Vai al contenuto
R18

Nicky Hayden

Recommended Posts


2 ore fa, leopnd ha scritto:

dTjgmcL.jpg

 

Mi si spezza il cuore, ma in quella frase c'è tutto ció che significa essere americani...

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
41 minutes ago, Schumy81 said:

Anche in questo (purtoppo) c'è molto di ció che significa essere americani... nel dubbio sempre citare e chiedere i danni...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non per fare polemica ma se viene accertato che Hayden effettivamente non ha rispettato lo stop (con l'aggravante delle cuffiette) quello che deve essere risarcito (per i danni alla macchina,  la giornata di lavoro persa e forse il lavoro l'ha anche perso del tutto,  per lo shock e tutti i guai giudiziari che sta passando) e il malcapitato automobilista

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 hours ago, Pep92 said:

non per fare polemica ma se viene accertato che Hayden effettivamente non ha rispettato lo stop (con l'aggravante delle cuffiette) quello che deve essere risarcito (per i danni alla macchina,  la giornata di lavoro persa e forse il lavoro l'ha anche perso del tutto,  per lo shock e tutti i guai giudiziari che sta passando) e il malcapitato automobilista

Firma.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buon compleanno...

#RideOnKentuckyKid

IMG_20170730_103340.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Indagini concluse, Hayden non ha rispettato lo stop (velocità stimata di 20.6 km/h) e il giovane di Morciano non ha rispettato il limite di velocità (limite 50 km/h, andava a 72.8 km/h) che quindi rischia il rinvio a giudizio per omicidio stradale. I suoi legali contestano la perizia della Procura di Rimini (effettuata da tale Orlando Omicini) e entro 20 giorni presenteranno la loro perizia effettuata dell'ingegner Alfonso Micucci, docente specialista in infortunistica all'Università di Bologna, con conclusioni totalmente opposte.  La causa molto probabilmente non sarà breve e  la famiglia come si sa già chiederà i danni. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bah... rimango dell'idea che Hayden sarebbe morto anche se l'auto fosse andata a 50 km/h è che il ragazzo moralmente non abbia torto, però qui entrano in gioco situazioni tali per cui credo prenderà comunque gran parte della colpa nel sinistro. Così giusto per farvi un esempio. Un nostro cliente di agenzia (ho un'agenzia di assicurazioni), ha investito due anziani sulle strisce. Loro passavano con il semaforo pedonale rosso pieno, probabilmente erano distratti, mentre il nostro cliente era appena ripartito con il verde ed era credo in seconda. Così a logica verrebbe da pensare che i due anziani, essendo in torto, non solo non debbano essere risarciti, ma addirittura debbano pagare i danni all'auto (cosa che il nostro cliente comunque non voleva fare). In realtà però l'avvocato degli anziani, nonostante video e testimoni in loro sfavore, ha chiesto a noi i danni perché la prima regola del codice della strada dice che tu devi viaggiare sempre ad una velocità tale per cui ti sia possibile evitare qualsiasi situazione di pericolo, ergo se il limite è 50 km/h, ma in quel momento per essere sicuro e non creare danni devi andare a 20 km/h, tu devi andare addirittura a 19 km/h e comunque potrebbe non bastare se becchi il Giudice giusto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 23/9/2017 at 00:50 , damy mad fer it ha scritto:

Bah... rimango dell'idea che Hayden sarebbe morto anche se l'auto fosse andata a 50 km/h è che il ragazzo moralmente non abbia torto, però qui entrano in gioco situazioni tali per cui credo prenderà comunque gran parte della colpa nel sinistro. Così giusto per farvi un esempio. Un nostro cliente di agenzia (ho un'agenzia di assicurazioni), ha investito due anziani sulle strisce. Loro passavano con il semaforo pedonale rosso pieno, probabilmente erano distratti, mentre il nostro cliente era appena ripartito con il verde ed era credo in seconda. Così a logica verrebbe da pensare che i due anziani, essendo in torto, non solo non debbano essere risarciti, ma addirittura debbano pagare i danni all'auto (cosa che il nostro cliente comunque non voleva fare). In realtà però l'avvocato degli anziani, nonostante video e testimoni in loro sfavore, ha chiesto a noi i danni perché la prima regola del codice della strada dice che tu devi viaggiare sempre ad una velocità tale per cui ti sia possibile evitare qualsiasi situazione di pericolo, ergo se il limite è 50 km/h, ma in quel momento per essere sicuro e non creare danni devi andare a 20 km/h, tu devi andare addirittura a 19 km/h e comunque potrebbe non bastare se becchi il Giudice giusto.

Curiosità OT: come si fa a dimostrare che il tuo cliente stesse effettivamente andando a 50km/h? Ma soprattutto: chi stabilisce quale sia la velocità sicura? Perchè anche a 20 km/h in linea teorica potresti ammazzare qualcuno:nonso:

Spero di non trovarmi mai in questa situazione ovviamente, eh;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, giovanesaggio ha scritto:

Curiosità OT: come si fa a dimostrare che il tuo cliente stesse effettivamente andando a 50km/h? Ma soprattutto: chi stabilisce quale sia la velocità sicura? Perchè anche a 20 km/h in linea teorica potresti ammazzare qualcuno:nonso:

Spero di non trovarmi mai in questa situazione ovviamente, eh;)

Credimi, se in quel punto dalla linea di stop del semaforo alle strisce pedonali riesci a raggiungere i 50 km/h in prima da fermo, non stai parlando di una macchina di serie acquistabile con poche migliaia di euro :asd: Anche perché ovviamente ci sono testimoni (quelli in coda dietro) ecc ecc, in casi gravissime si fanno perizie cinematiche approfondite (basate sui rilievi magari sbagliati delle forze dell’ordine, è capitato anche questo :asd:). Però ripeto, per il motivo menzionato sopra, anche a 20 km/h non ti salvi se trovi l’avvocato giusto. Anche se poi alla fine quello che ti rimane addosso è più la “tragedia” vera e propria del caso, perché al limite ti prendi qualche sanzione per qualche infrazione del codice, ma dal lato economico vero e proprio (pagamento del danno causato), se non hai scelto assicurazioni strane che prevedono le rivalse, non sei toccato.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, damy mad fer it ha scritto:

Credimi, se in quel punto dalla linea di stop del semaforo alle strisce pedonali riesci a raggiungere i 50 km/h in prima da fermo, non stai parlando di una macchina di serie acquistabile con poche migliaia di euro :asd: Anche perché ovviamente ci sono testimoni (quelli in coda dietro) ecc ecc, in casi gravissime si fanno perizie cinematiche approfondite (basate sui rilievi magari sbagliati delle forze dell’ordine, è capitato anche questo :asd:). Però ripeto, per il motivo menzionato sopra, anche a 20 km/h non ti salvi se trovi l’avvocato giusto. Anche se poi alla fine quello che ti rimane addosso è più la “tragedia” vera e propria del caso, perché al limite ti prendi qualche sanzione per qualche infrazione del codice, ma dal lato economico vero e proprio (pagamento del danno causato), se non hai scelto assicurazioni strane che prevedono le rivalse, non sei toccato.

Ma pedoni e veicoli vengono trattati allo stesso modo?

A me sembra normale che anche con semaforo verde si debbano evitare pedoni maldestri o sconsiderati. Se gli anziani erano distratti, anche il tuo cliente che partiva da fermo non mi è sembrato particolarmente vigile... ma forse ho capito male io la dinamica :unsure: 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, MauroC ha scritto:

Ma pedoni e veicoli vengono trattati allo stesso modo?

A me sembra normale che anche con semaforo verde si debbano evitare pedoni maldestri o sconsiderati. Se gli anziani erano distratti, anche il tuo cliente che partiva da fermo non mi è sembrato particolarmente vigile... ma forse ho capito male io la dinamica :unsure: 

Purtroppo si sono verificate due situazioni sfavorevoli, la prima gli anziani non si sono resi conto del semaforo pedonale e hanno continuato a camminare e il conducente del’auto aveva il sole dritto negli occhi... questo se li è trovati addosso praticamente, anche senza sole non sarebbe riuscito ad evitarli...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Kentucky Kid #69 Forever

hayden-with-us-flag.jpg

114864.jpg?itok=wvh6pOOD&fc=50,50

MotoGP+of+Valencia+VdjHsTrdotRl.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

SuNhA3e.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Owensboro celebra il "Nicky Hayden Day" presentando la statua di "Kentucky Kid"

motogp-nicky-hayden-memorial-2-2.jpg

Il Campione statunitense è stato omaggiato nella sua città natale con una statua in bronzo e, da oggi, il 9 giugno sarà ricordato come il “Nicky Hayden Day”.

È trascorso poco più di un anno dalla tragica morte di Nicky Hayden, ma il suo ricordo è ancora vivo in tutto il mondo. Non sono mancati in questo periodo gli omaggi ed i ricordi da parte di tutti. Ad Imola, in occasione del round della Superbike, è stata inaugurata una mostra fotografica che racchiude i 69 scatti più belli del Campione statunitense che ha riscosso un grande successo. A Misano è stato aperto un giardino in sua memoria, proprio nel luogo dell’incidente.

Non poteva mancare dunque il tributo da parte di Owensboro. Proprio oggi, 9 giugno, nella città natale di Nicky è stata svelata una statua in bronzo che lo rappresenta in sella alla sua Honda nel giorno della vittoria del titolo mondiale in MotoGP nel 2006. Questa data sarà, a partire da oggi, il “Nicky Hayden Day” (6/9).

Nicky Hayden è rimasto nel cuore di tutti e lo dimostra la grande affluenza di persone che ha partecipato all’inaugurazione. Molti appassionati sono accorsi da tutto il mondo per dare omaggio a Kentucky Kid. Questo ha reso orgogliosa la famiglia, che è rimasta sorpresa dal grande affetto e calore, a dimostrazione di quanto fosse amato per il suo talento e la sua semplicità.

“Siamo orgogliosi di svelare la statua oggi, in onore di Nicky”, afferma Watson, il sindaco di Owensboro. “Non era solo un Campione del mondo, ma era anche una persona meravigliosa e siamo fieri del fatto che lui potesse definire Owensboro come casa sua. Sappiamo che la sua eredità resterà con noi per sempre”.

A prendere la parola è poi il fratello maggiore di Nicky, Tommy: “Questo evento e questa statua vogliono dire molto per la nostra famiglia. Da un anno a questa parte ci ha sorpreso molto il grande sostegno della popolazione locale e di tutto il mondo. Moltissimi fan di Nicky mi avevano detto che avrebbero voluto avere un luogo dove offrire il proprio omaggio al loro idolo e questa statua avrà questo scopo. Inoltre, spero che serva da simbolo ai cittadini di Owensboro, per dimostrare che si possono fare grandi cose anche restando fedeli alla propria comunità, proprio come faceva Nicky”.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

×