Vai al contenuto

Recommended Posts

Parte la W Series per sole donne...

‘W Series’ launched to mixed reviews in bid to increase number of women drivers challenging men in F1

w-series.jpg?w968

The series, which is supported by ex-F1 driver David Coulthard and designed Adrian Newey, hopes to increase the number of female drivers competing at the top of the motorsport ladder...

A new all-female racing series, launched on Wednesday and supported by former grand prix driver David Coulthard and top designer Adrian Newey, is aiming to help women racers get to Formula One.

https://is.gd/Rqvrcp

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pedro De La Rosa, former Formula 1 driver

“I welcome and applaud the inauguration of W Series, which looks set to be a game-changer for female racing drivers globally. The journey from junior karting to Formula 1 is obviously an extremely difficult one for all drivers – male as well as female – but history tells us that it has been hardest of all for girls who, despite their talent, haven’t been able to graduate in sufficient numbers from junior karting to senior car racing. So I very much hope and expect that W Series will change that, and I look forward to seeing the results of this exciting innovation unfold.”

 

Natalie Pinkham, motorsport TV presenter and reporter

“I’m so excited about the launch of W Series. Talented female drivers have traditionally found it difficult to get on in the world of motorsport, through no fault of their own. I’m therefore delighted that W Series has embraced their cause by inaugurating a free-to-enter all-female race series that will enable a much larger number of women to race, learn, improve and of course win. Progress has been made, but more needs to be done. After all, a woman last started a Formula 1 Grand Prix 42 long years ago. Now, boosted by the advantage of two or three seasons in W Series, and all the learning that will entail, I truly believe a woman will win a Formula 1 Grand Prix at some point in the near future. I long for a world where my daughter will have exactly the same opportunities as my son, and W Series means we’re a step closer to achieving that in motorsport.”

 

Kevin Magnussen, Haas F1 driver

“When I was karting as a boy, I raced a few girls who were talented and quick. But there weren’t many of them – a lot more boys than girls go karting and that’s a fact – so I welcome W Series and hope it’ll help female racers progress their careers. I’ll be watching closely!”

 

John Watson, former Formula 1 driver

“I started 152 Grands Prix between 1973 and ’85 and won five of them. I raced with some of the greatest drivers of the era – Jackie Stewart, Emerson Fittipaldi, Niki Lauda, James Hunt, Mario Andretti, Jody Scheckter, Alan Jones, Nelson Piquet, Keke Rosberg, Alain Prost, champions all – but I also raced with Lella Lombardi, who in ’75 became the first and so far only woman to score a point in a Grand Prix, half a point actually because she finished sixth but half points were awarded owing to the race having been red-flagged after just 29 of the scheduled 75 laps. It was a topsy-turvy race, marred by the tragic death of five spectators who were hit by a flying car, and I finished eighth, two places behind Lella. If you’d told me then that 42 years later Lella would still be the most recent female driver to start a Grand Prix, and the only one to trouble the scorers, I’d have said you were mad. But, shockingly, it’s true. W Series aims to address that, and I heartily endorse that ambition. I firmly believe that, given the right opportunities, women are eminently capable of racing on level terms against men, and, once W Series has given a select group of women those right opportunities, I look forward to seeing it finally come to pass.”

 

Richard Burden MP

“As Chair of the All-Party Parliamentary Motor Group and as a motorsport fan, I’m delighted and excited by the launch of W Series. I firmly believe that, given the same opportunity, women can race every bit as fast as men can. W Series will give a number of women who haven’t previously had that opportunity a chance to prove just that. In doing so, it can offer a pathway for some of them to go on to race in a range of the world’s premier motorsport series – hopefully including Formula 1. In addition, as well as providing direct opportunities for the women who race in W Series, I also hope that the initiative will have wider impact in breaking down barriers to women playing a greater role in motorsport more broadly – in management, technical, design and engineering roles as well as in driving. Seeing role models in in motorsport will, I hope, in turn inspire more girls to study STEM subjects at schools, colleges and universities, developing high-skill careers in disciplines critical to the success of a modern economy.”

 

Gerhard Berger, former Formula 1 driver

“Some of the greatest sports stars in the world are women, and that has been the case for a long time. However, in motorsport, the number of women who have reached the winners’ podium in top international categories is really, really small. I want to see women one day race cars at the highest levels against men. W Series will give female drivers the necessary skills and experience that they currently lack in order to raise their performance to the level required to compete against men at the highest levels, and I’ll definitely therefore be watching the W Series races closely and with great interest.”

 

Stéphane Kox, Racer

“W Series sounds like it’s going to be a really positive addition to the global motorsport scene, and it’ll clearly be a big help to ambitious female racing drivers everywhere. Having spoken to the W Series organisation, it’s clear that they understand that we women drivers aspire to race. Speaking for myself, I want to be a racing driver at the highest level possible and to be able to race against the best drivers, men and women. In order to be able to do so, it’s important that first we gain the kind of experience that W Series will provide.”

 

Vicky Piria, Racer

“I’m very excited about the launch of W Series, which is an extremely positive development for women drivers. W Series will be an important stepping-stone that will give us valuable experience and learning opportunities, as well as great racing, and will provide an excellent springboard from which we can progress our careers onwards and achieve our ultimate ambitions.”

 

Jamie Chadwick, Racer

“W Series is giving female drivers another platform to go racing. It’s no secret that motorsport is an incredibly tough industry often dictated by financial factors. As a funded championship, W Series not only offers a fantastic opportunity for top female talent to race but will also encourage many more young females to enter the sport. I’m a racing driver and, if I could, I would race 365 days of the year. I will still race against men in other championships but W Series is the perfect supplement to help me develop and progress further through the junior motorsport ranks. I’m excited about what’s to come!”

 

Tatiana Calderon, Racer

“Having raced for more than a decade in karting, Formula 3, GP3 and World Series among others, but having been a very small minority in getting that far in motorsport, I know how difficult it is for female drivers to get opportunities to progress their careers. Hopefully this series help provide those opportunities to some young rising female talent and eventually allow the best to prove that we can compete at the same level as men.”

 

Nick Bitel, Chair of Sport England

“I’m absolutely delighted to welcome W Series to the motorsport world as it seeks to address gender imbalance and helps female drivers realise their full potential. Sport England’s research reveals a huge difference in the number of men and women taking part in sport and radical initiatives like W Series are needed to help drive the necessary change.”

 

Alice Powell, Racer

“Climbing the motorsport ‘ladder’ has always been difficult for all drivers, but perhaps even more so for women. W Series, which will offer free-of-charge racing with prize money for a select number of women starting next year, is therefore a really positive development. It’s also an important means to an end: a stepping stone for female drivers on their journeys from the lower formulae to more senior single-seater series, taking the skills they’ve learned in W Series on the way.”

 

Courtney Crone, Racer

“Although I’m only 17 I’ve been racing for a long time – I started when I was only four years old. I won the Formula Speed 2.0 class in the Formula Car Challenge Series this year, winning nine out of 14 races. I’m ambitious, as you’d expect, and I obviously want my racing career to be a successful one. For that reason I’m really excited to hear about W Series, which will be a big help for all female racing drivers I think. To be a success in racing you need natural ability but you also need the opportunity to learn. W Series will give young female drivers that opportunity.”

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non so cosa pensare sinceramente, la trovo una cosa un po' discriminatoria.

In generale, credo che le ragazze già affermate (una Floersch a caso, ma anche la stessa Calderón) si terranno alla larga il più possibile da questo campionato. Ma del resto il concetto sembra essere quello di "lanciare" ragazze che magari hanno difficoltà di budget, perché la vettura utilizzata è una Formula 3.

Sul discriminatorio mi spiego, anche se è intuibile: su pista, a pari mezzo le donne hanno dimostrato ampiamente di potersela giocare con gli uomini, non è una cosa prettamente fisica come il motocross dove le ragazze pigliano dieci secondi al giro dai ragazzi. Allora sì che un campionato femminile ha senso. Qui ha senso solo nell'ottica di aiutare le ragazze a mettersi in mostra superando quelli che possono essere i problemi economici della gioventù.

  • Like 3

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sinceramente sono un po' perplesso.
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche a me non piace questo tipo di soluzione, però se la struttura della competizione resta meritocratica così com'è stata presentata, allora non sarebbe poi così male. Questa W Series dovrebbe solamente rappresentare un trampolino di lancio per quelle ragazze che, per un motivo o per un altro, non sono riuscite a competere nelle categorie minori, ma sono magari piene di talento.
Il punto è che intorno a quest'argomento deve cambiare un po' tutta la cultura del motorsport. Nonostante questa W Series che, ripeto, se fatta bene reputo un'aggiunta positiva al panorama motoristico, non credo vedremo tanto presto una donna su una griglia di partenza di F1.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, R18 ha scritto:

Non so cosa pensare sinceramente, la trovo una cosa un po' discriminatoria.

In generale, credo che le ragazze già affermate (una Floersch a caso, ma anche la stessa Calderón) si terranno alla larga il più possibile da questo campionato. Ma del resto il concetto sembra essere quello di "lanciare" ragazze che magari hanno difficoltà di budget, perché la vettura utilizzata è una Formula 3.

Sul discriminatorio mi spiego, anche se è intuibile: su pista, a pari mezzo le donne hanno dimostrato ampiamente di potersela giocare con gli uomini, non è una cosa prettamente fisica come il motocross dove le ragazze pigliano dieci secondi al giro dai ragazzi. Allora sì che un campionato femminile ha senso. Qui ha senso solo nell'ottica di aiutare le ragazze a mettersi in mostra superando quelli che possono essere i problemi economici della gioventù.

Non dimentichiamo che alla Dakar (non  una corsa qualunque) le donne con a capo Laia Sanz competono con gli uomini 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Assolutamente contro ad eccezione di quei casi che per motivi economici non abbiano molti mezzi a disposizione. Per me le donne devono correre alla pari degli uomini altrimenti non avremmo mai parlato di Amati, De Filippis Lombardi (che pur non avendo lasciato il segno correvano con delle bare a ruote), Patrick e così via. 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Assolutamente d'accordo. 

Io non la penso come R18 sulla questione "fisica". Nei confronti degli uomini, le donne, in qualsiasi sport, hanno dei limiti. Questo è innegabile. Il motorsport è uno di quegli sport dove le differenze, magari, risultano meno marcate (nel tennis, per esempio, la differenza è enorme... una Serena Williams probabilmente verrebbe presa a pallate da gran parte dei primi 100 - o anche oltre... Serena qualche anno fa prese un 6-1 da un numero 203, Venus prese un 6-2 dallo stesso giocatore - del mondo. Per non parlare delle sfide Riggs VS Court - 6 -2 6-1 o Connors VS Navratilova, con quest'ultima battuta nettamente nonostante il regolamento a lei favorevole appositamente composto per l'evento... Per non parlare del calcio: la miglior giocatrice del mondo non giocherebbe nemmeno in Lega Pro. Anzi, forse non giocherebbe proprio in nessun campionato maschile, nemmeno in terza categoria) e infatti qualche ragazza è stata in grado di figurare più che degnamente... Ma quante sono state? Negli ultimi anni, soprattutto, le ragazze che si sono cimentate in campionati contro i maschietti si contano sulle dita di due mano... E, tra di loro, quelle che hanno ottenuto risultati di rilievo si contano sulle dita di una mano sola... La stessa Danica Patrick, una delle rarissime donne in grado di vincere in una competizione top class del motorsport, sappiamo bene come si comportava "diversamente" tra ovali - dove i "limiti" femminili, evidentemente, sono minori - e gli stradali/cittadini... E comunque sia Danica, che la Mouton o la Kleinschmidt o Lella Lombardi, e aggiungiamo anche la motociclista Ana Carrasco, ultimo caso di donna vincente in competizioni mondiali, sono e restano rare eccezioni... A parità di forma fisica (perché è chiaro che se prendiamo una Beitske Visser, che ha un fisico tonico e allenatissimo, e la paragoniamo a me che ho la fisicità di un gallo cedrone e anche la panza da santo bevitore, allora manco li cani proprio. Ma se buttata in mezzo a ragazzotti allenati come lei, pronti come lei, ecco che salire di classifica diventa difficile. E infatti, nonostante l'olandese sia una bella pilotessa veloce e fisicamente ok, i risultati sono stati "relativamente" positivi. Idem Calderon e altre.) non c'è praticamente partita. 

Offrire la possibilità a più ragazze di potersi cimentare in un campionato di monoposto (cosa praticamente preclusa al 90% e oltre di loro... Nei kart di ragazze in gamba ce ne sono, ma per andare oltre occorre realmente essere speciali. E comunque, come detto, contro i maschietti non basta nemmeno quello), ad "armi pari" (per me discriminatorio è proprio costringere le ragazze ad un percorso ripidissimo, con sfide impari, in competizioni dove partono ad handicap già dal principio) e con la possibilità di mettersi comunque in mostra per me è una buona cosa. E comunque, in ogni caso, questo campionato riservato alle ragazze non impedirà di certo a quelle più cazzute di continuare a lanciare la sfida ai maschi... Ma chi è brava ma non così brava da poter competere in campionati maschili, con questa nuova formula avrà le sue chance di correre con qualcosa di diverso da un semplice kart....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Davide Hill ha scritto:

Assolutamente d'accordo. 

Io non la penso come R18 sulla questione "fisica". Nei confronti degli uomini, le donne, in qualsiasi sport, hanno dei limiti. Questo è innegabile. Il motorsport è uno di quegli sport dove le differenze, magari, risultano meno marcate (nel tennis, per esempio, la differenza è enorme... una Serena Williams probabilmente verrebbe presa a pallate da gran parte dei primi 100 - o anche oltre... Serena qualche anno fa prese un 6-1 da un numero 203, Venus prese un 6-2 dallo stesso giocatore - del mondo. Per non parlare delle sfide Riggs VS Court - 6 -2 6-1 o Connors VS Navratilova, con quest'ultima battuta nettamente nonostante il regolamento a lei favorevole appositamente composto per l'evento... Per non parlare del calcio: la miglior giocatrice del mondo non giocherebbe nemmeno in Lega Pro. Anzi, forse non giocherebbe proprio in nessun campionato maschile, nemmeno in terza categoria) e infatti qualche ragazza è stata in grado di figurare più che degnamente... Ma quante sono state? Negli ultimi anni, soprattutto, le ragazze che si sono cimentate in campionati contro i maschietti si contano sulle dita di due mano... E, tra di loro, quelle che hanno ottenuto risultati di rilievo si contano sulle dita di una mano sola... La stessa Danica Patrick, una delle rarissime donne in grado di vincere in una competizione top class del motorsport, sappiamo bene come si comportava "diversamente" tra ovali - dove i "limiti" femminili, evidentemente, sono minori - e gli stradali/cittadini... E comunque sia Danica, che la Mouton o la Kleinschmidt o Lella Lombardi, e aggiungiamo anche la motociclista Ana Carrasco, ultimo caso di donna vincente in competizioni mondiali, sono e restano rare eccezioni... A parità di forma fisica (perché è chiaro che se prendiamo una Beitske Visser, che ha un fisico tonico e allenatissimo, e la paragoniamo a me che ho la fisicità di un gallo cedrone e anche la panza da santo bevitore, allora manco li cani proprio. Ma se buttata in mezzo a ragazzotti allenati come lei, pronti come lei, ecco che salire di classifica diventa difficile. E infatti, nonostante l'olandese sia una bella pilotessa veloce e fisicamente ok, i risultati sono stati "relativamente" positivi. Idem Calderon e altre.) non c'è praticamente partita. 

Offrire la possibilità a più ragazze di potersi cimentare in un campionato di monoposto (cosa praticamente preclusa al 90% e oltre di loro... Nei kart di ragazze in gamba ce ne sono, ma per andare oltre occorre realmente essere speciali. E comunque, come detto, contro i maschietti non basta nemmeno quello), ad "armi pari" (per me discriminatorio è proprio costringere le ragazze ad un percorso ripidissimo, con sfide impari, in competizioni dove partono ad handicap già dal principio) e con la possibilità di mettersi comunque in mostra per me è una buona cosa. E comunque, in ogni caso, questo campionato riservato alle ragazze non impedirà di certo a quelle più cazzute di continuare a lanciare la sfida ai maschi... Ma chi è brava ma non così brava da poter competere in campionati maschili, con questa nuova formula avrà le sue chance di correre con qualcosa di diverso da un semplice kart....

Però bisogna tener conto di una cosa: la prestazione del mezzo non è influenzata dalla prestazione fisica di chi guida. Una F1 è molto probante e probabilmente le donne non riuscirebbero a tenere il passo per tutta la distanza di gara, ma secondo me con auto GT e turismo non c'è nessun tipo di problema dal punto di vista fisico (in parte lo dimostra anche l'età di alcuni piloti).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, leopnd ha scritto:

 

Kevin Magnussen, Haas F1 driver

“When I was karting as a boy, I raced a few girls who were talented and quick. But there weren’t many of them – a lot more boys than girls go karting and that’s a fact – so I welcome W Series and hope it’ll help female racers progress their careers. I’ll be watching closely!”

 

cos'è vuole cambiare genere per il "suck my balls"? Occhio al metoo, Kev.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

×