla quarta piazzola, superando subito Lucas Auer, prima di passare poco dopo pure Tom Blomqvist e lanciarsi, con una serie di giri veloci nel finale (la miglior tornata è stata segnata proprio da lui, in 1'29"016), alla caccia del britannico.

 

Quinto ha chiuso l’austriaco Lucas Auer (Mucke), che ha tenuto la posizione per tutta la gara con un passo regolare. Regolarità  che ha contraddistinto anche la corsa di Antonio Fuoco, il quale però ha guadagnato una posizione rispetto al via approfittando della penalità  comminata a Jake Dennis, reo di aver oltrepassato i limiti della pista e quindi costretto a scontare un drive through. Alle sue spalle, Nicholas Latifi (Prema) ha chiuso davanti ai due Felix, Rosenqvist e Serrales, rispettivamente in ottava e nona piazza, davanti a Gustavo Menezes che ha chiuso la top-10.

 

Sabato 12 luglio 2014, gara 1

1 - Esteban Ocon (Dallara-Mercedes) - Prema - 24 giri in 35'47"041

2 - Jordan King (Dallara-VW) - Carlin - 1"536

3 - Max Verstappen (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 2"074

4 - Tom Blomqvist (Dallara-VW) - Carlin - 3"645

5 - Lucas Auer (Dallara-Mercedes) - Mucke - 7"254

6 - Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 11"289

7 - Nicholas Latifi (Dallara-Mercedes) - Prema - 19"679

8 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Mucke - 20"711

9 - Felix Serralles (Dallara-Mercedes) - West Tec - 27"745

10 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 28"561

11 - Jules Szymkowiak (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 31"166

12 - Dennis Van de Laar (Dallara-Mercedes) - Prema - 31"736

13 - Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 33"429

14 - Tatiana Calderon (Dallara-Mercedes) - Zeller - 38"446

15 - Jake Dennis (Dallara-VW) - Carlin - 46"714

16 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 53"334

17 - Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 55"001

18 - Roy Nissany (Dallara-Mercedes) - Mucke - 1'01"097

19 - Hector Hurst (Dallara-Mercedes) - West Tec - 1'12"677

20 - Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 1'24"927

 

Giro più veloce: Max Verstappen in 1'29"016

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=45471&cat=7

Link to post
Share on other sites

Volokolamsk, gara 2

Ocon e Fuoco, doppietta Prema

 

La seconda pole position si è trasformata in vittoria. Indiscusso successo, il secondo in questo weekend al Moscow Raceway, per il francese di casa Prema, Esteban Ocon, che ancora una volta ha regolato il gruppo nella gara 2 del FIA F.3 European. Scattato perfettamente dalla prima piazzola, il pilota del programma Junior Lotus F.1 ha subito dato prova di poter “scappare”, costruendo un buon vantaggio sul compagno di squadra Antonio Fuoco e chiudendo, sotto la bandiera a scacchi con un netto 5"309 di gap.

 

Ottima prova anche da parte di Fuoco. Il pilota della “filiera” del Ferrari Driver Academy, al via in prima fila con Ocon, si è subito ben difeso dagli attacchi di Tom Blomqvist, chiudendogli la porta alla prima curva e mettendo qualche decimo di margine tra le due monoposto. Soltanto nelle fasi finali, il pilota del team Carlin è riuscito a limare alcuni decimi, insidiando il cosentino per il secondo gradino del podio, il quale però è riuscito a resistere e conservare la seconda piazza fino alla bandiera a scacchi.

 

Tra i colpi di scena di gara 2, va certamente menzionato il ritiro a sorpresa dell’olandese Max Verstappen. Il giovanissimo 16enne figlio d’arte, infatti, è stato costretto ad alzare bandiera bianca al 12esimo giro, rientrando al box del team Van Amersfoort dopo aver patito, nella tornata precedente, dei problemi all’alternatore. In campionato, così, Ocon ha potuto ulteriormente ampliare il proprio margine.

 

Gara da dimenticare per gli altri colori italiani, con Antonio Giovinazzi punito da un drive through per aver oltrepassato i limiti della pista, ma soprattutto con Michele Beretta, anch’esso penalizzato da un drive through per una partenza anticipata e poi richiamato per un’altra penalità , in quanto durante la prima ha infranto il limite di velocità  nella pit-lane. Il portacolori dell’Eurointernational inizialmente (al quinto giro) pensa al ritiro, buttando via i guanti, quindi riprende all’undicesima tornata, compiendo pure un testacoda al 20esimo giro e quindi ritirandosi definitivamente.

 

Domenica 13 luglio 2014, gara 2

1 - Esteban Ocon (Dallara-Mercedes) - Prema - 24 giri in 35'42"871

2 - Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 5"309

3 - Tom Blomqvist (Dallara-VW) - Carlin - 5"842

4 - Lucas Auer (Dallara-Mercedes) - Mucke - 7"028

5 - Jordan King (Dallara-VW) - Carlin - 8"685

6 - Jake Dennis (Dallara-VW) - Carlin - 13"728

7 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Mucke - 15"890

8 - Nicholas Latifi (Dallara-Mercedes) - Prema - 23"652

9 - Dennis Van de Laar (Dallara-Mercedes) - Prema - 26"583

10 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 26"621

11 - Felix Serralles (Dallara-Mercedes) - West Tec - 27"192

12 - Tatiana Calderon (Dallara-Mercedes) - Zeller - 29"846

13 - Jules Szymkowiak (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 31"485

14 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 34"724

15 - Roy Nissany (Dallara-Mercedes) - Mucke - 38"165

16 - Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 50"904

17 - Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 1 giro

 

Giro più veloce: Esteban Ocon in 1'28"623

 

Ritirati

15° giro - Michele Beretta

12° giro - Max Verstappen

1° giro - Hector Hurst

 

Il campionato

1.Ocon 354; 2.Verstappen 245; 3.Auer 211; 4.Blomqvist 202; 5.Fuoco 147; 6.King 134; 7.Rosenqvist 122; 8.Dennis 115; 9.Latifi 91; 10.Giovinazzi 89.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=45487&cat=7

Link to post
Share on other sites

Volokolamsk, gara 3: Ocon all'ultimo respiro

 

L’ultima corsa del weekend russo del FIA F.3 European al Moscow Raceway ha riservato emozioni per cuori forti. La gara, infatti, ha riservato subito uno scossone al via, con una serie di drive through per partenze anticipate (il più rilevante dei quali ha colpito Tom Blomqvist, autore poi di una bella rimonta e del giro veloce), e una safety car resasi necessaria per un incidente nelle retrovie. Con la bagarre che imperversava a centro classifica, al vertice della corsa le posizioni rimanevano invece pressoché invariate.

 

Il transalpino di Prema Esteban Ocon, ha conservato la sua pole position, mentre l’anglo-svedese della Carlin ha dovuto scontare la penalità  inflitta dai commissari, facendo guadagnare una posizione sia a Max Verstappen sia ad Antonio Fuoco, quest’ultimo bravo a respingere gli attacchi iniziali di Jordan King. E proprio il britannico, ampiamente superato il giro di boa della corsa, alla 16esima tornata si è reso protagonista di un’altra azione spettacolare, nel rispondere agli attacchi di Lucas Auer. L’austriaco, con una manovra decisa, ha superato il portacolori della Carlin, il quale però ha risposto a stretto giro di posta, due curve più tardi, facendo decollare l’avversario e costringendo entrambi al ritiro.

 

Inevitabile la safety car, rimasta in pista per ben tre giri per far rimuovere le vetture dalla via di fuga, riducendo la corsa ad un unico giro lanciato, che di fatto ha deciso il podio finale. Con i distacchi praticamente annullati, in ripartenza Verstappen ha provato a infilare Ocon all’ultima curva, che immette sul rettifilo dei box, affiancando il transalpino del programma Junior Lotus F.1, il quale non si è fatto intimorire e, dopo un emozionante ruota-a-ruota, ha dettato la sua legge alla prima staccata. Messo alle corde, il 16enne figlio d’arte olandese è stato quindi costretto ad andare oltre il cordolo, accodandosi alla monoposto del team Prema e dovendosi guardare dagli attacchi pure di Antonio Fuoco, il quale ha anch’esso provato a superare la monoposto del team Van Amersfoort. Un finale, questo moscovita, che più thrilling davvero non poteva essere…

 

Domenica 13 luglio 2014, gara 3

1 - Esteban Ocon (Dallara-Mercedes) - Prema - 20 giri 36'08"124

2 - Max Verstappen (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 0"691

3 - Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 1"202

4 - Jake Dennis (Dallara-VW) - Carlin - 1"918

5 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Mucke - 2"371

6 - Dennis Van de Laar (Dallara-Mercedes) - Prema - 2"824

7 - Tom Blomqvist (Dallara-VW) - Carlin - 3"502

8 - Tatiana Calderon (Dallara-Mercedes) - Zeller - 4"094

9 - Hector Hurst (Dallara-Mercedes) - West Tec - 5"525

10 - Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 6"230

11 - Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 6"991

12 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 8"582

13 - Jules Szymkowiak (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 8"776

14 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 9"175

15 - Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 9"665

16 - Roy Nissany (Dallara-Mercedes) - Mucke - 1 giro

17 - Nicholas Latifi (Dallara-Mercedes) - Prema - 2 giri

 

Giro più veloce: Tom Blomqvist in 1'28"694

 

Ritirati

16° giro - Lucas Auer

16° giro - Jordan King

1° giro - Felix Serrales

 

Il campionato

1.Ocon 379 punti; 2.Verstappen 263; 3.Auer 211; 4.Blomqvist 208; 5.Fuoco 162; 6.King 134; 7.Rosenqvist 132; 8.Dennis 127; 9.Latifi 91; 10.Giovinazzi 90.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=45492&cat=7

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

Spielberg - Gara 1

Vince Blomqvist, Giovinazzi 2° nel Far West

 

Quarta vittoria stagionale per Tom Blomqvist nella prima corsa di Spielberg e secondo posto per Antonio Giovinazzi, al secondo podio stagionale dopo il secondo posto di Hockenheim gara 2. I due piloti Carlin partivano dalla seconda fila e subito si sono ritrovati campo libero davanti a loro. àˆ infatti accaduto che alla prima curva, Esteban Ocon (partito non benissimo dalla pole), ha mantenuto una linea di pista centrale mentre Max Versappen (che partiva al suo fianco in prima fila) ha tentato il tutto per tutto all'interno del francese. L'olandese però, ha preso il cordolo ed ha allargato la traiettoria speronando il francese che ha piroettato nella via di fuga. Ocon ha ripreso la pista concludendo tredicesimo, Verstappen ha proseguito con l'ala danneggiata salendo sul terzo gradino del podio.

 

Far West in F.3, Verstappen impunito

Verstappen, evidentemente gasato per le voci di passaggio diretto in F.1 con la Toro Rosso (vedi news Italiaracing F.1) e la presenza di Helmut Marko sullo schieramento di partenza, ha dimostrato ancora una volta di non avere troppo rispetto per i rivali. E anche poca intelligenza tattica, una mentalità  ancora da kartista, ambiente in cui è diventato famoso, oltre che per le sue vittorie, anche per la condotta non proprio consona. Incredibilmente, a Verstappen durante i 24 giri in programma non è stato comminato nessun drive-through. Così come non è stata assegnata una penalità  a Nicholas Latifi che, dopo un testacosa solitario quando era settimo, ha poi fatto quasi capotare Jules Szymkowiak, o a Jake Dennis che per superare Felix Rosenqvist ha costretto lo svedese nella via di fuga. Un vero Far West. Resta da vedere se saranno assegnate penalità  per le gare successive del weekend austriaco. Di certo, eliminando Ocon, il campionato rimane aperto e questo non può che far bene agli organizzatori della serie europea e alla FIA.

 

Tornando alla gara, Blomqvist si è subito ritrovato al comando con Giovinazzi che non lo ha mollato mai. L'italiano ha anche sferrato l'attacco verso l'11° passaggio, ma l'inglese si è ben difeso. Alla fine Giovinazzi ha mollato concludendo a 4"089 da Blomqvist. Terzo come detto, Verstappen, che ha approfittato del duello rusticano tra Dennis e Rosenqvist. L'inglese ha poi concluso quarto battendo lo svedese. Da rilevare che le prime quattro posizioni sono tutte per motori Volkswagen e tre monoposto sono del team Carlin, decisamente ripresosi dopo una stagionale troppo altalenante.

 

Sesta piazza finale per Antonio Fuoco. L'italiano della Prema ha respinto gli attacchi di Gustavo Menezes e nella parte centrale della corsa si è ritrovato Verstappen davanti dopo una divagazione fuori pista del pilota di Van Amersfoort. Fuoco ha tentato di superarlo, ma Verstappen con durezza e qualche zig-zag (sembra che tutto gli sia consentito) ha chiuso la porta. Settimo l'americano Menezes, poi Dennis Van de Laar, bene a punti davanti a Jordan King e Lucas Auer. In casa Eurointernational, Michele Beretta ha terminato ventiduesimo dopo un testacoda mentre era in bagarre con John Bryant-Meisner mentre Santino Ferrucci è stato spedito in testacoda da un altro pilota.

 

Sabato 2 agosto 2014, gara 1

1 - Tom Blomqvist (Dallara-VW) - Carlin - 24 giri 34'22"248

2 - Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 4"089

3 - Max Verstappen (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 8"671

4 - Jake Dennis (Dallara-VW) - Carlin - 11"750

5 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Mucke - 13"187

6 - Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 15"652

7 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 16"416

8 - Dennis Van de Laar (Dallara-Mercedes) - Prema - 20"375

9 - Jordan King (Dallara-VW) - Carlin - 20"970

10 - Lucas Auer (Dallara-Mercedes) - Mucke - 21"531

11 - Roy Nissany (Dallara-Mercedes) - Mucke - 27"718

12 - Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 28"487

13 - Esteban Ocon (Dallara-Mercedes) - Prema - 29"038

14 - Felix Serralles (Dallara-Mercedes) - West Tec - 31"778

15 - Tatiana Calderon (Dallara-Mercedes) - Mucke - 32"544

16 - Hector Hurst (Dallara-Mercedes) - West Tec - 43"387

17 - Alexander Toril (Dallara-Nissan) - T Sport - 43"788

18 - Sandro Zeller (Dallara-Mercedes) - Zeller - 45"608

19 - Alfonso Celis (Dallara-Mercedes) - Fortec - 46"950

20 - John Bryant-Meisner (Dallara-Mercedes) - Fortec - 49"174

21 - Richard Goddard (Dallara-Nissan) - T Sport - 53"067

22 - Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 1'05"641

 

Giro più veloce: Antonio Giovinazzi 1'25"313

 

Ritirati

19° giro - Santino Ferrucci

17° giro - Edward Jones

14° giro - Nicholas Latifi

13° giro - Jules Szymkowiak

 

Il campionato

1.Ocon 379; 2.Verstappen 278; 3.Blomqvist 233; 4.Auer 212; 5.Fuoco 170; 6.Rosenqvist 142; 7.Dennis 139; 8.King 136; 9.Giovinazzi 108; 10.Latifi 91.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=46706&cat=7

Link to post
Share on other sites

Verstappen è stato penalizzato di 5 secondi per una manovra di sorpasso su Fuoco, quindi è retrocesso in 5° posizione.

Niente penalità  per la boiata che ha fatto al via (tra l'altro insistendo nel dare la colpa a Ocon...):

Link to post
Share on other sites

Spielberg - Gara 2

Vince Fuoco, Giovinazzi che peccato!

 

Potevamo avere due Antonio sui primi due gradini del podio di gara 2 a Spielberg. Sarebbe stata una storica doppietta tricolore per il campionato, con Giovinazzi primo e Fuoco secondo. Invece, non è andata così. A tre minuti dal traguardo, la direzione gara ha comunicato che Giovinazzi, primo fin dalla partenza, avrebbe subìto un drive through per avere lasciato troppo spazio tra sè e la safety-car (l'ultimo dei tre interventi necessari durante la corsa) ed avere rallentato troppo. Peccato, una situazione che Giovinazzi evidentemente non ha valutato e che gli è costata carissimo: la sua prima vittoria nel FIA F.3 dopo aver condotto magistralmente ogni giro di una difficile gara 2. Non era infatti facile mantenere la concentrazione elevata con tutte le interruzioni dovute alle varie safety-car entrate in pista.

 

Il primo posto è quindi stato assegnato a Fuoco, secondo sotto la bandiera a scacchi. Il rookie del team Prema aveva vinto nel primo appuntamento stagionale la terza gara di Silverstone, poi ha vissuto un po' di alti e bassi, ma dal Norisring ha ingranato la giusta marcia. Fuoco partiva dalla seconda fila ed è stato abile nel liberarsi velocemente di Lucas Auer e di Tom Blomqvist. Sono stati due sorpassi decisivi perché gli hanno permesso di portarsi a ridosso di Giovinazzi, scattato bene dalla pole, e di mantenersi costantemente alle sue spalle tenendo a bada Blomqvist. Una bella prestazione che è stata premiata con la coppa più grande.

 

Dopo la vittoria in gara 1, Blomqvist acquisisce altri punti pesanti grazie al secondo posto finale mentre sul terzo gradino è salito un regolare Lucas Auer che riscatta un inizio di weekend non troppo entusiasmante. Max Verstappen ha firmato la quarta posizione. Dopo un incredibile contatto in pieno rettifilo con Jake Dennis, l'olandese ha poi superato l'inglese quando ha dovuto rallentare nel finale per un problema tecnico. Anche per lui i punti incassati valgono oro perché Esteban Ocon per la seconda volta consecutiva è finito fuori dalla top 10. Se ieri dopo essere stato colpito da Verstappen aveva rimontato da ultimo a tredicesimo, questa volta si è fermato ai box dopo un errore grossolano alla staccata della prima curva. Affiancato Felix Rosenqvist, Ocon si è spostato verso sinistra urtando inevitabilmente lo svedese, anche lui costretto al ritiro, e finendo in testacoda. Michele Beretta ha affrontato vari duelli finché non ha commesso un piccolo errore, ma è riuscito a proseguire e concludere diciassettesimo.

 

Tanti gli errori e le safety-car, dicevamo. Il primo testacoda è stato di Roy Nissany, però ripartito grazie all'aiuto dei commissari di pista. Jordan King, mentre duellava con Verstappen, ha preso un cordolo che gli ha aperto la sospensione anteriore destra spedendolo in testacoda e chiamando la prima SC. C'è poi stato un contatto tra Nicholas Latifi e Felix Serralles, che guidando da rallista è riuscito a uscire dalla ghiaia ritirandosi poi ai box, ma poco dopo Dennis Van de Laar si è girato alla prima curva bloccandosi. Seconda SC. Richard Goddard, spesso sopra le righe quest'anno, si è reso protagonista di un incidente piuttosto violento sbagliando la staccata alla seconda curva, urtando prima Nissany poi piombando su Sandro Zeller che stava impostando la piega. Terza SC.

 

Domenica 3 agosto 2014, gara 2

1 - Antonio Fuoco (Dallara-Mercedes) - Prema - 22 giri 35'21"893

2 - Tom Blomqvist (Dallara-VW) - Carlin - 0"398

3 - Lucas Auer (Dallara-Mercedes) - Mucke - 1"845

4 - Max Verstappen (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 3"778

5 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 4"684

6 - Edward Jones (Dallara-VW) - Carlin - 5"737

7 - Sean Gelael (Dallara-VW) - Carlin - 6"344

8 - Nicholas Latifi (Dallara-Mercedes) - Prema - 7"105

9 - Jules Szymkowiak (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 7"831

10 - Alexander Toril (Dallara-Nissan) - T Sport - 8"624

11 - John Bryant-Meisner (Dallara-Mercedes) - Fortec - 9"601

12 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 9"985

13 - Tatiana Calderon (Dallara-Mercedes) - Mucke - 10"652

14 - Roy Nissany (Dallara-Mercedes) - Mucke - 12"191

15 - Alfonso Celis (Dallara-Mercedes) - Fortec - 14"612

16 - Antonio Giovinazzi (Dallara-VW) - Carlin - 18"215 *

17 - Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Eurointernational - 23"757

18 - Jake Dennis (Dallara-VW) - Carlin - 1 giro

19 - Hector Hurst (Dallara-Mercedes) - West Tec - 1 giro

* Penalizzato di 20"

 

Giro più veloce: Antonio Giovinazzi 1'25"135

 

Ritirati

15° giro - Sandro Zeller

15° giro - Richard Goddard

11° giro - Esteban Ocon

10° giro - Felix Rosenqvist

8° giro - Dennis Van de Laar

7° giro - Felix Serralles

2° giro - Jordan King

 

Il campionato

1.Ocon 379; 2.Verstappen 285; 3.Blomqvist 251; 4.Auer 227; 5.Fuoco 195; 6.Rosenqvist 144; 7.Dennis 142; 8.King 136; 9.Giovinazzi 108; 10.Latifi 95.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=46719&cat=7

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...