Jump to content

Recommended Posts

Si vedono già gli effetti dell'uscita di Coma, la Dakar 2019 sarà più corta (10 tappe! 70% di sabbia tra 6 e 17 gennaio) e interamente sul suolo peruviano, in più le auto e i camion che si ritireranno nella prima parte di gara potranno rientrare subito dopo la giornata di riposo ma con una classifica a parte . A sto punto tanto valeva tornare in Africa 

 

  • Sad 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lavigne ha annunciato di essere al tavolo con politici di Algeria, Angola e Namibia che sembrano interessati all'idea di una Dakar africana nel 2020

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo una testata giornalistica peruviana lo svolgimento della Dakar 2019 in Perù sarebbe a rischio 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto Sainz sr starebbe trattando con Toyota e Mini che lo hanno contattato 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il ritiro con vittoria mi era piaciuto, ma se se la sente ancora di correre...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dakar fortunatamente confermata, il Perù l'ha dichiarata manifestazione nazionale. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cambio di categoria in vista? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

E la Jordá  muta

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che è sta cosa? Praticamente è  una Lima-Moquegua/Tacna-Lima

37354442_1906408936085071_83189726214881

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se il 70% del percorso comprende la sabbia delle prime tappe dello scorso anno, sarà una Dakar durissima

Share this post


Link to post
Share on other sites

Niente ritiro per il Matador. Passerà alla Mini, dove ritroverà Peterhansel e Despres, e difenderà il suo successo di quest'anno.

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh, son combattuto:zizi: Da una parte ritirarsi dopo una vittoria sarebbe stato un gran bel modo di appendere il casco al chiodo. Dall'altra, beh, 'sto ragazzo ha 56 anni e vederlo ancora lì a giocarsela non può che far piacere:)

 

Anche se forse avrei preferito vederlo sulla Toyota. Non per altro, ma perchè forse il suo amico Tommi avrebbe potuto offrirgli un assaggio dei vecchi tempi:zizi:

Edited by giovanesaggio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Direi proprio di no. La Toyota che si occupa del WRC è quella europea di Colonia, quella del progetto Dakar se non erro è sudafricana.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, R18 ha scritto:

Direi proprio di no. La Toyota che si occupa del WRC è quella europea di Colonia, quella del progetto Dakar se non erro è sudafricana.

Toyota è Toyota, chiaro che si tratta di due gestioni diverse:up: E poi c'è il precedente di Al-Attiyah: anche se alla fine non se ne è fatto niente, le trattative per quel programma di 5-6 gare con la Yaris erano proprio dovute al fatto che già era un pilota Toyota.

il discorso è analogo per la Honda, per dire: i programmi F1 e Indycar sono separati, per questioni di "specializzazione" e di posizionamento geografico dei due campionati, ma entrambi fanno capo a Tokyo.

 

Poi beh, il mio post era fanta-WRC eh, non è mica detto che se ne sarebbe mai parlato in ogni caso:P

Share this post


Link to post
Share on other sites

se Mini conferma (con team anche privati) Roma, Hirvonen e Terranova avrà un dream team imbattibile 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ufficiali Sainz, Peterhansel e Despres alla Mini con Red Bull 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

de Rooy , dopo la parentesi con l'africa eco race, tornerà alla dakar 2019 con l'iveco.

mentre nani roma ha vinto l'ultima prova della coppa del mondo cross country, con peterhansel secondo.

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

in teoria alla dakar in perù dovrebbero essere presenti un bel numero di peugeot 3008 gestite da team privati.due team erano in gara già al rally del marocco di inizio ottobre.
quest'anno l'unico equipaggio non ufficiale alla dakar era quello di al qassimi( team ph sport).
bravo comunque loeb a riprovarci.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

D'altronde l'anno scorso era finita troppo male...

Share this post


Link to post
Share on other sites

la carriera di sebastien loeb è già fantastica così. vincere la dakar sicuramente è un obiettivo che si è posto da qualche tempo, ma anche se non dovesse farcela non cambierebbe nulla. secondo me quello che è stato determinante per la sua scelta è vedere ancora gareggiare gente come sainz e peterhansel,in una disciplina sportiva cosi difficile e pericolosa come sono i rally raid.

Edited by kaos80

Share this post


Link to post
Share on other sites



×