Vai al contenuto
Andrea Gardenal

01 - Gran Premio d'Argentina 1975

Recommended Posts


Dove eravamo rimasti?

JjIIdJ1.jpg

YO5DvIT.jpg

vthX8ZJ.jpg

 

Per la serie Le grandi risorse di Williams :asd:

z2Ro356.jpg

 

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A proposito di gare a gennaio... chissà per quale ragione ad Ecclestone non è ancora venuto in mente di fare i test a dicembre e iniziare il campionato già a gennaio :asd:

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Emerson Fittipaldi, McLaren M23/9 - Ford

Anno nuovo, telaio nuovo, storia vecchia.

Il fresco campione del mondo non si affanna più di tanto in quaifica (quinto tempo) ma in gara sfrutta al massimo le qualità delle M23 e la sua capacità tattiche, ricominciando il mondiale dalla prima posizione in classifica.

EzxIC65.jpg

SywFi2S.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Jochen Mass, McLaren M23/8 - Ford

Il nuovo pilota McLaren si presenta con una nuova livrea del casco ma soprattutto si fa subito voler bene dai colleghi con un gioco di squadra (non si sa quanto involontario) che costa probabilmente la vittoria a Hunt.

KrHlP2N.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Jody Scheckter, Tyrrell 007/2 - Ford

I test del Paul Ricard hanno convinto Gardner a mantenere l'aerodinamica del 1974 per non compromettere il bilanciamento dell'ottima 007.

Un contatto con Mass costringe Jody a una lunga sosta ai box al primo giro e così il GP d'apertura della stagione si conclude con un nulla di fatto.

fsVciCz.jpg

J2WcG4r.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Patrick Depailler, Tyrrell 007/4 - Ford

La Tyrrell sembra meno in palla rispetto alla stagione passata. Depailler non va oltre l'8° tempo in prova e porta a termine una gara regolare che gli consente di ottenere i primi due punti dell'anno.

sRVzxCl.jpg

hVI5cnS.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ronnie Peterson, Lotus 72/R8 - Ford

La crisi petrolifera ha seriamente danneggiato le vendite di auto stradali di Colin Chapman che si vede tagliare il budget anche da parte dello sponsor JPS. Per questi motivi il geniale costruttore si vede costretto a rinunciare a progettare una nuova monoposto (la delusione della 76 èfa ancora male) e rimette in pista la gloriosa 72, ormai alla sua sesta stagione (unica monoposto con i freni entrobordo e quindi con maggiore massa sospesa).

Il telaio affidato a Peterson ha debuttato proprio su questa pista nel Gennaio del 1973.

Lo svedese si qualifica all'11° posto e con una partenza delle sue transita subito sesto ma si deve ritirare ben presto col motore ammutolito. E si guarda intorno...

xBDgmZB.jpg

XVsrFI5.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Carlos Reutemann, Brabham BT44B/1 - Ford

Considerato il potenziale espresso nel 1974, Gordon Murray si limita ad affinare il progetto BT44 in BT44B, con il notevole vantaggio di avere ora a disposizione uno sponsor come la Martini che vuole assolutamente ripetere i successi ottenuti con le Porsche 917 all'inizio del decennio.

Lole corre in casa ed è il favorito d'obbligo ma in qualifica non va oltre il terzo miglior tempo, alle spalle di Jarier e del compagno di squdra Carlos Pace.

T56HB06.jpg

fXQGMkn.jpg

 

Al via Reutemann, che porta sul casco il logo dei Mondiali di calcio del 1978, si trova la strada libera per il forfait improvviso di Jarier e prende il comando ma a metà corsa le sue gomme perdono di efficacia (come si era già evidenziato nel warm-up) e deve accontentarsi del terzo gradino del podio, il primo davanti al suo pubblico.

iTFf4ly.jpg

CygRu6I.jpg

F8phi34.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Carlos Pace, Brabham BT44B/2 - Ford

Doopo aver fatto segnare il secondo miglior crono in qualifica, Pace dimostra di non avere timori reverenziali verso il suo caposquadra e quando questi comincia ad accusare problemi di sovrasterzo non ci pensa due volte a superarlo e a portarsi in testa al GP. Nello stesso giro il brasiliano, non avvedendosi delle bandiere gialle esposte, va in testacoda sullo sporco lasciato da Wilson Fittipaldi e riparte dalla settima posizione.

ICKct4R.jpg

 

Velocissimo, supera Depailler e le due Ferrari ma il suo motore va in fumo a 7 giri dal termine.

4XS3ujF.jpg

eP9v8sC.jpg

Kg40MjP.jpg

IMN8xof.jpg

 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vittorio Brambilla, March 741/2 - Ford

La scuderia di Bicester è in profonda crisi, nonostante i successi in F2 e F3, e al momento non ha ancora pronta una nuova monoposto. Si decide così di cominciare il campionato con una sola vettura, la vecchia 741, affidata al monzese grazie ai soldi della Beta.

Il Gorilla, come sempre, ha grinta da vendere e riesce a portarla al nono posto finale.

J5lGhh1.jpg

3TPHvPI.jpg

mWu22Xb.jpg

eEWw8UA.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Clay Regazzoni, Ferrari 312 B3/014

Il vice campione iridato ricomincia la sua caccia al titolo con la vecchia B3 che, nonostante i buoni risultati nei test invernali, comincia a denunciare i propri limiti rispetto alle monoposto emergenti.

Settimo in qualifica, Clay porta la sua Ferrari al quarto posto ma staccato di oltre 35 secondi rispetto alle vetture più aggiornate.

j9UDsbp.jpg

pdFSHUW.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Niki Lauda, Ferrari 312 B3/020

Telaio nuovo di zecca per Lauda in attesa della 312T.

UJNCggk.jpg

 

In qualifica ottiene il quarto tempo ma in gara deve cedere il passo anche ai più veloci Hunt e Fittipaldi prima di accusare problemi di assetto e di motore. Riesce comunque a conquistare un punto iridato.

hdXxCaj.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mike Wilds, BRM P201/04

Il declino della BRM sembra inesorabile. Il patron Louis Stanley aggiunge il suo cognome a quello della squadra ma non ha nemmeno uno sponsor, per cui si continua con la vecchia 201 e i vecchi motori. Le uniche novità sono rappresentate da un muso diverso e la colorazione in stile Union Jack.

yblDXBM.jpg

E8C9lHJ.jpg

tJ2eGOw.jpg

 

Wilds si qualifica, più che altro per mancanza di avversari, ma la sua gara (in cui userà la vecchia configurazione aerodinamica) si conclude per un problema di vapour lock.

7OzB0S4.jpg

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tom Pryce, Shadow DN3/3A - Ford

Il gallese non dispone ancora della nuova DN5 che ha sorpreso tutti nei test del Castellet e per il momento si deve accontentare della vecchia DN3 col muso nuovo e altri piccoli aggiornamenti.

La differenza c'è e si vede. Corsa nelle retrovie e ritiro nel finale.

ZAVUwYh.jpg

  • Like 3

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Jean-Pierre Jarier, Shadow DN5/1A - Ford

La nuova creatura di Tony Southgate sembra essere nata benissimo e, dopo i convincenti test invernali, Jarier la porta clamorosamente in pole a Baires.

Si tratta della prima pole position sia per il pilota che per il costruttore.

11x5qnh.jpg

0FKdb31.jpg

 

Forse il troppo entusiasmo porta uno dei meccanici a perdere il lume della ragione, facendogli montare gli ingranaggi del cambio in maniera errata. Il risultato sarà lo stop pressochè immediato di Jarier al momento dell'allineamento per la partenza e lo sconforto per una grandissima occasione mancata.

uzhPJ0I.jpg

vrQxo4o.jpg

  • Like 4

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

John Watson, Surtees TS16/04 - Ford

Anche la situazione economica della Surtees è assimilabile a quella di March e BRM, costretta a schierare una sola vettura per Watson, a sua volta rimasto a piedi dopo che John Goldie ha revocato la sponsorizzazione al team Hexagon.

La vettura è sempre la mediocre TS16 alla quale è stata modificata l'aerodinamica e la posizione dei radiatori come sulla Hesketh.

Inoltre è stata adottata una livrea gialloblu per accattivarsi i tifosi del Boca Juniors.

02cpeMo.jpg

Wz2TetA.jpg

 

L'irlandese fa miracoli con una vettura che da tempo non è più competitiva, qualificandosi col 15° tempo ma la sua gara si conclude dopo appena 6 giri con bandiera nera per la sostituzione non consentita della pompa della benzina.

5FJfl9k.jpg

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Arturo Merzario, Williams FW03 - Ford

Finita malamente la pseudo collaborazione con la Iso e ridotta notevolmente la sponsorizzazione della Marlboro (che ora mette tutte le risorse sulla McLaren campione del mondo), Williams ricomincia dai vecchi telai ai quali è stata applicata una nuova veste aerodinamica.

7Q5bJKq.jpg

 

Il mondiale del Fantino comincia con un abbandono dopo 44 giri per la rottura del comando dell'acceleratore.

i7duX9T.jpg

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

×