Jump to content

Recommended Posts


Come detto in precedenza, in questo primo anno si naviga a vista: fornitori unici per tenere i costi bassi e regole social per provare ad attirare più pubblico possibile. Se questo primo anno andrà  bene allora inizieranno a far davvero sul serio, altrimenti chiuderanno baracca senza pensarci due volte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il futuro non è nel petrolio, che piaccia o no. Ricerca in questo senso ci deve essere, a prescindere dalla bruttura della Formula E (che come ho già  detto, per me risiede nelle regole da reality che hanno deciso di introdurre)

Edit: non avevo visto il post di Davide :asd: quoto parola per parola

Mi associo in toto: ho sperato che la FIA abortisse il progetto perché era l'unica speranza che menti più aperte se ne appropriassero... le potenzialità  ci sono tutte, secondo me.

 

Il settore pionieristico,  un regolamento libero ed una sana competizione fra costruttori-"garagisti" ( nel senso nobile della parola ;) ) e fornitori terzi, più l'apporto di quelle case automobilistiche meno ancorate allo stereotipo del culto della biella a tutti i costi, avrebbe  potuto far nascere una "F1 golden era" da XXI secolo...  Invece , nisba... il peggio delle serie FIA e dei monomarca US style messi insieme, mi par di capire. Beh, mica per niente anno rieletto M'sieur l'Ambassadeur... de Petronas  :asd:

Edited by Lotus
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cinque ex piloti F.1 per la Formula E

Che in Italia sarà  trasmessa da Fox Sport 2

 

Sebastien Buemi, Karun Chandhok, Vitantonio Liuzzi, Lucas Di Grassi e Takuma Sato. Cinque ex piloti di F.1, con Buemi tuttora tester e riserva della Red Bull, hanno aderito al programma Formula E per partecipare al campionato. A questi, si sono aggiunti anche i nomi di Marco Andretti (Indycar), Adrien Tambay (DTM) e Ma Qing Hua, ex tester HRT. Intanto, si è appreso che in Italia le corse del campionato Formula E saranno trasmesse da Fox Sport 2, nuovo canale sulla piattaforma Sky.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=42921&cat=77

Share this post


Link to post
Share on other sites

Takuma??!?!? Andretti?!?!?!? Ma part-time?

Per quel che riguarda le gare che si svolgeranno nel 2014 bisogna dire che l'Indycar sarà  già  finita quando inizierà  la Formula E; per quel che riguarda il 2015 è ancora prestissimo per parlarne, visto che non si conosce nè il calendario nè i piloti impegnati

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Direi che le prime sette gare potrebbero correrle agilmente (e pure il team Andretti sarà  impegnato nel campionato), poi si vedrà  anche in base all'andazzo del campionato e ai calendari.

 

Il dubbio principale, anzi, me lo metterebbero Buemi e di Grassi che correranno nel WEC (il secondo non ancora sicuro ma quasi) che si disputa in gran parte proprio negli ultimi mesi dell'anno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altri otto piloti per la Formula E

 

Jaime Alguersuari, Nicolas Minassian, Alex Brundle, Robert Doornbos, Christian Klien, Conor Daly, Katherine Legge e Ben Collins. Sono questi I nomi degli otto piloti che si aggiungono a quelli precedentemente annunciati dalla Formula E come vicini alla firma del contratto per la prima stagione della serie monoposto spinte da propulsore elettrico. Spiccano ovviamente gli ex- Formula 1 casualmente anche tutti appartenente al vivaio Red Bull, Jaime Alguersuari, Robert Doornbos e Christian Klien, oltre allo statunitense Conor Daly, protagonista in IndyCar alla 500 Miglia e nella stagione GP3 2013 con ART.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=43401&cat=77

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altri otto piloti per la Formula E

 

Jaime Alguersuari, Nicolas Minassian, Alex Brundle, Robert Doornbos, Christian Klien, Conor Daly, Katherine Legge e Ben Collins. Sono questi I nomi degli otto piloti che si aggiungono a quelli precedentemente annunciati dalla Formula E come vicini alla firma del contratto per la prima stagione della serie monoposto spinte da propulsore elettrico. Spiccano ovviamente gli ex- Formula 1 casualmente anche tutti appartenente al vivaio Red Bull, Jaime Alguersuari, Robert Doornbos e Christian Klien, oltre allo statunitense Conor Daly, protagonista in IndyCar alla 500 Miglia e nella stagione GP3 2013 con ART.

 

http://italiaracing.net/notizia.asp?id=43401&cat=77

 

L'ex Stig?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarò vecchietto ma per me una macchina che non fa rumore .....

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il video nel parcheggio di Las Vegas è di una tristezza immonda...

E che pena l'elenco dei piloti, riciclano il peggio della F1 dello scorso decennio!

 

Concordo con Claudio, se non fa rumore non merita, o perlomeno non voglio considerarlo motorsport.

Per chi vuole corse con veicoli ecologici, c'è il ciclismo, che è uno sport bello e alla portata di tutti. Tutto ciò che sta a metà  tra queste due categorie, non mi interessa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me avrebbe un senso se non fosse un monomarca... questo blocca la spinta propulsiva a sviluppare le batterie che sono la componente che azzoppa il motore elettrico...

Inviato dal mio GT-P5110 utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo sarebbe la formula E? un rifugio di trombati dalla F1?

Questa sfilata di macchinine radiocomandate (il suono è quello) non mi attira molto. Dovevano permettere alle squadre partecipanti di produrre in proprio o procurarsi da fornitori esterni le batterie. così sarebbero entrati in competizione e ci sarebbe stato il tanto sbandierato travaso verso la produzione di serie. Così si dà  un futuro all'elettrico (e io al momento non ne vedo nessuno per l'elettrico) non con un monomarca specchietto per gli ambientalisti e i creduloni.

Se queste sono le premesse io a 'sto giro passo...

Edited by salva202

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo sarebbe la formula E? un rifugio di trombati dalla F1?

Questa sfilata di macchinine radiocomandate (il suono è quello) non mi attira molto. Dovevano permettere alle squadre partecipanti di produrre in proprio o procurarsi da fornitori esterni le batterie. così sarebbero entrati in competizione e ci sarebbe stato il tanto sbandierato travaso verso la produzione di serie. Così si dà  un futuro all'elettrico (e io al momento non ne vedo nessuno per l'elettrico) non con un monomarca specchietto per gli ambientalisti e i creduloni.

Se queste sono le premesse io a 'sto giro passo...

 

Mi sembrano decisamente un po' troppi... Capisco qualcuno con esperienza, ma quasi mezza griglia...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco la mappa di quello che dovrebbe essere il circuito di Pechino. Uno spettacolo, praticamente la risposta cinese a Suzuka

 

35597_ecco_il_circuito_cittadino_di_pech

Share this post


Link to post
Share on other sites

:lol:

 

Praticamente le curve sono date dalle rotonde? :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma scusate, o voi che criticate il circuito di pechino, io vi chiedo, cosa ha di diverso monza o il vecchio hockenheim da questo circuito qui.

Sia inteso che le due europee hanno della storia, su questo non ci piove.

 

Supponete che in arabia saudita decidano di costruire il vecchio circuito di monza (senza tutte quelle chicane aggiuntive venute dopo) o il vecchio hockenheim con tutti quei rettifili e quelle 4 chicane. Vi piacerebbe come circuito? secondo me ci sarebbe qualcuno che si lamenterebbe comunque. E parlo di monza e di hockeinheim ma costruito in un altro stato.

Poi è vero, la pitlane di questo circuito, mi fa venire la pelle d'oca.

Io, a differenza di molti, prima di criticare preferisco prima vedere. Criticare a prescindere è qualcosa che non ho mai capito. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diciamo che non mi pare di vedere cose simili all'Ascari, alla Parabolica o al Motodrom in quella mappa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma scusate, o voi che criticate il circuito di pechino, io vi chiedo, cosa ha di diverso monza o il vecchio hockenheim da questo circuito qui.

Questa pista ha due sole tipologie di curve, le rotonde e le curve ad angolo retto; Monza e Hockenheim hanno (avevano) anche altre curve (il Motodrom, Lesmo, la Parabolica) e soprattutto ogni chicane era diversa dalle altre; qui abbiamo 4 chicane tutte uguali, alcune orarie ed altre antiorarie, e 6 curve ad angolo retto.

 

Supponete che in arabia saudita decidano di costruire il vecchio circuito di monza (senza tutte quelle chicane aggiuntive venute dopo) o il vecchio hockenheim con tutti quei rettifili e quelle 4 chicane. Vi piacerebbe come circuito? secondo me ci sarebbe qualcuno che si lamenterebbe comunque. E parlo di monza e di hockeinheim ma costruito in un altro stato.

Diciamo che, ad essere generosi, resterei comunque piuttosto freddo. Il circuito di Istanbul, per fare un esempio, non era male, ma già  per il fatto di trovarsi in un paese con zero tradizione e cultura motoristica perdeva metà  del suo valore ai miei occhi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma scusate, o voi che criticate il circuito di pechino, io vi chiedo, cosa ha di diverso monza o il vecchio hockenheim da questo circuito qui.

Sia inteso che le due europee hanno della storia, su questo non ci piove.

 

Supponete che in arabia saudita decidano di costruire il vecchio circuito di monza (senza tutte quelle chicane aggiuntive venute dopo) o il vecchio hockenheim con tutti quei rettifili e quelle 4 chicane. Vi piacerebbe come circuito? secondo me ci sarebbe qualcuno che si lamenterebbe comunque. E parlo di monza e di hockeinheim ma costruito in un altro stato.

Poi è vero, la pitlane di questo circuito, mi fa venire la pelle d'oca.

Io, a differenza di molti, prima di criticare preferisco prima vedere. Criticare a prescindere è qualcosa che non ho mai capito. 

 

 

Diciamo che non mi pare di vedere cose simili all'Ascari, alla Parabolica o al Motodrom in quella mappa

 

Quoto in pieno Ferrari F1 e aggiungo una cosa: per la wiki sto disegnando le mappe a partire da un foglio bianco e il fotopiano ad alta risoluzione. Una delle cose che si nota subito nei circuiti cosiddetti storici sono le figure geometriche usate. Riesci a riprodurre il circuito con sole linee e archi di cerchio e soprattutto si adattano all'ambiente circostante, non riesci a trapiantare quel tracciato da un'altra parte.

 

Questa pista, e molti tilkodromi, soffrono di queste mancanze: le curve spesso sono spline (formule con x4) e non archi di cerchio e sono quasi completamente estranei al contesto. Questa pista la potresti riprodurre benissimo a New York, dove una maglia reticolare esiste ed è molto simile...

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

sara' una pista insulsa e adatta piu' ad un'autogimkana alla sagra del paese che ad un evento internazionale ma almeno è un cittadino vero, altro che i "cittadini" moderni della F1  :asd:

Edited by 126C2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Supponete che in arabia saudita decidano di costruire il vecchio circuito di monza (senza tutte quelle chicane aggiuntive venute dopo) o il vecchio hockenheim con tutti quei rettifili e quelle 4 chicane. Vi piacerebbe come circuito? secondo me ci sarebbe qualcuno che si lamenterebbe comunque. E parlo di monza e di hockeinheim ma costruito in un altro stato.

Io non disdegnerei, sinceramente :asd: 

 

Probabilmente, come nel caso di Andrea, non mi piacerebbe per il fatto che si troverebbero in luoghi senza tradizione automobilistica, ma una riproduzione dell'Hockenheim pre-2002 a me non farebbe schifo.

 

Poi però non capisco perché fare un nuovo cittadino a Pechino, che già  ce n'erano un paio (anche se ugualmente agghiaggiandi).

Share this post


Link to post
Share on other sites



×