Vai al contenuto
alessandrosecchi

01. Gran Premio d'Australia 2019 | Melbourne

Recommended Posts


In fondo è una variabile minima. Un conto è dare un punto in un sistema dove il punteggio era 8-6-4-3-2 (come negli anni '50), altra cosa è dare un punto quando la vittoria è 25 punti.

  • Like 4

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

è importante la discriminante del dover arrivare nelle prime 10 posizioni. Questo mette al riparo da una Toro Rosso che monta le soft negli ultimi tre giri solo per fare il GPV.

  • Like 4

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 minuti fa, alessandrosecchi ha scritto:

è importante la discriminante del dover arrivare nelle prime 10 posizioni. Questo mette al riparo da una Toro Rosso che monta le soft negli ultimi tre giri solo per fare il GPV.

Vero.

Oppure potevano stabilire che è necessario completare l'intera distanza a pieni giri, senza venir doppiati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Con questo sistema Massa avrebbe vinto il titolo nel 2008.

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Osrevinu ha scritto:

Con questo sistema Massa avrebbe vinto il titolo nel 2008.

C’era ancora il sistema a 10 del primo. Quindi il giro veloce influiva per un 10% del massimo punteggio ottenibile oggi sarebbe del 4% ( se ho fatto bene i conti). 

È molto improbabile che decida il campionato alla fine.  Un 10% in caso di campionato teso è molto significativo. 

 

Forse nel 2016 avrebbe potuto condizionare l’esito. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)
7 ore fa, Osrevinu ha scritto:

Con questo sistema Massa avrebbe vinto il titolo nel 2008.

Anche no, visto che dal primo gp 2008 tutti avrebbero adottato strategie diverse visto il possibile punto aggiuntivo

Modificato da Mak
  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

MONDIALE FINITO!!!

Scusate, è tradizione...

  • Lol 2
  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dico solo "testa bassa e lavorare, cialtroni"... (cit.)

 

  • Lol 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, sundance76 ha scritto:

In fondo è una variabile minima. Un conto è dare un punto in un sistema dove il punteggio era 8-6-4-3-2 (come negli anni '50), altra cosa è dare un punto quando la vittoria è 25 punti.

 

Se ci dovesse essere un certo equilibrio ogni minimo dettaglio potrebbe fare la differenza, anche un punto in più o in meno.

 

10 ore fa, Osrevinu ha scritto:

Con questo sistema Massa avrebbe vinto il titolo nel 2008.

 

Forse Raikkonen (:asd:).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Massa. Fece tre giri più veloci, Hamilton uno. Massa avrebbe chiuso a 100 punti e Hamilton a 99.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 hours ago, alessandrosecchi said:

è importante la discriminante del dover arrivare nelle prime 10 posizioni. Questo mette al riparo da una Toro Rosso che monta le soft negli ultimi tre giri solo per fare il GPV.

la cosa che non ho capito è se premieranno il miglior tempo assoluto, o il miglior tempo registrato dai primi 10 al traguardo.

Se è la prima, potrebbe non essere sempre assegnato, e aprirebbe anche a delle strategie cross team (Ferrari-Mercedes-Honda), per sottrarre il punto al rivale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, Yoong ha scritto:

la cosa che non ho capito è se premieranno il miglior tempo assoluto, o il miglior tempo registrato dai primi 10 al traguardo.

Se è la prima, potrebbe non essere sempre assegnato, e aprirebbe anche a delle strategie cross team (Ferrari-Mercedes-Honda), per sottrarre il punto al rivale.

Si guarda il giro più veloce tra tutti i piloti. Se chi l'ha fatto segnare è poi arrivato in top ten si prende il punto ;) 

  • Like 3

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Boh, cosi', senza analizzare più' di tanto, non avrei niente in contrario se il punto andasse a chiunque, senza guardare se e' finito in top ten oppure no...
Ok, importante che abbia finito la gara, non so, con non più' di un giro di ritardo... Poi, se scuderie minori faranno di tutto per prendersi almeno sto punto, e chi se ne frega, meglio che non darlo a nessuno, se gia' c'e'... Non vedo un grande problema se poi la Haas o la Williams avranno 2 o 3 punti a fine stagione... E poi, con tutte le furbizie, non hai garanzie che poi il GPV lo farai. Se Vettel o Lewis mettono giù' il piede addio strategie a riguardo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Potrebbe anche influenzare maggiormente le scelte delle gomme per la qualifica? Non dico per i top team, ma per i team di metà classifica. Credo che potrebbero esserci scelte molto più eterogennee. Molto poi dipenderà da quali sarnno i valori in campo e la differenza prestazionale delle gomme. I top team potrebbero anche decidere di accorciare lo stint finale e fare un pit supplementare su gomme più morbide, se il gruppo risulterà staccato. Il primo che entra (forse l'unico, per evitare un eventuale undercut) potrebbe ridurre lo scarto di punti rispetto l'avversario diretto.

Mi immagino già la redbull fare sistematicamente questa strategia. :zizi:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Race Programme

2019 Australia.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
41 minuti fa, Yoong ha scritto:

la cosa che non ho capito è se premieranno il miglior tempo assoluto, o il miglior tempo registrato dai primi 10 al traguardo.

Se è la prima, potrebbe non essere sempre assegnato, e aprirebbe anche a delle strategie cross team (Ferrari-Mercedes-Honda), per sottrarre il punto al rivale.

In Formula 2 e GP3 hanno sempre guardato il migliore in top ten, non so se qui sia diverso ma non credo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ah no, leggo ora che se lo fa un pilota fuori dalla top ten il punto non è assegnato :asd: cazzata atomica :asd: 

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ah beh, i "junior" team avranno parecchio da fare, allora.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Anche senza questa clausola è difficile che una macchina che sta fuori dalla top 10 normalmente sia in grado di fare il giro veloce.

Cmq rimane una vaccata , avrebbe avuto più senso quando c'era competizione tra più fornitori di gomme .

Oggi con le mescole tutte standardizzate  c'è un picco di prestazione massima vincolato e quindi  prevedibile. Nessuna libertà di movimento.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

probabilmente vedremo molti team dal quinto posto in giu tentare la sosta finale, perché tra di loro un punto da differenza.

 

Io piuttosto darei punti per l'hat trick o il grand chelem.

 

Modificato da Nameless Hero
  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)
24 minutes ago, alexf1fan said:

 

Anche senza questa clausola è difficile che una macchina che sta fuori dalla top 10 normalmente sia in grado di fare il giro veloce.

Cmq rimane una vaccata , avrebbe avuto più senso quando c'era competizione tra più fornitori di gomme .

Oggi con le mescole tutte standardizzate  c'è un picco di prestazione massima vincolato e quindi  prevedibile. Nessuna libertà di movimento.

Beh dipende, in passato ci sono state stagioni (2012 ad esempio) in cui non era raro vedere piloti fuori dai primi dieci fare il giro veloce, grazie ad una sosta ritardata. In gare con distacchi contenuti il rischio sarebbe stato di vedere i piloti tagliati fuori dalla lotta per i punti fermarsi apposta per tentare il giro veloce, così invece non ne vale la pena. 

In fasi avanzate della stagione, poi, un top team potrebbe anche decidere di penalizzare il secondo pilota fermandolo una volta in più per tentare il giro veloce, ma penso che per questo basti il deterrente dei punti persi nel mondiale costruttori.

Però nel caso in cui uno dei piloti dei top team finisca nelle retrovie per qualche problema senza la possibilità di rimontare, c'è il rischio che venga fatto fermare per togliere il gpv a un rivale. Non è uno scenario molto comune, ma neanche così remoto da escluderlo a priori.

Modificato da Guglielmi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, Guglielmi ha scritto:

Beh dipende, in passato ci sono state stagioni (2012 ad esempio) in cui non era raro vedere piloti fuori dai primi dieci fare il giro veloce, grazie ad una sosta ritardata. In gare con distacchi contenuti il rischio sarebbe stato di vedere i piloti tagliati fuori dalla lotta per i punti fermarsi apposta per tentare il giro veloce, così invece non ne vale la pena. 

In fasi avanzate della stagione, poi, un top team potrebbe anche decidere di penalizzare il secondo pilota fermandolo una volta in più per tentare il giro veloce, ma penso che per questo basti il deterrente dei punti persi nel mondiale costruttori.

Però nel caso in cui uno dei piloti dei top team finisca nelle retrovie per qualche problema senza la possibilità di rimontare, c'è il rischio che venga fatto fermare per togliere il gpv a un rivale. Non è uno scenario molto comune, ma neanche così remoto da escluderlo a priori.

 

Riguardo il primo grassetto potrebbe anche verificarsi una situazione di questo genere: uno, anche in gruppo, a 15 giri dalla fine fa la sosta supplementare per montare le gomme più morbide contando sul fatto che con queste non solo farà sicuramente il gpv, ma potrà anche rimontare diverse posizioni. In anni anche abbastanza recenti si sono viste strategie di questo tipo.

 

Secondo grassetto: vero.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Negli ultimi anni il distacco tra top team e gli altri è tale da dare la possibilità di fare una sosta. Nel caso in cui un top driver si troverà senza la possibilità di raggiungere il pilota davanti, tenterà sicuramente il gpv.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

×